Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

raimondPG raimondPG 29/08/2008 ore 22.09.21
segnala

(Nessuno)BERLUSCONI E LA TRUFFA ALITALIA

E oggi il Pd, nonostante le assennate parole di Veltroni e Bersani, è sostanzialmente privo di voce perché politicamente privo di identità: il suo ministro ombra delle Attività Produttive, il giovane Matteo Colaninno, dovrebbe attaccare il pasticcio Alitalia ma non può farlo perché porta lo stesso cognome del presidente in pectore della "Nuova Alitalia", il padre Roberto Colaninno.

Ritorno sulla vicenda Alitalia perchè si tratta di una cosa indegna. Il fatto che Berlusconi abbia sentito il bisogno di spiegare a reti unificate che la promessa del salvataggio era stato mantenuto racconta di una cosa che puzza molto. E poichè la puzza e forte e chiara poterebbe sentirla anche qualcuno a destra. Infatti chiunque abbia un po' di cervello capisce che è stata fatta l'ennesima truffa agli Italiani. >Infatti l'operazione Alitalia consiste in questo: hanno dato la parte marcia della compagnia che chiamano la "bad company" cioè i debiti, i 7 mila esuberi allo Stato, cioè a noi cittadini che dovremo ripianarle con il pagamento delle tasse. la polpa, la parte buona invece è stata venduta, anzi svenduta agli amici e a quell'Airfrance che aveva fatto un 'offerta molto più vantaggiosa al governo Prodi ("solo" 2 mila esuberi e si accollava i debiti). All'Italiana, anzi alla capitalista hanno privatizzato i profitti e socializzato le perdite scaricandole sui cittadini. Almeno su quelli che pagano le tasse ed in maggioranza non votano a destra. Se la gente si beve questa truffa vuol dire che merita di essere truffata, cosi come merita di essere truffato chi si affida maghi e di imbonitori.

giuseppe galluccio
29/8/08





circe73 circe73 30/08/2008 ore 00.54.03
segnala

(Nessuno)RE: BERLUSCONI E LA TRUFFA ALITALIA

thread scomodo....  :mmm
nullval nullval 30/08/2008 ore 01.05.35
segnala

(Nessuno)RE: BERLUSCONI E LA TRUFFA ALITALIA

scomodissimo, girano alla larga... :hihi
mikepatton mikepatton 30/08/2008 ore 02.14.58
segnala

(Nessuno)RE: BERLUSCONI E LA TRUFFA ALITALIA

IO VOGLIO SENTIRE COSA NE PENSA CRISTIAN77
xpescatore xpescatore 30/08/2008 ore 10.13.26
segnala

(Nessuno)RE: BERLUSCONI E LA TRUFFA ALITALIA

A raimondPG che il 29/08/2008 22.09.21 ha scritto:
E oggi il Pd, nonostante le assennate parole di Veltroni e Bersani, è sostanzialmente privo di voce perché politicamente privo di identità: il suo ministro ombra delle Attività Produttive, il giovane Matteo Colaninno, dovrebbe attaccare il pasticcio Alitalia ma non può farlo perché porta lo stesso cognome del presidente in pectore della "Nuova Alitalia", il padre Roberto Colaninno.

Ritorno sulla vicenda Alitalia perchè si tratta di una cosa indegna. Il fatto che Berlusconi abbia sentito il bisogno di spiegare a reti unificate che la promessa del salvataggio era stato mantenuto racconta di una cosa che puzza molto. E poichè la puzza e forte e chiara poterebbe sentirla anche qualcuno a destra. Infatti chiunque abbia un po' di cervello capisce che è stata fatta l'ennesima truffa agli Italiani. >Infatti l'operazione Alitalia consiste in questo: hanno dato la parte marcia della compagnia che chiamano la "bad company" cioè i debiti, i 7 mila esuberi allo Stato, cioè a noi cittadini che dovremo ripianarle con il pagamento delle tasse. la polpa, la parte buona invece è stata venduta, anzi svenduta agli amici e a quell'Airfrance che aveva fatto un 'offerta molto più vantaggiosa al governo Prodi ("solo" 2 mila esuberi e si accollava i debiti). All'Italiana, anzi alla capitalista hanno privatizzato i profitti e socializzato le perdite scaricandole sui cittadini. Almeno su quelli che pagano le tasse ed in maggioranza non votano a destra. Se la gente si beve questa truffa vuol dire che merita di essere truffata, cosi come merita di essere truffato chi si affida maghi e di imbonitori.

giuseppe galluccio
29/8/08






Rispondo: Opinione opinabile, intanto la cordata che non doveva esserci per tutta la sx c'è eccome e molti dovrebbero chiedere scusa per le opinioni espresse spesso volgarmente.

Come ha detto ieri Passera il piano comincia oggi, ci sono dei programmi in evoluzione e potremo esprimere giudizi solo quando la vera nuova Ailtalia sarà nata.


Altrimenti rischiate di fare la figuraccia che avete fatto sulla cordata.

Duca.theKnight Duca.theKnight 30/08/2008 ore 10.54.06 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: BERLUSCONI E LA TRUFFA ALITALIA


Non è un thread "scomodo", è un thread idiota. L'idea di non lasciare in mezzo ad una strada gli esuberi dovrebbe piacere a chi è di sinistra, invece, per il solo fatto che provenga da Berlusconi, sputate pure su quello. I lavoratori, che difendete a spada tratta anche quando (spesso) sono gli artefici della loro disfatta, non sarebbero certamente stati tutelati da un governo di csx, che avrebbe potuto maneggiare la cosa con più disinvoltura, grazie ai migliori rapporti coi sindacati. Ogni singola questione di questa faccenda può essere interpretata a proprio piacimento. Vi consiglio di avere almeno il buon gusto di attenderne gli sviluppi, prima d'imbarcarvi in posizioni che potrebbero portarvi a rimediare la consueta figuraccia....




Lebowsky70 Lebowsky70 30/08/2008 ore 11.00.32
segnala

(Nessuno)RE: BERLUSCONI E LA TRUFFA ALITALIA

A raimondPG che il 29/08/2008 22.09.21 ha scritto:
E oggi il Pd, nonostante le assennate parole di Veltroni e Bersani, è sostanzialmente privo di voce perché politicamente privo di identità: il suo ministro ombra delle Attività Produttive, il giovane Matteo Colaninno, dovrebbe attaccare il pasticcio Alitalia ma non può farlo perché porta lo stesso cognome del presidente in pectore della "Nuova Alitalia", il padre Roberto Colaninno.

Ritorno sulla vicenda Alitalia perchè si tratta di una cosa indegna. Il fatto che Berlusconi abbia sentito il bisogno di spiegare a reti unificate che la promessa del salvataggio era stato mantenuto racconta di una cosa che puzza molto. E poichè la puzza e forte e chiara poterebbe sentirla anche qualcuno a destra. Infatti chiunque abbia un po' di cervello capisce che è stata fatta l'ennesima truffa agli Italiani. >Infatti l'operazione Alitalia consiste in questo: hanno dato la parte marcia della compagnia che chiamano la "bad company" cioè i debiti, i 7 mila esuberi allo Stato, cioè a noi cittadini che dovremo ripianarle con il pagamento delle tasse. la polpa, la parte buona invece è stata venduta, anzi svenduta agli amici e a quell'Airfrance che aveva fatto un 'offerta molto più vantaggiosa al governo Prodi ("solo" 2 mila esuberi e si accollava i debiti). All'Italiana, anzi alla capitalista hanno privatizzato i profitti e socializzato le perdite scaricandole sui cittadini. Almeno su quelli che pagano le tasse ed in maggioranza non votano a destra. Se la gente si beve questa truffa vuol dire che merita di essere truffata, cosi come merita di essere truffato chi si affida maghi e di imbonitori.

giuseppe galluccio
29/8/08






Rispondo: E' il solito pateracchio all'italiana: banche e imprenditori si buttano come iene sulla carogna di una vecchia azienda statale, è da quando sono iniziate le "alienazioni" che funziona così, con governi di colore diverso. Una volta il capitalismo italiano doveva (spesso a malincuore) fare i conti con la politica, oggi la dirige a piacimento.
cristian1977 cristian1977 30/08/2008 ore 11.47.25
segnala

(Nessuno)RE: BERLUSCONI E LA TRUFFA ALITALIA

A xpescatore che il 30/08/2008 10.13.26 ha scritto:
A raimondPG che il 29/08/2008 22.09.21 ha scritto:
E oggi il Pd, nonostante le assennate parole di Veltroni e Bersani, è sostanzialmente privo di voce perché politicamente privo di identità: il suo ministro ombra delle Attività Produttive, il giovane Matteo Colaninno, dovrebbe attaccare il pasticcio Alitalia ma non può farlo perché porta lo stesso cognome del presidente in pectore della "Nuova Alitalia", il padre Roberto Colaninno.

Ritorno sulla vicenda Alitalia perchè si tratta di una cosa indegna. Il fatto che Berlusconi abbia sentito il bisogno di spiegare a reti unificate che la promessa del salvataggio era stato mantenuto racconta di una cosa che puzza molto. E poichè la puzza e forte e chiara poterebbe sentirla anche qualcuno a destra. Infatti chiunque abbia un po' di cervello capisce che è stata fatta l'ennesima truffa agli Italiani. >Infatti l'operazione Alitalia consiste in questo: hanno dato la parte marcia della compagnia che chiamano la "bad company" cioè i debiti, i 7 mila esuberi allo Stato, cioè a noi cittadini che dovremo ripianarle con il pagamento delle tasse. la polpa, la parte buona invece è stata venduta, anzi svenduta agli amici e a quell'Airfrance che aveva fatto un 'offerta molto più vantaggiosa al governo Prodi ("solo" 2 mila esuberi e si accollava i debiti). All'Italiana, anzi alla capitalista hanno privatizzato i profitti e socializzato le perdite scaricandole sui cittadini. Almeno su quelli che pagano le tasse ed in maggioranza non votano a destra. Se la gente si beve questa truffa vuol dire che merita di essere truffata, cosi come merita di essere truffato chi si affida maghi e di imbonitori.

giuseppe galluccio
29/8/08






Rispondo: Opinione opinabile, intanto la cordata che non doveva esserci per tutta la sx c'è eccome e molti dovrebbero chiedere scusa per le opinioni espresse spesso volgarmente.

Come ha detto ieri Passera il piano comincia oggi, ci sono dei programmi in evoluzione e potremo esprimere giudizi solo quando la vera nuova Ailtalia sarà nata.


Altrimenti rischiate di fare la figuraccia che avete fatto sulla cordata.


Rispondo: concordo
cristian1977 cristian1977 30/08/2008 ore 11.47.43
segnala

(Nessuno)RE: BERLUSCONI E LA TRUFFA ALITALIA

A Duca.theKnight che il 30/08/2008 10.54.06 ha scritto:

Non è un thread "scomodo", è un thread idiota. L'idea di non lasciare in mezzo ad una strada gli esuberi dovrebbe piacere a chi è di sinistra, invece, per il solo fatto che provenga da Berlusconi, sputate pure su quello. I lavoratori, che difendete a spada tratta anche quando (spesso) sono gli artefici della loro disfatta, non sarebbero certamente stati tutelati da un governo di csx, che avrebbe potuto maneggiare la cosa con più disinvoltura, grazie ai migliori rapporti coi sindacati. Ogni singola questione di questa faccenda può essere interpretata a proprio piacimento. Vi consiglio di avere almeno il buon gusto di attenderne gli sviluppi, prima d'imbarcarvi in posizioni che potrebbero portarvi a rimediare la consueta figuraccia....





Rispondo: concordo
cristian1977 cristian1977 30/08/2008 ore 11.52.48
segnala

(Nessuno)RE: BERLUSCONI E LA TRUFFA ALITALIA

A mikepatton che il 30/08/2008 2.14.58 ha scritto:
IO VOGLIO SENTIRE COSA NE PENSA CRISTIAN77

Rispondo: dico questo:

se fanno come si è fatto per parmalat i debiti alitalia vengono pagati, con calma, dalla nuova alitalia

che una buona parte di questa cordata è composta da persone di sinistra, persone che hanno avuto più fiducia nei piani di berlusconi che non in quelli di prodi

che ieri sera a tg7 fassino ha fatto una pessima figura quando dopo aver fatto la sua propaganda contro questa operazione gli hanno chiesto due cose

come mai imprenditori di sinistra tra cui il padre di un vostro ministro ombra ha detto SI a questa operazione se come lei dice è sbagliata?

cosa farebbe lei per rendere accettabile questa operazione modificando i punti a voi non convincenti

fassino ha risposto

scena muta e cambiando argomento


nullval nullval 30/08/2008 ore 12.05.10
segnala

(Nessuno)RE: BERLUSCONI E LA TRUFFA ALITALIA

A xpescatore che il 30/08/2008 10.13.26 ha scritto:
A raimondPG che il 29/08/2008 22.09.21 ha scritto:
E oggi il Pd, nonostante le assennate parole di Veltroni e Bersani, è sostanzialmente privo di voce perché politicamente privo di identità: il suo ministro ombra delle Attività Produttive, il giovane Matteo Colaninno, dovrebbe attaccare il pasticcio Alitalia ma non può farlo perché porta lo stesso cognome del presidente in pectore della "Nuova Alitalia", il padre Roberto Colaninno.

Ritorno sulla vicenda Alitalia perchè si tratta di una cosa indegna. Il fatto che Berlusconi abbia sentito il bisogno di spiegare a reti unificate che la promessa del salvataggio era stato mantenuto racconta di una cosa che puzza molto. E poichè la puzza e forte e chiara poterebbe sentirla anche qualcuno a destra. Infatti chiunque abbia un po' di cervello capisce che è stata fatta l'ennesima truffa agli Italiani. >Infatti l'operazione Alitalia consiste in questo: hanno dato la parte marcia della compagnia che chiamano la "bad company" cioè i debiti, i 7 mila esuberi allo Stato, cioè a noi cittadini che dovremo ripianarle con il pagamento delle tasse. la polpa, la parte buona invece è stata venduta, anzi svenduta agli amici e a quell'Airfrance che aveva fatto un 'offerta molto più vantaggiosa al governo Prodi ("solo" 2 mila esuberi e si accollava i debiti). All'Italiana, anzi alla capitalista hanno privatizzato i profitti e socializzato le perdite scaricandole sui cittadini. Almeno su quelli che pagano le tasse ed in maggioranza non votano a destra. Se la gente si beve questa truffa vuol dire che merita di essere truffata, cosi come merita di essere truffato chi si affida maghi e di imbonitori.

giuseppe galluccio
29/8/08






Rispondo: Opinione opinabile, intanto la cordata che non doveva esserci per tutta la sx c'è eccome e molti dovrebbero chiedere scusa per le opinioni espresse spesso volgarmente.

Come ha detto ieri Passera il piano comincia oggi, ci sono dei programmi in evoluzione e potremo esprimere giudizi solo quando la vera nuova Ailtalia sarà nata.


Altrimenti rischiate di fare la figuraccia che avete fatto sulla cordata.


Rispondo: ho letto da qualche parte che usi la logica, bene... che cosa è la BAD COMPANY , a che serve? quando mai si socializzano i debiti e si privatizzano gli utili? Se, come dici sei un uomo che usa la logica qualche dubbio dovresti fartelo venire... a questa stregua ti salvo qualsiasi società... è stata modificata la legge Marzano, è stata cambiata la legge antitrust... vedranno i consumatori della tratta Roma-Milano...
cristian1977 cristian1977 30/08/2008 ore 12.21.11
segnala

(Nessuno)RE: BERLUSCONI E LA TRUFFA ALITALIA

A nullval che il 30/08/2008 12.05.10 ha scritto:
A xpescatore che il 30/08/2008 10.13.26 ha scritto:
A raimondPG che il 29/08/2008 22.09.21 ha scritto:
E oggi il Pd, nonostante le assennate parole di Veltroni e Bersani, è sostanzialmente privo di voce perché politicamente privo di identità: il suo ministro ombra delle Attività Produttive, il giovane Matteo Colaninno, dovrebbe attaccare il pasticcio Alitalia ma non può farlo perché porta lo stesso cognome del presidente in pectore della "Nuova Alitalia", il padre Roberto Colaninno.

Ritorno sulla vicenda Alitalia perchè si tratta di una cosa indegna. Il fatto che Berlusconi abbia sentito il bisogno di spiegare a reti unificate che la promessa del salvataggio era stato mantenuto racconta di una cosa che puzza molto. E poichè la puzza e forte e chiara poterebbe sentirla anche qualcuno a destra. Infatti chiunque abbia un po' di cervello capisce che è stata fatta l'ennesima truffa agli Italiani. >Infatti l'operazione Alitalia consiste in questo: hanno dato la parte marcia della compagnia che chiamano la "bad company" cioè i debiti, i 7 mila esuberi allo Stato, cioè a noi cittadini che dovremo ripianarle con il pagamento delle tasse. la polpa, la parte buona invece è stata venduta, anzi svenduta agli amici e a quell'Airfrance che aveva fatto un 'offerta molto più vantaggiosa al governo Prodi ("solo" 2 mila esuberi e si accollava i debiti). All'Italiana, anzi alla capitalista hanno privatizzato i profitti e socializzato le perdite scaricandole sui cittadini. Almeno su quelli che pagano le tasse ed in maggioranza non votano a destra. Se la gente si beve questa truffa vuol dire che merita di essere truffata, cosi come merita di essere truffato chi si affida maghi e di imbonitori.

giuseppe galluccio
29/8/08






Rispondo: Opinione opinabile, intanto la cordata che non doveva esserci per tutta la sx c'è eccome e molti dovrebbero chiedere scusa per le opinioni espresse spesso volgarmente.

Come ha detto ieri Passera il piano comincia oggi, ci sono dei programmi in evoluzione e potremo esprimere giudizi solo quando la vera nuova Ailtalia sarà nata.


Altrimenti rischiate di fare la figuraccia che avete fatto sulla cordata.


Rispondo: ho letto da qualche parte che usi la logica, bene... che cosa è la BAD COMPANY , a che serve? quando mai si socializzano i debiti e si privatizzano gli utili? Se, come dici sei un uomo che usa la logica qualche dubbio dovresti fartelo venire... a questa stregua ti salvo qualsiasi società... è stata modificata la legge Marzano, è stata cambiata la legge antitrust... vedranno i consumatori della tratta Roma-Milano...

Rispondo: se hai seguito le vicende parmalat dovresti saperlo ovvero:

la vecchia compagina, parmalat (in questo caso alitalia) di fatto viene congelata come se non esistesse più in modo che tutti i debiti fino ad ora accumulati siano bloccati (bad company)

la nuova compagnia, parmalat (in questo caso la nuova alitalia) di fatto parte con tutto il capitale della vecchia compagnia, con il patrimonio immobiliare e lavorativo ma con debiti pari a 0

ogni anno dalla nuova compagnia in attivo (grazie al piano industriale di rinnovamento) viene prelevata una piccola parte degli utili che serviranno a pagare i debiti congelati della vecchia compagnia (bad company)

tradotto

parmalat prima, alitalia ora

sono ripartite con il nuovo piano industriale senza dover affrontare i debidi che avevano perchè questi sono stati messi "da parte" con la bad company e ripianati con calma annualmente prendendo una piccola percentuale degli utili destinati a questo scopo
nullval nullval 30/08/2008 ore 12.26.33
segnala

(Nessuno)RE: BERLUSCONI E LA TRUFFA ALITALIA

A cristian1977 che il 30/08/2008 12.21.11 ha scritto:
A nullval che il 30/08/2008 12.05.10 ha scritto:
A xpescatore che il 30/08/2008 10.13.26 ha scritto:
A raimondPG che il 29/08/2008 22.09.21 ha scritto:
E oggi il Pd, nonostante le assennate parole di Veltroni e Bersani, è sostanzialmente privo di voce perché politicamente privo di identità: il suo ministro ombra delle Attività Produttive, il giovane Matteo Colaninno, dovrebbe attaccare il pasticcio Alitalia ma non può farlo perché porta lo stesso cognome del presidente in pectore della "Nuova Alitalia", il padre Roberto Colaninno.

Ritorno sulla vicenda Alitalia perchè si tratta di una cosa indegna. Il fatto che Berlusconi abbia sentito il bisogno di spiegare a reti unificate che la promessa del salvataggio era stato mantenuto racconta di una cosa che puzza molto. E poichè la puzza e forte e chiara poterebbe sentirla anche qualcuno a destra. Infatti chiunque abbia un po' di cervello capisce che è stata fatta l'ennesima truffa agli Italiani. >Infatti l'operazione Alitalia consiste in questo: hanno dato la parte marcia della compagnia che chiamano la "bad company" cioè i debiti, i 7 mila esuberi allo Stato, cioè a noi cittadini che dovremo ripianarle con il pagamento delle tasse. la polpa, la parte buona invece è stata venduta, anzi svenduta agli amici e a quell'Airfrance che aveva fatto un 'offerta molto più vantaggiosa al governo Prodi ("solo" 2 mila esuberi e si accollava i debiti). All'Italiana, anzi alla capitalista hanno privatizzato i profitti e socializzato le perdite scaricandole sui cittadini. Almeno su quelli che pagano le tasse ed in maggioranza non votano a destra. Se la gente si beve questa truffa vuol dire che merita di essere truffata, cosi come merita di essere truffato chi si affida maghi e di imbonitori.

giuseppe galluccio
29/8/08






Rispondo: Opinione opinabile, intanto la cordata che non doveva esserci per tutta la sx c'è eccome e molti dovrebbero chiedere scusa per le opinioni espresse spesso volgarmente.

Come ha detto ieri Passera il piano comincia oggi, ci sono dei programmi in evoluzione e potremo esprimere giudizi solo quando la vera nuova Ailtalia sarà nata.


Altrimenti rischiate di fare la figuraccia che avete fatto sulla cordata.


Rispondo: ho letto da qualche parte che usi la logica, bene... che cosa è la BAD COMPANY , a che serve? quando mai si socializzano i debiti e si privatizzano gli utili? Se, come dici sei un uomo che usa la logica qualche dubbio dovresti fartelo venire... a questa stregua ti salvo qualsiasi società... è stata modificata la legge Marzano, è stata cambiata la legge antitrust... vedranno i consumatori della tratta Roma-Milano...

Rispondo: se hai seguito le vicende parmalat dovresti saperlo ovvero:

la vecchia compagina, parmalat (in questo caso alitalia) di fatto viene congelata come se non esistesse più in modo che tutti i debiti fino ad ora accumulati siano bloccati (bad company)

la nuova compagnia, parmalat (in questo caso la nuova alitalia) di fatto parte con tutto il capitale della vecchia compagnia, con il patrimonio immobiliare e lavorativo ma con debiti pari a 0

ogni anno dalla nuova compagnia in attivo (grazie al piano industriale di rinnovamento) viene prelevata una piccola parte degli utili che serviranno a pagare i debiti congelati della vecchia compagnia (bad company)

tradotto

parmalat prima, alitalia ora

sono ripartite con il nuovo piano industriale senza dover affrontare i debidi che avevano perchè questi sono stati messi "da parte" con la bad company e ripianati con calma annualmente prendendo una piccola percentuale degli utili destinati a questo scopo

Rispondo: la Parmalat è rimasta Parmalat, l'Alitalia viene divisa in due società con statuto, capitale sociale, ragione sociale, A.D., diversi!!! ... non lo vuoi capire, vero? il resto non lo commento perché denunci carenze nei campi di economia e finanza...
cristian1977 cristian1977 30/08/2008 ore 12.30.57
segnala

(Nessuno)RE: BERLUSCONI E LA TRUFFA ALITALIA

A nullval che il 30/08/2008 12.26.33 ha scritto:
A cristian1977 che il 30/08/2008 12.21.11 ha scritto:
A nullval che il 30/08/2008 12.05.10 ha scritto:
A xpescatore che il 30/08/2008 10.13.26 ha scritto:
A raimondPG che il 29/08/2008 22.09.21 ha scritto:
E oggi il Pd, nonostante le assennate parole di Veltroni e Bersani, è sostanzialmente privo di voce perché politicamente privo di identità: il suo ministro ombra delle Attività Produttive, il giovane Matteo Colaninno, dovrebbe attaccare il pasticcio Alitalia ma non può farlo perché porta lo stesso cognome del presidente in pectore della "Nuova Alitalia", il padre Roberto Colaninno.

Ritorno sulla vicenda Alitalia perchè si tratta di una cosa indegna. Il fatto che Berlusconi abbia sentito il bisogno di spiegare a reti unificate che la promessa del salvataggio era stato mantenuto racconta di una cosa che puzza molto. E poichè la puzza e forte e chiara poterebbe sentirla anche qualcuno a destra. Infatti chiunque abbia un po' di cervello capisce che è stata fatta l'ennesima truffa agli Italiani. >Infatti l'operazione Alitalia consiste in questo: hanno dato la parte marcia della compagnia che chiamano la "bad company" cioè i debiti, i 7 mila esuberi allo Stato, cioè a noi cittadini che dovremo ripianarle con il pagamento delle tasse. la polpa, la parte buona invece è stata venduta, anzi svenduta agli amici e a quell'Airfrance che aveva fatto un 'offerta molto più vantaggiosa al governo Prodi ("solo" 2 mila esuberi e si accollava i debiti). All'Italiana, anzi alla capitalista hanno privatizzato i profitti e socializzato le perdite scaricandole sui cittadini. Almeno su quelli che pagano le tasse ed in maggioranza non votano a destra. Se la gente si beve questa truffa vuol dire che merita di essere truffata, cosi come merita di essere truffato chi si affida maghi e di imbonitori.

giuseppe galluccio
29/8/08






Rispondo: Opinione opinabile, intanto la cordata che non doveva esserci per tutta la sx c'è eccome e molti dovrebbero chiedere scusa per le opinioni espresse spesso volgarmente.

Come ha detto ieri Passera il piano comincia oggi, ci sono dei programmi in evoluzione e potremo esprimere giudizi solo quando la vera nuova Ailtalia sarà nata.


Altrimenti rischiate di fare la figuraccia che avete fatto sulla cordata.


Rispondo: ho letto da qualche parte che usi la logica, bene... che cosa è la BAD COMPANY , a che serve? quando mai si socializzano i debiti e si privatizzano gli utili? Se, come dici sei un uomo che usa la logica qualche dubbio dovresti fartelo venire... a questa stregua ti salvo qualsiasi società... è stata modificata la legge Marzano, è stata cambiata la legge antitrust... vedranno i consumatori della tratta Roma-Milano...

Rispondo: se hai seguito le vicende parmalat dovresti saperlo ovvero:

la vecchia compagina, parmalat (in questo caso alitalia) di fatto viene congelata come se non esistesse più in modo che tutti i debiti fino ad ora accumulati siano bloccati (bad company)

la nuova compagnia, parmalat (in questo caso la nuova alitalia) di fatto parte con tutto il capitale della vecchia compagnia, con il patrimonio immobiliare e lavorativo ma con debiti pari a 0

ogni anno dalla nuova compagnia in attivo (grazie al piano industriale di rinnovamento) viene prelevata una piccola parte degli utili che serviranno a pagare i debiti congelati della vecchia compagnia (bad company)

tradotto

parmalat prima, alitalia ora

sono ripartite con il nuovo piano industriale senza dover affrontare i debidi che avevano perchè questi sono stati messi "da parte" con la bad company e ripianati con calma annualmente prendendo una piccola percentuale degli utili destinati a questo scopo

Rispondo: la Parmalat è rimasta Parmalat, l'Alitalia viene divisa in due società con statuto, capitale sociale, ragione sociale, A.D., diversi!!! ... non lo vuoi capire, vero? il resto non lo commento perché denunci carenze nei campi di economia e finanza...

Rispondo: se vai a rileggerti tutto la parmalat è stata divisa in due società

la "vecchia" parmalat con una sua ragione sociale ed un suo AD

e la "nuova" parmalat con sua ragione sociale ed un suo AD

con alitalia rifanno le stesse cose che sono state fatte con parmalat per salvare l'azienda, i lavoratori, i creditori

e... mentre con parmalat i risparmiatori ci hanno rimesso, con alitalia stanno studiando affinchè chi aveva azioni alitalia non perda i soldi investiti


nullval nullval 30/08/2008 ore 12.35.43
segnala

(Nessuno)RE: BERLUSCONI E LA TRUFFA ALITALIA

A cristian1977 che il 30/08/2008 12.30.57 ha scritto:
A nullval che il 30/08/2008 12.26.33 ha scritto:
A cristian1977 che il 30/08/2008 12.21.11 ha scritto:
A nullval che il 30/08/2008 12.05.10 ha scritto:
A xpescatore che il 30/08/2008 10.13.26 ha scritto:
A raimondPG che il 29/08/2008 22.09.21 ha scritto:
E oggi il Pd, nonostante le assennate parole di Veltroni e Bersani, è sostanzialmente privo di voce perché politicamente privo di identità: il suo ministro ombra delle Attività Produttive, il giovane Matteo Colaninno, dovrebbe attaccare il pasticcio Alitalia ma non può farlo perché porta lo stesso cognome del presidente in pectore della "Nuova Alitalia", il padre Roberto Colaninno.

Ritorno sulla vicenda Alitalia perchè si tratta di una cosa indegna. Il fatto che Berlusconi abbia sentito il bisogno di spiegare a reti unificate che la promessa del salvataggio era stato mantenuto racconta di una cosa che puzza molto. E poichè la puzza e forte e chiara poterebbe sentirla anche qualcuno a destra. Infatti chiunque abbia un po' di cervello capisce che è stata fatta l'ennesima truffa agli Italiani. >Infatti l'operazione Alitalia consiste in questo: hanno dato la parte marcia della compagnia che chiamano la "bad company" cioè i debiti, i 7 mila esuberi allo Stato, cioè a noi cittadini che dovremo ripianarle con il pagamento delle tasse. la polpa, la parte buona invece è stata venduta, anzi svenduta agli amici e a quell'Airfrance che aveva fatto un 'offerta molto più vantaggiosa al governo Prodi ("solo" 2 mila esuberi e si accollava i debiti). All'Italiana, anzi alla capitalista hanno privatizzato i profitti e socializzato le perdite scaricandole sui cittadini. Almeno su quelli che pagano le tasse ed in maggioranza non votano a destra. Se la gente si beve questa truffa vuol dire che merita di essere truffata, cosi come merita di essere truffato chi si affida maghi e di imbonitori.

giuseppe galluccio
29/8/08






Rispondo: Opinione opinabile, intanto la cordata che non doveva esserci per tutta la sx c'è eccome e molti dovrebbero chiedere scusa per le opinioni espresse spesso volgarmente.

Come ha detto ieri Passera il piano comincia oggi, ci sono dei programmi in evoluzione e potremo esprimere giudizi solo quando la vera nuova Ailtalia sarà nata.


Altrimenti rischiate di fare la figuraccia che avete fatto sulla cordata.


Rispondo: ho letto da qualche parte che usi la logica, bene... che cosa è la BAD COMPANY , a che serve? quando mai si socializzano i debiti e si privatizzano gli utili? Se, come dici sei un uomo che usa la logica qualche dubbio dovresti fartelo venire... a questa stregua ti salvo qualsiasi società... è stata modificata la legge Marzano, è stata cambiata la legge antitrust... vedranno i consumatori della tratta Roma-Milano...

Rispondo: se hai seguito le vicende parmalat dovresti saperlo ovvero:

la vecchia compagina, parmalat (in questo caso alitalia) di fatto viene congelata come se non esistesse più in modo che tutti i debiti fino ad ora accumulati siano bloccati (bad company)

la nuova compagnia, parmalat (in questo caso la nuova alitalia) di fatto parte con tutto il capitale della vecchia compagnia, con il patrimonio immobiliare e lavorativo ma con debiti pari a 0

ogni anno dalla nuova compagnia in attivo (grazie al piano industriale di rinnovamento) viene prelevata una piccola parte degli utili che serviranno a pagare i debiti congelati della vecchia compagnia (bad company)

tradotto

parmalat prima, alitalia ora

sono ripartite con il nuovo piano industriale senza dover affrontare i debidi che avevano perchè questi sono stati messi "da parte" con la bad company e ripianati con calma annualmente prendendo una piccola percentuale degli utili destinati a questo scopo

Rispondo: la Parmalat è rimasta Parmalat, l'Alitalia viene divisa in due società con statuto, capitale sociale, ragione sociale, A.D., diversi!!! ... non lo vuoi capire, vero? il resto non lo commento perché denunci carenze nei campi di economia e finanza...

Rispondo: se vai a rileggerti tutto la parmalat è stata divisa in due società

la "vecchia" parmalat con una sua ragione sociale ed un suo AD

e la "nuova" parmalat con sua ragione sociale ed un suo AD

con alitalia rifanno le stesse cose che sono state fatte con parmalat per salvare l'azienda, i lavoratori, i creditori

e... mentre con parmalat i risparmiatori ci hanno rimesso, con alitalia stanno studiando affinchè chi aveva azioni alitalia non perda i soldi investiti



Rispondo: la "vecchia" Parmalat è in vita solo per motivi di chiusura aziendale (prassi normale per qualsiasi azienda che fallisca o chiuda e quindi non può più essere operativa sul mercato, ti è chiaro?) ma i debiti se li ciuccia Tanzi e soci della "vecchia" Parmalat, NON noi tutti.
cristian1977 cristian1977 30/08/2008 ore 12.41.17
segnala

(Nessuno)RE: BERLUSCONI E LA TRUFFA ALITALIA

A nullval che il 30/08/2008 12.35.43 ha scritto:
A cristian1977 che il 30/08/2008 12.30.57 ha scritto:
A nullval che il 30/08/2008 12.26.33 ha scritto:
A cristian1977 che il 30/08/2008 12.21.11 ha scritto:
A nullval che il 30/08/2008 12.05.10 ha scritto:
A xpescatore che il 30/08/2008 10.13.26 ha scritto:
A raimondPG che il 29/08/2008 22.09.21 ha scritto:
E oggi il Pd, nonostante le assennate parole di Veltroni e Bersani, è sostanzialmente privo di voce perché politicamente privo di identità: il suo ministro ombra delle Attività Produttive, il giovane Matteo Colaninno, dovrebbe attaccare il pasticcio Alitalia ma non può farlo perché porta lo stesso cognome del presidente in pectore della "Nuova Alitalia", il padre Roberto Colaninno.

Ritorno sulla vicenda Alitalia perchè si tratta di una cosa indegna. Il fatto che Berlusconi abbia sentito il bisogno di spiegare a reti unificate che la promessa del salvataggio era stato mantenuto racconta di una cosa che puzza molto. E poichè la puzza e forte e chiara poterebbe sentirla anche qualcuno a destra. Infatti chiunque abbia un po' di cervello capisce che è stata fatta l'ennesima truffa agli Italiani. >Infatti l'operazione Alitalia consiste in questo: hanno dato la parte marcia della compagnia che chiamano la "bad company" cioè i debiti, i 7 mila esuberi allo Stato, cioè a noi cittadini che dovremo ripianarle con il pagamento delle tasse. la polpa, la parte buona invece è stata venduta, anzi svenduta agli amici e a quell'Airfrance che aveva fatto un 'offerta molto più vantaggiosa al governo Prodi ("solo" 2 mila esuberi e si accollava i debiti). All'Italiana, anzi alla capitalista hanno privatizzato i profitti e socializzato le perdite scaricandole sui cittadini. Almeno su quelli che pagano le tasse ed in maggioranza non votano a destra. Se la gente si beve questa truffa vuol dire che merita di essere truffata, cosi come merita di essere truffato chi si affida maghi e di imbonitori.

giuseppe galluccio
29/8/08






Rispondo: Opinione opinabile, intanto la cordata che non doveva esserci per tutta la sx c'è eccome e molti dovrebbero chiedere scusa per le opinioni espresse spesso volgarmente.

Come ha detto ieri Passera il piano comincia oggi, ci sono dei programmi in evoluzione e potremo esprimere giudizi solo quando la vera nuova Ailtalia sarà nata.


Altrimenti rischiate di fare la figuraccia che avete fatto sulla cordata.


Rispondo: ho letto da qualche parte che usi la logica, bene... che cosa è la BAD COMPANY , a che serve? quando mai si socializzano i debiti e si privatizzano gli utili? Se, come dici sei un uomo che usa la logica qualche dubbio dovresti fartelo venire... a questa stregua ti salvo qualsiasi società... è stata modificata la legge Marzano, è stata cambiata la legge antitrust... vedranno i consumatori della tratta Roma-Milano...

Rispondo: se hai seguito le vicende parmalat dovresti saperlo ovvero:

la vecchia compagina, parmalat (in questo caso alitalia) di fatto viene congelata come se non esistesse più in modo che tutti i debiti fino ad ora accumulati siano bloccati (bad company)

la nuova compagnia, parmalat (in questo caso la nuova alitalia) di fatto parte con tutto il capitale della vecchia compagnia, con il patrimonio immobiliare e lavorativo ma con debiti pari a 0

ogni anno dalla nuova compagnia in attivo (grazie al piano industriale di rinnovamento) viene prelevata una piccola parte degli utili che serviranno a pagare i debiti congelati della vecchia compagnia (bad company)

tradotto

parmalat prima, alitalia ora

sono ripartite con il nuovo piano industriale senza dover affrontare i debidi che avevano perchè questi sono stati messi "da parte" con la bad company e ripianati con calma annualmente prendendo una piccola percentuale degli utili destinati a questo scopo

Rispondo: la Parmalat è rimasta Parmalat, l'Alitalia viene divisa in due società con statuto, capitale sociale, ragione sociale, A.D., diversi!!! ... non lo vuoi capire, vero? il resto non lo commento perché denunci carenze nei campi di economia e finanza...

Rispondo: se vai a rileggerti tutto la parmalat è stata divisa in due società

la "vecchia" parmalat con una sua ragione sociale ed un suo AD

e la "nuova" parmalat con sua ragione sociale ed un suo AD

con alitalia rifanno le stesse cose che sono state fatte con parmalat per salvare l'azienda, i lavoratori, i creditori

e... mentre con parmalat i risparmiatori ci hanno rimesso, con alitalia stanno studiando affinchè chi aveva azioni alitalia non perda i soldi investiti



Rispondo: la "vecchia" Parmalat è in vita solo per motivi di chiusura aziendale (prassi normale per qualsiasi azienda che fallisca o chiuda e quindi non può più essere operativa sul mercato, ti è chiaro?) ma i debiti se li ciuccia Tanzi e soci della "vecchia" Parmalat, NON noi tutti.

Rispondo: i debiti della vecchia parmalat se li ciuccia con molta calma la nuova parmalat che ogni anno versa una minima parte dei suoi utili alla vecchia parmalat per pagare i debiti

i debiti della vecchia alitalia se li ciuccia con molta calma la nuova alitalia che ogni anno verserà una minima parte dei suoi utili alla vecchia alitalia per pagare i debiti

consiglio;

leggiti cosa dice la legge marzano e leggi come hanno messo in pratica questa legge per parmalat poi.... cambia il nome parmalat e mettici alitalia

non li paghiamo noi
nullval nullval 30/08/2008 ore 12.42.36
segnala

(Nessuno)RE: BERLUSCONI E LA TRUFFA ALITALIA


ci rinuncio............
furioso78 furioso78 30/08/2008 ore 14.56.38 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: BERLUSCONI E LA TRUFFA ALITALIA

marzano o non marzano chi ci garantisce che la nuova alitalia così come verrà strutturata non vada in rosso e fallisca come la precedente?? si forse cè un maggiore vantaggio per il fatto che almeno viene acquisita da parte dei francesi che sicuramente sono onesti e ci penseranno due volte prima di far andare a vacche un affare sul quale hanno ivestito anche se non più di tanto visto che noi italiani siamo bravi a svendere ormai tutti i nostri patrimoni daltronde nella situazione economica disastrosa in cui ci troviamo per sopravvivere dobbiamo svendere tutto ormai....quello che mi spaventa di questa fusione è il fatto che oltre a pagare gli esuberi con le nostre tasse perchè sono stra sicuro che andrà così ed è una vergogna che siano state assunte così tante persone in alitalia approfittando del solito schifoso sistema delle raccomandazioni e del sistemare tutti parenti dei parenti tanto pagano gli italiani con le tasse l'eventuale crack...dicevo oltre a questo si assisterà a una riduzione drastica delle tratte in italia e all'estero molti rotte verranno cancellate ci saranno altri esuberi ancora perchè per portare in attivo una compagnia disastrata come alitalia dove per anni si è mangiato a dismisura e dove i vari dirigenti se la sono data a gambe con buoni uscita miliardari vergognosi lasciandola affondare sempre di più ci vorranno azioni drastiche come quelle che ho citato altrimenti la vecchia alitali finirà di ripianare i suoi debiti nel 4500 .....e sicome i francesi non sono fessi e corroti come gli italiani sicuramente apporteranno azioni decise come queste non riesco a provare più di tanta pietà per molti lavoratori in esubero dell'alitalia sono stati messi dentro con un sistema marcio se andate a vedere l'alitalia è una delle compagnia che fino al suo fallimento presentava un personale enorme in confronto alle sue dimensioni nessun altra compagnia aerea aveva così tanti dipendenti...
robi970 robi970 30/08/2008 ore 15.09.28 Ultimi messaggi
segnala

PerplessoRE: BERLUSCONI E LA TRUFFA ALITALIA

A raimondPG che il 29/08/2008 22.09.21 ha scritto:
E oggi il Pd, nonostante le assennate parole di Veltroni e Bersani, è sostanzialmente privo di voce perché politicamente privo di identità: il suo ministro ombra delle Attività Produttive, il giovane Matteo Colaninno, dovrebbe attaccare il pasticcio Alitalia ma non può farlo perché porta lo stesso cognome del presidente in pectore della "Nuova Alitalia", il padre Roberto Colaninno.

Ritorno sulla vicenda Alitalia perchè si tratta di una cosa indegna. Il fatto che Berlusconi abbia sentito il bisogno di spiegare a reti unificate che la promessa del salvataggio era stato mantenuto racconta di una cosa che puzza molto. E poichè la puzza e forte e chiara poterebbe sentirla anche qualcuno a destra. Infatti chiunque abbia un po' di cervello capisce che è stata fatta l'ennesima truffa agli Italiani. >Infatti l'operazione Alitalia consiste in questo: hanno dato la parte marcia della compagnia che chiamano la "bad company" cioè i debiti, i 7 mila esuberi allo Stato, cioè a noi cittadini che dovremo ripianarle con il pagamento delle tasse. la polpa, la parte buona invece è stata venduta, anzi svenduta agli amici e a quell'Airfrance che aveva fatto un 'offerta molto più vantaggiosa al governo Prodi ("solo" 2 mila esuberi e si accollava i debiti). All'Italiana, anzi alla capitalista hanno privatizzato i profitti e socializzato le perdite scaricandole sui cittadini. Almeno su quelli che pagano le tasse ed in maggioranza non votano a destra. Se la gente si beve questa truffa vuol dire che merita di essere truffata, cosi come merita di essere truffato chi si affida maghi e di imbonitori.

giuseppe galluccio
29/8/08




il mio pensiero sulla nuova alitalia l'ho già detto kiaram e se qlkuno non lo sa, ke vada pure a rileggerselo......

intervengo solo xké mi pare proprio buffo ke qlkuno di csx ci venga a dire qlkosa in merito:
<< E oggi il Pd, nonostante le assennate parole di Veltroni e Bersani, è sostanzialmente privo di voce perché politicamente privo di identità: il suo ministro ombra delle Attività Produttive, il giovane Matteo Colaninno, dovrebbe attaccare il pasticcio Alitalia ma non può farlo perché porta lo stesso cognome del presidente in pectore della "Nuova Alitalia", il padre Roberto Colaninno. >>
:hohohahahahahaha.... qlli di csx sono così attaccati alla poltrona da allenarsi al 'non dare le dimissioni' nemmeno da 'ministro ombra'..... e pensare ke i governi ombra non hanno le regole di qlli reali, colaninno potrebbe anke essere licenziato da Uolter....:hoho

:mmm ma siamo sicuri ke qsto thread/articolo sia contro l'attuale governo?

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.