Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

KeepOnRocking KeepOnRocking 08/07/2011 ore 13.50.21
segnala

ImportanteSono sconvolta......

Su oltre un migliaio di giovani una teenager su quattro vi ha fatto ricorso

Contraccezione di emergenza
Prima dei dibattiti attenti a…

di Adriana Bazzi


Eccoci con un tema di salute al femminile “sensibile”: la pillola dei cinque giorni, quella che può impedire la gravidanza, dopo un rapporto a rischio, se somministrata entro 120 ore. Già in commercio negli Stati Uniti e in molti Paesi europei, in Italia ha appena ricevuto il parere favorevole del Consiglio Superiore di Sanità, ma con un “MA”:

un test di gravidanza obbligatorio sul sangue, per escludere che sia già in atto una gravidanza. :sbong (È UNA BURLA VERO??? NDR)

Così l’Aidos, (l’Associazione Italiana Donne per lo Sviluppo) ha inviato una lettera aperta al Presidente dell’Aifa, l’agenzia italiana del farmaco, che dovrà approvare questo nuovo contraccettivo di emergenza, con una richiesta: escludere l’obbligatorietà del test.(OVVIO MI PARE... NDR)

Anche la maggior parte dei ginecologi è contraria al test. Le donne si sono espresse, gli esperti pure e staremo a vedere.


Ma quando si parla di salute riproduttiva, di contraccezione più o meno di emergenza, di pillola abortiva, di fecondazione in vitro (a proposito: l’Italia è al primo posto per gravidanze ottenute con embrioni congelati, come è stato appena riferito a Stoccolma al Congresso europeo per la riproduzione, pur avendo una delle legislazioni più discutibili d’Europa (MI PARE SI CHIAMASSE CRIOCONSERVAZIONE O QUALCOSA DEL GENERE, NDR)) la questione si complica sempre e si intreccia con il dibattito etico, dove i pareri si sprecano e mettono in secondo piano altre considerazioni, forse più importanti. Eccone almeno due.

Intanto la pillola dei cinque giorni è una “terapia”: serve a rimediare un guaio che spesso è provocato dalla mancanza di “prevenzione”, e cioè di una contraccezione consapevole, soprattutto da parte delle più giovani.



E’ vero che la pillola dei cinque giorni (come quella, già in commercio, del giorno dopo) è per l’emergenza, ma è anche vero che un sondaggio, condotto dalla Società Italiana di Ginecologia e Ostetricia (Sigo) su oltre un migliaio di giovani, rivela che almeno una teenager su quattro vi ha fatto ricorso (addirittura i dati ufficiali dicono che, sul totale di 360 mila confezioni di pillole del giorno dopo vendute in Italia nel 2009, la metà è stata utilizzata dalle under 20). <---- !!!!

Le minorenni, poi, sono responsabili, da sole, del 3,4 del totale di tutte le interruzioni volontarie di gravidanza

Non solo: sempre secondo il sondaggio Sigo, solo un ragazzo su tre porterà in vacanza un contraccettivo, anche se il 64 per cento crede che vivrà un’avventura occasionale (la Sigo ha promosso un programma di informazione sulla contraccezione).

La seconda considerazione riguarda gli effetti collaterali della contraccezione di emergenza. Prendere l’ulipristal, questo il nome del farmaco, non è come bere un bicchiere d’acqua (cliccate qui per leggere la scheda scientifica).

Almeno il dieci per cento delle persone ha disturbi dopo la somministrazione. Una ragione in più per non prendere alla leggera questo metodo e non perdersi nei meandri del dibattito etico.



http://27esimaora.corriere.it/articolo/contraccezione-di-emergenzaprima-dei-dibattiti-attenti-a/

***

Premetto che sono personalmente contro l'aborto in tutte le sue forme. Ma sono sconvolta dai numeri. Ancora niente da fare con l'educazione sessuale? E ancora una volta vedo lo zampino di Santa Romana Chiesa. :nono
michiamolollo michiamolollo 08/07/2011 ore 13.53.21
segnala

(Nessuno)RE: Sono sconvolta......

meglio un aborto di una gravidanza non voluta
ZetalaFormica.2010 ZetalaFormica.2010 08/07/2011 ore 13.55.29 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Sono sconvolta......

michiamolollo scrive:
meglio un aborto di una gravidanza non voluta

vergognati :nono
KeepOnRocking KeepOnRocking 08/07/2011 ore 13.56.49
segnala

(Nessuno)RE: Sono sconvolta......

Non capisco sinceramente questa parte... ci deve essere un errore.......


"Eccoci con un tema di salute al femminile “sensibile”: la pillola dei cinque giorni, quella che può impedire la gravidanza, dopo un rapporto a rischio, se somministrata entro 120 ore. Già in commercio negli Stati Uniti e in molti Paesi europei, in Italia ha appena ricevuto il parere favorevole del Consiglio Superiore di Sanità, ma con un “MA”:

un test di gravidanza obbligatorio sul sangue, per escludere che sia già in atto una gravidanza."
michiamolollo michiamolollo 08/07/2011 ore 13.58.26
segnala

(Nessuno)RE: Sono sconvolta......

@ ZetalaFormica.2010:

è venerdì e evitiamo se ti va di litigare. Ma se vuoi litigare non c'è problema.

so perfettamente che molti quì la pensano diversamente da me. In ogni caso premesso che non considero la pillola del giorno, o dei giorni, dopo aborto. Dicevo premesso questo firmo e sottoscrivo quanto ho detto sull'aborto. Opinione ovviamente mia personale e non necessariamente condivisibile.

Ma attento con gli insulti.
KeepOnRocking KeepOnRocking 08/07/2011 ore 13.59.14
segnala

(Nessuno)RE: Sono sconvolta......

michiamolollo scrive:
meglio un aborto di una gravidanza non voluta


Ancor meglio la prevenzione. :ok Peró mi rendo conto che è in ogni caso impossibile eliminare la pratica dell'aborto.
michiamolollo michiamolollo 08/07/2011 ore 14.00.34
segnala

(Nessuno)RE: Sono sconvolta......

KeepOnRocking scrive:
Ancor meglio la prevenzione.



questo è ineluttabile
KeepOnRocking KeepOnRocking 08/07/2011 ore 14.02.04
segnala

(Nessuno)RE: Sono sconvolta......

Non capisco. Cioè l'uso di questa pillola non ha senso se anteponi un test di gravidanza che escluda la gravidanza stessa. È un errore dell'articolo o cosa? Sono molto confusa. :nono1
deborahbz deborahbz 08/07/2011 ore 14.02.43 Ultimi messaggi
JJSlide JJSlide 08/07/2011 ore 14.44.34 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Sono sconvolta......

Un figlio non è effetto collaterale.
Chi scopa sa cosa può succedere e sa anche come si può prevenire.
Inoltre non si può spacciare l'aborto come una purga, perchè ha dei danni devastanti ed irreversibili su chi lo pratica. Posso anche capire "l'incidente" che cmq può capitare, ma il rapporto 1/4 è fuori da ogni media statistica, vuol dire che è qualcosa di scientifico e non casuale, nonostante ormai tutti conoscano le basilari norme di prevenzione, vuol dire che i giovani di oggi sono per la gran parte una moltitudine di coglioni.
Senza contare le malattie trasmissibili, di cui nessuna parla mai, visto che ormai la cura alla malattia più temibile, cioè l'avere un figlio, è alla portata di tutti.
15891003
Un figlio non è effetto collaterale. Chi scopa sa cosa può succedere e sa anche come si può prevenire. Inoltre non si può...
Risposta
08/07/2011 14.44.34
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.