Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

FioreDell.Oscurita FioreDell.Oscurita 03/11/2008 ore 09.41.22
segnala

(Nessuno)Gelmini, il Ministro che non c'è


da LA STAMPA

Il-ministro-non-può. Il-ministro-si-scusa. Il-ministro-diserta.
Tutto, inaugurazioni di anni accademici, discussioni parlamentari, trasmissioni tv, feste di compleanno, addii al nubilato... Dove c’è un invito, c’è un diniego. Dove c’è un impegno, un forfait. Appare uno studente? Scompare lei.

E se fosse davvero, come la prendono in giro gli studenti, una santa, «Beata Ignoranza», sarebbe in questi giorni una santa in clausura, il ministro Mariastella Gelmini, che ha scelto come Mina, semplicemente, di non esserci, di esprimersi con le azioni, di scomparire fisicamente, salvo l’immaterialità delle interviste ufficiali. Solo nell’ultima settimana doveva apparire martedì all’Unione industriale di Torino (l’avete vista?), mercoledì è andata via alla svelta dal Senato per rifugiarsi al ministero, e non s’è fatta vedere all’Università Lateranense, giovedì l’aspettavano alla Luiss e niente, s’è data, venerdì doveva inaugurare con Renato Schifani l’anno accademico al Politecnico di Milano e anche qui disdetta, in bocca l’amaro rimpianto di non poterla ascoltare. Raccontano che abbia cortesemente declinato anche un invito ad andare a un Otto e mezzo sulla scuola; che nel Pdl non facciano che darle consigli, come venti giorni fa, quando ai primi rumori di protesta lei rivelò «sono rimasta all’Eur, mi hanno consigliato di evitare viale Trastevere, il ministero». E cosa fece, allora? Se ne andò da Renato, il suo parrucchiere. «Gli ho telefonato dicendo: adesso i giornali ti fanno diventare famoso».

E sarà anche una strategia, l’eclissi (non per forza da Renato), o una dura necessità imposta da un’Italia con lei acre e malevola, ma vede emergere monolitica un’intera famiglia in fuga, non solo il ministro. A Milzano, bassa bresciana, alla scuola elementare Canossi narrano che la sorella Cinzia, iscritta alla Cgil, in aspettativa tattica da prima che iniziasse la protesta, fosse alquanto dubbiosa sulla riforma di Mariastella. E Sante Gaffurini, segretario del sindacato, è tra i pochi ad assumersene la responsabilità, «nei giorni scorsi abbiamo tenuto una riunione, lei non ha fatto interventi ma ha condiviso la relazione presentata, cioè la preoccupazione per quel che potrà accadere nella scuola». Poi però è sparita. Chiusa in casa, «motivi di famiglia». Lei in sciopero? Macché, ha scritto una nota per negarlo.

Il padre, ex sindaco di Milzano, un vero democristiano, aveva come motto «parlate poco, e non fatevi vedere troppo». L’hanno ascoltato. «Lasciateci in pace», spiegava al telefono la cognata di Mariastella, moglie del fratello Giuseppe, farmacista a Desenzano. «Le cose personali di mia cognata sono affari suoi. L’uffico stampa non risponde? Ecco, avrà i suoi buoni motivi». Così a Desenzano nel sabato di relax la ministra-non-può non è stata avvistata; nonostante il sindaco Felice Anelli la racconti «molto legata a questo luogo, anche se è sempre stata tanto impegnata; è una piacevolissima sorpresa vederla ministro». Ma il tempo s’è assottigliato, la gente diventata così cattiva, con lei...

Sarà per questo, che ha deciso di filarsela e s’è affidata a un verbo, «evitare», contro l’implacabile uno-due inflittole dalle malelingue e dalla contestazione degli studenti. Loro ci scherzano, ma a Desenzano davvero la dipingono come una da sempre ritirata, anche ora che è stata beccata da Novella Duemila col nuovo fidazato, l’imprenditore bergamasco Giorgio Patelli. Prima viveva in una piccola casetta in paese, solo da poco ha preso una palazzina di tre piani quattro chilometri fuori, a Padenghe sul Garda: anche lì, le mura dal color giallo ocra un po’ anonimo, nessuno ha visto manifestarsi un segno di presenza. La donna più contestata, dice qualcuno sognata, certo invitata a vuoto, d’Italia.

Poi se a Brescia e nei dintorni non è possibile vedere né lei né la sorella, i giornali locali si accontentano, «però arriva la sorella di John Lennon», Julia Baird presenterà il suo libro, Imagine this. Lei, Mariastella, per ora dobbiamo appunto immaginarcela.

Commento: E questa sarebbe un ministro? Un politico serio? Dimostra soltanto ciò che è evidente a tutti fuorchè ai vari Cristian nascosti qua e là in Italia: la Gelmini non conta nulla. E' solo stata messa lì per la sua evidente debolezza, per giustificare in qualche modo i tagli (non chiamatela riforma, please...) imposti da Tremonti. Non appare da nessuna parte perchè un vero confronto non potrebbe reggerlo con nessuno: nè con genitori, nè con studenti, nè con insegnanti. Ora potrà ritornare nell'ombra, dimostrandosi per quello che è: una semplice esecutrice di ordini arrivati dall'alto. Beata ignoranza...
intermezzo intermezzo 03/11/2008 ore 09.44.48 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Gelmini, il Ministro che non c'è


Puoi esprimere tutte le opinioni personali che vuoi, ma la Gelmini non mi sembra affatto un tipo debole.




FioreDell.Oscurita FioreDell.Oscurita 03/11/2008 ore 09.49.40
segnala

(Nessuno)RE: Gelmini, il Ministro che non c'è

A intermezzo che il 03/11/2008 9.44.48 ha scritto:

Puoi esprimere tutte le opinioni personali che vuoi, ma la Gelmini non mi sembra affatto un tipo debole.





Rispondo:

Ma secondo te avrebbero messo un ministro forte in un posto così importante? Gli unici ministri forti e che contano qualcosa sono Tremoti e Brunetta....forse un altro paio...ma istruzione e giustizia sono troppo importanti per lasciarlo in mano a gente forte...molto meglio gente inesperta e di facciata, oltre che facilmente manovrabili, come Alfano e Gelmini...
xpescatore xpescatore 03/11/2008 ore 09.51.18
segnala

(Nessuno)RE: Gelmini, il Ministro che non c'è

A intermezzo che il 03/11/2008 9.44.48 ha scritto:

Puoi esprimere tutte le opinioni personali che vuoi, ma la Gelmini non mi sembra affatto un tipo debole.





Rispondo: Anche a me non sembra affatto un tipo debole, anzi mi sembra molto impegnata e quandanche fosse pilotata dall'alto, non ci troverei niente di male. Questo governo ha i suoi programmi ben precisi e delineati ( hanno avuto due anni per prepararsi ) e li mettono in pratica soddisfacendo così il proprio elettorato che li ha eletti proprio a tale scopo.

LittleWolf84 LittleWolf84 03/11/2008 ore 09.51.57 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Gelmini, il Ministro che non c'è

A FioreDell.Oscurita che il 03/11/2008 9.49.40 ha scritto:
A intermezzo che il 03/11/2008 9.44.48 ha scritto:

Puoi esprimere tutte le opinioni personali che vuoi, ma la Gelmini non mi sembra affatto un tipo debole.

 

 

Rispondo: 

Ma secondo te avrebbero messo un ministro forte in un posto così importante? Gli unici ministri forti e che contano qualcosa sono Tremoti e Brunetta....forse un altro paio...ma istruzione e giustizia sono troppo importanti per lasciarlo in mano a gente forte...molto meglio gente inesperta e di facciata, oltre che facilmente manovrabili, come Alfano e Gelmini...

Rispondo: Quoto al 100%




Felice di risentirti Fiore :ok
FioreDell.Oscurita FioreDell.Oscurita 03/11/2008 ore 09.53.10
segnala

(Nessuno)RE: Gelmini, il Ministro che non c'è

A LittleWolf84 che il 03/11/2008 9.51.57 ha scritto:
A FioreDell.Oscurita che il 03/11/2008 9.49.40 ha scritto:
A intermezzo che il 03/11/2008 9.44.48 ha scritto:

Puoi esprimere tutte le opinioni personali che vuoi, ma la Gelmini non mi sembra affatto un tipo debole.





Rispondo:

Ma secondo te avrebbero messo un ministro forte in un posto così importante? Gli unici ministri forti e che contano qualcosa sono Tremoti e Brunetta....forse un altro paio...ma istruzione e giustizia sono troppo importanti per lasciarlo in mano a gente forte...molto meglio gente inesperta e di facciata, oltre che facilmente manovrabili, come Alfano e Gelmini...

Rispondo: Quoto al 100%




Felice di risentirti Fiore :ok

Rispondo:

Grazie little :-)
LittleWolf84 LittleWolf84 03/11/2008 ore 10.04.16 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Gelmini, il Ministro che non c'è

A xpescatore che il 03/11/2008 9.51.18 ha scritto:
A intermezzo che il 03/11/2008 9.44.48 ha scritto:

Puoi esprimere tutte le opinioni personali che vuoi, ma la Gelmini non mi sembra affatto un tipo debole.

 

 

Rispondo: Anche a me non sembra affatto un tipo debole, anzi mi sembra molto impegnata e quandanche fosse pilotata dall'alto, non ci troverei niente di male. Questo governo ha i suoi programmi ben precisi e delineati ( hanno avuto due anni per prepararsi ) e li mettono in pratica soddisfacendo così il proprio elettorato che li ha eletti proprio a tale scopo.


Rispondo: Si pescatore abbiamo visto che bei programmini ha il governo !!

Giustizia : Lodo Alfano e blocca processi (e poi v lamentate che i criminali in galera c stanno al                 massimo 24 ore)

Economia : Alitalia (una vergogna legalizzata che casca sulle spalle della collettività) , promessa nn mantenuta d detassare tradicesime

Istruzione : non Riforma gelmini (tagli, tagli e ancroa tagli sapcciati per riforme,) e finanziamenti a scuole private

Pubblica Amministrazione : una continua demonizazzione del lavoratore pubblico

Contento te......ma nn t apsettare che siano contenti tutti !! :ok
intermezzo intermezzo 03/11/2008 ore 10.06.49 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Gelmini, il Ministro che non c'è

A FioreDell.Oscurita che il 03/11/2008 9.49.40 ha scritto:
A intermezzo che il 03/11/2008 9.44.48 ha scritto:

Puoi esprimere tutte le opinioni personali che vuoi, ma la Gelmini non mi sembra affatto un tipo debole.





Rispondo:

Ma secondo te avrebbero messo un ministro forte in un posto così importante? Gli unici ministri forti e che contano qualcosa sono Tremoti e Brunetta....forse un altro paio...ma istruzione e giustizia sono troppo importanti per lasciarlo in mano a gente forte...molto meglio gente inesperta e di facciata, oltre che facilmente manovrabili, come Alfano e Gelmini...

Rispondo:

Per te essere giovani significa essere deboli? Forse.


xpescatore xpescatore 03/11/2008 ore 10.09.05
segnala

(Nessuno)RE: Gelmini, il Ministro che non c'è

A LittleWolf84 che il 03/11/2008 10.04.16 ha scritto:
A xpescatore che il 03/11/2008 9.51.18 ha scritto:
A intermezzo che il 03/11/2008 9.44.48 ha scritto:

Puoi esprimere tutte le opinioni personali che vuoi, ma la Gelmini non mi sembra affatto un tipo debole.





Rispondo: Anche a me non sembra affatto un tipo debole, anzi mi sembra molto impegnata e quandanche fosse pilotata dall'alto, non ci troverei niente di male. Questo governo ha i suoi programmi ben precisi e delineati ( hanno avuto due anni per prepararsi ) e li mettono in pratica soddisfacendo così il proprio elettorato che li ha eletti proprio a tale scopo.


Rispondo: Si pescatore abbiamo visto che bei programmini ha il governo !!

Giustizia : Lodo Alfano e blocca processi (e poi v lamentate che i criminali in galera c stanno al massimo 24 ore)

Economia : Alitalia (una vergogna legalizzata che casca sulle spalle della collettività) , promessa nn mantenuta d detassare tradicesime

Istruzione : non Riforma gelmini (tagli, tagli e ancroa tagli sapcciati per riforme,) e finanziamenti a scuole private

Pubblica Amministrazione : una continua demonizazzione del lavoratore pubblico

Contento te......ma nn t apsettare che siano contenti tutti !! :ok

Rispondo: Sono contenti tutti quelli che hanno votato cdx. Quelli che tu vedi come difetti per me e per tutti quelli come me sono pregi.

intermezzo intermezzo 03/11/2008 ore 10.14.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Gelmini, il Ministro che non c'è

A LittleWolf84 che il 03/11/2008 10.04.16 ha scritto:

Pubblica Amministrazione : una continua demonizazzione del lavoratore pubblico



Rispondo:

Questo in effetti non mi piace. Io non voglio che il lavoratore pubblico venga demonizzato, voglio che sia costretto a finirla di prenderci per i fondelli. Ma mi sembra che già quel 50% in meno di malattie sia indicativo del fatto che qualcosa si sta muovendo.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.