Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

LadyIsabell LadyIsabell 28/04/2011 ore 23.51.49 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La ineluttabile necessità del NUCLEARE - riflessioni+contributo

santasantorum scrive:
fRANCO bATTAGLIA:
L'illusione dell'energia dal sole (21mo Secolo editore, presentato da Silvio Berlusconi)


La presentazione avrebbe potuto essere pure di Bersani, io ho proposto solo un link sul suo pensiero in materia e ho detto in vari punti cosa ne penso io.
In questo 3d si parla di nucleare, hai da offrire un tuo contributo in materia o ti fermi qua?
LadyIsabell LadyIsabell 28/04/2011 ore 23.55.30 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La ineluttabile necessità del NUCLEARE - riflessioni+contributo

Lord.Goring scrive:
Tu per caso sai che questo si tratta di un sito propagandistico


L'ho proposto unicamente perchè ritengo interessante il suo pensiero in materia.
Non sapevo le cose che hai elencato.
E comunque ho fatto personalmente delle mie considerazioni in+ punti, vorrei sentire un tuo parere.

p.s. ho messo anche un evidente nb finale eh :-)
Lord.Goring Lord.Goring 28/04/2011 ore 23.56.52
segnala

(Nessuno)RE: La ineluttabile necessità del NUCLEARE - riflessioni+contributo

LadyIsabell scrive:
E comunque ho fatto personalmente delle mie considerazioni in+ punti, vorrei sentire un tuo parere.

Sai qual è il problema?

Che se mi trattengo in questo thread finisce che non vado più a letto e domani ho una giornata impegnativa!

Ma sapessi quante cose avrei da dirti...

:clava

LadyIsabell LadyIsabell 28/04/2011 ore 23.57.30 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La ineluttabile necessità del NUCLEARE - riflessioni+contributo

ZaNtEtSuKeN606 scrive:
@ LadyIsabell:
gli altri no.. no bastano ?^^_^
E' fallimentare perchè è vecchia..
30 anni fà avrebbe avuto un senso costruirne qualcuna.


Si bastano :-)))
Ma non lo sai che esistono anche centrali di nuova generazione? Mica solo quelle di 40 anni fa eh!
LadyIsabell LadyIsabell 29/04/2011 ore 00.01.38 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La ineluttabile necessità del NUCLEARE - riflessioni+contributo

Lord.Goring scrive:
Ma sapessi quante cose avrei da dirti...


La laurea in fisica mi manca dear 0:-)
Te l'ho detto, è solo un mio umile pensiero questo...e non mi faccio problemi a sostenere che credo nel nucleare (oltre a tutto quello che ho detto prima) :rosa
ilmagoserio ilmagoserio 29/04/2011 ore 00.04.30 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La ineluttabile necessità del NUCLEARE - riflessioni+contributo

LadyIsabell scrive:
Chiedo a chi interviene di non limitarsi a frasi di due parole stile "no al nucleare" ma di ampliare il proprio parere. Grazie


Io voglio il NUCLEARE vicino a casa delle persone che sono a favore. Devo scrivere in questo modo perchè la gente a favore del nucleare possa capire di persona sulla pericolosità di questo tipo di energia. Il nucleare fa parte insieme al fumo, alle banche di moltissimi anni di lavaggio del cervello. Se vuoi ti dico pure che il dentifricio fa male (ma quando lo chiedi agli esperti di parte) ti dicono che dipende dalle quantità che il fisico può sopportare. Io dico va bene VOGLIO IL NUCLEARE a casa di chi è a favore, voglio pure una ASSICURAZIONE che mi garantisca il rischio.Energia necessaria per vivere o morire?

Finchè le cose succedono agli altri va sempre tutto bene...il problema è quando poi succedono a noi che si comincia a fare delle profonde riflessioni. Fermiamo il nucleare e proponiamo e investiamo in energie più pulite.

Capisco che la FRANCIA abbia comprato i nostri debiti in cambio di alcune centrali ma si è fidata di un capo del governo ILLEGITTIMO.
LadyIsabell LadyIsabell 29/04/2011 ore 00.09.36 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La ineluttabile necessità del NUCLEARE - riflessioni+contributo

ilmagoserio scrive:
Io voglio il NUCLEARE vicino a casa delle persone che sono a favore


Nel 3d di Arlina ho detto chiaramente che per me potrebbero costruire una centrale pure di fianco al Duomo di Milano (abito a Milano città).
Come vedi non ho problemi ad ammetterlo e non mi nascondo dietro ad un dito.
A parte l'assicurazione sulla vita e investire in energie pulite non mi hai detto ancora perchè sei contro :firulì
LadyIsabell LadyIsabell 29/04/2011 ore 00.13.19 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La ineluttabile necessità del NUCLEARE - riflessioni+contributo

ZaNtEtSuKeN606 scrive:
@ LadyIsabell:
certo che esistonoma quando avranno finito di costruirle saranno già vecchie.
In italia poi... siamo maestri nel realizzare grandi opere.


Quindi secondo te Obama sarà rapido ed efficiente a differenza nostra....
Diciamo che parli principalmente di inefficienza italiana in materia....sarà che io sono ottimista e spero che per "certe" cose si usi la testa (oltre che la celerità)
LadyIsabell LadyIsabell 29/04/2011 ore 00.23.30 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: La ineluttabile necessità del NUCLEARE - riflessioni+contributo

ZaNtEtSuKeN606 scrive:
vedi Salerno-Reggio Calabria


:-( :pianto ;-(

Tristezza però. Certe volte mi sembra di abitare in Africa....
e capisco chi va per la prima volta in USA e rimane annientato da quello che vede
Promethian Promethian 29/04/2011 ore 00.52.57
segnala

(Nessuno)RE: La ineluttabile necessità del NUCLEARE - riflessioni+contributo

Vi parlerò dal punto di vista di una azienda.
Una azienda deve coprire la gestione operativa, e in particolare quella, con i ricavi ordinari.

Mi spiego. Non posso coprire i costi per l'acquisto di merci, o per i dipendenti, vendendo le mie infrastrutture (fabbricati, impianti, macchine), o rifinanziando. Quei costi devono essere coperti dal mio core business - dalla vendita di merci e/o servizi.

Occasionalmente, può capitare di dover coprire una perdita in quel modo. Magari riesci a ottenere una plusvalenza vendendo un vecchio macchinario già ammortizzato del tutto. In quei casi è lecito usarli.

Ecco - noi siamo in un momento storico in cui carbone, petrolio, uranio, sono plusvalenze minerarie ed energetiche. Si tratta di energia che stiamo sfruttando, che abbiamo trovato per strada, ma che non può e non deve costituire la nostra regola, per una ragione semplice - finirà nel giro di 30-50 anni. Un pò più lentamente il carbone cinese, che è "virtualmente infinito", ma i giochi sono chiari. Abbiamo un orizzonte di autosufficienza di 50-100 anni, usando l'energia che troviamo per strada.

Vi dico le parole chiave per il futuro, se vogliamo avere un futuro come razza - energia rinnovabile e decrescita.

Energia rinnovabile, perchè è la nostra "gestione ordinaria", è quello che potremo fare sempre e comunque. Ricavare energia dal sole, dal mare, dal vento, e poi, elemento chiave - sfruttare meglio l'energia che produciamo. Recuperarla.
Gli esempi perfetti sono i treni, le automobili, e in generale tutto quanto produce movimento. Tutta energia che ad ora sprechiamo, lasciandola inutilizzata.
Fate un conticino veloce - migliorare del 20% il nostro rendimento generale (e vi assicuro che non è difficile, visto che buttiamo nel cesso abitualmente moltissima energia) significa avere bisogno di un quinto di energia in meno.

La seconda parola d'ordine è la decrescita. Questa deve essere una decrescita dei consumi e una decrescita DEMOGRAFICA.

Non ci sono cazzi al riguardo. Deve essere generale, deve toccare tutti, e tutto. C'è un bello studio sui cervi in un'isola priva di predatori naturali - dopo una esplosione demografica notevole, i cervi si sono ridotti al 5% del numero originario... per fame. Avevano consumato praticamente tutte le risorse necessarie alla loro esistenza.

Lo stesso sta accadendo a noi. Moltissimi figliano, il nostro numero cresce di continuo, i nostri consumi anche. E questo riguarda non solo l'energia, ma beni assai più essenziali - come l'acqua, che potrebbe essere il vero nodo cruciale del nostro futuro.
Una azienda non può acquistare dieci milioni di cappelli se poi li deve vendere entro l'estate a Sesto San Giovanni. Usiamo un minimo di fottuta logica. Non possiamo mantenere dieci miliardi di esseri umani. Potremmo con una dieta strettamente vegetariana, ma non vedo questa grande qualità di vita per il futuro.

Il nostro numero deve essere tale da permettere di andare avanti con le sole fonti rinnovabili, e con uno sfruttamento energetico logico. Non parlatemi di antimateria, per favore, perché c'è un bel libro al riguardo che spiega come sia assolutamente antieconomico pensare di sfruttarla per generare energia. Si chiama proprio "Antimateria", e spiega bene di cosa parliamo.

Aggiungo un terzo termine - km 0.
Petrolio, gas e carbone rendono conveniente comprare lontano e importare. Vale soprattutto per il cibo, che arriva da ogni parte del mondo, e ci consente una alimentazione varia. Questo sarà parecchio difficile da digerire, ma dovremo abituarci a rilocalizzare le nostre economie.

Questo in generale, sul fabbisogno energico, e sul perchè non ha senso pensare a nucleare o affini come soluzioni, nella migliore delle ipotesi. Seguirà un post in cui parlo del nucleare in sè.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.