Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

Solog2 19/01/2012 ore 12.06.54 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)PENSIONI, PENSIONANDI, ....

E PENSIONATI ...

Per quanti hanno continuato a blaterare in queste settimane, gridando al lupo, la lupo, ora avranno, immagino, qualcosa di ridire !!


Cosa cambia per le pensioni di precoci ed esodati con il Milleproroghe

Il decreto Milleproroghe approderà lunedì 23 in Aula a Montecitorio per il via libera e per essere poi inviato al Senato. Nodo cruciale ancora una volta liberalizzazioni e pensioni. I sindacati chiedono con forza ulteriori cambiamenti, a partire dallo slittamento di sei mesi, un anno, dell'entrata in vigore delle nuove regole previdenziali targate Fornero-Monti.

Questa la proposta per rafforzare la salvaguardia dei cosiddetti lavoratori ‘esodati’, quelli cioè che, in prossimità del pensionamento stando alle vecchie norme, hanno optato per uscite dal lavoro incentivate e ora rischiano, per effetto della nuova riforma previdenziale, di restare senza pensione.

Insieme alla maggiore gradualizzazione dei nuovi requisiti di accesso alla pensione, i sindacati chiedono anche l’eliminazione della penalizzazione per le pensioni di anzianità per evitare il fenomeno del blocco delle uscite per i prossimi anni, e l’attenuazione dell'impatto della riforma anche sui ‘precoci’ (al lavoro già da 16-17 anni di età) con l'eliminazione degli incentivi sugli under 62. In particolare, i sindacati chiedono lo spostamento al 2013 dell'entrata in vigore delle nuove regole previdenziali per i lavoratori coinvolti dalla crisi, dalle Cig lunghe e dalla mobilità.

In particolare, sono stati dodici gli emendamenti presentati nelle commissioni Bilancio e Affari Costituzionali della Camera da parte dei relatori Gianclaudio Bressa (Pd) e Gioacchino Alfano (Pdl). Tra le proposte di modifica quelle che puntano a cambiare le norme dell’ultima manovra, sui lavoratori cosiddetti ‘esodati’ e i ‘precoci’.

Per i primi, arriva una modifica alla riforma, per cui coloro che accettando incentivi economici dall’azienda in crisi si sono licenziati con la prospettiva di andare i pensione entro i successivi due anni e che con le nuove norme hanno visto svanire questa possibilità, potranno invece accedere al trattamento pensionistico, a condizione, però, che la data di cessazione del rapporto di lavoro risulti da elementi ‘certi e oggettivi’ e il lavoratore ‘alla data di risoluzione del rapporto di lavoro deve risultare in possesso dei requisiti anagrafici e contributivi che, in base alla previgente disciplina pensionistica, avrebbero comportato il conseguimento del trattamento entro un periodo non superiore a 24 mesi’.

Nessuna riduzione della pensione, invece, per i lavoratori che decidono di andare in pensione con 42 anni e un mese di anzianità contributiva senza avere compiuto i 62 anni e con 41 anni e un mese per le donne.

Marianna Quatraro
---------------------------

Buona pensione a tutti !! 8-)
8159203
E PENSIONATI ... Per quanti hanno continuato a blaterare in queste settimane, gridando al lupo, la lupo, ora avranno, immagino,...
Discussione
19/01/2012 12.06.54
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
Spirit0.Liber0 Spirit0.Liber0 19/01/2012 ore 12.11.49 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENSIONI, PENSIONANDI, ....

Ma per quelli che, avendo versato i contrubuti su fondi diversi, rischiano di non trovarsi nessuna pensione, qualcuno ne parla?
Sic.58 Sic.58 19/01/2012 ore 12.18.24
segnala

(Nessuno)RE: PENSIONI, PENSIONANDI, ....

Solog2 scrive:
Per quanti hanno continuato a blaterare in queste settimane, gridando al lupo, la lupo, ora avranno, immagino, qualcosa di ridire !!




Se tu sei contento di andare in pensione con due anni in più di contribuzione,e con la pensione ridotta in percentuale in base all'età anagrafica,sei tu che stai blaterando al vento.

Solog2 Solog2 19/01/2012 ore 12.57.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENSIONI, PENSIONANDI, ....

@ Sic.58:

Non hai capito. La penalizzazione non ci sarà !
In pensione a 42 anni già si andava. Non so se te ne sei mai reso conto!
E se questo servirà, come servirà visti i tempi, a tamponare i disagi dei precari, pazienza!
kefamo83vr kefamo83vr 19/01/2012 ore 13.37.17 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PENSIONI, PENSIONANDI, ....

si dovrebbe dar spazio ai giovani...una volta in pensione non si dovrebbe piu lavorare...e basta con sti aumenti dell eta' pensionabile...

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.