Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

rosa47 29/08/2008 ore 12.48.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)La scuola di 30 anni fa....


Educazione civica e stradale . - Bene!

Verso il maestro unico alle elementari.-Benissimo !-- Il troppo storpia ( i miei primi due figli hanno avuto alle elementari la maestra unica...e andava bene tutto! L'ultimo rampollo, ha avuto le quattro maestre, devo dire sinceramente che con tutte queste maetre, la cosa non funzionava molto bene.

Guerra al caro-libri--ottimissimo! Non è possibile cambiare libri tutti gli anni...il bello è, che pochi ragazzi li studiano per davvero!

Sindacati all'attacco. - Il sindacato prima di lottare per i professori dovrebbe prima di tutto agire per il bene dei studenti

Gli studenti annunciano battaglia.- Per che cosa? Per il cinque in condotta? O per il caro libri?

Con queste leggi, pare che si ritorni indietro di 30 anni evidentemente, non eravamo abbastanza maturi per il cambiamento.
Conosco insegnanti che tornano a casa avviliti, perchè si rendono conto che la cattedra non mette più ne soggezione e ne timore, e ne tanto meno fa nascere nella mente dei ragazzi la responsabilità e sopratutto si va a scuola perchè si è costretti, sono sempre di meno quelli che ci vanno per studiare veramente...

Purtroppo, questa fortuna la capisce solo chi non ha potutto studiare... la prima sono io ...tutto quello che so. l'ho imparato da sola..dopo la quinta elementare il desiderio di sapere, non mi ha mai abbandonato...

Quando l'uomo non sa più andare avanti, deve avere l'umiltà di tornare indietro.Rifare il cammino a ritroso e vedere dove si è fallito


rosy: la scuola è una cosa seria. I





7791404
Educazione civica e stradale . - Bene! Verso il maestro unico alle elementari.-Benissimo !-- Il troppo storpia ( i miei...
Discussione
29/08/2008 12.48.08
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
nullval nullval 29/08/2008 ore 14.23.10
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

A rosa47 che il 29/08/2008 12.48.08 ha scritto:

Educazione civica e stradale . - Bene!

Verso il maestro unico alle elementari.-Benissimo !-- Il troppo storpia ( i miei primi due figli hanno avuto alle elementari la maestra unica...e andava bene tutto! L'ultimo rampollo, ha avuto le quattro maestre, devo dire sinceramente che con tutte queste maetre, la cosa non funzionava molto bene.

Guerra al caro-libri--ottimissimo! Non è possibile cambiare libri tutti gli anni...il bello è, che pochi ragazzi li studiano per davvero!

Sindacati all'attacco. - Il sindacato prima di lottare per i professori dovrebbe prima di tutto agire per il bene dei studenti

Gli studenti annunciano battaglia.- Per che cosa? Per il cinque in condotta? O per il caro libri?

Con queste leggi, pare che si ritorni indietro di 30 anni evidentemente, non eravamo abbastanza maturi per il cambiamento.
Conosco insegnanti che tornano a casa avviliti, perchè si rendono conto che la cattedra non mette più ne soggezione e ne timore, e ne tanto meno fa nascere nella mente dei ragazzi la responsabilità e sopratutto si va a scuola perchè si è costretti, sono sempre di meno quelli che ci vanno per studiare veramente...

Purtroppo, questa fortuna la capisce solo chi non ha potutto studiare... la prima sono io ...tutto quello che so. l'ho imparato da sola..dopo la quinta elementare il desiderio di sapere, non mi ha mai abbandonato...

Quando l'uomo non sa più andare avanti, deve avere l'umiltà di tornare indietro.Rifare il cammino a ritroso e vedere dove si è fallito

rosy: la scuola è una cosa seria. I

Rispondo: un post di una saggezza infinita, anche se ho altre idee in merito, come non apporre una parola come atto di presenza?
circe73 circe73 29/08/2008 ore 14.39.06
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

tristemente quoto :-(
arlina arlina 29/08/2008 ore 15.27.26
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....


sono d'accordo punto per punto col ministro gelmini.


LeMilleBolleBlu LeMilleBolleBlu 29/08/2008 ore 15.41.04 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....


Non cera nemmeno il telefonino per videoriprendere i primi sbaciucchiamenti con la compagna di banco

:-)))
Duca.theKnight Duca.theKnight 29/08/2008 ore 15.58.33 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....


Le mie compagne di classe portavano il.... grembiule (blu). Sotto sfoggiavano minigonne da infarto e quando arrivava l'ora della svestizione era uno spettacolo... :-)))


Duca.theKnight Duca.theKnight 29/08/2008 ore 16.01.17 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....


Rosa, scusa me e Bolle per le divagazioni "nostalgiche". In effetti con la scuola era necessario fare non uno, ma 4 passi indietro. Bentornata alla maestra unica e applaudiamo al voto in condotta. Manca solo una materia, che io inizierei ad insegnare ai bambini italiani fin dall'asilo: l'arte di fare la fila... ovvero come mettersi in coda pazientemente ed attendere il proprio turno


LeMilleBolleBlu LeMilleBolleBlu 29/08/2008 ore 16.05.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

A Duca.theKnight che il 29/08/2008 15.58.33 ha scritto:

Le mie compagne di classe portavano il.... grembiule (blu). Sotto sfoggiavano minigonne da infarto e quando arrivava l'ora della svestizione era uno spettacolo... :-)))



Rispondo: Io non ricordo. mi pare che portavano il grembiule blu anche loro e noi maschietti una specie di giubbino nero se non ricordo male.... la fanciulla più ambita per noi maschietti era la figlia del Sindaco.. per me un sogno ..come per molti...... l'ho rivista qualche tempo fà dopo anni che non la vedevo so che èra sempre in giro per il mondo ora è rientrata nell'azienda di famiglia (sebbene abita non lontano da casa mia ) con molto piacere devo dire che con il passare del tempo.......
ildiavolo74 ildiavolo74 29/08/2008 ore 16.16.30 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

A rosa47 che il 29/08/2008 12.48.08 ha scritto:

Educazione civica e stradale . - Bene!

Verso il maestro unico alle elementari.-Benissimo !-- Il troppo storpia ( i miei primi due figli hanno avuto alle elementari la maestra unica...e andava bene tutto! L'ultimo rampollo, ha avuto le quattro maestre, devo dire sinceramente che con tutte queste maetre, la cosa non funzionava molto bene.

Guerra al caro-libri--ottimissimo! Non è possibile cambiare libri tutti gli anni...il bello è, che pochi ragazzi li studiano per davvero!

Sindacati all'attacco. - Il sindacato prima di lottare per i professori dovrebbe prima di tutto agire per il bene dei studenti

Gli studenti annunciano battaglia.- Per che cosa? Per il cinque in condotta? O per il caro libri?

Con queste leggi, pare che si ritorni indietro di 30 anni evidentemente, non eravamo abbastanza maturi per il cambiamento.
Conosco insegnanti che tornano a casa avviliti, perchè si rendono conto che la cattedra non mette più ne soggezione e ne timore, e ne tanto meno fa nascere nella mente dei ragazzi la responsabilità e sopratutto si va a scuola perchè si è costretti, sono sempre di meno quelli che ci vanno per studiare veramente...

Purtroppo, questa fortuna la capisce solo chi non ha potutto studiare... la prima sono io ...tutto quello che so. l'ho imparato da sola..dopo la quinta elementare il desiderio di sapere, non mi ha mai abbandonato...

Quando l'uomo non sa più andare avanti, deve avere l'umiltà di tornare indietro.Rifare il cammino a ritroso e vedere dove si è fallito

rosy: la scuola è una cosa seria. I

Rispondo:



:clap :clap :clap

Basta vedere come sono i 20enni che escono ora dalle superiori...

i tempi verbali: che sono?

Le congiunzioni... quando usarle?

La proprietà di linguaggio? Inesistente

La capacità di formulare frasi articolate e prolisse? Meno che mai

In compenso tante K, tante abbreviazioni, tanti smiles...

l' hanno scorso ho visto un compito in classe di italiano di mio cugino (3a ragioneria):

c' erano scritti un XCHE' e qualche TTTO.

NON CORRETTI!!

In certi casi io fucilerei i professori e alzerei a calci in culo gli alunni.


RoxD RoxD 29/08/2008 ore 16.19.28
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

A ildiavolo74 che il 29/08/2008 16.16.30 ha scritto:
A rosa47 che il 29/08/2008 12.48.08 ha scritto:

Educazione civica e stradale . - Bene!

Verso il maestro unico alle elementari.-Benissimo !-- Il troppo storpia ( i miei primi due figli hanno avuto alle elementari la maestra unica...e andava bene tutto! L'ultimo rampollo, ha avuto le quattro maestre, devo dire sinceramente che con tutte queste maetre, la cosa non funzionava molto bene.

Guerra al caro-libri--ottimissimo! Non è possibile cambiare libri tutti gli anni...il bello è, che pochi ragazzi li studiano per davvero!

Sindacati all'attacco. - Il sindacato prima di lottare per i professori dovrebbe prima di tutto agire per il bene dei studenti

Gli studenti annunciano battaglia.- Per che cosa? Per il cinque in condotta? O per il caro libri?

Con queste leggi, pare che si ritorni indietro di 30 anni evidentemente, non eravamo abbastanza maturi per il cambiamento.
Conosco insegnanti che tornano a casa avviliti, perchè si rendono conto che la cattedra non mette più ne soggezione e ne timore, e ne tanto meno fa nascere nella mente dei ragazzi la responsabilità e sopratutto si va a scuola perchè si è costretti, sono sempre di meno quelli che ci vanno per studiare veramente...

Purtroppo, questa fortuna la capisce solo chi non ha potutto studiare... la prima sono io ...tutto quello che so. l'ho imparato da sola..dopo la quinta elementare il desiderio di sapere, non mi ha mai abbandonato...

Quando l'uomo non sa più andare avanti, deve avere l'umiltà di tornare indietro.Rifare il cammino a ritroso e vedere dove si è fallito

rosy: la scuola è una cosa seria. I

Rispondo:



:clap :clap :clap

Basta vedere come sono i 20enni che escono ora dalle superiori...

i tempi verbali: che sono?

Le congiunzioni... quando usarle?

La proprietà di linguaggio? Inesistente

La capacità di formulare frasi articolate e prolisse? Meno che mai

In compenso tante K, tante abbreviazioni, tanti smiles...

l' hanno scorso ho visto un compito in classe di italiano di mio cugino (3a ragioneria):

c' erano scritti un XCHE' e qualche TTTO.

NON CORRETTI!!

In certi casi io fucilerei i professori e alzerei a calci in culo gli alunni.



Rispondo: D'accordissimo con entrambi!
lucio6900 lucio6900 29/08/2008 ore 16.22.38
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

A rosa47 che il 29/08/2008 12.48.08 ha scritto:

Educazione civica e stradale . - Bene!

Verso il maestro unico alle elementari.-Benissimo !-- Il troppo storpia ( i miei primi due figli hanno avuto alle elementari la maestra unica...e andava bene tutto! L'ultimo rampollo, ha avuto le quattro maestre, devo dire sinceramente che con tutte queste maetre, la cosa non funzionava molto bene.

Guerra al caro-libri--ottimissimo! Non è possibile cambiare libri tutti gli anni...il bello è, che pochi ragazzi li studiano per davvero!

Sindacati all'attacco. - Il sindacato prima di lottare per i professori dovrebbe prima di tutto agire per il bene dei studenti

Gli studenti annunciano battaglia.- Per che cosa? Per il cinque in condotta? O per il caro libri?

Con queste leggi, pare che si ritorni indietro di 30 anni evidentemente, non eravamo abbastanza maturi per il cambiamento.
Conosco insegnanti che tornano a casa avviliti, perchè si rendono conto che la cattedra non mette più ne soggezione e ne timore, e ne tanto meno fa nascere nella mente dei ragazzi la responsabilità e sopratutto si va a scuola perchè si è costretti, sono sempre di meno quelli che ci vanno per studiare veramente...

Purtroppo, questa fortuna la capisce solo chi non ha potutto studiare... la prima sono io ...tutto quello che so. l'ho imparato da sola..dopo la quinta elementare il desiderio di sapere, non mi ha mai abbandonato...

Quando l'uomo non sa più andare avanti, deve avere l'umiltà di tornare indietro.Rifare il cammino a ritroso e vedere dove si è fallito

rosy: la scuola è una cosa seria. I

Rispondo: QUOTISSIMO E BRAVA GELMINI
lucio6900 lucio6900 29/08/2008 ore 16.24.18
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

A Duca.theKnight che il 29/08/2008 15.58.33 ha scritto:

Le mie compagne di classe portavano il.... grembiule (blu). Sotto sfoggiavano minigonne da infarto e quando arrivava l'ora della svestizione era uno spettacolo... :-)))



Rispondo: noi eravamo 6 maschi 8 femmine sai quante volte ci cadeva x terra la matita?
xpescatore xpescatore 29/08/2008 ore 16.29.53
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

Che dire, io ho fatto la scuola della riforma Gentile. Inno nazionale imparato alle elementari insieme con la grammatica italiana e le coniugazioni verbali, con insegnante unico che ti faceva fare anche ginnastica prima di entrare in classe. Ho fatto l'esame di ammissione per accedere alle scuole medie, latino dalla 1a media, liceo scientifico con i professori di lettere che si sentivano frustrati perchè non insegnavano al classico. E poi università.
Ma le cose più importanti che mi hanno insegnato sono state l'educazione (alzarsi all'entrata dei prof o del preside insieme con educazione civica) ed ad imparare. Si mi hanno insegnato ad imparare stimolando la mia curiosità per qualunque campo dello scibile e che a questo non c'era nessuna limitazione.
bacardi83 bacardi83 29/08/2008 ore 18.22.24
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....


"Another brick in the wall"

non condivido tutta questa voglia di irregimentare gli adolescenti

Se gli insegnanti hanno perso autorità non credo sia perchè non c'è il voto di condotta ecc..

Gli adolescenti di oggi sono molto più vuoti e privi di voglia di cambiare e molto più schiavi del consumismo, riempire le loro teste deve essere la priorità non insegnargli a mettersi in fila davanti alla cassa di un ipermercato
Lebowsky70 Lebowsky70 29/08/2008 ore 18.31.24
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

A xpescatore che il 29/08/2008 16.29.53 ha scritto:
Che dire, io ho fatto la scuola della riforma Gentile . Inno nazionale imparato alle elementari insieme con la grammatica italiana e le coniugazioni verbali, con insegnante unico che ti faceva fare anche ginnastica prima di entrare in classe. Ho fatto l'esame di ammissione per accedere alle scuole medie, latino dalla 1a media, liceo scientifico con i professori di lettere che si sentivano frustrati perchè non insegnavano al classico. E poi università.
Ma le cose più importanti che mi hanno insegnato sono state l'educazione (alzarsi all'entrata dei prof o del preside insieme con educazione civica) ed ad imparare. Si mi hanno insegnato ad imparare stimolando la mia curiosità per qualunque campo dello scibile e che a questo non c'era nessuna limitazione.

Rispondo: della riforma Bottai (1939), per essere precisi. Una grande riforma.
xpescatore xpescatore 29/08/2008 ore 18.33.51
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

A Lebowsky70 che il 29/08/2008 18.31.24 ha scritto:
A xpescatore che il 29/08/2008 16.29.53 ha scritto:
Che dire, io ho fatto la scuola della riforma Gentile . Inno nazionale imparato alle elementari insieme con la grammatica italiana e le coniugazioni verbali, con insegnante unico che ti faceva fare anche ginnastica prima di entrare in classe. Ho fatto l'esame di ammissione per accedere alle scuole medie, latino dalla 1a media, liceo scientifico con i professori di lettere che si sentivano frustrati perchè non insegnavano al classico. E poi università.
Ma le cose più importanti che mi hanno insegnato sono state l'educazione (alzarsi all'entrata dei prof o del preside insieme con educazione civica) ed ad imparare. Si mi hanno insegnato ad imparare stimolando la mia curiosità per qualunque campo dello scibile e che a questo non c'era nessuna limitazione.

Rispondo: della riforma Bottai (1939), per essere precisi. Una grande riforma.

Rispondo: Vero, la riforma Gentile era precedente.

marla100 marla100 29/08/2008 ore 19.09.35
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

A rosa47 che il 29/08/2008 12.48.08 ha scritto:

Educazione civica e stradale . - Bene!

Verso il maestro unico alle elementari.-Benissimo !-- Il troppo storpia ( i miei primi due figli hanno avuto alle elementari la maestra unica...e andava bene tutto! L'ultimo rampollo, ha avuto le quattro maestre, devo dire sinceramente che con tutte queste maetre, la cosa non funzionava molto bene.

Guerra al caro-libri--ottimissimo! Non è possibile cambiare libri tutti gli anni...il bello è, che pochi ragazzi li studiano per davvero!

Sindacati all'attacco. - Il sindacato prima di lottare per i professori dovrebbe prima di tutto agire per il bene dei studenti

Gli studenti annunciano battaglia.- Per che cosa? Per il cinque in condotta? O per il caro libri?

Con queste leggi, pare che si ritorni indietro di 30 anni evidentemente, non eravamo abbastanza maturi per il cambiamento.
Conosco insegnanti che tornano a casa avviliti, perchè si rendono conto che la cattedra non mette più ne soggezione e ne timore, e ne tanto meno fa nascere nella mente dei ragazzi la responsabilità e sopratutto si va a scuola perchè si è costretti, sono sempre di meno quelli che ci vanno per studiare veramente...

Purtroppo, questa fortuna la capisce solo chi non ha potutto studiare... la prima sono io ...tutto quello che so. l'ho imparato da sola..dopo la quinta elementare il desiderio di sapere, non mi ha mai abbandonato...

Quando l'uomo non sa più andare avanti, deve avere l'umiltà di tornare indietro.Rifare il cammino a ritroso e vedere dove si è fallito

rosy: la scuola è una cosa seria. I
Rispondo: STRAQUOTO nonostante non abbia piu' figli che frequentano la scuola : FINALMENTE !!!!! Naturalmente l'hanno ultimata, compresa l' Universita'.....non mi sembra vero non aver piu' quest' INCUBO !!!!!!!!!!

pontiac65 pontiac65 29/08/2008 ore 19.16.33 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

He si,vi quoto,anche perchè ai miei tempi(un po più recenti dei vostri) la scuola era migliore di quella odierna.Voto in condotta?Bastava lo sguardo o un 'interrogazione e tutti si calmavano.Però,ammettetelo:avevamo un'altra educazione.Il rispetto per i più grandi veniva inculcato in famiglia.Insomma,a parte i soliti "monelli",a scuola ci arrivavamo già "educati.Ma avete visto ora?Come si fa con ragazzi,che in famiglia sentono parolacce dalla più tenera età?Conosco un po il mondo della scuola odierna dai racconti che mi fanno mia cognata e alcuni miei cugini che insegnano e penso che le cose vadano prese col piede giusto dalle elementari.Inoltre bisogna cambiare i programmi che sono obsoleti,se paragonati a quelli degli stati più moderni.Inoltre,secondo il mio parere bisognerebbe togliere l'ora di religione.Infatti penso che sia semplicemente schizofrenico insegnare alla prima ora di lezione, che qualcuna è rimasta incinta,ha partorito rimanendo vergine ,e l'ora seguente di scienze dire che è impossibile.
Nadia36 Nadia36 29/08/2008 ore 19.21.03
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

VI QUOTO TUTTI !!!!!!!!!!!!!!
OmbradelDeserto OmbradelDeserto 29/08/2008 ore 20.19.24
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....


Quoto alla grande tutti quanti,meno male che 1 volta tanto siamo tutti d'accordo che la scuola nn poteva più andare avanti in questo modo :inchino Però nessuno ha evidenziato 1 altro aspetto molto importante del quale ha parlato in parte solamente Pontiac:caro mio(siamo quasi coetanei,così ti evito la scocciatura di andare a vedere il mio profilo,sono del '68 ;-) ) nn solo ci sono programmi scolastici obsoleti,ma gli stessi insegnanti lo sono,e già dal loro preinserimento!! Perchè spero che qualcuno converrà con me,quelli dei nostri tempi lo erano abbastanza ma è cambiato notevolmente il contesto nel quale operano al giorno d'oggi,in quanto troppo timorosi e nn all'altezza a mio modesto parere... :mmm Per noi l'insegnante era colui/colei dal/dalla quale apprendavamo cose finora sconosciute e oltre ad essere molto più rigidi ci stimolavano ad ascoltarli,nn avevamo tanti cazzi per la testa,1 delle tante il fatto di finire al più presto le lezioni per piazzarci davanti alla tv ad oltranza oppure accendere la Playstation con ancora il piatto del pranzo davanti al naso...e i nostri genitori ci insegnavano l'educazione fin da piccoli e con molto rigore se necessario(che vi piaccia o meno,sono 1 strenuo sostenitore dello scappellotto a fin di bene,perchè come dice il proverbio la pianta si raddrizza da giovane,da vecchia ormai è cresciuta storta e nn ci puoi più far niente),senza delegare questo ingrato compito alla scuola indi agli insegnanti come purtroppo capita spessissimo al giorno d'oggi,per poi creare 1 generazione di piccoli mostri ingestibili...e se già così piccoli nn riconoscono 1 qualsivoglia autorità,come pretendere che da grandi nn siano strafottenti dinnanzi a tutto e tutti(avrei qualche esempio da fare a riguardo,ma prima di prendermi 1 vaffa mi astengo volutamente :-))) )?Mi piacerebbe che rifletteste 1 pò tutti su queste mie considerazioni,potete anche darmi del pirla o del nostalgico(eh che bei tempi... :tvb ),ma come direbbe il mio amico Fiorentino, un m'importa na seha :hoho
crypier crypier 29/08/2008 ore 21.00.25
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....


Educazione civica e stradale . - Bene!

Verso il maestro unico alle elementari.-Benissimo !-- Il troppo storpia ( i miei primi due figli hanno avuto alle elementari la maestra unica...e andava bene tutto! L'ultimo rampollo, ha avuto le quattro maestre, devo dire sinceramente che con tutte queste maetre, la cosa non funzionava molto bene.

Guerra al caro-libri--ottimissimo! Non è possibile cambiare libri tutti gli anni...il bello è, che pochi ragazzi li studiano per davvero!

Sindacati all'attacco. - Il sindacato prima di lottare per i professori dovrebbe prima di tutto agire per il bene dei studenti

Gli studenti annunciano battaglia.- Per che cosa? Per il cinque in condotta? O per il caro libri?

Ciao a tutti

sono nuova, ma ci tengo molto a dire la mia su questo argomento. Sono un'insegnate e studentessa allo stesso tempo. Ho adorato la mia maestra delle elementari, una seconda mamma per tutti noi bimbi. Ritornare alla maestra unica però implica una notevole diminuzione del personale docente presente nelle scuole, Inoltre la 4 maestre sono sorte con la nascita del tempo pieno. Una sola maestra come può gestire le 8 ore al giorno di tale orario? Inoltre quando ero piccola io non si insegnavano tutte le materie che si insegnano oggi: informatica, inglese, educazione all'immagine,...era tutto strutturato in maniera diversa. Secondo voi un'insegnate che oggi ha 50/55 anni sarebbe in grado di portare avanti una programmazione di ben 11 materie?

Ora le nuove maestre devono essere laureate per poter insegnare, ma tutte quelle insegnati che sono di ruolo con il semplice quarto anno magistrale? Io ne conosco tante...Perchè non diamo una bella rinfrescata alla scuola e facciamo sostenere a tutte le insegnati "anziane" qualche bel esamino su tutte le materie che dovrebbero insegnare da insegnate unica?!?!

Tutte le riforme che ci sono state comunque non hanno mai considerato una cosa: i tempi cambiano e anche gli utenti(bambini e famiglie) che usano il servizio scolastico.

Cristina
lucio6900 lucio6900 29/08/2008 ore 21.09.01
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

A crypier che il 29/08/2008 21.00.25 ha scritto:

Educazione civica e stradale . - Bene!

Verso il maestro unico alle elementari.-Benissimo !-- Il troppo storpia ( i miei primi due figli hanno avuto alle elementari la maestra unica...e andava bene tutto! L'ultimo rampollo, ha avuto le quattro maestre, devo dire sinceramente che con tutte queste maetre, la cosa non funzionava molto bene.

Guerra al caro-libri--ottimissimo! Non è possibile cambiare libri tutti gli anni...il bello è, che pochi ragazzi li studiano per davvero!

Sindacati all'attacco. - Il sindacato prima di lottare per i professori dovrebbe prima di tutto agire per il bene dei studenti

Gli studenti annunciano battaglia.- Per che cosa? Per il cinque in condotta? O per il caro libri?

Ciao a tutti

sono nuova, ma ci tengo molto a dire la mia su questo argomento. Sono un'insegnate e studentessa allo stesso tempo. Ho adorato la mia maestra delle elementari, una seconda mamma per tutti noi bimbi. Ritornare alla maestra unica però implica una notevole diminuzione del personale docente presente nelle scuole, Inoltre la 4 maestre sono sorte con la nascita del tempo pieno. Una sola maestra come può gestire le 8 ore al giorno di tale orario? Inoltre quando ero piccola io non si insegnavano tutte le materie che si insegnano oggi: informatica, inglese, educazione all'immagine,...era tutto strutturato in maniera diversa. Secondo voi un'insegnate che oggi ha 50/55 anni sarebbe in grado di portare avanti una programmazione di ben 11 materie?

Ora le nuove maestre devono essere laureate per poter insegnare, ma tutte quelle insegnati che sono di ruolo con il semplice quarto anno magistrale? Io ne conosco tante...Perchè non diamo una bella rinfrescata alla scuola e facciamo sostenere a tutte le insegnati "anziane" qualche bel esamino su tutte le materie che dovrebbero insegnare da insegnate unica?!?!

Tutte le riforme che ci sono state comunque non hanno mai considerato una cosa: i tempi cambiano e anche gli utenti(bambini e famiglie) che usano il servizio scolastico.

Cristina

Rispondo: scusa anche in fabbrica si lavora 8 ore
OmbradelDeserto OmbradelDeserto 29/08/2008 ore 21.22.17
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

A crypier che il 29/08/2008 21.00.25 ha scritto:

Educazione civica e stradale . - Bene!

Verso il maestro unico alle elementari.-Benissimo !-- Il troppo storpia ( i miei primi due figli hanno avuto alle elementari la maestra unica...e andava bene tutto! L'ultimo rampollo, ha avuto le quattro maestre, devo dire sinceramente che con tutte queste maetre, la cosa non funzionava molto bene.

Guerra al caro-libri--ottimissimo! Non è possibile cambiare libri tutti gli anni...il bello è, che pochi ragazzi li studiano per davvero!

Sindacati all'attacco. - Il sindacato prima di lottare per i professori dovrebbe prima di tutto agire per il bene dei studenti

Gli studenti annunciano battaglia.- Per che cosa? Per il cinque in condotta? O per il caro libri?

Ciao a tutti

sono nuova, ma ci tengo molto a dire la mia su questo argomento. Sono un'insegnate e studentessa allo stesso tempo. Ho adorato la mia maestra delle elementari, una seconda mamma per tutti noi bimbi. Ritornare alla maestra unica però implica una notevole diminuzione del personale docente presente nelle scuole, Inoltre la 4 maestre sono sorte con la nascita del tempo pieno. Una sola maestra come può gestire le 8 ore al giorno di tale orario? Inoltre quando ero piccola io non si insegnavano tutte le materie che si insegnano oggi: informatica, inglese, educazione all'immagine,...era tutto strutturato in maniera diversa. Secondo voi un'insegnate che oggi ha 50/55 anni sarebbe in grado di portare avanti una programmazione di ben 11 materie?

Ora le nuove maestre devono essere laureate per poter insegnare, ma tutte quelle insegnati che sono di ruolo con il semplice quarto anno magistrale? Io ne conosco tante...Perchè non diamo una bella rinfrescata alla scuola e facciamo sostenere a tutte le insegnati "anziane" qualche bel esamino su tutte le materie che dovrebbero insegnare da insegnate unica?!?!

Tutte le riforme che ci sono state comunque non hanno mai considerato una cosa: i tempi cambiano e anche gli utenti(bambini e famiglie) che usano il servizio scolastico.

Cristina

Rispondo: Sono d'accordo sul fatto che le insegnanti di 1 certa età debbano giocoforza rinnovarsi perchè nn più al passo coi tempi,ma tu(nn do del lei nemmeno al mio capo abbi pazienza,lo faccio solo con chi mi sta sulle palle ;-) )6 sicura che quelle che escono dalla laurea che ora è obbligatoria siano all'altezza?lo ho dei serissimi dubbi a riguardo,specie caratterialmente....ovviamente come ogni opinione è opinabile sia ben chiaro,comunque sono d'accordo su 1 fatto,che la scuola vada finalmente "svecchiata" e ciò che sta facendo il ministro Gelmini è 1 segnale forte ed importante che a giudizio di molti,da ciò che leggo,va nella giusta direzione,ormai siamo ad 1 punto di nn ritorno... :ok
cristian1977 cristian1977 29/08/2008 ore 21.31.38
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

A rosa47 che il 29/08/2008 12.48.08 ha scritto:

Educazione civica e stradale . - Bene!

Verso il maestro unico alle elementari.-Benissimo !-- Il troppo storpia ( i miei primi due figli hanno avuto alle elementari la maestra unica...e andava bene tutto! L'ultimo rampollo, ha avuto le quattro maestre, devo dire sinceramente che con tutte queste maetre, la cosa non funzionava molto bene.

Guerra al caro-libri--ottimissimo! Non è possibile cambiare libri tutti gli anni...il bello è, che pochi ragazzi li studiano per davvero!

Sindacati all'attacco. - Il sindacato prima di lottare per i professori dovrebbe prima di tutto agire per il bene dei studenti

Gli studenti annunciano battaglia.- Per che cosa? Per il cinque in condotta? O per il caro libri?

Con queste leggi, pare che si ritorni indietro di 30 anni evidentemente, non eravamo abbastanza maturi per il cambiamento.
Conosco insegnanti che tornano a casa avviliti, perchè si rendono conto che la cattedra non mette più ne soggezione e ne timore, e ne tanto meno fa nascere nella mente dei ragazzi la responsabilità e sopratutto si va a scuola perchè si è costretti, sono sempre di meno quelli che ci vanno per studiare veramente...

Purtroppo, questa fortuna la capisce solo chi non ha potutto studiare... la prima sono io ...tutto quello che so. l'ho imparato da sola..dopo la quinta elementare il desiderio di sapere, non mi ha mai abbandonato...

Quando l'uomo non sa più andare avanti, deve avere l'umiltà di tornare indietro.Rifare il cammino a ritroso e vedere dove si è fallito

rosy: la scuola è una cosa seria. I

Rispondo: stra quoto il ministro gelmini
arlina arlina 29/08/2008 ore 22.02.48
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

A bacardi83 che il 29/08/2008 18.22.24 ha scritto:

"Another brick in the wall"

non condivido tutta questa voglia di irregimentare gli adolescenti

Se gli insegnanti hanno perso autorità non credo sia perchè non c'è il voto di condotta ecc..

Gli adolescenti di oggi sono molto più vuoti e privi di voglia di cambiare e molto più schiavi del consumismo, riempire le loro teste deve essere la priorità non insegnargli a mettersi in fila davanti alla cassa di un ipermercato

Rispondo: basterebbe irregimentare l'orda barbarica di genitori pietosi e totalmente incapaci di educare i propri figli.

penso che abbiano demotivato gli insegnanti che li abbiano privati dell'autorevolezza e dell'importanza del proprio ruolo.


robi970 robi970 29/08/2008 ore 22.08.28 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

A crypier che il 29/08/2008 21.00.25 ha scritto:
Ciao a tutti
sono nuova, ma ci tengo molto a dire la mia su questo argomento. Sono un'insegnate e studentessa allo stesso tempo. Ho adorato la mia maestra delle elementari, una seconda mamma per tutti noi bimbi.
1- Ritornare alla maestra unica però implica una notevole diminuzione del personale docente presente nelle scuole,
2a- Inoltre la 4 maestre sono sorte con la nascita del tempo pieno. Una sola maestra come può gestire le 8 ore al giorno di tale orario?
2b- Inoltre quando ero piccola io non si insegnavano tutte le materie che si insegnano oggi: informatica, inglese, educazione all'immagine,...era tutto strutturato in maniera diversa.
3- Secondo voi un'insegnate che oggi ha 50/55 anni sarebbe in grado di portare avanti una programmazione di ben 11 materie?
4- Ora le nuove maestre devono essere laureate per poter insegnare, ma tutte quelle insegnati che sono di ruolo con il semplice quarto anno magistrale? Io ne conosco tante...Perchè non diamo una bella rinfrescata alla scuola e facciamo sostenere a tutte le insegnati "anziane" qualche bel esamino su tutte le materie che dovrebbero insegnare da insegnate unica?!?!
5- Tutte le riforme che ci sono state comunque non hanno mai considerato una cosa: i tempi cambiano e anche gli utenti(bambini e famiglie) che usano il servizio scolastico.
Cristina

ciao cristina, ho numerato il tuo msg x risponderti meglio :-) :

1- qsto non lo ritengo esatto, come ho scritto sopra, se 4 maestre oggi tengono 4 classi, portare 1 maestra x 1 classe non comporta diminuzione di docenti
2- in entrambi i punti hai evidenziato ciò su cui ank'io avevo espresso perplessità:
- una maestra 'no stop' x 8ore, NON è possibile..... personalmente ritengo il tempo pieno un'emerita ca..avolata, lo accorcerei.
- ed anke qui hai ragione, come già detto mi auspikerei 2 maestre:
una 'principale' ke gestisca le materie base (italiano, matematica ecc)
una 'tecnica' ke gestisca le materie specifike (informatica, inglese ecc)
oppure
una x le materie 'umanistike' (italiano/inglese/storia ecc)
l'altra x le materie tecnico/scientifike (matematica/informatica ecc)
in ogni caso una delle due cmq 'titolare' della cattedra e ke dovrà presenziare alle lezioni dell'altra almeno formalmente
3- no, ma nemmeno una di 30anni
4- guarda, posso scommettere ke molte di loro darebbero del filo da torcere anke alle neo-laureate con 110e lode.... il problema è semmai poter 'licenziare' qlle (laureate o no) ke di insegnare non sanno nemmeno trovare la parola su un vocabolario
5- te cosa proporresti? sono veram interessato :-)


OmbradelDeserto OmbradelDeserto 29/08/2008 ore 22.11.14
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

A arlina che il 29/08/2008 22.02.48 ha scritto:
A bacardi83 che il 29/08/2008 18.22.24 ha scritto:

"Another brick in the wall"

non condivido tutta questa voglia di irregimentare gli adolescenti

Se gli insegnanti hanno perso autorità non credo sia perchè non c'è il voto di condotta ecc..

Gli adolescenti di oggi sono molto più vuoti e privi di voglia di cambiare e molto più schiavi del consumismo, riempire le loro teste deve essere la priorità non insegnargli a mettersi in fila davanti alla cassa di un ipermercato

Rispondo: basterebbe irregimentare l'orda barbarica di genitori pietosi e totalmente incapaci di educare i propri figli. penso che abbiano demotivato gli insegnanti che li abbiano privati dell'autorevolezza e dell'importanza del proprio ruolo.

Rispondo: E' esattamente ciò che ho affermato io prima Arlina,evidentemente il biondino c'ha 1 chilometrica coda di paglia :hoho lnutile dire che quoto al cubo(ti sembrerà strano,ma su certi argomenti nn transigo in nessun modo,potrei dar ragione pure al diavolo se affermasse questo :-))) ) ed è ciò che vado dicendo da tempo immemore,ribadisco che la scuola indi gli insegnanti nn debbono assolutamente sostituirsi ai genitori nell'educare bimbi e adolescenti...nn sia mai!!










big46 big46 29/08/2008 ore 22.20.46 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

A arlina che il 29/08/2008 22.02.48 ha scritto:
A bacardi83 che il 29/08/2008 18.22.24 ha scritto:

"Another brick in the wall"

non condivido tutta questa voglia di irregimentare gli adolescenti

Se gli insegnanti hanno perso autorità non credo sia perchè non c'è il voto di condotta ecc..

Gli adolescenti di oggi sono molto più vuoti e privi di voglia di cambiare e molto più schiavi del consumismo, riempire le loro teste deve essere la priorità non insegnargli a mettersi in fila davanti alla cassa di un ipermercato

Rispondo: basterebbe irregimentare l'orda barbarica di genitori pietosi e totalmente incapaci di educare i propri figli.

penso che abbiano demotivato gli insegnanti che li abbiano privati dell'autorevolezza e dell'importanza del proprio ruolo.



brava......forse mi sarà sfuggito, ma nelle discussioni non ho letto di colpe da attribuire a genitori incapaci e per di più prepotenti verso il corpo insegnante......certe volte dovremmo stendere velo pietoso sui consigli di classe dei genitori e le interferenze dementi che possono fare.
OmbradelDeserto OmbradelDeserto 29/08/2008 ore 22.24.54
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

E ti è sfuggito si Big,leggi il mio primo intervento in questo thread e te ne accorgerai  ;-)
big46 big46 29/08/2008 ore 22.44.38 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

A OmbradelDeserto che il 29/08/2008 22.24.54 ha scritto:
E ti è sfuggito si Big,leggi il mio primo intervento in questo thread e te ne accorgerai ;-)

si mi era sfuggito sei tu il :win

è un mio limite, è una deformazione professionale, io sono legato all'impostazione e allo stile grafico (Scuola del Libro Umanitaria 1964).

Il tuo intervento graficamente si dice "un macigno" :hihi senza offesa è un discorso tipografico, non fai respirare i periodi ed alcuni faticano ad arrivare in fondo.

Mi raccomando non insultarmi però......
cavalierecrociato120 cavalierecrociato120 29/08/2008 ore 22.46.48 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

PIU RIGORE E RITORNO ALLA SCUOLA DEL PASSATO QUANDO NON SI ALLEVAVANO PORCI COME OGGI ACCADE
OmbradelDeserto OmbradelDeserto 29/08/2008 ore 22.53.56
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

Lo so perfettamente Big,me ne rendo conto ed è sempre stato 1 mio limite,quando scrivo a volte faccio dei monologhi da apnea alla Pellizzari  :hoho  E la mia prof di ltaliano che puntualmente mi bacchettava,quanto la odiavo in certi frangenti,ma quanto mi ha insegnato...ma in fin dei conti la adoravo e le sono infinitamente riconoscente,il nostro era 1 rapporto conflittuale ma la stimavo moltissimo  :-)
Sweet.Birillo Sweet.Birillo 29/08/2008 ore 23.08.14
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

quoto tutti :-)

ma che pretendete dal mio conregionale pontiac...si vuole armare per smantellare le basi USA :hoho
OmbradelDeserto OmbradelDeserto 29/08/2008 ore 23.12.56
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....


Nn ho letto il thread per evitare di leggere banalità Sweet,ma da ciò che dici direi bestialità a sto punto... :sbong Ma che vuol formare 1 armata Brancaleone per caso? :mmm





:hoho:hoho
PierluigiP PierluigiP 30/08/2008 ore 00.06.07 Ultimi messaggi
segnala

SerenoRE: La scuola di 30 anni fa....


Il 10 sett ritroverò i miei ragazzi e, ancora una volta, rivivrò la magia del "primo" giorno di scuola. Li guarderò , mi guarderanno. Io qualche ruga in più e loro con le ali quasi formate. Per natura e formazione guardo al futuro sperando di riuscire a dare, anche quest'anno, tutto me stesso affinchè quelle ali si distendano e li portino lontano. Non è un problema di voti o di "condotta", la scuola , come la società ha bisogno di altro ma, forse resto un sognatore.
robi970 robi970 30/08/2008 ore 00.41.54 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

A PierluigiP che il 30/08/2008 0.06.07 ha scritto:
Il 10 sett ritroverò i miei ragazzi e, ancora una volta, rivivrò la magia del "primo" giorno di scuola. Li guarderò , mi guarderanno. Io qualche ruga in più e loro con le ali quasi formate. Per natura e formazione guardo al futuro sperando di riuscire a dare, anche quest'anno, tutto me stesso affinchè quelle ali si distendano e li portino lontano. Non è un problema di voti o di "condotta", la scuola, come la società ha bisogno di altro ma, forse resto un sognatore.

no, hai ragione... il problema dei voti o della condotta non è della scuola, ma dei ragazzi ke vi vanno... :ok

...:mmm io inizio lunedì ed anke se il mio 'lavoro' non è come il tuo, capisco benissimo cosa vuoi dire :-)))
crypier crypier 01/09/2008 ore 17.36.20
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....


Innanzitutto grazie per la risposta chiara e precisa.

Analizzero il tutto seguendo la tua numerazione:

1.Ti parlo per esperienza personale, in base a ciò che ho visto e osservo a scuola (premetto che comunque ogni direzione didattica e istituto comprensivo sono una realtà a sè) a volta in una stessa sezione lavorano 4 insegnanti: 1 di L2, 1 di religione , 1 per l'area linguistico-antropologica e una per l'area matematico-scientifica. Gli insegnanti di religione e L2 gestiscono circa 10 classi a testa. Se metti però l'insegnante unico saltano anche quelle di religione e L2 più una terza insegnante. Quindi a conti fatti qualcuno "rimarrà a casa".

2. il tempo pieno è il servizio che la scuola italiana offre alle famiglie che vedo entrambi i genitori impegnati nel lavoro e che affidano i loro figli alla scuola per 8 ore al giorno, senza doversi preoccupare perchè comunque sono al sicuro all'interno di una struttura che li educa e li forma. Purtroppo (io non sono una fan del tempo pieno) per molte famiglie tale servizio è essenziale. Quindi concordo con te nella soluzione delle due insegnati, ancor di più opterei per un'insegnante unica per matematica, scienze, italiano,storia e geografia, ma per materie come musica, motoria, immagine, religione, L2 sceglierei degli esperti veri e propri, persone specializzate in quegli ambiti e tali amterie le vedrei come occupazioni pomeridiane nel tempo pieno.

3/4. L'età alla fine non conta, ciò che è importante è l'esperienza (e non parlo di quantità, ma di qualità) e la passione, non chi fa l'insegnante perchè si sta a casa due mesi....

5. Negli ultimi anni (fino alla Moratti) l'attenzione è stata rivolta alla quantità, tante programmazioni, progetti, laboratori... poi con Fioroni si è cercato di accorciare (esempio storia in quinta è solo fino ai romani) ma manca ancora qualcosa. proprio stamattina la nuova dirigente della mia scuola ci ha confermata quello che sapevamo tutti: prima educhiamoli nel comportamento, poi a leggere e a scrivere, per il resto c'è sempre tempo.

Spero di essere stata chiara ed esauriente.

Ultima cosa: a chi ha detto che anche l'operaio fa 8 ore al giorno.... Mi tolgo tanto di cappello, ma sono due lavori del tutto diversi.

Ciao a tutti

Cry


big46 big46 01/09/2008 ore 18.10.51 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

A crypier che il 01/09/2008 17.36.20 ha scritto:

Innanzitutto grazie per la risposta chiara e precisa.

Analizzero il tutto seguendo la tua numerazione:

1.Ti parlo per esperienza personale, in base a ciò che ho visto e osservo a scuola (premetto che comunque ogni direzione didattica e istituto comprensivo sono una realtà a sè) a volta in una stessa sezione lavorano 4 insegnanti: 1 di L2, 1 di religione , 1 per l'area linguistico-antropologica e una per l'area matematico-scientifica. Gli insegnanti di religione e L2 gestiscono circa 10 classi a testa. Se metti però l'insegnante unico saltano anche quelle di religione e L2 più una terza insegnante. Quindi a conti fatti qualcuno "rimarrà a casa".

2. il tempo pieno è il servizio che la scuola italiana offre alle famiglie che vedo entrambi i genitori impegnati nel lavoro e che affidano i loro figli alla scuola per 8 ore al giorno, senza doversi preoccupare perchè comunque sono al sicuro all'interno di una struttura che li educa e li forma. Purtroppo (io non sono una fan del tempo pieno) per molte famiglie tale servizio è essenziale. Quindi concordo con te nella soluzione delle due insegnati, ancor di più opterei per un'insegnante unica per matematica, scienze, italiano,storia e geografia, ma per materie come musica, motoria, immagine, religione, L2 sceglierei degli esperti veri e propri, persone specializzate in quegli ambiti e tali amterie le vedrei come occupazioni pomeridiane nel tempo pieno.

3/4. L'età alla fine non conta, ciò che è importante è l'esperienza (e non parlo di quantità, ma di qualità) e la passione, non chi fa l'insegnante perchè si sta a casa due mesi....

5. Negli ultimi anni (fino alla Moratti) l'attenzione è stata rivolta alla quantità, tante programmazioni, progetti, laboratori... poi con Fioroni si è cercato di accorciare (esempio storia in quinta è solo fino ai romani) ma manca ancora qualcosa. proprio stamattina la nuova dirigente della mia scuola ci ha confermata quello che sapevamo tutti: prima educhiamoli nel comportamento, poi a leggere e a scrivere, per il resto c'è sempre tempo.

Spero di essere stata chiara ed esauriente.

Ultima cosa: a chi ha detto che anche l'operaio fa 8 ore al giorno.... Mi tolgo tanto di cappello, ma sono due lavori del tutto diversi. Ciao a tutti

Cry



ma chi decide quale sia il più importante o il più faticoso??
robi970 robi970 01/09/2008 ore 18.23.44 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

A crypier che il 01/09/2008 17.36.20 ha scritto:
Innanzitutto grazie per la risposta chiara e precisa.

Analizzero il tutto seguendo la tua numerazione:

1.Ti parlo per esperienza personale, in base a ciò che ho visto e osservo a scuola (premetto che comunque ogni direzione didattica e istituto comprensivo sono una realtà a sè) a volta in una stessa sezione lavorano 4 insegnanti: 1 di L2, 1 di religione , 1 per l'area linguistico-antropologica e una per l'area matematico-scientifica. Gli insegnanti di religione e L2 gestiscono circa 10 classi a testa. Se metti però l'insegnante unico saltano anche quelle di religione e L2 più una terza insegnante. Quindi a conti fatti qualcuno "rimarrà a casa".

2. il tempo pieno è il servizio che la scuola italiana offre alle famiglie che vedo entrambi i genitori impegnati nel lavoro e che affidano i loro figli alla scuola per 8 ore al giorno, senza doversi preoccupare perchè comunque sono al sicuro all'interno di una struttura che li educa e li forma. Purtroppo (io non sono una fan del tempo pieno) per molte famiglie tale servizio è essenziale. Quindi concordo con te nella soluzione delle due insegnati, ancor di più opterei per un'insegnante unica per matematica, scienze, italiano,storia e geografia, ma per materie come musica, motoria, immagine, religione, L2 sceglierei degli esperti veri e propri, persone specializzate in quegli ambiti e tali amterie le vedrei come occupazioni pomeridiane nel tempo pieno.

3/4. L'età alla fine non conta, ciò che è importante è l'esperienza (e non parlo di quantità, ma di qualità) e la passione, non chi fa l'insegnante perchè si sta a casa due mesi....

5. Negli ultimi anni (fino alla Moratti) l'attenzione è stata rivolta alla quantità, tante programmazioni, progetti, laboratori... poi con Fioroni si è cercato di accorciare (esempio storia in quinta è solo fino ai romani) ma manca ancora qualcosa. proprio stamattina la nuova dirigente della mia scuola ci ha confermata quello che sapevamo tutti: prima educhiamoli nel comportamento, poi a leggere e a scrivere, per il resto c'è sempre tempo.

Spero di essere stata chiara ed esauriente.

Ultima cosa: a chi ha detto che anche l'operaio fa 8 ore al giorno.... Mi tolgo tanto di cappello, ma sono due lavori del tutto diversi.

Ciao a tutti

Cry

1- beh, no.... ank'io alle elementari avevo l'insegnante unica, ma la religione e il tedesco me lo facevano altre maestre/sacerdote....
è logico ke anke in qsto caso certi maestri non perderebbero il posto, ma continuerebbero a seguire molte classi

2- sì, come già accennato al punto uno, certe materie resterebbero nelle "mani" di professori specifici.... ma secondo me dovrebbe avvenire come succedeva qndo andavo a scuola io:
la maestra restava in classe a seguire le varie lezioni e così poter responsabilizzare gli alunni!
..nel "doposcuola" invece non vedo la necessità ke i bambini debbano essere seguiti dalla loro maestra:

un'alternativa potrebbe essere qlla di lasciare alle ore pomeridiane qlle materie specifike da far insegnare ai maestri specifici: musica, attività motoria (da aumentare moltissimo!!!), immagine ecc...
sulla religione resto perplesso, ma non x i motivi ke in genere tutti adducono

3/4 AMEN !!! :inchino

5- qsto punto è proprio il nodo cruciale ke andrebbe affrontato con maggior attenzione.... ma ke credo qsi tutti i governi abbiano sottovalutato.
la riforma moratti non la ritengo perfetta, ma sicuram x me è stata una delle migliori riforme ke la scuola italiana abbia mai avuto... credo ke occorrerebbe seguire quell'indicazione
Nadia36 Nadia36 01/09/2008 ore 18.40.22
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

A crypier che il 01/09/2008 17.36.20 ha scritto:

Innanzitutto grazie per la risposta chiara e precisa.

Analizzero il tutto seguendo la tua numerazione:

1.Ti parlo per esperienza personale, in base a ciò che ho visto e osservo a scuola (premetto che comunque ogni direzione didattica e istituto comprensivo sono una realtà a sè) a volta in una stessa sezione lavorano 4 insegnanti: 1 di L2, 1 di religione , 1 per l'area linguistico-antropologica e una per l'area matematico-scientifica. Gli insegnanti di religione e L2 gestiscono circa 10 classi a testa. Se metti però l'insegnante unico saltano anche quelle di religione e L2 più una terza insegnante. Quindi a conti fatti qualcuno "rimarrà a casa".

2. il tempo pieno è il servizio che la scuola italiana offre alle famiglie che vedo entrambi i genitori impegnati nel lavoro e che affidano i loro figli alla scuola per 8 ore al giorno, senza doversi preoccupare perchè comunque sono al sicuro all'interno di una struttura che li educa e li forma. Purtroppo (io non sono una fan del tempo pieno) per molte famiglie tale servizio è essenziale. Quindi concordo con te nella soluzione delle due insegnati, ancor di più opterei per un'insegnante unica per matematica, scienze, italiano,storia e geografia, ma per materie come musica, motoria, immagine, religione, L2 sceglierei degli esperti veri e propri, persone specializzate in quegli ambiti e tali amterie le vedrei come occupazioni pomeridiane nel tempo pieno.

3/4. L'età alla fine non conta, ciò che è importante è l'esperienza (e non parlo di quantità, ma di qualità) e la passione, non chi fa l'insegnante perchè si sta a casa due mesi....

5. Negli ultimi anni (fino alla Moratti) l'attenzione è stata rivolta alla quantità, tante programmazioni, progetti, laboratori... poi con Fioroni si è cercato di accorciare (esempio storia in quinta è solo fino ai romani) ma manca ancora qualcosa. proprio stamattina la nuova dirigente della mia scuola ci ha confermata quello che sapevamo tutti: prima educhiamoli nel comportamento, poi a leggere e a scrivere, per il resto c'è sempre tempo.

Spero di essere stata chiara ed esauriente.

Ultima cosa: a chi ha detto che anche l'operaio fa 8 ore al giorno.... Mi tolgo tanto di cappello, ma sono due lavori del tutto diversi.

Ciao a tutti

Cry



Rispondo: E' VERO SONO DIVERSI NEL SENSO CHE DI SOLITO E' PIU' FATICOSO LAVORARE IN FABBRICA O NEI CANTIERI E MENO FATICOSO INSEGNARE . DETTO DA CHI HA PROVATO L'UNO E L'ALTRO. (QUOTO BIG)
1time 1time 01/09/2008 ore 22.00.19
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....


hanno rubato la makkina alla gelmini:

autore un docente napoletano:

ecco svelato l odio della fascista gelmini x i docenti meridionali






mikepatton mikepatton 02/09/2008 ore 00.11.44
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

A Duca.theKnight che il 29/08/2008 15.58.33 ha scritto:

Le mie compagne di classe portavano il.... grembiule (blu). Sotto sfoggiavano minigonne da infarto e quando arrivava l'ora della svestizione era uno spettacolo... :-)))



Rispondo: DUCA, UN APPUNTO.

AI MIEI TEMPI LE BAMBINE PORTAVANO IL GREMBIULE ALLE ELEMENTARI. E MINIGONNE SULLE BAMBINE NON NE VEDEVO SPESSO AI MIEI TEMPI.



lucio6900 lucio6900 02/09/2008 ore 21.34.08
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

A crypier che il 01/09/2008 17.36.20 ha scritto:

Innanzitutto grazie per la risposta chiara e precisa.

Analizzero il tutto seguendo la tua numerazione:

1.Ti parlo per esperienza personale, in base a ciò che ho visto e osservo a scuola (premetto che comunque ogni direzione didattica e istituto comprensivo sono una realtà a sè) a volta in una stessa sezione lavorano 4 insegnanti: 1 di L2, 1 di religione , 1 per l'area linguistico-antropologica e una per l'area matematico-scientifica. Gli insegnanti di religione e L2 gestiscono circa 10 classi a testa. Se metti però l'insegnante unico saltano anche quelle di religione e L2 più una terza insegnante. Quindi a conti fatti qualcuno "rimarrà a casa".

2. il tempo pieno è il servizio che la scuola italiana offre alle famiglie che vedo entrambi i genitori impegnati nel lavoro e che affidano i loro figli alla scuola per 8 ore al giorno, senza doversi preoccupare perchè comunque sono al sicuro all'interno di una struttura che li educa e li forma. Purtroppo (io non sono una fan del tempo pieno) per molte famiglie tale servizio è essenziale. Quindi concordo con te nella soluzione delle due insegnati, ancor di più opterei per un'insegnante unica per matematica, scienze, italiano,storia e geografia, ma per materie come musica, motoria, immagine, religione, L2 sceglierei degli esperti veri e propri, persone specializzate in quegli ambiti e tali amterie le vedrei come occupazioni pomeridiane nel tempo pieno.

3/4. L'età alla fine non conta, ciò che è importante è l'esperienza (e non parlo di quantità, ma di qualità) e la passione, non chi fa l'insegnante perchè si sta a casa due mesi....

5. Negli ultimi anni (fino alla Moratti) l'attenzione è stata rivolta alla quantità, tante programmazioni, progetti, laboratori... poi con Fioroni si è cercato di accorciare (esempio storia in quinta è solo fino ai romani) ma manca ancora qualcosa. proprio stamattina la nuova dirigente della mia scuola ci ha confermata quello che sapevamo tutti: prima educhiamoli nel comportamento, poi a leggere e a scrivere, per il resto c'è sempre tempo.

Spero di essere stata chiara ed esauriente.

Ultima cosa: a chi ha detto che anche l'operaio fa 8 ore al giorno.... Mi tolgo tanto di cappello, ma sono due lavori del tutto diversi. Ciao a tutti

Cry



Rispondo: è vero capisco stress che possono provocare studenti ma vuoi paragonare 8 ore di insegnamento con 8 ore che ne so FONDERIA? CARPENTERIA? CATENA DI MONTAGGIO?MURATORI? ECC..

su dai non esageriamo no ti pare? POI MAGARI TU PRENDI 200 IN PIU AL MESE
rosa47 rosa47 03/09/2008 ore 11.09.43 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....


I miei due primi figli, hanno avuto la maestra unica, oggi sono laureati, hanno studiato sempre con profitto.. liceo classico e laurea.. le basi buone venivano dalle elementari..l'ultimo figlio 26 anni fa ebbe le quattro maestre, un disastro..con l'aiuto dei fratelli (quando potevano) e il mio riuscimmo a metterlo in carreggiata, alle medie e allo scentifico risultò tra i migliori.

Tutto questo, per dire, che le quattro maestre all'epoca non funzionarono...nel programma della sperimentale (come si chiamava allora) c'era l'inglese,alla fine delle elementari Luca conosceva si o no una decina di parole di questa lingua.
Adesso che è un bravo programmatore, parla speditamente l'inglese,ma non per opera della scuola...

Se Luca non avesse avuto alle spalle una famiglia interessata ai suoi studi, oggi non credo che sarebbe arrivato bene!
I primi passi scolastici sono importanti, su queste, si costruisce piano, piano il tutto! La mente del bambino, non sempre e pronta a ricevere tante nozioni.

Mi diceva l'insegnante dei miei due figli..(che non tutti i bambini hanno lo stesso grado di apprendimento, per questo, le elementari non può avere un programma fisso da rispettare, l'insegnante (quelle brave) usano due linguaggi, quello più fluido per i bambini che apprendono subito e quello più lento, per i bambini lenti) non ha importanza il tempo che si perde... l'importane, è che per la fine dell'anno viene rispettato tutto il programma scolastico..ma ancor di più rispettate le diverse intelligenze..questo, è il compito più arduo di una bava maetra. Anche perchè.. per sua esperienza..non era raro che i ragazzi più lenti dessero risultati eccellenti

La maetra in questione, aveva 60 anni, aveva fatto del suo lavoro una missione.
Era bravissima! Ci teneva tanto che i bambini più lenti non s'accorgessero di nulla,onde evitare che nel loro tenero animo si diffondesse la sfiducia verso la scuola e gli studi bloccandoli per sempre...Creando le famose intelligenze perse...

Questa è la presentazione della maestra unica dei miei due figli--le quattro di Luca, non le ricordiamo nessuno, compreso Luca.


Quante ce ne sono ancora di queste maestre..uniche?
robi970 robi970 03/09/2008 ore 14.02.37 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....




rosa
,

hai descritto la mia maestra......

non solo la ricordo benissimo, ma ricordo anke le volte (pokissime a dire il vero) ke partiva a passo svelto dalla cattedra verso ki non stava attento, lo prendeva x un orekkio e lo tirava avanti indietro come una campanella, sgridandolo xké stesse attento.....
ed io (ma tutti i miei compagni) zitto a casa x non 'prenderle' anke dai miei!!!
redetoby redetoby 03/09/2008 ore 17.26.19 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

Ci facciam battere dalla TUNISIA come educazione scolastica : Ma credo ke qui ci sia un disegno ke spimge oltre vedremo il tempo Eppure i modelli scolastici ottimi ci sono VEDI IRLANDA MA NOI IN ITALIA CHI DOBBIAM PREMIARE ::SEMPRE QUEI PRETI ARROGANTI E SUCCHIA SANGUE? Ho GIA' SCRITTO PRIMA CREDERE IN DIO E' UTILE X I POVERI ED E' UNO STRUMENTO X I RICCHI
KahrSur KahrSur 03/09/2008 ore 17.41.26
segnala

(Nessuno)RE: La scuola di 30 anni fa....

1 - l'insegnamento di religione te lo dovrebbe pagare la chiesa, non lo stato. Rifiuto di considerarla come una materia, è solo indottrinamento. Non ha la dignità di matematica o scienze

2 - ottimo il voto in condotta. Se rompi i coglioni e sei una presenza distruttiva non meriti il diploma

3 - favorevole al maestro unico. Per quelle quattro cazzate che si fanno alle elementari basta e avanza. E se il tizio (o la tizia) di cinquant'anni non reggono... ci sono tanti più giovani e più qualificati, più affamati ed emerginati dai posti fissi che non aspettano altro che di pensionarli.

Largo al merito, e ai giovani.



Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.