Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

Carlitoswai.70 Carlitoswai.70 07/05/2011 ore 12.40.58
segnala

(Nessuno)zingarate sinistre

zingarate

Sì, i leghisti lo hanno duro

È vero, i leghisti ce lo hanno duro. Oserei dire: di legno; il cervello. Se fossi un’iscritta o anche una simpatizzante di un partito politico che mi prende per il culo in maniera istituzionale, credo che tenderei a farmi giustizia da sola. Ma i leghisti, avendocelo duro, il cervello, non lo faranno mai. Se solo i leghisti sapessero leggere, oggi la lega non esisterebbe più, ma il loro celodurismo cerebrale, anzi, favorirà la permanenza della lega nei gangli della nostra nazione a loro straniera.

questo il testo di una comunista zingara.

########

io mi limito ad inserire solo alcuni fatti di Storia.



Gianni SANTAMARIA
E Stalin dichiarò «nemici» i contadini

tratto da: Avvenire, 15.4.2000.

La collettivizzazione forzata nel regime sovietico tra gli anni Venti e Trenta
Migliaia le vittime delle esplosioni di violenza dei "kulaki", tra i comunisti nei villaggi, nel ‘29 e nel ‘30


"Uccidi non è più roba nostra adesso! Uccidi, lo faranno i macellai di stato se non lo facciamo noi! Uccidi, non ti daranno da mangiare carne dei kolchoz". Così lo scrittore russo Solochov descrive le mattanze di bestiame e le relative mangiate di carne a crepapelle da parte dei contadini. Era la "razbazarivanie" lo spreco di bestiame, uno degli atti di "luddismo" che i contadini opposero alla collettivizzazione forzata da parte del regime staliniano a cavallo tra anni Venti e Trenta.

Un luddismo sui generis dato che l'opposizione non era solo, come nell'Inghilterra preindustriale, a un nuovo sistema economico, ma a una cultura, quella del kolchoz comunista, sentita come estranea. Sulla resistenza dei contadini alla dekulakizzazione (dalla parola "kulako", contadino ricco, che era passata però a designare indiscriminatamente i "nemici del popolo" nelle campagne) proprio a partire da uno scontro di culture inconciliabili si muove questo studio di Lynne Viola.


------------------------



Sabato 7 Maggio, 2011

Dimensioni testo:

L'isola dei cannibali ("L'ile aux cannibales")

L'isola dei cannibali, in Tempi, anno XI, 18.05.2006, n. 21, p. 19.

Russia, 1933. La carestia ha riempito le città di disperati, affamati, vagabondi.

Ma la loro vista offusca, agli occhi dei gerarchi e dei radi visitatori occidentali, l'immagine radiosa del paradiso socialista. Stalin decide dunque di ripulire le maggiori città - Mosca, Leningrado, centri di villeggiatura come Odessa - dagli «elementi socialmente indesiderabili».

Sono circa due milioni di persone che vengono trasferite in Siberia, un sacco in spalla con zappa e sementi, per metterla a coltura. Molti di loro vecchi, donne, bambini, deboli di mente, handicappati. Fra questi, seimila sono destinati all'isoletta di Nazino, nel corso settentrionale dell'Ob. Piccolo particolare: nella disorganizzazione della migrazione di massa, nessuno ha dato loro cibo né abiti caldi o coperte.

Nel giro di pochi mesi ne muoiono cinquemila; molti finiscono mangiati dalle guardie o dai compagni di sventura. All'inizio ci si ciba di chi muore naturalmente; poi si passa a un'orrenda lotta di tutti contro tutti. Calunnie? Sarà lo stesso Stalin, informato dei fatti, a ordinare un'inchiesta.

Ed è sui documenti della commissione che Nicolas Werth, uno dei maggiori specialisti francesi di storia sovietica, ha ricostruito la terribile odissea. "L'ile aux cannibales" (ed. Perrin, euro 17) è tutto da leggere.

--------------

quindi, i leghisti hanno il cervello di legno, debbo dire che preferisco il legno che ai massacri di massa, tanto cari ai kompagni SENZA CERVELLO.
grillo65 grillo65 07/05/2011 ore 14.34.21
segnala

(Nessuno)RE: zingarate sinistre

certo.... certo.... i leghisti sono colpevoli delle stragi comuniste.. e tu il cervello lo hai venduto al supermercato a basso costo.
Carlitoswai.70 Carlitoswai.70 07/05/2011 ore 17.26.40
segnala

(Nessuno)RE: zingarate sinistre

@ grillo65:

no, no, l'ho comperato alla coop.

il tuo invece l'ho trovato in una discarica

devi solo pulirlo.

ps
se non hai capito il nesso di quanto scritto, sei solo un misero nazicomunistello da sbarco.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.