Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

Near87 Near87 26/11/2017 ore 04.10.47 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 scrive:
Ma senza entrare nel merito dei casi limite.. qualcuno mi sa spiegare perché è giusto che un bambino perfettamente sano debba essere abortito? Perché se giusto non è c’è qualcosa che stiamo sbagliando.

Perche' non e' un bambino,il fatto di diventarlo non significa che bisogna trattarlo come se lo fosse gia'.
E sulla questione che la vita nasce dal momento del concepimento be',quest'ultimo e' avvenuto grazie all'unione dello spermatozoo con l'ovulo,che erano vivi ed essenziali entrambi per tale processo . Quindi stando ai tuoi ragionamenti dovresti ritenere un atto omicida anche l'uso dei contraccettivi in quanto usandoli si nega la potenziale nascita di un bambino. No?
giorgio60 giorgio60 26/11/2017 ore 06.29.43 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@Near87 scrive:

No?


no...
i contraccettivi servono ad evitare il concepimento che una volta avvenuto forma il feto che e' una vita per conto suo e la legge,in certi casi,permette di uccidere...

si devono chiamare le cose con il loro nome...
nera1965 nera1965 26/11/2017 ore 09.40.10
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@Near87 scrive:
Quindi stando ai tuoi ragionamenti dovresti ritenere un atto omicida anche l'uso dei contraccettivi in quanto usandoli si nega la potenziale nascita di un bambino. No?

NO e su questo ti ha risposto esattamente Giorgio.
C'è però un elemento ulteriore da chiarire.
Col concepimento ha inizio la vita e poco importa se essa sia più o meno sviluppata, perché la natura concepisce ogni forma di vita, compresa quella umana, come un continuo processo evolutivo che termina con la morte. Non c'è un momento della nostra esistenza dove la vita abbia meno valore, se valore lo ha lo deve avere in ogni momento. Togliere o dare più valore alla vita a seconda del suo sviluppo temporale è una sciocchezza immensa. Usando questa logica potremo uccidere anche un bebè perché adesso "solo" gattona. Usando questa logica uccidiamo oggi degli esseri viventi solo perché li riteniamo non ancora formati. Questo concetto è assurdo.
nera1965 nera1965 26/11/2017 ore 09.50.07
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@Near87 scrive:
in pratica stai dicendo'' Non bisogna negarli la possibilita' di nascere anche se ha delle malformazioni perche' SE avra' forza di volonta' o se si troveranno delle cure potra' avere una vita dignitosa MA SE cio' non dovesse accadere allora potra' decidere di togliersi la vita con l'eutanasia''
Tuttavia la madre conosce gia' i problemi che dovra' sopportare il futuro figlioletto(e non parlo solo di disabilita', anche di problemi economici e sociali), mentre lui no.Inoltre la tua e' una scommessa: Potrebbe diventare come Hawking....Si ok, ma se non lo diventera'?

Ho parlato di eutanasia solo per rafforzare il concetto che la vita appartiene a chi la vive e a nessun altro.
Cito Hawking non perché penso che ogni persona che nasce con delle patologie debba diventarlo, ma perché è la dimostrazione che si può comunque vivere e dare il nostro contributo alla società pur nascendo con delle patologie così invalidanti.
x.nutella89 x.nutella89 26/11/2017 ore 11.06.53 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@giorgio60 scrive:
L'aborto è sempre un omicidio.


Sarei molto più cauta ad usare certi termini.
Omicidio : reato punito da tutte le legislazioni storiche, che consiste nel causare la morte di una o più PERSONE

"La vita biologica, per come la conosciamo attraverso il metodo scientifico, preesiste alla formazione dell’embrione. L’embrione è il risultato di complessi e noti processi biochimici che hanno luogo fra organismi vivi: l’ovulo femminile e lo spermatozoo maschile. Un embrione vitale non proviene da oggetti morti o da materiale inorganico. Affermare che la vita abbia inizio all’istante della fusione del DNA di organismi vivi è una banale contraddizione nei termini.

l’idea che l’embrione come tale sia una “persona” è di ordine metafisico e non ha nulla a che fare con la biologia o con altre scienze.

L’idea che l’istante del concepimento costituisca una qualche “discontinuità” che giustifichi l’assegnazione dello status di “persona” non trova supporto in natura ma affonda piuttosto le sue radici in quelle ideologie religiose che per sopravvivere non possono fare a meno di questa arbitraria assunzione.
SI TRATTA DI UN IDEA CHE NON CONTIENE NULLA DI SCIENTIFICO

Stabilire quando la soppressione di un gruppo di cellule è un omicidio e quando invece non lo è, non può che derivare da una nostra convenzione e non da un elemento oggettivo della natura. Non diversamente dallo stabilire a che età si è abbastanza maturi per votare."

Buona domenica
nera1965 nera1965 26/11/2017 ore 12.10.38
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

Chiedo scusa.
Erroneamente ho citato due volte il numero di legge (187), non so perché a volte andare a memoria ci si sbaglia, facevo evidentemente riferimento alla legge 194.
Gio.1947 Gio.1947 26/11/2017 ore 12.32.39 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 scrive:
Lo vuoi più indifeso che nel grembo materno?


Veramente era più indifeso quando era nel nulla prima del suo concepimento deciso da altri è non da lui è questa è una violenza.

Spesso, anche se è assurdo, mi pongo la domanda
Se fosse possibile fare un informativa a quelli che dovranno nascere quali sono le conseguenze della vita e vedere quale sarebbe la loro decisione se nascere o non nascere.

Ossia dire loro che:

Non saranno mai totalmente e veramente liberi perchè:
Anche se nati da genitori cretini saranno costretti a fare quello che loro decidono
Anche se non hanno voglia di studiare saranno costretti a studiare perchè chi decide è lo stato
Anche se non hanno voglia di lavorare saranno costretti a lavorare per permettersi una casa, per mangiare, per vestirsi, per pagare le tasse, per pagare le bollette, per mantenere l'auto e infine per permettersi una vacanza e divertirsi

Dire loro che è probabile che lungo il percorso della loro vita, anche nei momenti più felici, all 'improvviso quando meno te lo aspetti ci può essere qualche diversivo poco gradevole, un incidente che t'inchioda per tutto il resto della tua vita su di una sedia a rotelle. Che non è esclusa la possibilità di ammalarsi di una malattia dolorosa, che saranno costretti per quaranta anni, anche se il loro fisico non glielo permette, ha lavorare, che ogni giorno che passa invecchieranno sempre di più, che inevitabilmente con l'invecchiamento ci saranno gli acciacchi dovuti al decadimento corporeo, che entro cent'anni dovranno morire ed essere mangiati dai vermi.
Dopo questa informativa sarei veramente curioso sapere quanti sceglierebbero la vita e quanti no. Purtroppo non avrò mai risposta a questa mia domanda.
nera1965 nera1965 26/11/2017 ore 12.41.47
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@Gio.1947 scrive:
Dopo questa informativa sarei veramente curioso sapere quanti sceglierebbero la vita e quanti no. Purtroppo non avrò mai risposta a questa mia domanda.

La vita è la cosa più preziosa che abbiamo. Prima della nostra esistenza eravamo il nulla. Io penso che sceglierebbero di vivere lo stesso, la vita è un evento meraviglioso per quanto possa essere dura. Ma questo lo sappiamo e lo percepiamo anche senza capirlo coscientemente. Il primo vagito è un pianto.
nera1965 nera1965 26/11/2017 ore 12.48.53
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@Gio.1947 :
La natura ci chiede solo una cosa alla fine dei conti: dare vita.
Una volta vidi un documentario su National Geographic. Parlavano di una specie di libellule che nascono sprovviste dell'apparato digerente, cosicché la loro esistenza dura pochissimo, forse un giorno, perché non possono nutrirsi. Ebbene, per far si che la loro specie prosegua l'unica cosa che fanno appena nate è quella di accoppiarsi per poi morire. Strano mistero della vita e della sua voglia di emergere sempre e comunque.
Gio.1947 Gio.1947 26/11/2017 ore 12.57.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Possiamo cercare tutte le giustificazioni che vogliamo ma l'aborto...

@nera1965 scrive:
La vita è la cosa più preziosa che abbiamo. Prima della nostra esistenza eravamo il nulla. Io penso che sceglierebbero di vivere lo stesso, la vita è un evento meraviglioso per quanto possa essere dura. Ma questo lo sappiamo e lo percepiamo anche senza capirlo coscientemente. Il primo vagito è un pianto.

Di a loro che la vita è meravigliosa? faresti a cambio della tua vita con la loro?
Io una vita cosi non vorrei viverla preferirei essere abortito



Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.