Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

gastone6 gastone6 21/06/2015 ore 20.02.51 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sento che l'attivista italiana e' stata purgata

Samantha, donna di un coraggio indiscutibile a fronte dei neo-nazisti dell’Israeli Defence Force che uccidono chiunque, come tu fai uno sternuto, è paradossalmente stata salvata dall’espulsione ordinata dalla stessa IDF e dal governo di Tel Aviv.
Samantha aveva totalmente perso strategia, visione geopolitica del conflitto, e compiva atti del tutto inutili, atti seppelliti dalla Storia da ormai 40 anni.
Per questo Sam rischiava solo di morire per assolutamente nulla.
Bene che sia rimpatriata, che ripensi a tutto.
18769752
Samantha, donna di un coraggio indiscutibile a fronte dei neo-nazisti dell’Israeli Defence Force che uccidono chiunque, come tu...
Risposta
21/06/2015 20.02.51
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Agathodaimon Agathodaimon 21/06/2015 ore 20.14.03
segnala

(Nessuno)RE: sento che l'attivista italiana e' stata purgata

@gastone6 : Quel poveretto di Barnard lascialo stare....
Ameri.GUN Ameri.GUN 21/06/2015 ore 20.15.55 Ultimi messaggi
Ameri.GUN Ameri.GUN 21/06/2015 ore 20.18.20 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sento che l'attivista italiana e' stata purgata

@gastone6 scrive:
dei neo-nazisti

ma lavati la bocca

pezzente della storia
Agathodaimon Agathodaimon 21/06/2015 ore 20.22.30
segnala

(Nessuno)RE: sento che l'attivista italiana e' stata purgata

@Ameri.GUN scrive:
ma lavati la bocca

pezzente della storia

Eppure il termine si addice esattamente.
Quanto alla foto da te postata tutto è stato assolutamente spiegato, solo la gentucola in malafede fa finta di nulla.... tu sarai mica fra questi?
Che scusa userete quest'estate per ammazzare qualche migliaio di palestinesi?
Agathodaimon Agathodaimon 21/06/2015 ore 20.26.06
segnala

(Nessuno)RE: sento che l'attivista italiana e' stata purgata

@Maggi.e2 scrive:
Sanno solo che è di moda.

Quindi si rischia di essere incarcerati o magari uccisi solo perchè é di moda?
Vabbè, mi sa che è inutile continuare....
Maggi.e2 Maggi.e2 21/06/2015 ore 20.26.10
segnala

(Nessuno)RE: sento che l'attivista italiana e' stata purgata

@Agathodaimon scrive:
Che scusa userete quest'estate per ammazzare qualche migliaio di palestinesi?

Che hanno cominciato prima loro?

Ma che noioso che sei.
Perché non provi ad interessarti del coreani del Nord?
O agli indios amazzonici?

Maggi.e2 Maggi.e2 21/06/2015 ore 20.28.12
segnala

(Nessuno)RE: sento che l'attivista italiana e' stata purgata

@Agathodaimon scrive:
Quindi si rischia di essere incarcerati o magari uccisi solo perchè é di moda

Certo, fa figo difendere i palestinesi.
Degli altri oppressi molto peggio o sterminati..... niente.
Ma andate dove dico io.
gastone6 gastone6 21/06/2015 ore 20.29.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: sento che l'attivista italiana e' stata purgata

@Ameri.GUN : ripassati un po di storia. Israele nacque sull’uso del terrore su larga scala, dei massacri di palestinesi, della loro spoliazione, umiliazione e vessazione oltre ogni umana decenza, sul sotterfugio e sulla menzogna. E non sto parlando degli avvenimenti contemporanei, ma di fatti accaduti 60, 80 anni fa. Il destino della parte araba era segnato, e fu segnato quarant’anni prima dell’Olocausto nazista: già ai primi del novecento infatti i palestinesi erano considerati dai padri del sionismo, e futuri fondatori di Israele, una stirpe inferiore semplicemente da accantonare ed espellere, senza diritti, senza una Storia, un non-popolo. Il piano di pulizia etnica dei palestinesi prese vita alla fine del XIX secolo e non ha mai trovato soluzione di continuità fino ad oggi, e oggi come allora viene condotto dalla parte ebraica con una crudeltà senza limiti. L’immane tragedia dello sterminio ebraico nell’Europa di Hitler diede solo un impuso a quel piano, lo rafforzò, ma non lo partorì.
Va compreso da chiunque desideri capire l’intrattabilità odierna del conflitto israelo-palestinese, che i torti più macroscopici furono inflitti dalla parte sionista ai danni della popolazione araba di Palestina negli anni che vanno dagli albori del ‘900 ai primi anni ’50. I ‘giochi’ si fecero allora. Tutto quello che è accaduto in seguito, sono solo violente contrazioni e reazioni da entrambe le parti (col primato della violenza senza dubbio in mano ebraica) in seguito a quel cinquantennio di orrori e di grottesche ingiustizie patite dai palestinesi nella loro terra, perpetrati con la piena e criminosa collusione degli Stati Uniti e dell’Europa, ciechi sostenitori di Israele allora come oggi. Solo guardando il terrorismo palestinese con questa ottica si comprende come esso sia la reazione convulsa e disperata di un popolo seviziato oltre ogni possibile immaginazione da quasi un secolo, e non una peculiare barbarie islamica. E con la medesima ottica si comprende la follia ingiustificabile del piano sionista odierno, e la sua implacabile ingiustizia.
Ci sono le prove, nero su bianco, di quanto ho appena affermato, e tutte da fonte ebraica autorevole, fra cui le ammissioni e gli scritti degli stessi padri fondatori di Israele.
Solo chi ha l’onestà intellettuale di voler leggere quelle prove può oggi comprendere perché Israele non ha e non può avere un diritto giuridico e morale di esistere, ma solo un diritto di fatto. Nessuno Stato può pretendere di essere legittimato dalla comunità internazionale dopo essersi edificato sulle più abominevoli violazioni dei diritti fondamentali dell’uomo, su fiumi di sangue di innocenti, su una pianificazione perfida e razzista. Oggi Israele c’è, e non lo si può certo sopprimere come Stato. Il suo unico diritto di esistere si fonda su questo pragmatismo, e naturalmente sul diritto di esistere degli israeliani che lo abitano. In ciò, esso condivide la medesima problematica con gli Stati Uniti, nati sul genocidio dei nativi ma pragamaticamente ormai legittimati ad esistere.
Che i sopraccitati concetti lascino sconvolto e scandalizzato pressoché chiunque li legga, è solo dovuto al fatto che sulla vicenda israelo-palestinese la storiografia occidentale e i media ad essa asservita ci hanno raccontato sempre e solo menzogne, una colossale e incredibile mole di menzogne, talmente reiterate da divenire realtà per chiunque. Questa mia non è l’ennesima speculazione delirante su chissà quale complotto internazionale plutocratico-giudaico-massone, né una fantasticheria negazionista. Quanto vado affermando è frutto, lo ripeto, di una autorevolissima ricerca storiografica con al suo attivo nomi di enorme prestigio accademico, e quasi tutti di origine ebraica.

Pochi sono i casi nella narrazione delle vicende umane in cui, in seguito a un approfondimento moralmente onesto dei fatti, si viene a scoprire una realtà indicibilmente diversa da quella comunemente acquisita. Il conflitto israelo-palestinese è forse il caso più scioccante.
Vi propongo di seguito alcune tracce per cominciare a orientarsi. Potete leggere le parti che riguardano Israele “Perché ci Odiano” (Rizzoli BUR 2006), e la cronologia degli eventi di quel conflitto al termine del libro. Poi, sempre nell’ambito della revisione storica degli eventi fondamentali del passato, ritengo imprescindibile il lavoro dello storico ebreo israeliano Ilan Pappe, e la lettura del suo “La Pulizia Etnica della Palestina” (Fazi Editore 2008). E ancora due libri fondamentali, fra le migliaia: “Pity The Nation” di Robert Fisk (Oxford University Press, 1990), che partendo dalla tragedia del Libano ci svela cose agghiaccianti del passato di Israele, e “Palestine and Israel” di David Mc Dowell (I.B. Tauris & Co. Ltd Publishers, London 1989), altra mole di dettagli e fatti taciuti e sepolti dalla storiografia ufficiale.
Agathodaimon Agathodaimon 21/06/2015 ore 20.31.02
segnala

(Nessuno)RE: sento che l'attivista italiana e' stata purgata

@Ameri.GUN : http://samanthacomizzoli.blogspot.it/2014/07/foto-incriminata-mo-vi-denuncio.html
Informati va, sei solo un poveretto alla fine...

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.