Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

brizzolato.1970 brizzolato.1970 18/08/2011 ore 14.39.42
segnala

(Nessuno)RE: Le rivolte arabe, la crisi ed il futuro del mondo

Zeus.1965 scrive:
Mai discutere con un idiota, perchè prima ti trascina al suo livello e poi ti frega con l'esperienza.

infatti , ed quello che sei tu ...lo hai appena confermato , che non hai saputo spiegarmi questo copia e incolla ihhihihiihhi
ChatNoir.RM ChatNoir.RM 18/08/2011 ore 14.40.27 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Le rivolte arabe, la crisi ed il futuro del mondo

@ brizzolato.1970: secondo me, ci sono cose che non si possono semplificare

la persona di quell'intervista è con ogni probabilità uno dei pilastri del SVR, ossia dei nuovi servizi russi estrovertiti

se viene intervistato uno così, devi leggerlo virgola per virgola, perché quello è uno che sa quasi tutto per davvero

non che sia vero tutto quel che dice perché può dirlo avendo degli scopi, però tutto quello che dice è importante assai più che se stessi leggendoti un giuliano ferrara qualsiasi

per esempio, puoi immaginarti un generale jean che non si sia già letto un articolo del genere?

questa è la meraviglia del web, puoi leggere anche ciò che in altri tempi te lo sognavi
Zeus.1965 Zeus.1965 18/08/2011 ore 14.42.15
segnala

(Nessuno)RE: Le rivolte arabe, la crisi ed il futuro del mondo

@ ChatNoir.RM
Stai venendo meno alla saggezza degli antichi detti popolari :hihi :hihi
ChatNoir.RM ChatNoir.RM 18/08/2011 ore 14.45.47 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Le rivolte arabe, la crisi ed il futuro del mondo

@ Zeus.1965: mi considero in congedo anche dalla sapientia antiqua :ok
brizzolato.1970 brizzolato.1970 18/08/2011 ore 14.46.23
segnala

(Nessuno)RE: Le rivolte arabe, la crisi ed il futuro del mondo

ChatNoir.RM scrive:
non che sia vero tutto quel che dice perché può dirlo avendo degli scopi, però tutto quello che dice è importante assai più che se stessi leggendoti un giuliano ferrara qualsiasi

non leggo giuliano ferrara ....ihihihihihhi ....per cosa e importante quello che dice sto igor?
ChatNoir.RM ChatNoir.RM 18/08/2011 ore 14.48.57 Ultimi messaggi
Zeus.1965 Zeus.1965 18/08/2011 ore 14.52.31
segnala

(Nessuno)RE: Le rivolte arabe, la crisi ed il futuro del mondo

ChatNoir.RM scrive:
@ Zeus.1965: adesso mi arrendo

La saggezza popolare va rispettata. Che ti serva da lezione! :hihi :hihi


brizzolato.1970 brizzolato.1970 18/08/2011 ore 14.55.07
segnala

(Nessuno)RE: Le rivolte arabe, la crisi ed il futuro del mondo

ihihihihihi rifugiatevi nella saggezza popolare per le risposte che non sapete dare ...ma solo fare copia e incolla ihihihhihih
brizzolato.1970 brizzolato.1970 18/08/2011 ore 15.06.33
segnala

(Nessuno)RE: Le rivolte arabe, la crisi ed il futuro del mondo

haahaac scrive:
Con questo nuovo assetto mondiale, non vedo in grande pericolo solo: l'autonomia culturale e gli usui del tibetano, la sorte dello stato autonomo e sovrano di taiwan, ma ache la nascita di uno stato palestinese libero e sovrano, unitamente alla libertà del popolo kurdo-turco.

e tutto questo che ha che fare con l'italia?
Zeus.1965 Zeus.1965 18/08/2011 ore 15.12.03
segnala

(Nessuno)RE: Le rivolte arabe, la crisi ed il futuro del mondo

haahaac scrive:
Le prime riflessioni sono state negative sul futuro dell'umanità non allineata all'imperialismo cino-statutintense.
Gli statitiuniti, sono sotto ricatto cinese a causa della ingente mole di titoli pubblici USA detentuti gali hedge fund cinesi, ma la cina ha bisogno che statiuniti la appoggino a livello internazionale, per potersi espandere economicamente.


La Cina e gli USA sono come la rana che trasporta lo scorpione sul fiume.
Per adesso vince la rana... ma prima o poi lo scorpione la pungerà...

haahaac scrive:
Anche se ho sempre condannato l'imperialismo, mi viene da rimpiangere il bel tempo della guerra fredda, in cui russia e statiti uniti si contrastavano e dal loro contrasto sono nati sati liberi come il vietnam, sia pure dopo una lunga e sanguinosa guerra.


La crisi attuale è figlia della caduta dell'URSS.
Dopo il 1989 il capitalismo di tipo anglosassone ha potuto fissarsi regole diverse (praticamenmte nessuna regola) senza la paura che i lavoratori occidentali facesserto da sponda all'Unione Sovietica.

Ora come ora il futuro del mondo passa attraverso le decisioni che prenderanno Cina ed India.

haahaac scrive:
Con questo nuovo assetto mondiale, non vedo in grande pericolo solo: l'autonomia culturale e gli usui del tibetano, la sorte dello stato autonomo e sovrano di taiwan, ma ache la nascita di uno stato palestinese libero e sovrano, unitamente alla libertà del popolo kurdo-turco.


Il rischio vero è una guerra.
In Tibet non è che se la passassero veramente bene con un regime Teocratico, e Taiwan è parte integrante della Cina.
I cinesi del resto stanno spendendo una valanga di soldi per il Tibet. Hanno costruito addirittura una linea ferroviaria pazzesca che passa per le montagne. Un capolavoro d'ingegneria.
Queste due questioni sono state pompate artificialmente dalla stampa mainstream.

Per la palestina dipende dagli USA.
Perchè la Cina, almeno in questa fase (ma probabilmente per sempre) non si interesserà a questioni che non gli danno un vantaggio economico diretto.
E la Russia, come spiegava bene Igor Panarin, non ha il peso specifico per opporsi alle decisioni NATO.

Pero' quello che non riesce a fare la politica potrebbe farlo la crisi economica: se cessassero gli aiuti americani ad Israele, questi dovrebbero venire a patti coi palestinesi.

Per il Kurdistan indipendente la vedo molto dura.
La turchia si metterà sempre di traverso.


Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.