Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

excristian1977 19/01/2012 ore 08.58.55 Ultimi messaggi
segnala

ImportanteLiberalizzazioni Abolite tutte le tariffe minime

da la stampa

Colpite le professioni, stretta sulla Rc Auto Lavoro,
sparisce la norma sull’articolo 18



Abolizione delle tariffe minime per i professionisti (comprese quelle dei notai) e obbligo di preventivo. Orari liberi, aumento delle licenze per le Farmacie, nomina di 500 notai l’anno per tre anni. L’aumento delle licenze dei taxi sarà deciso dai sindaci. Nasce una super-Authority per l’energia e i trasporti, arriva l’obbligo di gara per (quasi) tutti i servizi locali. Salta la vendita libera dei farmaci di fascia C, salta la norma che modificava l’articolo 18, saltano le separazioni proprietarie fra Poste e Bancoposta e fra Trenitalia e Rfi. Entro sei mesi arriverà invece un’altra separazione, quella fra Eni e Snam. Salta (ed è già la seconda volta in un anno) la norma che avrebbe dovuto mettere a gara gli stabilimenti balneari. L’ultima versione del decreto liberalizzazioni, quella che approderà al consiglio dei ministri di domani, è diversa da quella circolata la scorsa settimana. Fino ad allora la regìa era stata del sottosegretario Antonio Catricalà, questa volta ha avuto un peso determinante Corrado Passera. Fonti di governo raccontano che fra i due è tuttora in atto un duello per modificare questa o quella norma. A fare da ponte fra i due Enzo Moavero, ministro delle Politiche comunitarie ma soprattutto uomo di fiducia del premier.

«Metà Pil è protetto» Nell’introduzione al decreto il governo promette che questo è solo «un primo intervento ad ampio raggio». Il perché è presto detto: «In Italia i settori che producono servizi al riparo dalla concorrenza internazionale sono tutti quelli diversi dall’industria», e rappresentano «più della metà del Pil». La lista è impietosa: «Commercio, trasporti, credito, assicurazioni, costruzioni, elettricità, gas, acqua, hotel, ristoranti, professioni». Il decreto tocca molti di questi settori, non tutti. Rispetto alla prima versione, in molti casi si sono ammorbidite norme che avrebbero avuto ben altro impatto. In altri c’è stato un lungo negoziato con la categoria per trovare un comromesso efficace. Sui carburanti ad esempio: l’esclusiva dei gestori delle pompe non potrà superare il 50% degli approvvigionamenti, ed è liberalizzata l’apertura dei self service fuori città. In altri casi ancora vedi BancoPosta - si è fatta proprio marcia indietro. E’ il segno che il governo non ha fra le priorità le privatizzazioni. Lo conferma il premier da Londra: «In questo momento il governo non ha piani di azione sulla cessione delle quote in Eni, Snam, Finmeccanica».

Due decreti
Fra le priorità del governo c’è invece il pagamento degli arretrati dello Stato ai privati:
ul tavolo del consiglio di venerdì ci dovrebbe essere un secondo decreto dedicato a tempi e modalità per il pagamento di quasi (questa la stima di Confindustria) 70 miliardi. Fonti tecniche riferiscono che in questo modo si eviteranno conseguenze peggiori: le regole europee concedono ai creditori l’8% di interessi. Il tema è complicato e delicato, e in mano a tre ministeri (Funzione pubblica, Tesoro, Sviluppo): pagare tutto in una volta è impossibile.

Le categorie protestano
Benché le modifiche siano molte, le categorie sono in agitazione: é il segno che gli interessi sono stati comunque toccati. E’ il caso dei farmacisti, che sostanzialmente salvano l’esclusiva sui farmaci di fascia C ma devono accettare la liberalizzazione degli orari. Spiega Alberto Mingardi, direttore dell’Istituto Bruno Leoni: «Ci sono luci ed ombre. Lo sforzo riformatore si vede, ma alcune norme come quella che preannuncia la revisione delle tariffe autostradali è incomprensibile e vagamente dirigista». Per paradosso, a detta di molti, la vera novità dell’ultima versione è quella che accelera la liberalizzazione dei servizi locali senza inficiare l’esito del referendum dell’anno scorso. L’articolo 31 prevede, entro il 30 giugno 2012, l’obbligo di accorpare le gestioni a livello almeno provinciale. E poiché il tetto per le gestioni dirette (ovvero senza gara) scende da 900 a 200mila euro, di fatto sono abolite

COSA PENSATE?

staremo a vedere
8159170
da la stampa Colpite le professioni, stretta sulla Rc Auto Lavoro, sparisce la norma sull’articolo 18 Abolizione delle tariffe...
Discussione
19/01/2012 8.58.55
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
Jimmy.Jazz Jimmy.Jazz 19/01/2012 ore 09.04.52
segnala

(Nessuno)RE: Liberalizzazioni Abolite tutte le tariffe minime

excristian1977 scrive:
COSA PENSATE?

Cui prodest ...
fanno assumere come presupposto di base che il vantaggio sarà per la comunità, per il popolo. Ma io qualche dubbio ce l'ho.

excristian1977 excristian1977 19/01/2012 ore 09.08.19 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Liberalizzazioni Abolite tutte le tariffe minime

Jimmy.Jazz scrive:
excristian1977 scrive:
COSA PENSATE?

Cui prodest ...
fanno assumere come presupposto di base che il vantaggio sarà per la comunità, per il popolo. Ma io qualche dubbio ce l'ho.



mi sa anche a me
togliendo le tariffe minime mi sa che i prezzi aumenteranno a dismisura
JJSlide JJSlide 19/01/2012 ore 09.08.34 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Liberalizzazioni Abolite tutte le tariffe minime

Alcune cose sono buone se non ottime(potenzialmente, poi bisogna vedere come evolvono nei fatti ovviamente), altre lasciano il tempo che trovano.

Speriamo si occupi dell'impresa e soprattutto dell'edilizia al più presto, non c'è giorno che passi che non chiami qualcuno a cercar lavoro qua da me. C'è un mare di gente a casa che non ha voce purtroppo.
16362269
Alcune cose sono buone se non ottime(potenzialmente, poi bisogna vedere come evolvono nei fatti ovviamente), altre lasciano il...
Risposta
19/01/2012 9.08.34
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
Spirit0.Liber0 Spirit0.Liber0 19/01/2012 ore 09.37.30 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Liberalizzazioni Abolite tutte le tariffe minime

JJSlide scrive:
Speriamo si occupi dell'impresa e soprattutto dell'edilizia al più presto, non c'è giorno che passi che non chiami qualcuno a cercar lavoro qua da me. C'è un mare di gente a casa che non ha voce purtroppo.


Dell'edilizia, dopo il boom, adesso c'è lo sboom.
Mi pare inevitabile.

S'è costruito anche troppo negli ultimi 10 anni.

JJSlide JJSlide 19/01/2012 ore 11.41.10 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Liberalizzazioni Abolite tutte le tariffe minime

Spirit0.Liber0 scrive:
Dell'edilizia, dopo il boom, adesso c'è lo sboom.
Mi pare inevitabile.

S'è costruito anche troppo negli ultimi 10 anni.



Che sia inevitabile è ovvio, ma l'edilizia non èsolo "costruire". Ti ricordo ad esempio quello che è successo alle 5 terre qualche mese fa, l'Italia è piena di queste situazioni, ci sarebbe da lavorare per 50 anni ;-).
Buona cosa era stata fatta anche con la vendita di beni demaniali che si possono restaurare, convertire e vendere. Speriamo si continui.
16362534
Spirit0.Liber0 scrive: Dell'edilizia, dopo il boom, adesso c'è lo sboom. Mi pare inevitabile. S'è costruito anche troppo negli...
Risposta
19/01/2012 11.41.10
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
excristian1977 excristian1977 19/01/2012 ore 17.54.55 Ultimi messaggi
nelinho nelinho 19/01/2012 ore 18.02.40
segnala

(Nessuno)RE: Liberalizzazioni Abolite tutte le tariffe minime

@ JJSlide: io non piu voce e voglia di interessarmi a questo paese gestito da pezzi di merda,pero ' ho l'incazzatura di tirargli una sprangata sul groppone,parola di uno che da giovane perdeva tempo con gli ultras...............un ex disadattato............diventato disoccupato e che attende novita' che non arriveranno mai
Zero.Coupon Zero.Coupon 19/01/2012 ore 18.08.23 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Liberalizzazioni Abolite tutte le tariffe minime

nelinho scrive:
un ex disadattato..

:haha :ok :hell
nelinho nelinho 19/01/2012 ore 18.14.01
segnala

(Nessuno)RE: Liberalizzazioni Abolite tutte le tariffe minime

@ Zero.Coupon: diciamo un ex ribelle.................boh qualcosa ero........pero' mai di sininistra
Diavolettotentatore Diavolettotentatore 19/01/2012 ore 18.16.29 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Liberalizzazioni Abolite tutte le tariffe minime

excristian1977 scrive:
COSA PENSATE?


Che nel mio settore professionale le tariffe minime son già state abolite da tempo dal buon Bersani...quindi NESSUNA DIFFERENZA
excristian1977 excristian1977 19/01/2012 ore 18.19.43 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Liberalizzazioni Abolite tutte le tariffe minime

Diavolettotentatore scrive:
Che nel mio settore professionale le tariffe minime son già state abolite



e nel tuo settore i prezzi al cittadino sono aumentati o diminuiti?
Diavolettotentatore Diavolettotentatore 19/01/2012 ore 18.21.12 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Liberalizzazioni Abolite tutte le tariffe minime

excristian1977 scrive:
e nel tuo settore i prezzi al cittadino sono aumentati o diminuiti?



Faccio il puttaniere...le troie stanno sempre a 30 euro davanti e 50 dietro
Diavolettotentatore Diavolettotentatore 19/01/2012 ore 18.23.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Liberalizzazioni Abolite tutte le tariffe minime

battute a parte...son diminuiti...arrivando fin anche ai ribassi "selvaggi", in certi casi

ribassi che a volte sminuiscono la professionalità

cmque meglio per il cittadino
M40ALprov M40ALprov 19/01/2012 ore 19.15.47 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Liberalizzazioni Abolite tutte le tariffe minime

questo governo golpista cattobanchierocomunista, prima ci tromba senza lubrificante con tasse gabelle ed accise..

e poi ci riprende per il culo facendoci PENSARE che risparmieremo qualcosa..
ma come ?

BENZINAI, aprirne altri non serve a nulla, ne abbiamo gia' troppi, ok che vendano anche giornali (ed i giornalai che venderanno ? )ed altro, ok che possano comprare i carburanti da chi vogliono, ma come la mettiamo con le pompe delle compagnie petrolifere ? inoltre, 'cazzo cambia se è lo stato a continuare a guadagnarci da far schifo con le sue accise ??

TASSITI, a prescindere che mi sta' sul cazzo come guidano.. ma chi s'è comprato la licenza e magari deve ancora pagarla, CHI GLI RIMBORSA IL TUTTO?

ORARI, nessun vincolo va' bene come apertura e chiusura, ma.. un tetto massimo di ore d'apertura deve esserci senno' chi ha dipendenti e la grande distribuzione, ha un nuovo vantaggio rispetto a chi è solo.

FARMACIE.. chi imperira' loro di far cartello ? idem per NOTAI ed altri professionisti...

qua si va' alla guerra tra i poveri.

inoltre.. ok che gli immigrati regolari onesti ed incensurati aprano un negozio.. MA CHE SAPPIANO L'ITALIANO !

O FUORI DALLE BALLE !

cinesi compresi ..

BK
excristian1977 excristian1977 19/01/2012 ore 19.17.27 Ultimi messaggi

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.