Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

giorgio60 23/11/2017 ore 18.19.11 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...



L'aborto è sempre un omicidio.
beatofrock beatofrock 23/11/2017 ore 18.33.25
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

bene

per noi e la legge no

fattene una ragione
c.hicca44 c.hicca44 23/11/2017 ore 19.10.50
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@beatofrock : grazie per averlo scritto :-) :-)
giorgio60 giorgio60 23/11/2017 ore 19.54.51 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...



La legge è una delle giustificazioni che non cambia il merito,fatevene una ragione. :ok
c.hicca44 c.hicca44 23/11/2017 ore 20.29.54
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@giorgio60 : no scusa io ti quoto se la penso come te ma , fermo restando che non ho mai abortito , direi che va fatta una valutazione caso per caso
beatofrock beatofrock 23/11/2017 ore 20.31.48
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@giorgio60 : ma tu non hai detto che hai votato per Obama e la Clinton?

da come scrivi sembri un esponente tea party :sbong
giorgio60 giorgio60 23/11/2017 ore 21.24.17 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@c.hicca44 scrive:
direi che va fatta una valutazione caso per caso



quando si e' votato per l'aborto io ho votato in favore pur essendo contro personalmente all'aborto perche' riconosco che la liberta' nella societa' e' piu' importante delle mie convinzioni personali.

non sono un bigotto e non penso che sia un omicidio perche' lo dice la chiesa o la religione...
penso che interrompere un vita o un germoglio di vita e' un omicidio anche nella sua giustificazione piu' assoluta quale la scelta tra la vita della madre e quella del bambino...
io sceglierei la vita di mia moglie e' ovvio ma non cambia il fatto che sto commettendo un omicidio uccidendo il bambino che porta in grembo o il feto come volete chiamarlo.

ci possono essere tutte le leggi di questo mondo e tutte le ragioni di questo mondo ma la sostanza non cambia...
uccidere un bambino prima di nascere non e' come togliersi un dente...e' un omicidio.
BiecoBevitore BiecoBevitore 24/11/2017 ore 00.40.31
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

un figlio è meglio non averlo se non si ha voglia di crescerlo, di disagiati e depressi è pieno il mondo. fosse per me legalizzerei anche le cabine suicidio di futurama perchè ognuno con il suo corpo ci dovrebbe poter fare quello che vuole, e dato che il feto è parte del corpo della donna per come la vedo io questa può disporne come meglio crede.
giorgio60 giorgio60 24/11/2017 ore 08.15.51 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@BiecoBevitore scrive:


un figlio è meglio non averlo se non si ha voglia di crescerlo,




allora non farlo perche' se lo fai non e' un giocattolo che lo butti ma una vita e non e' di nessuno ma sua.
sc2 sc2 24/11/2017 ore 09.46.52 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

Anche nel III Reich la legge imponeva la discriminazione degli ebrei. Forse che questo è giusto? "Lo dice la legge" non è che la scusa di chi nemmeno è sfiorato dal pensiero che una legge sia sbagliata.

Qualunque cosa dica la legge, l'aborto è un omicidio (anzi, è peggio di un omicidio: è un tradimento). Questa è una verità (dimostrabile!) che non può cambiare con un tratto di penna.
A.Levante A.Levante 24/11/2017 ore 14.01.31 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@c.hicca44 scrive:
grazie per averlo scritto



:-( lo avevo scritto anche io nell'altro post
c.hicca44 c.hicca44 24/11/2017 ore 14.16.59
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@A.Levante : grazie anche a te
c.hicca44 c.hicca44 24/11/2017 ore 14.22.53
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@giorgio60 : beh quando l'aborto viene praticato così come nulla fosse (e in reparto maternità ne ho viste di tutte e di più che "andavano a far l'ennesima pulizia") diventa una schifezza mi pare chiaro
thanos1961 thanos1961 24/11/2017 ore 15.19.32 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@giorgio60 scrive:
L'aborto è sempre un omicidio.


Anche quando evita anni di sofferenze?
Oppure ogni sofferenza è accettabile in nome della sacralità della vita purché sia qualcun altro a doverla subire?
Sanjura Sanjura 24/11/2017 ore 15.46.41
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@giorgio60 scrive:
L'aborto è sempre un omicidio.


Mi sembra una fattispecie giusto un filo più complicata.
Non può essere punito con la pena o la reclusione.
Non puoi prevenirlo obbligando la gestante a condurre la maternità.
Può essere indotto come fosse naturale.

L'unica leva contro l'aborto sta nella motivazione della gestante, e di questo nessuno di preoccupa.




beatofrock beatofrock 24/11/2017 ore 16.10.01
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

avevo 20 anni al referendum sul divorzio

e 27 al referendum sull'aborto

una schiacciante maggioranza stabilì la liceità di ambedue le pratiche

dice: non è detto che il volere maggioritario sia la verità e che la minoranza debba subire

vero

ma in questi casi la maggioranza espressa non impone nulla alla minoranza

nessuno, agli effetti di quelle leggi, è tenuto o obbligato a divorziare o abortire

quindi smettetela di rompere la minchia a scadenza semestrale

non volete abortire o divorziare? e chi vi obbliga?

fate pure ma non scassate la minchia
beatofrock beatofrock 24/11/2017 ore 16.11.24
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

ps: dico 'minchia' in onore dell'autore del post :-p
giorgio60 giorgio60 24/11/2017 ore 18.38.52 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@c.hicca44 :

Chiaramente ognuno di noi ha la sua misura per giudicare...
Io dico che un aborto è sempre una cosa orribile sia quando si fa per futili motivi che per evitare tragedie come la scelta tra la vita della madre o del bambino oppure per evitare una vita di disabilità penosa e dolorosa,la sostanza dell'atto rimane identica come la sua gravità.

Bisognerebbe educare al rispetto della vita e alla responsabilità delle proprie azioni invece di parlare dell'aborto come se si parlasse di una cosa di poco conto è non mi sto riferendo a nessuno...
Lo scrivo perché sembra così semplice e facile parlare di aborto che fa impressione tanta immaturità in generale.
c.hicca44 c.hicca44 24/11/2017 ore 18.43.56
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@thanos1961 :....esempio che ti ho fatto ieri appunto
c.hicca44 c.hicca44 24/11/2017 ore 18.49.46
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@giorgio60 : come ho già scritto ho avuto solo i figli che ho desiderato . la seconda ho rischiato di perderla e con qualche mese di stretto riposo il lietissimo evento c'è stato. immaturità? leggi ciò che scrive thanos. anche io ho portato questo esempio ieri
thanos1961 thanos1961 24/11/2017 ore 18.53.03 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@giorgio60 scrive:
Chiaramente ognuno di noi ha la sua misura per giudicare...
Io dico che un aborto è sempre una cosa orribile sia quando si fa per futili motivi che per evitare tragedie come la scelta tra la vita della madre o del bambino oppure per evitare una vita di disabilità penosa e dolorosa,la sostanza dell'atto rimane identica come la sua gravità.

Bisognerebbe educare al rispetto della vita e alla responsabilità delle proprie azioni invece di parlare dell'aborto come se si parlasse di una cosa di poco conto è non mi sto riferendo a nessuno...
Lo scrivo perché sembra così semplice e facile parlare di aborto che fa impressione tanta immaturità in generale.


Anni fa ho seguito per qualche mese una famiglia che aveva tra i suoi componenti una povera ragazza che da anni, causa varie patologie congenite ed incurabili, era bloccata a letto ed in preda a dolori atroci e continui.
Soffriva di tali dolori mentre tu andavi a prendere una pizza con gli amici.
Soffriva di tali dolori mentre tu andavi al cinema con moglie e figli.
Soffriva di tali dolori mentre tu ti incazzavi perché la tua squadra aveva perso.
Soffriva di tali dolori mentre brindavi a Natale, a Capodanno o per il tuo compleanno.
E continua a soffrire di tali dolori mentre tu pontifichi sulla criminalità dell'aborto e sulla sacralità della vita.
In una occasione, durante una serie di dolori acutissimi e lancinanti, di quelli che ti fanno impazzire ed invocare il diavolo se Dio ha altro da fare, l'ho sentita chiedere alla madre per quale motivo l'avesse fatta nascere.
La madre non ha saputo cosa risponderle, e nemmeno io.
E' un vero peccato che tu non fossi stato presente, avresti sicuramente supplito a tale nostra riconosciuta ignoranza dando a quella povera disgraziata una risposta soddisfacente.

P.S.: Soddisfacente per lei, naturalmente.
giorgio60 giorgio60 24/11/2017 ore 19.04.10 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@thanos1961 : La madre avrebbe potuto uccidere prima di nascere,la bambina non avrebbe sofferto ma la sostanza del discorso non cambia...

Io non dico che sia giusto o sbagliato ma bisogna chiamare le cose con il loro nome...
Avrebbe potuto evitare tutta quella sofferenza uccidendolo prima di nascere.
thanos1961 thanos1961 24/11/2017 ore 19.10.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@giorgio60 scrive:
bisogna chiamare le cose con il loro nome...


Uccidere un individuo indifeso è omicidio.
Questo il nome dell'atto.
Farlo nascere per costringerlo ad una vita di sofferenza, di solitudine e di degrado personale cos'è?
Non conosco il nome di tale atto.
Come non conosco la differenza tra il primo ed il secondo.
Come non conosco i meriti e le titolarità di chi critica o condanna coloro che compiono una scelta piuttosto che un'altra.
Come ho già esposto più volte in precedenza io non possiedo risposte.
Non possiedo certezze, non possiedo nemmeno verità assolute mistiche o ideologiche.
E tu?
giorgio60 giorgio60 24/11/2017 ore 20.48.01 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@thanos1961 scrive:
Uccidere un individuo indifeso è omicidio.



uccidere e' omicidio.

che sia difeso o indifeso,sano o malato anziano o ancora un feto e' omicidio.

giusto o sbagliato determinare volontariamente la morte di un essere vivente e' omicidio.
thanos1961 thanos1961 24/11/2017 ore 22.18.04 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@giorgio60 scrive:
uccidere e' omicidio.

che sia difeso o indifeso,sano o malato anziano o ancora un feto e' omicidio.

giusto o sbagliato determinare volontariamente la morte di un essere vivente e' omicidio.


Bene.
Quale alternativa proponi alla donna che sceglie di abortire per risparmiare sofferenze future ad un nascituro irrimediabilmente malato o deforme?
giorgio60 giorgio60 24/11/2017 ore 22.30.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@thanos1961 scrive:
Bene.
Quale alternativa proponi alla donna che sceglie di abortire per risparmiare sofferenze future ad un nascituro irrimediabilmente malato o deforme?



io non parlo di alternative perche' sto discutendo di altro...
io non discuto la liberta' concessa dalla legge o dalla necessita' ma discuto la sostanza della soluzione che molti tendono a volere fare passare come una cosa di poco conto e invece stiamo parlando di omicidio.

l'alternativa della donna che vuole risparmiare le sofferenze future al bambino e' di ucciderlo.
perche' non chiamare le cose con il loro nome?
intermezzo intermezzo 24/11/2017 ore 22.33.18 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

Anche la legge impone dei limiti, che l'ideologia dominante finge di non ravvisare: "L'interruzione volontaria della gravidanza, di cui alla presente legge, non è mezzo per il controllo delle nascite". Non credo serva altro. La legge è forse quella più trasgredita impunemente nella storia.

thanos1961 thanos1961 24/11/2017 ore 22.34.06 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@giorgio60 scrive:
io non parlo di alternative perche' sto discutendo di altro...
io non discuto la liberta' concessa dalla legge o dalla necessita' ma discuto la sostanza della soluzione che molti tendono a volere fare passare come una cosa di poco conto e invece stiamo parlando di omicidio.

l'alternativa della donna che vuole risparmiare le sofferenze future al bambino e' di ucciderlo.
perche' non chiamare le cose con il loro nome?


L'alternativa è il modo per evitare l'omicidio che condanni.
Ma come fai a condannare un omicidio legalizzato se non proponi una alternativa ad esso?
E' possibile evitare un aborto?
E come?
giorgio60 giorgio60 24/11/2017 ore 22.38.25 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@thanos1961 scrive:


E' possibile evitare un aborto?
E come?


quando non e' possibile si commette,purtroppo,un omicidio.
perche' ti e' difficile capire un concetto cosi' elementare...

ci possono essere tutte le leggi del mondo e tutte le giustificazioni di questo mondo ma alla fine di omicidio si tratta quando si decide per l'aborto.

e' triste e puo' capitare a tutti ma e' cosi'.

giorgio60 giorgio60 24/11/2017 ore 22.41.36 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@thanos1961 scrive:


Ma come fai a condannare un omicidio legalizzato


non sto condannando,giudico i fatti nella loro nuda e cruda realta'.
non sto dicendo che non ci sarebbero giustificazioni tali da fare decidere per l'aborto ma semplicemente sto dicendo che nel momento in cui decido di uccidere il bambino mai nato sto commettendo un omicidio,non mi sto togliendo un dente.
thanos1961 thanos1961 24/11/2017 ore 22.49.12 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@giorgio60 scrive:
quando non e' possibile si commette,purtroppo,un omicidio.
perche' ti e' difficile capire un concetto cosi' elementare...

ci possono essere tutte e leggi del mondo e tutte le giustificazioni di queto mondo ma alla fine di omicidio si tratta quando si decide per l'aborto.

e' triste e puo' capitare a tutti ma e' cosi'.


Tu hai esordito affermando che un aborto è sempre un omicidio.
Questo esclude a priori qualsiasi giustificazione ad esso e qualsiasi motivazione possa portare a tale atto.
Ma hai omesso le conseguenze derivanti dal mancato aborto di un feto irrimediabilmente ammalato o deforme.
Perché?
Se in ogni caso è un omicidio ingiustificato vuol dire che anche un malato o un deforme deve necessariamente nascere.
Certo, magari patirà dolori atroci, magari passerà anni di inferno, magari dovrà rinunciare a qualsiasi gioco o socializzazione perché le sue deformità glielo impediscono.
Ma avremo imitato un omicidio.
Tu sarai contento.
La chiesa sarà contenta.
Qualsiasi benpensante sarà contento.
Non so quanto possa essere contento o meno l'individuo nato irrimediabilmente ammalato che trascorre la sua vita a combattere con il dolore e la disperazione.
Ma non ha nessuna importanza.
Non so quanto possano essere contenti coloro che lo circondano, lo accudiscono e soffrono insieme a lui.
Ma nemmeno questo ha importanza.
Non so quanto sia contento un individuo chiuso in casa per anni perché le sue deformità gli impediscono movimenti e socializzazione.
Ma è un ulteriore aspetto di importanza inesistente.
E' stato evitato un omicidio.
Ed i benpensanti potranno continuare ad andare al cinema, a prendere una pizza ed a pontificare sul bene e sul male con l'animo appagato.
intermezzo intermezzo 24/11/2017 ore 22.50.49 Ultimi messaggi
nera1965 nera1965 25/11/2017 ore 12.12.56
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@thanos1961 scrive:
Anche quando evita anni di sofferenze?

Chissà cosa ti risponderebbe Stephen Hawking...

nera1965 nera1965 25/11/2017 ore 12.15.35
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@thanos1961 scrive:
Uccidere un individuo indifeso è omicidio.

Lo vuoi più indifeso che nel grembo materno?
Minimy Minimy 25/11/2017 ore 12.28.57
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@giorgio60 scrive:
che



:ronf :ronf :ronf
thanos1961 thanos1961 25/11/2017 ore 13.04.48 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 :

Mia cara nera:

Personalmente di certezze non ne ho.
Ho tenuto tra le braccia mia figlia, i gemellini della mia ex vicina che sono per me come nipotini ed altri bambini di ogni età, ed in quei momenti mi sentivo l'uomo più felice del mondo.
Ma ho sentito anche le urla e le lacrime di una povera ragazza che da anni era immobilizzata in un letto in preda ad atroci dolori ed un ragazzino che non aveva mai potuto correre su un prato insieme ai suoi coetanei o spruzzarsi l'acqua addosso su una spiaggia in estate a causa delle sue deformità che gli impedivano la maggior parte dei movimenti.
Non so cosa è giusto e cosa no.
Tu lo sai?
nera1965 nera1965 25/11/2017 ore 13.58.44
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@thanos1961 scrive:
Tu lo sai?

Io penso che ognuno dovrebbe essere padrone della sua vita, neppure la madre è padrona della vita di un figlio, non per niente sono favorevole all'eutanasia. So per certo che per come è concepito oggi l'aborto è uno sbaglio, non si risolve un problema così usando l'accetta. Credo fermamente che la vita di un essere umano abbia inizio col suo concepimento e non al parto. Trovo stupide e vergognose le discussioni sui mesi del feto ecc..
Credo che l'aborto dovrebbe essere un extrema ratio, quando si presenta il rischio di morte della madre durante il parto. Oggi, negarlo è ipocrita, l'aborto è sempre più concepito come rimedio a gravidanze non volute. Tutte le persone che uccidono un bambino sano, forti di una legge che li tutela, sono persone che fanno commettere un omicidio.
Ti dirò adesso una cosa molto forte ma assolutamente veritiera:
L'aborto concepito così com'è oggi, sta progressivamente facendo una selezione della specie. Basta una remota ipotesi, non la certezza!, di far nascere un bambino non totalmente sano per ricorrere immediatamente all'aborto.
La natura è però straordinaria, nel suo essere innocentemente crudele, fa si che possano nascere persone straordinarie come Stephen Hawking, Michel Petrucciani ect...
Chi è favorevole all'aborto spesso vede nel disabile che dovrebbe nascere la sua inutilità nella società moderna, quelle deformità, quelle disabilità, quelle menomazioni suscitano in noi molta più paura di chi le sopporta.
Io voglio che ognuno sia padrone della propria vita fin dal concepimento.
thanos1961 thanos1961 25/11/2017 ore 14.24.41 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 scrive:
Chi è favorevole all'aborto spesso vede nel disabile che dovrebbe nascere la sua inutilità nella società moderna, quelle deformità, quelle disabilità, quelle menomazioni suscitano in noi molta più paura di chi le sopporta.


Non è il mio caso.
Mi limito a ricordare i pianti, le urla, la disperazione di chi conviveva da troppo tempo con dolori lancinanti.
E so cosa vuol dire.

Anni fa ho subito un brutto incidente, un bel volo causato dall'impatto con un fuoristrada che procedeva allegramente di sera e non mi ha visto mentre attraversavo la strada.
Il conducente non si è fermato e mi ha lasciato su selciato.
Risultato: entrambi gli omeri delle spalle frantumati, sette pezzi il sinistro, quattro il destro.
Descrivere il dolore causato da due articolazioni tra loro collegate frantumate è umanamente impossibile. Ho perso nove chili in due mesi, per tre mesi non ho potuto sedermi o sdraiarmi, sono arrivato a dormire in piedi o appoggiato al muro.
Quando gli ortopedici vedevano le mie lastre si mettevano mai ai capelli, uno di loro mi ha confidato che il dolore provocato dalle conseguenze di un simile trauma è analogo a quello di un travaglio, posso quindi dire di aver avuto un travaglio lungo vari mesi.
Ho pianto come un disperato durante la riabilitazione, mi sono inginocchiato ai piedi dell'infermiera supplicandola di smettere perché non ce la facevo più, ho trascorso notti a piangere ed a pregare Dio ed il Diavolo, o chiunque altro mi illudessi potesse fare qualcosa per alleviare il dolore che mi consumava.
Secondo gli ortopedici avrei potuto recuperare non più del 30/40% della mia mobilità agli arti superiori, oggi guido la moto, gioco a biliardo e posso vestirmi e svestirmi con le mie mani, cosa che non ho potuto fare per lunghi mesi, con comprensibile disagio ed imbarazzo.
Dovessi vivere mille anni non dimenticherò mai il dolore che ho provato in quei giorni, a volte arrivo persino a svegliarmi di soprassalto di notte dopo aver sognato di trovarmi ancora in quelle condizioni.
Ma avevo una speranza, un obiettivo, un percorso da affrontare per conquistarlo, e, senza volermi minimamente vantare o esibire doti particolari, ho sempre avuto l'istinto del combattente, ed in quei giorni mi è stato indispensabile.
Ma cosa avrei fatto se non avessi posseduto tale istinto?
Cosa avrei fatto se non avessi avuto alcuna speranza?
Cosa avrei fatto se avessi saputo dentro di me che la disabilità di quei giorni ed i dolori atroci che essa comportava sarebbero durati per sempre?

Cerca di ben comprendere, per favore.
Uccidere un indifeso è un crimine, sono il primo a riconoscerlo ed a gridarlo al cielo.
Costringerlo ad una vita di sofferenza è altrettanto criminale, qualsiasi scusa si cerchi di inventare per auto giustificarsi.
A questo punto sorge spontanea la domanda, esposta con sagacia da Fabrizio De Andrè nella sua canzone "NELLA MIA ORA DI LIBERTA'": quale è il crimine giusto per non passare da criminali?
Non lo so.
Porca puttana, non lo so.

P.S.: Ogni volta che mi pongo tale domanda vorrei non essere astemio e sbronzarmi per evitare di pensarci.
nera1965 nera1965 25/11/2017 ore 22.01.07
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@thanos1961 scrive:
Non è il mio caso.
Mi limito a ricordare i pianti, le urla, la disperazione di chi conviveva da troppo tempo con dolori lancinanti.
E so cosa vuol dire.

Anni fa ho subito un brutto incidente, un bel volo causato dall'impatto con un fuoristrada che procedeva allegramente di sera e non mi ha visto mentre attraversavo la strada.
Il conducente non si è fermato e mi ha lasciato su selciato.
Risultato: entrambi gli omeri delle spalle frantumati, sette pezzi il sinistro, quattro il destro.
Descrivere il dolore causato da due articolazioni tra loro collegate frantumate è umanamente impossibile. Ho perso nove chili in due mesi, per tre mesi non ho potuto sedermi o sdraiarmi, sono arrivato a dormire in piedi o appoggiato al muro.
Quando gli ortopedici vedevano le mie lastre si mettevano mai ai capelli, uno di loro mi ha confidato che il dolore provocato dalle conseguenze di un simile trauma è analogo a quello di un travaglio, posso quindi dire di aver avuto un travaglio lungo vari mesi.
Ho pianto come un disperato durante la riabilitazione, mi sono inginocchiato ai piedi dell'infermiera supplicandola di smettere perché non ce la facevo più, ho trascorso notti a piangere ed a pregare Dio ed il Diavolo, o chiunque altro mi illudessi potesse fare qualcosa per alleviare il dolore che mi consumava.
Secondo gli ortopedici avrei potuto recuperare non più del 30/40% della mia mobilità agli arti superiori, oggi guido la moto, gioco a biliardo e posso vestirmi e svestirmi con le mie mani, cosa che non ho potuto fare per lunghi mesi, con comprensibile disagio ed imbarazzo.
Dovessi vivere mille anni non dimenticherò mai il dolore che ho provato in quei giorni, a volte arrivo persino a svegliarmi di soprassalto di notte dopo aver sognato di trovarmi ancora in quelle condizioni.
Ma avevo una speranza, un obiettivo, un percorso da affrontare per conquistarlo, e, senza volermi minimamente vantare o esibire doti particolari, ho sempre avuto l'istinto del combattente, ed in quei giorni mi è stato indispensabile.
Ma cosa avrei fatto se non avessi posseduto tale istinto?
Cosa avrei fatto se non avessi avuto alcuna speranza?
Cosa avrei fatto se avessi saputo dentro di me che la disabilità di quei giorni ed i dolori atroci che essa comportava sarebbero durati per sempre?

Cerca di ben comprendere, per favore.
Uccidere un indifeso è un crimine, sono il primo a riconoscerlo ed a gridarlo al cielo.
Costringerlo ad una vita di sofferenza è altrettanto criminale, qualsiasi scusa si cerchi di inventare per auto giustificarsi.
A questo punto sorge spontanea la domanda, esposta con sagacia da Fabrizio De Andrè nella sua canzone "NELLA MIA ORA DI LIBERTA'": quale è il crimine giusto per non passare da criminali?
Non lo so.
Porca puttana, non lo so.

P.S.: Ogni volta che mi pongo tale domanda vorrei non essere astemio e sbronzarmi per evitare di pensarci.

È una storia molto drammatica quella che mi hai raccontato e sono ben felice che tu con la tua forza di volontà l’abbia superata. Però..
Prova un attimo ad immaginare se un dramma così invalidante, per evidenti altri motivi, accadesse a te non da adulto ma da bebè che si sta formando mentre ti trovi nella pancia di tua madre. Saresti stato alla mercé della decisione di tua madre che probabilmente dopo un’ecografia decide che la tua vita è finita, tu non dovrai nascere. La tua forza di volontà, il tuo desiderio di nascere non conterebbero più niente.
Guarda questo video, ti prego di guardarlo, è reale, spero ti faccia riflettere. Solo questo.
thanos1961 thanos1961 25/11/2017 ore 22.06.21 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 :

Scusami, ma riflettere su cosa?
Mi hai visto assumere posizioni a favore o contrarie all'aborto?
Non esiste al mondo miracolo più grande del sorriso di un bambino.
Ma cosa devo fare quando so che negli occhi di quel bambino non ci saranno mai sorrisi ma solo lacrime di dolore, di angoscia, di disperazione ...
Devo sopprimere una vita per evitargli una esistenza di sofferenze?
Devo costringerla a nascere e soffrire fino all'ultimo respiro?
Quale tra i due atti mi rende meno criminale?
nera1965 nera1965 25/11/2017 ore 22.20.03
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@thanos1961 scrive:
Scusami, ma riflettere su cosa?

Sul video che non hai visto prima di rispondere, visto che dura 15 minuti.
nera1965 nera1965 25/11/2017 ore 22.21.30
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@thanos1961 scrive:
Ma cosa devo fare quando so che negli occhi di quel bambino non ci saranno mai sorrisi ma solo lacrime di dolore, di angoscia, di disperazione ...

Questo non potremo mai saperlo se lo uccidiamo prima.
giorgio60 giorgio60 25/11/2017 ore 22.38.57 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 scrive:
Questo non potremo mai saperlo se lo uccidiamo prima.



noi non dovevamo avere la bambina che stavamo aspettando con tanto amore...
i medici dicevano che la possibilita' di contrarre un'infezione che aveva avuto mia moglie nel momento del travaglio era altissima con la possibilita' di un parto che poteva essere fatale per mia moglie e che avrebbe potuto lasciare tracce di sofferenza permanenti e disabilita' per la bambina...

io volevo che mia moglie abortisse assolutamente,non volevo correre alcun pericolo per lei e non volevo che mio figlio/a nascesse con handicapp permanenti...i medici erano tutti con me...

mia moglie mi ha chiamato e mi ha detto che se non ero d'accordo con lei potevo fare le valigie e andarmene perche' lei avrebbe avuto la bambina e l'avrebbe cresciuta e amata da sola...
a quel punto io non ho avuto piu' dubbi e quella forza che proveniva da una ragazza che sentiva dentro di se una vita mi ha contagiato e responsabilizzato...
eravamo preparati a tutto e la bambina e' nata e fortunatamente senza problemi...
se fosse stato per me l'avrei uccisa e invece e' nata la persona che amo di piu' al mondo...

e non e' nemmeno questo il punto perche' poteva non esserci un lieto fine...
il punto e' che dobbiamo chiamare le cose con il loro nome...
se passava il mio punto di vista concorde con i medici avrei commesso un omicidio perche' non so come definirlo diversamente e grazie a mia moglie non e' successo...
giorgio60 giorgio60 25/11/2017 ore 22.40.28 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 scrive:

Io voglio che ognuno sia padrone della propria vita fin dal concepimento.


esatto...brava.
nera1965 nera1965 25/11/2017 ore 22.48.04
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@giorgio60 :
Tua moglie è una grande donna. Sei fortunato ad avere una donna così al tuo fianco. Siine fiero, ti ha regalato la gioia più grande della tua vita.
thanos1961 thanos1961 25/11/2017 ore 22.48.10 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 scrive:
Questo non potremo mai saperlo se lo uccidiamo prima.


Cosa facciamo allora?
Lo uccidiamo dopo quando siamo costretti ad ammettere che la scienza medica non può curare le sue patologie?
Oppure lo costringiamo a vivere per anni ed anni tra mille sofferenze sue ma col nostro ego appagato?

Nera, io non sto parlando di piccole malformazioni superabili o che non impediscono una vita normale o quasi, sto parlando di quei casi, grazie al cielo rari e sporadici, nei quali la medicina è impotente ed il bambino potrebbe passare anni di sofferenza, di solitudine, di angoscia, di frustrazione, di disperazione, di domande senza risposta.
Io non so quale sia la scelta giusta, ma sono conscio che si tratta di un crimine in entrambi i casi.
Ora, è vero che non esistono crimini giusti, resta solo da capire qual'è quello meno sbagliato.
E di tale crimine la vittima non sono io che mi macero nel dubbio, non sei tu che assumi una posizione o un'altra, non sono i superficiali che vedono un aborto come l'eliminazione di una ciste, non sono gli ipocriti benpensanti che li condannano tutti fregandosene delle conseguenze.
Le vittime sono innanzitutto un bambino che non sappiamo se desidera nascere per vivere una vita di sofferenze, un donna che lo porta in grembo e che non sa quale sia la scelta migliore per il suo futuro, ed anche un padre, impotente e privo di qualsiasi potere per superare il dramma che gli è capitato tra capo e collo.
Non chiedermi cosa farei se, da futuro padre, scoprissi che mio figlio nascerebbe con problemi fisici incurabili che trasformerebbero la sua vita in un inferno.
Non voglio pensarci, voglio essere vigliacco e non pensarci, voglio nascondere la testa sotto la sabbia e ringraziare tutti gli dei e tutti i demoni che mia figlia sia una ragazza sana ed amante della vita.
nera1965 nera1965 25/11/2017 ore 22.58.16
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@thanos1961 scrive:
Nera, io non sto parlando di piccole malformazioni superabili o che non impediscono una vita normale o quasi, sto parlando di quei casi, grazie al cielo rari e sporadici, nei quali la medicina è impotente ed il bambino potrebbe passare anni di sofferenza, di solitudine, di angoscia, di frustrazione, di disperazione, di domande senza risposta.

Tu ti poni davanti al problema dell’aborto estremizzandolo, guardi solo gli aspetti più truci e disperati per il nascituro. La realtà è che la stragrande maggioranza degli aborti vengono fatti su bambini perfettamente sani. Questa è la normalità odierna. Questo ci dovrebbe far riflettere su una legge come la 187 quantomeno superficiale è incompleta.
Near87 Near87 25/11/2017 ore 22.59.19 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 scrive:
Prova un attimo ad immaginare se un dramma così invalidante, per evidenti altri motivi, accadesse a te non da adulto ma da bebè che si sta formando mentre ti trovi nella pancia di tua madre. Saresti stato alla mercé della decisione di tua madre che probabilmente dopo un’ecografia decide che la tua vita è finita, tu non dovrai nascere. La tua forza di volontà, il tuo desiderio di nascere non conterebbero più niente.

E per me sbagli a identificare una persona adulta con un embrione o un feto!Il tuo discorso poi contiene troppi SE e troppi MA... in pratica stai dicendo'' Non bisogna negarli la possibilita' di nascere anche se ha delle malformazioni perche' SE avra' forza di volonta' o se si troveranno delle cure potra' avere una vita dignitosa MA SE cio' non dovesse accadere allora potra' decidere di togliersi la vita con l'eutanasia''
Tuttavia la madre conosce gia' i problemi che dovra' sopportare il futuro figlioletto(e non parlo solo di disabilita', anche di problemi economici e sociali), mentre lui no.Inoltre la tua e' una scommessa: Potrebbe diventare come Hawking....Si ok, ma se non lo diventera'?
In pratica io brutalmente dico: Meglio staccarli la spina prima, visto che l'embrione e il feto non soffrira' e non ha nemmeno consapevolezza di se'. Non dopo, che sara' piu' doloroso per tutti, in primis per lui.
thanos1961 thanos1961 25/11/2017 ore 23.04.41 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 scrive:
Tu ti poni davanti al problema dell’aborto estremizzandolo, guardi solo gli aspetti più truci e disperati per il nascituro. La realtà è che la stragrande maggioranza degli aborti vengono fatti su bambini perfettamente sani. Questa è la normalità odierna. Questo ci dovrebbe far riflettere su una legge come la 187 quantomeno superficiale è incompleta.


Come ho già esposto in precedenza di fronte ad una ragazzina che vuole abortire per evitare problemi la più giusta da fare dovrebbe essere prenderla a ceffoni, cercare una famiglia che sarebbe al settimo cielo all'idea di adottare il piccolo (e personalmente ne conosco almeno un paio) e dopo prenderla nuovamente a ceffoni.
Di fronte ad una donna che vuole abortire per motivi economici mi prodigo per trovarle una sistemazione accettabile per i bisogni suoi e del piccolo, se vuole abortire perché il compagno vuole così vado a trovare quest'ultimo e lo convinco di quant'è stronzo a costo di spezzargli le gambe.
Ed è quello che dovremmo fare tutti, far sentire una donna che vuole abortire compresa, aiutata, assistita, e non semplicemente criticata, condannata e dopo lasciata sola con i suoi problemi.
nera1965 nera1965 25/11/2017 ore 23.14.19
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@thanos1961 scrive:
Come ho già esposto in precedenza di fronte ad una ragazzina che vuole abortire per evitare problemi la più giusta da fare dovrebbe essere prenderla a ceffoni, cercare una famiglia che sarebbe al settimo cielo all'idea di adottare il piccolo (e personalmente ne conosco almeno un paio) e dopo prenderla nuovamente a ceffoni.
Di fronte ad una donna che vuole abortire per motivi economici mi prodigo per trovarle una sistemazione accettabile per i bisogni suoi e del piccolo, se vuole abortire perché il compagno vuole così vado a trovare quest'ultimo e lo convinco di quant'è stronzo a costo di spezzargli le gambe.

A queste dovrebbe pensare lo stato, aiutando la donna. Purtroppo non è quello che succede malgrado che per legge ci sia la possibilità di dare in affidamento il figlio non desiderato restando nell’anonimato.
Questo però purtroppo non basta ad evitare la strage odierna. Affinché questa strage abbia fine occorrerebbe che lo stato vietasse gli aborti sui figli sani (almeno questo) a tutela dei diritti del bambino. Per questo la 187 va rivista.
nera1965 nera1965 25/11/2017 ore 23.19.47
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@Near87 scrive:
Meglio staccarli la spina prima, visto che l'embrione e il feto non soffrira' e non ha nemmeno consapevolezza di se'

Neppure un bambino di due anni ha consapevolezza di se. La consapevolezza di noi la si acquisisce nel momento che si ha la coscienza della morte, quando capiamo che un giorno anche noi dovremo morire si ha consapevolezza della vita. Ma essere inconsapevoli non significa essere morti.
beatofrock beatofrock 25/11/2017 ore 23.23.22
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 scrive:
Per questo la 187 va rivista.


bene, incomincia a raccogliere le firme

per intanto andiamo avanti così

ps ti ricordo che Giovanardi, Lupi, il vaticano e tutti i preti e suore e bacchettoni vari

non sono sufficienti

quindi presentatevi in tanti tanti o non fateci perdere tempo
thanos1961 thanos1961 25/11/2017 ore 23.23.41 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 scrive:
A queste dovrebbe pensare lo stato, aiutando la donna. Purtroppo non è quello che succede malgrado che per legge ci sia la possibilità di dare in affidamento il figlio non desiderato restando nell’anonimato.
Questo però purtroppo non basta ad evitare la strage odierna. Affinché questa strage abbia fine occorrerebbe che lo stato vietasse gli aborti sui figli sani (almeno questo) a tutela dei diritti del bambino. Per questo la 187 va rivista.


Non possiamo proibire 'aborto ad una gestante.
Sarebbe un atto di violenza nei suoi confronti che potrebbe portare a gesti inconsulti atti ad arrecare danni al proprio fisico oltre che al feto.
Meglio creare le condizioni per indurre nella stessa gestante un senso di serenità, di conforto, di consapevolezza che nessuno la colpevolizza per il suo stato e che il suo bambino troverà entro brevissimo tempo una sistemazione consona ai suoi desideri.
Occorrerebbe anche stilare una lista di famiglie atte a prendersi cura del piccolo dal momento ella sua nascita atta ad evitare le lungaggini burocratiche che ad oggi limitano le adozioni.
Insomma è un problema che, a parte i casi limite da me citati, potrebbe essere affrontato facilmente con un minimo di buona volontà e di partecipazione diretta da parte di tutti.
Purtroppo molti si limitano a criticare, giudicare e condannare, poi però di proprio non vogliono metterci nulla, sia in termini di tempo che di denaro che di impegno personale.
E così una gestante, magari giovane, magari confusa, ignorante, già depressa per conto suo o afflitta da altri problemi, si trova sola, criticata, senza una alternativa ad una scelta spesse volte sbagliata la cui responsabilità dovrebbe cadere su coloro che hanno saputo solo criticare ma non si sono mai sognati di intervenire pretendendo che a farlo sia sempre qualcun altro.

Spero di essere stato abbastanza chiaro.
nera1965 nera1965 25/11/2017 ore 23.34.38
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@thanos1961 scrive:
Spero di essere stato abbastanza chiaro.

Si, lo sei stato, ma non concordo. Se lo stato non imponesse niente ma si affidasse solo ai buoni propositi dei cittadini, probabilmente oggi si continuerebbe a fumare nei cinema e negli uffici e nessuno si allaccerebbe l’odiosa cintura quando sale in auto.
Uno stato serio deve anche sapere imporre. In realtà sai cosa penso? Non mi riferisco a te, ma penso che la sorte dei nascituri interessi veramente a pochi. Per questo manca una coscienza collettiva e sensibilità verso questo olocausto invisibile. Meno se ne parla e meglio si vive con la propria coscienza.
Ho paura che la realtà sia questa.
nera1965 nera1965 25/11/2017 ore 23.38.29
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@beatofrock scrive:
bene, incomincia a raccogliere le firme

Se fossi una donna politicamente impegnata lo farei. Sono solo una cittadina con le proprie opinioni, ma di sicuro la mia firma non mancherebbe.
giorgio60 giorgio60 25/11/2017 ore 23.39.37 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@thanos1961 scrive:
Nera, io non sto parlando di piccole malformazioni superabili o che non impediscono una vita normale o quasi, sto parlando di quei casi, grazie al cielo rari e sporadici, nei quali la medicina è impotente ed il bambino potrebbe passare anni di sofferenza, di solitudine, di angoscia, di frustrazione, di disperazione, di domande senza risposta.
Io non so quale sia la scelta giusta, ma sono conscio che si tratta di un crimine in entrambi i casi.




immagino che stiamo dicendo la stessa cosa...
con la differenza che per qualcuno non si tratta di omicidio perche' la legge lo permette ma.dico io,la legge puo' permettere o vietare quello che vuole senza per questo cambiare la sostanza di un atto che non sara' un reato punibile ma non si puo' chiamare diversamente da quello che e'...
giorgio60 giorgio60 25/11/2017 ore 23.41.54 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 scrive:


olocausto




e' il termine esatto di quello che avviene...
se quello che avviene fosse visto dalla prospettiva della vita che viene negata...
nera1965 nera1965 25/11/2017 ore 23.44.40
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

Ma senza entrare nel merito dei casi limite.. qualcuno mi sa spiegare perché è giusto che un bambino perfettamente sano debba essere abortito? Perché se giusto non è c’è qualcosa che stiamo sbagliando.
nera1965 nera1965 25/11/2017 ore 23.51.54
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

Buonanotte a tutti, Morfeo mi chiama :zzzz
thanos1961 thanos1961 25/11/2017 ore 23.53.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 scrive:
Si, lo sei stato, ma non concordo. Se lo stato non imponesse niente ma si affidasse solo ai buoni propositi dei cittadini, probabilmente oggi si continuerebbe a fumare nei cinema e negli uffici e nessuno si allaccerebbe l’odiosa cintura quando sale in auto.
Uno stato serio deve anche sapere imporre. In realtà sai cosa penso? Non mi riferisco a te, ma penso che la sorte dei nascituri interessi veramente a pochi. Per questo manca una coscienza collettiva e sensibilità verso questo olocausto invisibile. Meno se ne parla e meglio si vive con la propria coscienza.
Ho paura che la realtà sia questa.


Basterebbero pochi interventi mirati.
Un registro ufficiale di famiglie disposte a prendersi cura di un neonato indesiderato e dotate delle caratteristiche fisiche, sociali, economiche e culturali atte al bene del bambino.
Una tempistica valutabile in giorni e non in anni tra la nascita del bambino indesiderato e l'affidamento alla famiglia resasi disponibile.
Una detrazione fiscale, biglietti bus o treno gratuiti o altri incentivi a chi si rende disponibile ad assistere la gestante durante i mesi che la separano dal parto.
E così via.
Insomma un intervento statale volto non ad imporre una volontà esterna alla gestante ma a crearle attorno un clima favorevole alla gestazione ed al parto.
Near87 Near87 26/11/2017 ore 04.10.47 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 scrive:
Ma senza entrare nel merito dei casi limite.. qualcuno mi sa spiegare perché è giusto che un bambino perfettamente sano debba essere abortito? Perché se giusto non è c’è qualcosa che stiamo sbagliando.

Perche' non e' un bambino,il fatto di diventarlo non significa che bisogna trattarlo come se lo fosse gia'.
E sulla questione che la vita nasce dal momento del concepimento be',quest'ultimo e' avvenuto grazie all'unione dello spermatozoo con l'ovulo,che erano vivi ed essenziali entrambi per tale processo . Quindi stando ai tuoi ragionamenti dovresti ritenere un atto omicida anche l'uso dei contraccettivi in quanto usandoli si nega la potenziale nascita di un bambino. No?
giorgio60 giorgio60 26/11/2017 ore 06.29.43 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@Near87 scrive:

No?


no...
i contraccettivi servono ad evitare il concepimento che una volta avvenuto forma il feto che e' una vita per conto suo e la legge,in certi casi,permette di uccidere...

si devono chiamare le cose con il loro nome...
nera1965 nera1965 26/11/2017 ore 09.40.10
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@Near87 scrive:
Quindi stando ai tuoi ragionamenti dovresti ritenere un atto omicida anche l'uso dei contraccettivi in quanto usandoli si nega la potenziale nascita di un bambino. No?

NO e su questo ti ha risposto esattamente Giorgio.
C'è però un elemento ulteriore da chiarire.
Col concepimento ha inizio la vita e poco importa se essa sia più o meno sviluppata, perché la natura concepisce ogni forma di vita, compresa quella umana, come un continuo processo evolutivo che termina con la morte. Non c'è un momento della nostra esistenza dove la vita abbia meno valore, se valore lo ha lo deve avere in ogni momento. Togliere o dare più valore alla vita a seconda del suo sviluppo temporale è una sciocchezza immensa. Usando questa logica potremo uccidere anche un bebè perché adesso "solo" gattona. Usando questa logica uccidiamo oggi degli esseri viventi solo perché li riteniamo non ancora formati. Questo concetto è assurdo.
nera1965 nera1965 26/11/2017 ore 09.50.07
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@Near87 scrive:
in pratica stai dicendo'' Non bisogna negarli la possibilita' di nascere anche se ha delle malformazioni perche' SE avra' forza di volonta' o se si troveranno delle cure potra' avere una vita dignitosa MA SE cio' non dovesse accadere allora potra' decidere di togliersi la vita con l'eutanasia''
Tuttavia la madre conosce gia' i problemi che dovra' sopportare il futuro figlioletto(e non parlo solo di disabilita', anche di problemi economici e sociali), mentre lui no.Inoltre la tua e' una scommessa: Potrebbe diventare come Hawking....Si ok, ma se non lo diventera'?

Ho parlato di eutanasia solo per rafforzare il concetto che la vita appartiene a chi la vive e a nessun altro.
Cito Hawking non perché penso che ogni persona che nasce con delle patologie debba diventarlo, ma perché è la dimostrazione che si può comunque vivere e dare il nostro contributo alla società pur nascendo con delle patologie così invalidanti.
x.nutella89 x.nutella89 26/11/2017 ore 11.06.53 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@giorgio60 scrive:
L'aborto è sempre un omicidio.


Sarei molto più cauta ad usare certi termini.
Omicidio : reato punito da tutte le legislazioni storiche, che consiste nel causare la morte di una o più PERSONE

"La vita biologica, per come la conosciamo attraverso il metodo scientifico, preesiste alla formazione dell’embrione. L’embrione è il risultato di complessi e noti processi biochimici che hanno luogo fra organismi vivi: l’ovulo femminile e lo spermatozoo maschile. Un embrione vitale non proviene da oggetti morti o da materiale inorganico. Affermare che la vita abbia inizio all’istante della fusione del DNA di organismi vivi è una banale contraddizione nei termini.

l’idea che l’embrione come tale sia una “persona” è di ordine metafisico e non ha nulla a che fare con la biologia o con altre scienze.

L’idea che l’istante del concepimento costituisca una qualche “discontinuità” che giustifichi l’assegnazione dello status di “persona” non trova supporto in natura ma affonda piuttosto le sue radici in quelle ideologie religiose che per sopravvivere non possono fare a meno di questa arbitraria assunzione.
SI TRATTA DI UN IDEA CHE NON CONTIENE NULLA DI SCIENTIFICO

Stabilire quando la soppressione di un gruppo di cellule è un omicidio e quando invece non lo è, non può che derivare da una nostra convenzione e non da un elemento oggettivo della natura. Non diversamente dallo stabilire a che età si è abbastanza maturi per votare."

Buona domenica
nera1965 nera1965 26/11/2017 ore 12.10.38
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

Chiedo scusa.
Erroneamente ho citato due volte il numero di legge (187), non so perché a volte andare a memoria ci si sbaglia, facevo evidentemente riferimento alla legge 194.
Gio.1947 Gio.1947 26/11/2017 ore 12.32.39 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 scrive:
Lo vuoi più indifeso che nel grembo materno?


Veramente era più indifeso quando era nel nulla prima del suo concepimento deciso da altri è non da lui è questa è una violenza.

Spesso, anche se è assurdo, mi pongo la domanda
Se fosse possibile fare un informativa a quelli che dovranno nascere quali sono le conseguenze della vita e vedere quale sarebbe la loro decisione se nascere o non nascere.

Ossia dire loro che:

Non saranno mai totalmente e veramente liberi perchè:
Anche se nati da genitori cretini saranno costretti a fare quello che loro decidono
Anche se non hanno voglia di studiare saranno costretti a studiare perchè chi decide è lo stato
Anche se non hanno voglia di lavorare saranno costretti a lavorare per permettersi una casa, per mangiare, per vestirsi, per pagare le tasse, per pagare le bollette, per mantenere l'auto e infine per permettersi una vacanza e divertirsi

Dire loro che è probabile che lungo il percorso della loro vita, anche nei momenti più felici, all 'improvviso quando meno te lo aspetti ci può essere qualche diversivo poco gradevole, un incidente che t'inchioda per tutto il resto della tua vita su di una sedia a rotelle. Che non è esclusa la possibilità di ammalarsi di una malattia dolorosa, che saranno costretti per quaranta anni, anche se il loro fisico non glielo permette, ha lavorare, che ogni giorno che passa invecchieranno sempre di più, che inevitabilmente con l'invecchiamento ci saranno gli acciacchi dovuti al decadimento corporeo, che entro cent'anni dovranno morire ed essere mangiati dai vermi.
Dopo questa informativa sarei veramente curioso sapere quanti sceglierebbero la vita e quanti no. Purtroppo non avrò mai risposta a questa mia domanda.
nera1965 nera1965 26/11/2017 ore 12.41.47
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@Gio.1947 scrive:
Dopo questa informativa sarei veramente curioso sapere quanti sceglierebbero la vita e quanti no. Purtroppo non avrò mai risposta a questa mia domanda.

La vita è la cosa più preziosa che abbiamo. Prima della nostra esistenza eravamo il nulla. Io penso che sceglierebbero di vivere lo stesso, la vita è un evento meraviglioso per quanto possa essere dura. Ma questo lo sappiamo e lo percepiamo anche senza capirlo coscientemente. Il primo vagito è un pianto.
nera1965 nera1965 26/11/2017 ore 12.48.53
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@Gio.1947 :
La natura ci chiede solo una cosa alla fine dei conti: dare vita.
Una volta vidi un documentario su National Geographic. Parlavano di una specie di libellule che nascono sprovviste dell'apparato digerente, cosicché la loro esistenza dura pochissimo, forse un giorno, perché non possono nutrirsi. Ebbene, per far si che la loro specie prosegua l'unica cosa che fanno appena nate è quella di accoppiarsi per poi morire. Strano mistero della vita e della sua voglia di emergere sempre e comunque.
Gio.1947 Gio.1947 26/11/2017 ore 12.57.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 scrive:
La vita è la cosa più preziosa che abbiamo. Prima della nostra esistenza eravamo il nulla. Io penso che sceglierebbero di vivere lo stesso, la vita è un evento meraviglioso per quanto possa essere dura. Ma questo lo sappiamo e lo percepiamo anche senza capirlo coscientemente. Il primo vagito è un pianto.

Di a loro che la vita è meravigliosa? faresti a cambio della tua vita con la loro?
Io una vita cosi non vorrei viverla preferirei essere abortito


nera1965 nera1965 26/11/2017 ore 13.07.22
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@Gio.1947 scrive:
Io una vita cosi non vorrei viverla preferirei essere abortito

L ho detto fin da subito. L'importante è che decida tu cosa fare della tua vita e non che lo decida qualcun altro per te.
Gio.1947 Gio.1947 26/11/2017 ore 13.08.32 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 scrive:
Prima della nostra esistenza eravamo il nulla.

Ed al nulla ritorneremo, dopo aver inutilmente sofferto
Le gioie della vita sono poche ed il fin di vita quasi mai è indolore
giorgio60 giorgio60 26/11/2017 ore 13.12.42 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@Gio.1947 scrive:


Io una vita cosi non vorrei viverla preferirei essere abortito





questo tuo discorso non ha nulla a che vedere con l'aborto ma con altri tipi di problemi...

nera1965 nera1965 26/11/2017 ore 13.14.03
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@Gio.1947 scrive:
Ed al nulla ritorneremo, dopo aver inutilmente sofferto
Le gioie della vita sono poche ed il fin di vita quasi mai è indolore

E chi può dire se essere nel nulla sia sofferenza maggiore o inferiore? Comunque, opinione personale, per me il nulla non esiste.
Gio.1947 Gio.1947 26/11/2017 ore 13.21.18 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 scrive:
L ho detto fin da subito. L'importante è che decida tu cosa fare della tua vita e non che lo decida qualcun altro per te.

Sbagli, io non posso decidere di essere abortito questa decisione la devono inevitabilmente prendere i genitori
giorgio60 giorgio60 26/11/2017 ore 13.25.29 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@Gio.1947 scrive:


Sbagli, io non posso decidere di essere abortito questa decisione la devono inevitabilmente prendere i genitori



tu stai portando ad esempio la vita miserabile di milioni di persone che,secondo te,non e' degna di essere vissuta ma la mia domanda e' chi sei tu per definire la vita che e' degna di essere vissuta.

tu puoi definire la tua vita e se non ti piace puoi prendere le decisioni che vuoi o la vita da genitore e quindi decidere di non avere figli ma non puoi prendere ad esempio uno stile di vita o una condizione miserabile di vita ai tuoi occhi per dire se vale la pena di essere vissuta...
thanos1961 thanos1961 26/11/2017 ore 13.27.47 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@Gio.1947 scrive:
Sbagli, io non posso decidere di essere abortito questa decisione la devono inevitabilmente prendere i genitori


Per qualcuno è una decisione sempre sbagliata, per altri in certi casi può essere anche giusta.
Io non prendo posizioni e mi limito a rilevare un particolare che rivela tutta l'ipocrisia, la mala fede, l'arroganza e l'egoismo di chi giustifica le proprie posizioni con la fede, l'idealismo o i principi umanitari.
giorgio60 giorgio60 26/11/2017 ore 13.30.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@thanos1961 scrive:


Io non prendo posizioni e mi limito a rilevare un particolare che rivela tutta l'ipocrisia, la mala fede, l'arroganza e l'egoismo di chi giustifica le proprie posizioni con la fede, l'idealismo o i principi umanitari.


puoi dire di quale particolare parli...
giorgio60 giorgio60 26/11/2017 ore 13.34.37 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@thanos1961 scrive:
Per qualcuno è una decisione sempre sbagliata, per altri in certi casi può essere anche giusta.


per me,ripeto,non dovrebbe mai essere fatta ma anche quando non ci sono le condizioni mediche per portare a termine una gravidanza rimane il fatto che non si sta parlando di un dente o di un "mucchio di cellule gettate a caso"...ma di un organismo vivente che sviluppera' una persona e quindi stiamo parlando di omicidio e non lo dico per spaventare qualcuno ma per rimarcare il fatto che si tratta di un trauma serio per chi lo affronta che rimane per tutta la vita...
Gio.1947 Gio.1947 26/11/2017 ore 13.35.36 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@giorgio60 scrive:
tu stai portando ad esempio la vita miserabile di milioni di persone che,secondo te,non e' degna di essere vissuta ma la mia domanda e' chi sei tu per definire la vita che e' degna di essere vissuta.

tu puoi definire la tua vita e se non ti piace puoi prendere le decisioni che vuoi o la vita da genitore e quindi decidere di non avere figli ma non puoi prendere ad esempio uno stile di vita o una condizione miserabile di vita ai tuoi occhi per dire se vale la pena di essere vissuta...

OK per te l'aborto è omicidio
è la vita cos'è non è una condanna a morte. Tutti dobbiamo morire, l'aborto può semplicemente anticipare la morte
thanos1961 thanos1961 26/11/2017 ore 13.36.50 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@giorgio60 scrive:
puoi dire di quale particolare parli...


Puoi arrivarci anche da solo.
E' un particolare del quale anche tu hai fatto uso.
O meglio, hai evitato di considerarlo.
giorgio60 giorgio60 26/11/2017 ore 13.39.41 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@Gio.1947 scrive:

è la vita cos'è non è una condanna a morte. Tutti dobbiamo morire, l'aborto può semplicemente anticipare la morte


dopo un percorso che non viene deciso da altri o parliamo ancora di omicidio...

quello che tu proponi e' il supporto ideologico su cui si basava l'ideologia del nazismo...
chi siamo noi per definire una vita degna di essere vissuta...o la felicita'...sono cose soggettive a prescindere dalle condizioni esterne...

il tuo e' un discorso che ha poco a che fare con l'aborto ma con altri problemi.
giorgio60 giorgio60 26/11/2017 ore 13.40.38 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@thanos1961 scrive:

Puoi arrivarci anche da solo.


mi dispiace ma non ci arrivo.
thanos1961 thanos1961 26/11/2017 ore 13.44.03 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@giorgio60 scrive:
mi dispiace ma non ci arrivo.


Rifletti per un istante.
Quale è il particolare presente (anzi assente) nei tuoi scritti ed in quelli di tutti coloro che condannano a priori ogni IVG?
Quale è il comune denominatore in tali interventi?
giorgio60 giorgio60 26/11/2017 ore 13.46.44 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@thanos1961 scrive:
Rifletti per un istante.
Quale è il particolare presente (anzi assente) nei tuoi scritti ed in quelli di tutti coloro che condannano a priori ogni IVG?
Quale è il comune denominatore in tali interventi?



...non siamo a rischiatutto o lascia e raddoppia...se hai qualcosa da dire la leggero' se no pazienza.
nera1965 nera1965 26/11/2017 ore 13.54.20
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@Gio.1947 scrive:
Sbagli, io non posso decidere di essere abortito questa decisione la devono inevitabilmente prendere i genitori

Puoi sempre provvedere adesso se pensi che chi ti ha dato la vita ti abbia fatto un torto.
ComePioveva ComePioveva 26/11/2017 ore 14.15.06
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 scrive:
Puoi sempre provvedere adesso se pensi che chi ti ha dato la vita ti abbia fatto un torto.


Attenta, questo invito rasenta il Codice Penale :ok
Near87 Near87 26/11/2017 ore 14.29.31 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 : Abbiamo trovato un argomento in cui dialogare amichevolmente!
Comunque dici che bisogna cambiare la legge 194 ma potresti chiarirmi come la cambieresti?
nera1965 nera1965 26/11/2017 ore 14.38.07
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@ComePioveva scrive:
Attenta, questo invito rasenta il Codice Penale

No... non sia mai, non lo invito affatto, è lui che insite che la vita è tutto uno schifo e che non vale la pena di viverla. :ok
giorgio60 giorgio60 26/11/2017 ore 14.39.34 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 scrive:
No... non sia mai, non lo invito affatto, è lui che insite che la vita è tutto uno schifo e che non vale la pena di viverla.



e poi... si puo' sempre emigrare... :ok
nera1965 nera1965 26/11/2017 ore 14.46.54
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@Near87 scrive:
Comunque dici che bisogna cambiare la legge 194 ma potresti chiarirmi come la cambieresti?

Io non sono certa un'esperta ma parlo per sommi capi.
Il bello è che quello che dico esiste già, ma viene ignorato perché abortire è più "semplice".
Di sicuro le donne incinte che non desiderano per svariati motivi partorire un figlio sano, sottolineo sano, le metterei al centro di un percorso educativo e protettivo con psicologi e quant'altro, che dove dopo aver partorito la creatura, possono restare nell'anonimato e continuare la loro vita in modo naturale. Al tempo stesso vorrei che il bambino fosse dato in affidamento a persone capaci di provvedere alla sua crescita sotto ogni aspetto. Farei moltissima informazione al riguardo sia nelle scuole che nei media, ovunque. Naturalmente la condizione del divieto di aborto in casi come questo è chiara. Se una donna dopo tutto questo continua a voler abortire e lo fa in modo clandestino incorrerebbe in un reato di carattere penale.
nera1965 nera1965 26/11/2017 ore 14.50.54
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@giorgio60 scrive:
e poi... si puo' sempre emigrare

Cribbio! Ho letto la storia di Silvester Stallone e di come viveva da disperato negli usa prima di diventare famoso.. era nato pure con una paralisi facciale. Mai dire mai nella vita.
nera1965 nera1965 26/11/2017 ore 14.54.11
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@giorgio60 :
Sylvester Stallone

Stallone nasce presso un istituto di carità di Hell's Kitchen, un quartiere di Manhattan (New York), il 6 luglio del 1946 da Frank Stallone (1919-2011), un barbiere statunitense, figlio di immigrati italiani, Silvestro Stallone (1883-1963) e Pulcheria Nicastri (1890-1973), originari di Gioia del Colle (in provincia di Bari) ed emigrati negli USA nel 1930, e da Jacqueline Labofish (1921), un'astrologa statunitense figlia di un ebreo ucraino originario di Odessa, John Paul Labofish (1891-1956) e di una francese originaria di Brest e di religione cattolica, Jeanne Victoria Anne "Adrienne" Clerec (1896-1974). Il 30 luglio del 1950 nasce il secondogenito Frank Jr., futuro cantante e musicista con qualche incursione nel mondo del cinema.

Durante il parto la rescissione del nervo facciale dovuta all'uso del forcipe, gli causò una lieve paresi del lato sinistro del volto; durante l'adolescenza Stallone soffrì anche di rachitismo, cosa che gli causò molti problemi fisici. Nel 1951 la famiglia Stallone si trasferisce nel Maryland e in seguito i genitori si separano: la madre, con problemi di alcolismo, se ne va di casa e i bambini rimangono a vivere col padre, un uomo molto severo negli insegnamenti.

Segue...
intermezzo intermezzo 26/11/2017 ore 15.44.13 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@giorgio60 scrive:
tu stai portando ad esempio la vita miserabile di milioni di persone che,secondo te,non e' degna di essere vissuta ma la mia domanda e' chi sei tu per definire la vita che e' degna di essere vissuta.


A me ad esempio questi fanno invidia:

intermezzo intermezzo 26/11/2017 ore 15.53.25 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 scrive:
Chissà cosa ti risponderebbe Stephen Hawking...



nera1965 nera1965 26/11/2017 ore 17.10.14
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@intermezzo :
Ottima vignetta non hai nulla da invidiare a Vauro ;-)
intermezzo intermezzo 26/11/2017 ore 17.12.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 scrive:
Ottima vignetta non hai nulla da invidiare a Vauro


E invece sì, una cosa, e la più importante: lo stipendio!

nera1965 nera1965 26/11/2017 ore 17.17.30
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@intermezzo scrive:
invece sì, una cosa, e la più importante: lo stipendio!

Consolati.. Vincent Van Gogh morì povero:-)
intermezzo intermezzo 26/11/2017 ore 17.42.02 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 scrive:
Consolati..


Questa è una battuta degna di Crozza.... :-p

Near87 Near87 26/11/2017 ore 22.49.11 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 : Ahh ok,in poche parole permetteresti l'aborto per i soggetti con accertate disabilita' ma lo vieteresti se il soggetto e' sano.
Near87 Near87 26/11/2017 ore 22.52.31 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 scrive:
La vita è la cosa più preziosa che abbiamo. Prima della nostra esistenza eravamo il nulla

@nera1965 scrive: E chi può dire se essere nel nulla sia sofferenza maggiore o inferiore? Comunque, opinione personale, per me il nulla non esiste.

Ehm ce' qualcosa che non mi torna!
Near87 Near87 26/11/2017 ore 23.19.10 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@thanos1961 : Critichi tutti coloro che esprimono la propria posizione personale senza pero' esporre chiaramente la tua! E' troppo comodo cosi!
A me comunque sembra chiara : permetteresti l'aborto sia se sono sani(continui a dire che spetta sempre alla gestante la scelta) sia se sono disabili(per evitarli una vita d'inferno). Quindi ti va bene lasciare tutto cosi come'.
thanos1961 thanos1961 26/11/2017 ore 23.45.30 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@Near87 scrive:
Critichi tutti coloro che esprimono la propria posizione personale senza pero' esporre chiaramente la tua! E' troppo comodo cosi!
A me comunque sembra chiara : permetteresti l'aborto sia se sono sani(continui a dire che spetta sempre alla gestante la scelta) sia se sono disabili(per evitarli una vita d'inferno). Quindi ti va bene lasciare tutto cosi come'.


No.
Assolutamente no.
Bisogna considerare la situazione nel suo insieme.
Abbiamo una donna/ragazza/adolescente che per un motivo o per l'altro ritiene di possedere dei motivi per evitare di portare a termine la propria gravidanza.
Tali motivi possono essere validi o meno a livello oggettivo, ma sono sempre validissimi a livello soggettivo, almeno per la gestante.
Quest'ultima si trova generalmente in uno stato caratterizzato da paura, confusione, incertezze, angoscia, disperazione, vergogna, panico ...
E non sono certo le condizioni migliori per poter decidere con sufficiente lucidità.
La prima cosa da fare è mettere quindi la gestante a proprio agio, farla sentire compresa, assistita, aiutata, confortata ...
Nel momento in cui si supererà la fase di panico occorre definire le motivazioni che spingono la gestante a tale scelta ed analizzarli per cercare (non sempre è possibile farlo) di livellarli o estirparli.
Se si tratta di motivi economici occorre coalizzato sia da parte delle pubbliche istituzioni che da parte di coloro che si dichiarano apertamente anti abortisti (occorrerebbe quindi creare un pubblico registro dove costoro possono iscrivere il proprio nome per partecipare attivamente e direttamente alla limitazioni di quegli stessi aborti che tanto dichiarano di detestare).
Se si tratta di motivi familiari occorre educare padri, madri, frateli e sorelle, cugini, zii e nonni a comprendere quanto sia fragile in quel momento la posizione della loro congiunta e presentarsi a lei come soggetti di cui fidarsi e sui quali contare piuttosto che come implacabili accusatori e persecutori. Non sempre questo è agevole o possibile, ed in quel caso sarebbero consone adeguate sanzioni a carico dei familiari intransigenti o, al limite, spezzargli le gambe (in senso figurato, naturalmente).
Stessa cosa se si tratta di motivi sociali. Ossessionare una adolescente incinta è infatti una delle forme più vili e schifose di bullismo. In quel caso le gambe ai persecutori gliele spezzo davvero e magari personalmente.
Una volta data serenità alla gestante e cercato di rimuovere le motivazioni oggettive che la spingono alla scelta abortiva occorre stabilire se la donna possiede la volontà e le capacità di prendersi cura del piccolo. In caso di responso positivo non ci sono problemi, in caso contrario occorrerebbe creare un registro ufficiale di famiglie che si dichiarano preventivamente disponibili a prendersi cura del nascituro indesiderato con una corsia cronologica preferenziale che renda il periodo intercorrente tra il parto e l'adozione conteggiabile in giorni e non in anni.
Esulano da quanto sopra le volontà di aborto motivate da patologie dolorosissime ed incurabili o le malformazioni che impedirebbero al nascitura quel minimo di dignità, mobilità e socializzazione che differenziano la vita dalla semplice sopravvivenza.

Spero di essere stato abbastanza chiaro.
Near87 Near87 27/11/2017 ore 00.24.53 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@thanos1961 scrive:
Nel momento in cui si supererà la fase di panico occorre definire le motivazioni che spingono la gestante a tale scelta ed analizzarli per cercare (non sempre è possibile farlo) di livellarli o estirparli.

Non ho capito cosa succede quando non e' possibile farlo! Se anche in quel caso non consenti l'aborto di un soggetto sano allora la tua proposta coincide con quella di Nera(anche se la tua e' piu' articolata)

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.