Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

valchiria.x valchiria.x 21/06/2015 ore 13.01.00
segnala

SarcasmoOdio. Razziale

Ecco cosa ci ha regalato la lega nord di Salvini . chè schifo .chi cè lo doveva dire chè un giorno x colpa di una forza politica exsenoba ed razzista il popolo italiano si faceva influenzare tanto x farlo divenire un popolo razzista .ormai basta vedere cosa fanno passare nei tg specialmente quelli del ALLEATO D'ARCORE . TUTTI BASATI CONTRO I ROM E GL'IMMIGRATI ORMAI BASTA CHè UN IMMIGRATO SCOREGGI CHè SUBITO LA LA MACCHINA DEL FANGO E DELLA PROPAganda razzistoidi si metta subito in moto . x nn parlare del pseudonomo rassizta di salvini chè invitato oramai in quasi tutte le trasmissioni dei vari talk televesini nn fa altro che paralare di quanto sò brutti sporchi sti rom ed immigrati .infatti ormai basta distendersi un pò sulla spiaggia x prendere un po di relax chè gl'argomenti dei vicini bagnanti nn sono altro chè quelli contro gl'immigrati . ormai in ogni dove nn si fa altro chè parlare chè sè in italia le cose nn vanno bene la colpa e x chè ci sono gl'immigrati . SALVINI CI SEI RIUSCITO DA RAZZISTA CHE SEI . NEL FAR DIVENTARE il popolo piu mitequali eravamo in un popolo razzista DEVI SOLO VERGOGNARTI X CIò CHè STAI FACENDO ALL'ITALIA ED A AL TUTTO IL POPOLO ITALIANO . menti sapendo di mentire visto . chè la tua lega quando stava al governo poteva benissimofare cose x chè oggi il popolo italiano stesse piu benemah nn l'ha fatto . . perchè doveva pensare di come poter arricchirsi sulle spalle degl'italiani . il trota ed tutta la famiglia bossi neh sanno qualcosa ew tu oggi ci viene ha dire chè la colpa e degl'immigrati . e no dellle leggi chè la tua lega nord nn ha fatto . %-)
Dantalian.n Dantalian.n 21/06/2015 ore 13.09.33 Ultimi messaggi
lacki65 lacki65 21/06/2015 ore 23.44.26
segnala

(Nessuno)RE: Odio. Razziale

lo so che a voi di sinistra del popolo italiano non ne frega una mazza , e lui dice solo ( prima gli italiani) ma sai sono gli stessi eritrei che hanno sterminato ventimila italiani , e non in guerra,
ma beata ignoranza, d'altra parte per essere di sinistra bisogna essere semi analfabeti come te altrimenti come fareste a farvi indottrinare
nerorosso nerorosso 22/06/2015 ore 08.54.37 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Odio. Razziale

@lacki65 : troppo dificile per valchiria, la conoscenza dellastoria per leicominci20anni fa, conosce berlusconi, salvini e grillo il resto e' buio totale
bouree1951 bouree1951 22/06/2015 ore 09.13.59
segnala

AngelicoRE: Odio. Razziale

Non c'era bisogno di Salvini per diventare razzisti, bastava privilegiare gli italiani su alcune cose...
lacki65 lacki65 22/06/2015 ore 09.36.03
segnala

(Nessuno)RE: Odio. Razziale

@bouree1951 scrive:
bastava privilegiare gli italiani su alcune cose...

e per il resto?
comportarsi come nessun stato al mondo si comporta e normale?
in quale altro stato puoi entrare senza documenti e farti mantenere?
bouree1951 bouree1951 22/06/2015 ore 09.38.59
segnala

(Nessuno)RE: Odio. Razziale

@lacki65 : Appunto...
kipling13 kipling13 22/06/2015 ore 09.52.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Odio. Razziale

@lacki65 scrive:
ma sai sono gli stessi eritrei che hanno sterminato ventimila italiani


mi manca 'sto passaggio di storia... puoi dirmi, sicuramente si, dove quando e qualche link per trovare ciò che affermi?
lacki65 lacki65 22/06/2015 ore 11.09.06
segnala

(Nessuno)RE: Odio. Razziale

@kipling13 scrive:
mi manca 'sto passaggio di storia

Storia

La colonia Eritrea (1890)
La colonia italiana in Eritrea fu la prima creata dal Regno d'Italia. Dopo l'iniziale occupazione della costa eritrea (intorno ad Assab) da parte della compagnia Rubattino, truppe italiane vi si stabilirono ingrandendo i territori limitrofi e nel 1890 l'Eritrea fu ufficialmente dichiarata colonia italiana.

Solo dopo la prima guerra mondiale l'Eritrea iniziò ad essere colonizzata e sviluppata economicamente in forma consistente.

« La Colonia Eritrea, come fu denominato il 1° gennaio 1890 l'insieme dei possedimenti italiani del Mar Rosso, fu organizzata in tutti i settori della vita civile, giuridica, economica dal primo governatore civile Ferdinando Martini (1897-1907), il quale tracciò programmi di studi del territorio e delle popolazioni, progetti di opere pubbliche e organizzazione di servizi statali, per l'avvaloramento e il progresso dell'Eritrea, programmi che furono realizzati nei decenni successivi, e che hanno dato al paese l'attuale struttura civile. »
Negli anni trenta, l'Eritrea fu la colonia maggiormente ammodernata: furono costruiti migliaia di km di strade, ponti, dighe, la ferrovia Massaua-Asmara (iniziata già alla fine dell'Ottocento) ed altre infrastrutture. Inoltre le città furono sistemate anche con la creazione di numerosi quartieri italiani (ancora visibili, come ad Asmara).


Stemma del Governo dell'Eritrea nell'AOI
L'Eritrea, rispetto all'Etiopia e alla Somalia Italiana, fu la colonia con la più forte presenza di italiani nell'Africa Orientale. Infatti nel censimento del 1939 solo ad Asmara furono censiti 53.000 Italiani su una popolazione totale di 98.000 abitanti.

Partendo il 3 ottobre 1935 principalmente dalle basi dell'Eritrea, l'Abissinia venne conquistata il 5 maggio 1936. Il 9 maggio successivo tutte le colonie italiane del Corno d'Africa furono unificate da Mussolini nella cosiddetta Africa Orientale Italiana (AOI).

L'Eritrea italiana entrò a far parte dell'AOI sotto un Governatore con sede ad Asmara ed un territorio ampliato anche come compenso per l'aiuto nella conquista dell'Etiopia, dato al Regno d'Italia da parte di oltre 60.000 Ascari eritrei.

Nella primavera del 1941 l'Eritrea venne occupata da un esercito britannico a seguito della Battaglia di Cheren e successivamente fu teatro di una guerriglia italiana durata fino al settembre 1943.

Dopo il 1941, per i quasi 100.000 Italiani della comunità italiana dell'Eritrea iniziò un periodo difficile che porterà alla loro quasi totale scomparsa in pochi decenni.

L'Eritrea rimase sotto occupazione militare alleata fino al 1947 e divenne un protettorato britannico fino al 1952, quando le Nazioni Unite la dichiararono federata con l'Impero etiope. Dal 1993 l'Eritrea ha ottenuto ufficialmente l'indipendenza.

Nel 2007 in Eritrea rimanevano solamente 733 Italo-eritrei, concentrati ad Asmara e Massaua.

A tutt'oggi operano in Eritrea le scuole statali italiane (Materna "Montessori", Istituto Comprensivo e Liceo "Marconi") tutte site ad Asmara.


L'Eritrea nell'Impero coloniale italiano (1936-1941)
Comunità Italiana
Nei sessant'anni in cui l'Eritrea fu colonia del Regno d'Italia vi si sviluppò una consistente comunità italiana. Dal 1881 al 1941 gli Italiani trapiantati in Eritrea (spesso con le loro famiglie) crebbero da poche centinaia alla fine del secolo XIX ad oltre 100.000 quando scoppiò la seconda guerra mondiale.

Alla fine della prima guerra mondiale gli Italo-eritrei erano circa 4.000, concentrati maggiormente nell'altopiano di Asmara (per via della sua temperatura relativamente fresca) ed in minor quantità a Massaua.

Con loro il Cattolicesimo ricevette un forte impulso. Furono costruite numerose chiese, tra cui spiccava la Cattedrale di Asmara, ed oltre un terzo della popolazione eritrea professava il cattolicesimo nel 1940.

Con l'avvento del Fascismo e la sua politica colonizzatrice, la comunità italiana crebbe enormemente: già nel 1939 gli italiani erano 76.000 su un totale di 740.000, cioè il 10,27% degli abitanti della Colonia primogenita.

La capitale Asmara divenne una cittadina dove la maggioranza della popolazione era italiana e dove la sua architettura ricordava in tutto una tipica città del ventennio con urbanistica in stile fascista. Dal 1930, ma già in precedenza con il governatore trevigiano Jacopo Gasparini, il profilo architettonico dell'Asmara mutò radicalmente, con la costruzione di nuove strutture ed edifici in stile razionalista, che portarono la città ad essere soprannominata la "Piccola Roma".


Il Futurista "Fiat Tagliero", costruito ad Asmara nel 1938
L'edilizia degli anni trenta e la presenza coloniale italiana sono ancora oggi ben rintracciabili, sia nei principali edifici della città (Cattedrale cattolica, Cinema "Impero", Palazzo del Governatore, Stazione "Fiat Tagliero", ecc.), sia nel nome di numerosi locali pubblici ed esercizi commerciali ("Bar Vittoria", "Pasticceria moderna", "Casa del formaggio", "Ferramenta", "Casa degli Italiani").

Nella primavera del 1941, durante la II Guerra Mondiale, l'Eritrea fu occupata dalle truppe britanniche ed iniziò un continuo calo della comunità italiana. Nel 1946 gli Italo-eritrei erano ridotti a solamente 38.000.

L'apporto della comunità italiana all'Eritrea non fu solo economico e sociale. Dopo la fine della seconda guerra mondiale la Gran Bretagna e l'Etiopia vollero spartirsi l'Eritrea, ma l'intervento deciso di alcuni politici e diplomatici italo-eritrei, come Vincenzo Di Meglio, fu determinante nel fare votare le Nazioni Unite contro questa progettata spartizione. Il Dr. Di Meglio nel 1947 partecipò anche alla fondazione di un partito (Partito Eritrea pro Italia) a difesa degli Italo-eritrei, continuamente bersagliati in quegli "anni difficili" dal terrorismo pro-etiope degli Shifta.
gli Shifta erano eritrei ,veri terroristi al soldo degli inglesi ,massacrarono circa 20.000 italiani mentre i sopravvissuti furono imbarcati a Massauua e rimpatriati come profughi.
Dopo un breve periodo di normalizzazione negli anni cinquanta, la situazione in Eritrea riprese a peggiorare per gli Italo-eritrei con l'inizio della guerra d'indipendenza eritrea dall'Etiopia nel 1961.

Negli anni duemila gli Italo-eritrei sono rimasti appena qualche centinaio, rappresentati a Roma dalla Associazione Italiana Profughi dall'Etiopia ed Eritrea (A.I.P.E.E.).

La legge del 1992 concede il diritto alla cittadinanza italiana anche ai discendenti in linea retta di secondo grado. Da allora al 2014 solo 80 italo eritrei sono riusciti ad ottenerla, mentre oltre 300 richieste sono inevase presso l'ambasciata di Asmara.

anno Italo - eritrei Popolazione Eritrea
1910 .............1.000 (0,26%) .............390.000
1935 .............3.100 (0,51%) .............610.000
1939 ...........76.000 (10,27%) .............740.000
1946 ...........38.000 (4,37%) .............870.000
2008 ...............800 (0,02%) ...........4.500.000
Popolazione dell'Eritrea, dal 1910 al 2008
mery1981 mery1981 22/06/2015 ore 11.11.33 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Odio. Razziale

@valchiria.x : VABBEH CHE LI TIENI TE IN SICILIA MA NON FARE NESSUNA PATERNALE VISTO CHE MANCO L'AMICO TUO GRULLOTTO LI VOLE PERCIO' SHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH
18770519
@valchiria.x : VABBEH CHE LI TIENI TE IN SICILIA MA NON FARE NESSUNA PATERNALE VISTO CHE MANCO L'AMICO TUO GRULLOTTO LI VOLE...
Risposta
22/06/2015 11.11.33
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
mery1981 mery1981 22/06/2015 ore 11.14.09 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Odio. Razziale

@lacki65 : GUARDA CHE L'ERITREA FU RISARCITA COME ANCHE L'ETIOPIA E LA SOMALIA TANTO E'VERO CHE SA GENTE CHE SI RITENEVA GIUSTAMENTE ANCHE IN PARTE ITALIANA SONO ENTRATI QUI' IN ITALIA OGGI COME OGGI SONO TUTTE NAZIONI ORMAI ISLAMICHE NON ABBIAMO NESSUN RENDICONTO DA DARE A STI PAESI SOTTOSVILUPPATI PER SCELTA LORO IMPARA LA STORIA :ok
lacki65 lacki65 22/06/2015 ore 11.31.52
segnala

(Nessuno)RE: Odio. Razziale

@mery1981 scrive:
GUARDA CHE L'ERITREA FU RISARCITA

guarda che non hai capito nulla , io parlo di 20.000 italiani massacrati dagli eritrei altro che risarcirli
o accettarli qua , io che questi trogloditi hanno ammazzato mia sorella gli sparerei direttamente sui
barconi in mare
kipling13 kipling13 22/06/2015 ore 12.11.38 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Odio. Razziale

@lacki65 scrive:
io parlo di 20.000 italiani massacrati dagli eritrei



anche i romani con Giulio Cesare ne fecero di danni!!! :hoho

:-)))
lacki65 lacki65 22/06/2015 ore 13.43.19
segnala

(Nessuno)RE: Odio. Razziale

@kipling13 scrive:
anche i romani con Giulio Cesare ne fecero di danni!!!

si anche adamo ed eva e ne paghiamo ancora le conseguenze , ma fammi il piacere
Dantalian.n Dantalian.n 22/06/2015 ore 14.51.49 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Odio. Razziale


Nell’ immaginario di molti italiani, non solo di quei pochi, ancora in vita, che hanno perduto un’esistenza di privilegi, questa terra era una volta l’ Eritrea Felix. Se nelle vicine Libia ed Etiopia i colonialisti ed i fascisti avevano stuprato, torturato ed ucciso, qui si erano comportati bene, portando civiltà e benessere anche per gli eritrei. Ma è una falsità storica che la nostalgia per il paradiso perduto alimenta. I bianchi hanno costruito per loro stessi. Le infrastrutture, strade, ponti, ferrovie, fabbriche ed aziende agricole sono state costruite e formate per il proprio sviluppo economico e benessere. Hanno edificato ville ed alberghi dove vivere con privilegi, chiese dove pregare il proprio dio, bar, ristoranti e bordelli dove divertirsi. Non sono stati regali di civiltà al popolo eritreo. La missione dei coloni non è stata quella di migliorare le condizioni di vita degli indigeni. Eritrea felix per il bianco, Eritrea infelice per il popolo eritreo, una razza integrata al progetto coloniale come razza inferiore con funzioni subordinate e servili. La ferrovia Asmara-Massaua, i ponti, le architetture di Asmara ed altro, esistono ancora e sono utilizzati, ma non sono un regalo, bensì un bottino di guerra del popolo eritreo, che ha conquistato con l’indipendenza le opere degli italiani.

Oltre a migliaia di morti, il colonialismo ed il fascismo furono responsabili in Eritrea di razzismo e sfruttamento, di crimini sessuali e di uno spietato sistema carcerario.

Un genocidio africano

Il numero di morti eritrei dal 1890 al 1941 fu alto, anche se inferiore e di molto a quello dei libici e degli etiopi. Per dare un’idea del genocidio africano di cui l’Italia coloniale e fascista è responsabile, le perdite etiopi nella guerra del 1935 e 1936 furono 760.000, secondo il numero fornito dal Negus alla Società delle Nazioni. Un numero forse non esatto, ma che indica la dimensione del massacro. In Etiopia a questo numero immenso, vanno aggiunte le perdite della prima guerra italo-etiope, 1895 – 1896, e dopo le stragi di bambini, donne e uomini dopo l’ attentato a Graziani nel 1937, il massacro di Amazegna Wagni, nel 1939 ed i morti della seconda guerra mondiale in Africa Orientale.

Gli eritrei che hanno pagato il più alto prezzo di sangue furono i soldati dell’ esercito coloniale, gli ascari. Le stime, però, sono molto vaghe. Per i soldati italiani morti in terrra d’Africa la contabilità è precisa, i soldati eritrei sono carne da macello, qualche migliaio in più o in meno ha poca importanza.

Circa 2000 furono gli ascari morti nella prima guerra italo etiopica, tra il dicembre del 1895 e l’ ottobre del 1896. Nella seconda guerra italo-etiopica, 1935-1936, gli ascari morti sono da 3500 a 4500. Contro gli inglesi i morti eritrei si stimano essere 10000, solo 3700 nella battaglia di Gondar nel 1941. Queste morti di soldati di un popolo dominato, arruolati, con la costrizione o con il miraggio di sfuggire la fame, per combattere sotto la bandiera del dominatore devono essere addebitate al colonialismo ed al fascismo italiano.
lacki65 lacki65 22/06/2015 ore 18.08.08
segnala

(Nessuno)RE: Odio. Razziale

@Dantalian.n scrive:
Nell’ immaginario di molti italiani

nel tuo immaginario , visto che tu non ci hai vissuto , io ci sono nato e vissuto ,la tua e solo una delegittimazione uso sinistra per giustificarsi ,dal fatto che oggi si stanno vendendo l'italia e gli italiani , spiacente non legittimo l'ignoranza , resta poi sempre il fatto che parliamo di due epoche completamente diverse che nulla hanno a che spartire, ma se vuoi ti do ragione ,tanto io sono vecchio,
ma e a voi giovani che vi date il martello sui genitali da soli e sorridete beati di finto bonismo,
ma i vostri figli pagheranno la stupidita dei loro padri , te lo assicuro
nonmifermo nonmifermo 22/06/2015 ore 18.20.14 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Odio. Razziale

ma cè davvero gente che crede che cè il razzismo in italia?

e come dire che nella sinistra non ci sono teste di cazzo
18771468
ma cè davvero gente che crede che cè il razzismo in italia? e come dire che nella sinistra non ci sono teste di cazzo
Risposta
22/06/2015 18.20.14
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
MIRKO.CUOREROSSOBLU MIRKO.CUOREROSSOBLU 22/06/2015 ore 18.46.13 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)...

Tra il thread e il 90% degli interventi, non so se ci sia qualcosa di costruttivo e sensato, francamente :hoho
18771501
Tra il thread e il 90% degli interventi, non so se ci sia qualcosa di costruttivo e sensato, francamente :hoho
Risposta
22/06/2015 18.46.13
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
LightAFunCool LightAFunCool 22/06/2015 ore 18.57.57
segnala

(Nessuno)RE: Odio. Razziale

@valchiria.x scrive:
Ecco cosa ci ha regalato la lega nord di Salvini . chè schifo .chi cè lo doveva dire chè un giorno x colpa di una forza politica exsenoba ed razzista il popolo italiano si faceva influenzare tanto x farlo divenire un popolo razzista

dici che salvini ha convinto anche ungheresi, danesi, francesi, inglesi, austriaci ecc ecc??????

ma non lo vedi che tutta l'europa va a destra e per fortuna si oppone all'invasione islamica?

svegliati, scendi dalla pianta, che l'illegittimo governo italiano è l'unico al mondo che invece di difenderci dai predatori economici, se li va a raccattare fino in africa con la marina militare.... siamo i primatisti mondiali di coglionaggine, non c'è partita

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.