Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

mikepatton mikepatton 18/06/2011 ore 10.16.41
segnala

(Nessuno)RE: Ma secondo voi chi "odia" S.B. trasmette

Silicia scrive:
Ancora con questa bufaladella depenalizzazione del falso in bilancio?





BUFALA?


MA LO VEDI CHE VIVI A PUFLANDIA?

E’ però accaduto che il testo di legge-delega già trasmesso al parlamento il 26.5.2000 dal governo Amato è stato emendato dall’attuale ministro della Giustizia Castelli (v.disegno di legge n.608 Senato della Repubblica e trasmesso dal Presidente della Camera dei Deputati il 3.8.2001) ed è pervenuto all’aula del senato con questa rilevantissima novità aggiunta all’art. 11 di cui sopra:

“precisare altresì che le informazioni false od omesse devono essere rilevanti e tali da alterare sensibilmente la rappresentazione della situazione economica e finanziara della società o del gruppo al quale essa appartiene, anche attraverso la previsione di soglie quantitative”, nonché “prevedere autonome figure di reato a seconda che la condotta posta in essere abbia o non cagionato un danno patrimoniale ai soci o ai creditori, e di conseguenza: 1.1) quando la condotta non abbia cagionato un danno patrimoniale ai soci o ai creditori la pena dell’arresto fino ad un anno e sei mesi; 1.2) quando la condotta abbia cagionato un danno patrimoniale ai soci ed ai creditori 1.2.1) la pena della reclusione da sei mesi a tre anni e la procedibilità a querela nel caso di società non soggette” alla disciplina in materia di intermediazione finanziaria “di cui al decreto legislativo 24.2.1998 n.58; 1.2.2.) la pena della reclusione da uno a quattro anni e la procedibilità d’ufficio nel caso di società soggette” al predetto decreto legislativo n.58/1998 (norme in materia di intermediazione finaziaria).

E’ di tutta evidenza la sostanziale novità introdotta dal nuovo legislatore ove si pensi alle seguenti conseguenze immediate e dirette:

a) si rivela indispensabile, ai fini della applicazione di una pena piuttosto che di un’altra più mite, la prova dell’effettivo danno cagionato alla società, e non anche la sola idoneità a trarre in inganno i destinatari della comunicazione sociale;

b) conseguentemente, in caso di mancata prova di danno il reato si trasforma da delitto in contravvenzione con una pena notevolmente inferiore a quella originariamente prevista (da un minimo di un anno di reclusione con un massimo di cinque si passa ad un minimo di 15 giorni di arresto fino ad un massimo di appena un anno e mezzo; in tal caso il reato si prescrive in un termine massimo di tre anni, che ove interrotto, non può superare i quattro anni e mezzo, mentre attualmente il termine prescrizionale è pari a 5 anni, salvo in caso di interruzione da 7 anni e mezzo a quindici anni);

c) ove vi sia la (improbabile per quanto appresso si dirà) prova del danno occorre effettuare la ulteriore distinzione tra società quotate in borsa o no, in quanto per le prime si va da un minimo di pena di sei mesi di reclusione ad un massimo di anni tre, mentre nel secondo caso si passa da un minimo di un anno di reclusione ad un massimo di quattro; in entrambi i casi l’estinzione per prescrizione del reato varia da 5 anni a sette anni e mezzo in caso di interruzzione;

d) Nel primo dei due casi predetti viene addirittura prevista la condizione di procedibilità della querela da parte della società.

Or bene chiunque abbia esperienza della realtà economica delle società di capitali ha perfettamente presente che il danno conseguente alle false comunicazioni sociali si manifesta soltanto nel corso degli esercizi successivi, e molto spesso, pur sussistendo, si rivela di difficilissima dimostrazione, se non a seguito di lunghe e costosissime indagini peritali.

Ne discende che in considerazione dei ristrettissimi termini di prescrizione, indirettamente, determinati dalla riforma, e della previsione di una querela come condizione di procedibilità, non è azzardato concludere che di fatto si è proceduto ad una sostanziale depenalizzazione dei reati societari, in contrasto con l’orientamento comunitario che impone un maggiore rigore per garantire la verità dei bilanci e quindi la sicurezza del sistema economico.


Se si aggiunge che per i casi in cui è prevista la condizione di procedibilità della querela non si comprende quali amministratori provvederanno a presentarla nel termine di 90 giorni prescritto dal codice di rito, ben si comprende che il legislatore del 2001 ha sostanzialmente estratto dall’area della sfera penale le condotte fraudolente degli amministratori di società. Infatti è abbastanza arduo ritenere che gli stessi autori del reato si autodenunzino, ed anche nel caso di cambio al vertice della società, i nuovi amministratori potranno proporre querela soltanto quando avranno scoperto la frode dei loro predecessori, dunque diversi anni dopo dal giorno in cui il reato è stato commesso, con conseguente approssimarsi del termine per la sua prescrizione.










PROPRIO UNA BUFALA
mikepatton mikepatton 18/06/2011 ore 10.17.33
segnala

(Nessuno)RE: Ma secondo voi chi "odia" S.B. trasmette

RoxAndTheDogs scrive:
Hai votato Mike?





HO VOTATO

REFERENDUM CONSULTIVO E SUCCESSIVAMENTE QUELLO ABROGATIVO
Servo.Ancestrale Servo.Ancestrale 18/06/2011 ore 10.17.47 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ma secondo voi chi "odia" S.B. trasmette

mikepatton scrive:
PROPRIO UNA BUFALA


@ Silicia:

stai attenta a quel che dici...
i sinistrati sono molto intelligenti

:many
mikepatton mikepatton 18/06/2011 ore 10.19.13
segnala

(Nessuno)RE: Ma secondo voi chi "odia" S.B. trasmette

Silicia scrive:
Io ti prendo per quel lavoro pagandoti in quel modo, un'azienda non è un'istituto di beneficienza e io non devo aspettarmi che tra 20 anni avvitare quel bullone mi costerà il doppio perché hai messo su famiglia.





MA QUANTI ANNI HAI .................3?



SE METTO SU FAMIGLIA MICA MI PAGHI TU LA PARTE IN PIU'

morganbluver morganbluver 18/06/2011 ore 12.31.31
segnala

(Nessuno)RE: Ma secondo voi chi "odia" S.B. trasmette

piu che odio sono i giusti anticorpi ad una virus contagioso che stava incancrenedo tutto e tutti. Certo se aspettassimo schiavi servi e sempliciotti non ci sarebbe scampo dalla malattia
Silicia Silicia 18/06/2011 ore 13.06.01 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ma secondo voi chi "odia" S.B. trasmette

mikepatton scrive:
L'AVETE MENATA VOI CON LA VALENZA POLITICA E POI, QUALI SAREBBERO LE FAZIONI CHE HANNO DETTO £FATE COME VI PARE"?


Ti sembra, a parte la solita martellante campagna sul nucleare, ci sia stata una qualsiasi forma di pubblicità da parte del governo sul problema idrico? O anche sul legittimo impedimento? Se la pubblicità è l'anima del commercio...
Silicia Silicia 18/06/2011 ore 13.07.30 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ma secondo voi chi "odia" S.B. trasmette

mikepatton scrive:
Infatti è abbastanza arduo ritenere che gli stessi autori del reato si autodenunzino, ed anche nel caso di cambio al vertice della società, i nuovi amministratori potranno proporre querela soltanto quando avranno scoperto la frode dei loro predecessori, dunque diversi anni dopo dal giorno in cui il reato è stato commesso, con conseguente approssimarsi del termine per la sua prescrizione.


Ovvio, se io compro una società, non vado mica a controllare le carte. Mi baso sulla fiducia.
jacques.pervert jacques.pervert 18/06/2011 ore 15.15.00 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Ma secondo voi chi "odia" S.B. trasmette

"Ti sembra, a parte la solita martellante campagna sul nucleare, ci sia stata una qualsiasi forma di pubblicità da parte del governo sul problema idrico? O anche sul legittimo impedimento? Se la pubblicità è l'anima del commercio..."

quale pubblicita' avrebbe dovuto fare? Il tuo mito silvio ben sapeva che la popolazione i cittadini avevano ed hanno, come poi si e' dimostrato , un'idea diversa dal tuo capo. I suoi tentativi, la sue energie sono state tutte indirizzate nel far passare sotto traccia i quesiti referendari nella vacua speranza che passassero inosservati , nel cercare di non arivare al quorum, Infatti non sono state accorpate alle amministrative, che importava a lui se a noi sono costate centinaia di milioni di euro?

Il fine non era far votare a favore delle leggi di questo governo (ignobile) ma quello di non far votare.

Ma probabilmente siamo alla fine del suo regno, ed i servi dovranno trovarsi un' altro padrone



et64 et64 18/06/2011 ore 15.20.09
segnala

(Nessuno)RE: Ma secondo voi chi "odia" S.B. trasmette

elnick scrive:
fai bene a educarla all'amore. Non mi permetto di interferire nell'educazione dei figli altrui ma se fosse la mia gli insegnerei anche, quando incontra un predellino per strada, a fargli una carezza sulla testa.

Mi rendo conto che è difficile da spiegare ... soprattutto insegnarle a trovare quel puntino in mezzo alle orecchie


Figurati che a volte a casa mia invitiamo a pranzo uno di loro. Abbiamo acquistato una ciotolina di plastica gialla all'uopo....
mikepatton mikepatton 18/06/2011 ore 16.51.15
segnala

(Nessuno)RE: Ma secondo voi chi "odia" S.B. trasmette

Silicia scrive:
Ti sembra, a parte la solita martellante campagna sul nucleare, ci sia stata una qualsiasi forma di pubblicità da parte del governo sul problema idrico? O anche sul legittimo impedimento? Se la pubblicità è l'anima del commercio...



non hai capito la domanda.
ti ho chiesto quali fazioni hanno detto "fate come vi pare"

il governo non ha fatto pubblicita' se non dopo 2 o 3 frustate dell'ag-com perche' era per l'astensione.

ripeto la domanda

quali fazioni hanno detto "fate come vi pare"?


o a puflandia non capite l'italiano?

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.