Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

gambero1946 05/06/2018 ore 20.50.34 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO.
Nonostante Forza Italia e PD siano egualmente responsabili del disastro Italiano, il movimento e lega attaccano a spada tratta solo il PD e nonostante le dure critiche di FI non viene neppure nominato.
Nelle aule del governo ci sara guerra e conoscendo la lega e il movimento, si arriverà alle mani?
8539430
PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO. Nonostante Forza Italia e PD siano egualmente responsabili del disastro Italiano, il movimento e...
Discussione
05/06/2018 20.50.34
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
ComePioveva ComePioveva 05/06/2018 ore 20.52.11
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

A Zorro, il difensore di FI in Chatta, gliel'ho ricordato non so quante volte, FI è alleato sottotraccia...
excristian1977 excristian1977 05/06/2018 ore 20.56.45 Ultimi messaggi
BIross.l BIross.l 05/06/2018 ore 20.58.36
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@gambero1946 scrive:
PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO.
Nonostante Forza Italia e PD siano egualmente responsabili del disastro Italiano, il movimento e lega attaccano a spada tratta solo il PD e nonostante le dure critiche di FI non viene neppure nominato.
Nelle aule del governo ci sara guerra e conoscendo la lega e il movimento, si arriverà alle mani?

La lega con FI erano complici nei 10 anni di sacheggio dell'Italia!! :ok
Momo.55 Momo.55 06/06/2018 ore 09.34.06 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@gambero1946 scrive:
PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO.
Nonostante Forza Italia e PD siano egualmente responsabili del disastro Italiano, il movimento e lega attaccano a spada tratta solo il PD e nonostante le dure critiche di FI non viene neppure nominato.
Nelle aule del governo ci sara guerra e conoscendo la lega e il movimento, si arriverà alle mani?


Più che il PD direi Renzi. Diciamolo, su. Il PD era un possibile alleato che Renzi e Boschi hanno impedito.
Ora il punto è che nonostante le chiacchiere tutti continuano ad attaccare solo Renzi. Al quale per soli 3 anni di governo vengono date colpe che oggettivamente non ha nè può avere. Dal MpS al debito pubblico certo la cosa non è colpa sua.
Ma tant'è, perchè di fatto riconoscono istintivamente che il vero leader a loro alternativo attualmente è sempre e solo Renzi. Per questo l'attacco si concentra lì e non su quelli che si potranno tranquillamente manipolare.
Se rinasce un partito moderato, liberale e riformatore è solo da quelle parti che può nascere. Ed è solo un partito simile che può essere pericoloso per i populisti. Non certo chi li rincorre.
19842968
@gambero1946 scrive: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO. Nonostante Forza Italia e PD siano egualmente responsabili del disastro...
Risposta
06/06/2018 9.34.06
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
gio52b gio52b 06/06/2018 ore 10.06.58
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@Momo.55 scrive:
Se rinasce un partito moderato, liberale e riformatore

E' già successo in Francia con Macron. In Italia, la sinistra del PD, ha ostacolato con tutti i mezzi il tentativo di Renzi di portare il partito su un piano più liberale e moderato, che avrebbe polarizzato una grande quantità di elettori che oggi si sono sparpagliati come neutroni impazziti in varie direzioni, attratti spesso da chimere e sirene che cantano sogni. Renzi dal canto suo non ha però avuto la forza di staccare completamente la spina ai vecchi dirigenti morimondi i quali, come zombie, hanno lacerato il partito pur di mantenersi non morti. Le cause del fallimento del progetto di Renzi non sono da ricercarsi solo nelle sue colpe, ma nello stesso apparato del partito che ha in mano una enorme forza economica tentacolare, che spazia tra il controllo, tramite le fondazioni, di banche, capitali immobiliari e cooperative. Questo garantisce la sopravvivenza del PD e il conservatorismo dello stesso. I suoi dirigenti hanno il potere assoluto di amministrare questo impero finanziario ed è per questo che non mollano e non si spaccano.
Momo.55 Momo.55 06/06/2018 ore 10.31.58 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@gio52b scrive:
Renzi dal canto suo non ha però avuto la forza di staccare completamente la spina ai vecchi dirigenti morimondi i quali, come zombie, hanno lacerato il partito pur di mantenersi non morti. Le cause del fallimento del progetto di Renzi non sono da ricercarsi solo nelle sue colpe, ma nello stesso apparato del partito che ha in mano una enorme forza economica tentacolare, che spazia tra il controllo, tramite le fondazioni, di banche, capitali immobiliari e cooperative. Questo garantisce la sopravvivenza del PD e il conservatorismo dello stesso. I suoi dirigenti hanno il potere assoluto di amministrare questo impero finanziario ed è per questo che non mollano e non si spaccano.



In linea di massima concordo. Ed è proprio perchè Renzi ha smesso di fare il riformatore liberale che il PD ha perso. Tornando alle vecchie politiche ha perso tutti i voti di quelli come me che lo avevano portato al 41%. Rimane il punto però: Renzi aveva detto che non avrebbe tirato a campare e invece lo ha fatto.
Se paragonassimo il suo discorso di richiesta di fiducia alle Camere con quello di ieri vedremmo chiaramente i fue piani diversi. Ma anche se paragoniamo il discorso di Renzi per la sua fiducia con quelli fatti in campagna elettorale avremmo chiara la stessa differenza.
stephan68 stephan68 06/06/2018 ore 10.49.52 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@Momo.55 scrive:
Se rinasce un partito moderato, liberale e riformatore

non può rinascere perché non è mai nato così.
Renzi ha trasformato un partito con una struttura interna organizzativa e rappresentativa in un partito monocratico, verticistico e con scarsa dialettica interna che tutto è tranne moderato, liberale e riformatore.
19843013
@Momo.55 scrive: Se rinasce un partito moderato, liberale e riformatore non può rinascere perché non è mai nato così. Renzi ha...
Risposta
06/06/2018 10.49.52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
stephan68 stephan68 06/06/2018 ore 10.52.05 Ultimi messaggi
gio52b gio52b 06/06/2018 ore 11.09.59
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@Momo.55 scrive:
Renzi aveva detto che non avrebbe tirato a campare e invece lo ha fatto

Suo malgrado; incalzato dalla vecchia guardia che non molla che detiene ancora in gran parte il potere finanziario immobiliare e si agita politicamente, aizzando la parte più radicale dell'elettorato contro Renzi. cara amica chi si stacca dal PD rimane con le pezze al sedere e non solo quello. La gran parte delle persone che, direttamente ed indirettamente, fanno parte dell'apparato del partito, si trasformano, con i loro familiari e amici, in un numero considerevole di elettori e questi solitamente seguono, passivi, gli indirizzi della dirigenza del partito, ovvero votano PD in ogni caso. Qundi se Renzi si fosse staccato dal partito avrebbe perso la forza economica e gran parte degli elettori PD. Viceversa se fosse riuscito nell'intento di riformare il partito ponendo nella tomba politica, con tanto di croce sopra, per scongiurare eventuali ritorni, i suoi avversari avrebbe fatto il suo lavoro e probabilmente avrebbe annientato FI ed avrebbe mantenuto a se il 40 e più di percentuale di votanti. Avrebbe però anche dovuto, come ha tentato poi Gentiloni schierando Minniti, rivedere la politica sui migranti che lo vedeva in difficoltà.
Momo.55 Momo.55 06/06/2018 ore 11.20.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@stephan68 scrive:
non può rinascere perché non è mai nato così.
Renzi ha trasformato un partito con una struttura interna organizzativa e rappresentativa in un partito monocratico, verticistico e con scarsa dialettica interna che tutto è tranne moderato, liberale e riformatore.



Certo come no. Ma lo vedi che accade? Un partito talmente monocratico che pensa a mettere ai vertici una assoluta nullità come Martina che fa riferimento alla minoranza.
Scendere sul piano del reale, non delle fantasie propagandistiche.
19843022
@stephan68 scrive: non può rinascere perché non è mai nato così. Renzi ha trasformato un partito con una struttura interna...
Risposta
06/06/2018 11.20.26
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Momo.55 Momo.55 06/06/2018 ore 11.25.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@gio52b scrive:
La gran parte delle persone che, direttamente ed indirettamente, fanno parte dell'apparato del partito, si trasformano, con i loro familiari e amici, in un numero considerevole di elettori e questi solitamente seguono, passivi, gli indirizzi della dirigenza del partito, ovvero votano PD in ogni caso.



E che sono sempre di meno però. Comunque è una considerazione che avevo fatto anche io tempo fa quando il PD faceva opposizione dura e pura alla destra. Erano assolutamente irragionevoli e basavano tutto sulla propaganda. Ma perdevano inesorabilmente voti e ad ogni elezione era sempre più difficile raggiungere la maggioranza seppur alleati con tutti. Vedi l'ultima con Bersani che appunto non riesce a fare il governo.
La svolta avvioene con Renzi ma a scapito dei vecchi che non cedono. Renzi si fa bollire in questo pentolone di interessi contrapposti. Su Twitter molti lo invocan, è nato il #renzitorna.... ma lui non torna. Quindi direi che per ora ci sia poco da stare a sindacare sulla questione.
gio52b gio52b 06/06/2018 ore 12.00.22
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@Momo.55 scrive:
ma lui non torna.

Deve ritessere tutta una tela che pare ormai stracciata in modo da non essere riparabile. Come può farlo?
Deve attendere che il nuovo governo faccia danni e puntare il dito sbraitando? Troppo banale, inutile o almeno insufficiente. Bisogna che si leghi di più, ad altri personaggi che incarnano politiche liberal prograssiste che non hanno nulla a che spartire con la sinistra ma che hanno, nel loro carnet, politiche di welfare sufficienti a salvaguardare alcune categorie più deboli ma nello stesso tempo tali da non cadere nell'assistenzialismo. Macron sarebbe sicuramente il personaggio giusto come alleato; non vuole confluire in uno dei partiti Europei già esistenti. Ne vorrebbe creare uno proprio di matrice liberal riformista una sorta di partito repubblicano europeo per sosare un solcialismo molto moderato ad un liberismo altrettanto moderato. Per farlo ha bisogno di alleati in Europa e Renzi se fosse riuscito nel suo intento, avrebbe potuto aspirare ad esserlo ma per ora sono entrambi al palo. L'avvicinamento alla famiglia Kennedy quindi potrebbe non essere un caso. La loro linea, all'inerno del partito democratico americano, è proprio quella e potrebbe essere di ispirazione sia per Renzi che per Macron. Un alleato cosi potente come i Kennedy porterebbe indubbio giovamento sia a Renzi che a Macron. ...
Momo.55 Momo.55 06/06/2018 ore 12.11.01 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@gio52b scrive:
Deve ritessere tutta una tela che pare ormai stracciata in modo da non essere riparabile. Come può farlo?



Scusa la volgarità, ma PALLE. Poteva agire diversamente ma ha deciso di non farlo E questo è quanto.
Quindi, per quel che mi riguarda, la questione è questa: siamo sicuri che voglia prendersi la briga? E' una cosa faticosa, pesante e anche pericolosa (sicuro che tu e la tua famiglia finisci sotto processo) e hai tutti contro. Magari semplicemente non ha più voglia.

Quindi i riformatori liberali dovranno attendere.
19843064
@gio52b scrive: Deve ritessere tutta una tela che pare ormai stracciata in modo da non essere riparabile. Come può farlo? Scusa...
Risposta
06/06/2018 12.11.01
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
gio52b gio52b 06/06/2018 ore 12.17.58
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@Momo.55 scrive:
(sicuro che tu e la tua famiglia finisci sotto processo) e hai tutti contro. Magari semplicemente non ha più voglia.

Purtroppo è una possibilità, in Italia si possono verificare anche queste condizioni; mi pare si possano paragonare alle intimidazioni mafiose... :-x
stephan68 stephan68 06/06/2018 ore 17.39.00 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@Momo.55 scrive:
Certo come no. Ma lo vedi che accade? Un partito talmente monocratico che pensa a mettere ai vertici una assoluta nullità come Martina che fa riferimento alla minoranza.
Scendere sul piano del reale, non delle fantasie propagandistiche.

lo è, palesemente:
"È ovvio che io lasci la segreteria Pd. Non c’è nessuna fuga. Terminata la fase dell’insediamento del Parlamento e della formazione del governo, io farò un lavoro che mi affascina: il senatore semplice, il senatore di Firenze, Scandicci, Insigna e Impruneta”.
“Non ci sarà un reggente scelto dal caminetto ma un segretario eletto dalle primarie”, dice Renzi.
CVD
ps. visto che ora il Governo è formato si può dire che si è dimesso?
intermezzo intermezzo 06/06/2018 ore 17.41.31 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

Ma si son scordati tutti che Salvini è il leader del centrodestra?

stephan68 stephan68 06/06/2018 ore 17.49.21 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@gio52b scrive:
Bisogna che si leghi di più, ad altri personaggi che incarnano politiche liberal prograssiste che non hanno nulla a che spartire con la sinistra

infatti, questo è il problema: trasformare un partito di sinistra a partito di centrosinistra pensando di volerlo poi trasformare in partito liberale: è un progetto che era ovvio che finisse male.
Se voleva un partito liberale intellettualmente era meglio fondarlo da zero, certo così ha fatto prima: ha preso un partito da 40% già pronto, lo ha riempito con i suoi fedelissimi, ha eliminato politicamente tutti gli altri ed alla fine gli è rimasto il partito liberale che voleva (18%); considerando che l'ultimo partito liberale e quello repubblicano assieme non superavano il 10% nei rispettivi periodi d'oro gli è andata più che bene: ha effettivamente ragione ad essere orgoglioso dei propri risultati.
Così quelli di sinistra imparano a votare ad occhi chiusi il nome senza guardare ai contenuti
19843401
@gio52b scrive: Bisogna che si leghi di più, ad altri personaggi che incarnano politiche liberal prograssiste che non hanno nulla...
Risposta
06/06/2018 17.49.21
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Momo.55 Momo.55 06/06/2018 ore 20.00.07 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@gio52b scrive:
@Momo.55 scrive:
(sicuro che tu e la tua famiglia finisci sotto processo) e hai tutti contro. Magari semplicemente non ha più voglia.

Purtroppo è una possibilità, in Italia si possono verificare anche queste condizioni; mi pare si possano paragonare alle intimidazioni mafiose...



Non è una possibilità, è un dato di fatto. E se non pigliano te passano a chi ti è vicino. La faccenda Consip con la fabbricazione di prove false è lì a dimostrarlo. Quindi ci sta che uno non abbia voglia.
E anche per questo va bene questo governo che rappresenta appunto la casta conservatrice.Non vogliono cambiamenti e ora devono anche dimostrare che non servono.
Momo.55 Momo.55 06/06/2018 ore 20.02.03 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@stephan68 scrive:
ps. visto che ora il Governo è formato si può dire che si è dimesso?



???? da cosa? Dall'ossessione che taluni di voi hanno di Renzi?
Detto ciò è ora di finirla, oggi al potere ci sono altri, non Renzi. Fatevene una ragione.
gio52b gio52b 07/06/2018 ore 09.27.31
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@stephan68 scrive:
ed alla fine gli è rimasto il partito liberale che voleva (18%)

Giusto ciò che affermi, ma quella non doveva essere la "fine" intesa come raggiungimento dell'obiettivo. Doveva finire diversamente in quanto Renzi puntava anche agli elettori di FI e a polarizzare i moderati che non votano o che si sparpagliano a seconda dei casi con i 5 stelle per rabbia, o alla lega. Il magro 18% doveva essere quindi un più che decoroso 30 e passa%, anche qualcuno sovrastimava oltre il 40%. Avrebbe quindi mantenuto la guida del PD con tutti i beni e l'elettorato più moderato di quest'ultimo, tenendo una linea liberal progressista, con occhio attento su un welfare sostenibile, temi tanto cari anche alle elite culturali di sinistra che lo appoggiavano. A quel punto avrebbe potuto spiccare il volo con Macron per fondare il nuovo partito Europeo, che avrebbe dato filo da torcere alle'egemonia della PPE.
Non male come progetto.... x:-) Finchè il diavolo non ci ha messo lo zampino... :-w w:-)
Maria.Teresa Maria.Teresa 07/06/2018 ore 11.41.54 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@Momo.55 scrive:
Più che il PD direi Renzi. Diciamolo, su. Il PD era un possibile alleato che Renzi e Boschi hanno impedito.
Ora il punto è che nonostante le chiacchiere tutti continuano ad attaccare solo Renzi. Al quale per soli 3 anni di governo vengono date colpe che oggettivamente non ha nè può avere. Dal MpS al debito pubblico certo la cosa non è colpa sua.
Ma tant'è, perchè di fatto riconoscono istintivamente che il vero leader a loro alternativo attualmente è sempre e solo Renzi. Per questo l'attacco si concentra lì e non su quelli che si potranno tranquillamente manipolare.
Se rinasce un partito moderato, liberale e riformatore è solo da quelle parti che può nascere. Ed è solo un partito simile che può essere pericoloso per i populisti. Non certo chi li rincorre.


Concordo... renzi ha avuto e ha contro sia l'opposizione che membri del suo partito.
E tutt'oggi lo criticano...
Renzi deve uscire dal PD... ormai è un partito finito.... non appena sarà costretto a riorganizzarsi per qualche nuova elezione i nodi arriveranno al pettine...

RENZI MOLLA IL PD E LA SINISTRA E FONDA UN PARTITO MODERATO NUOVO. :-))) :-)))
Maria.Teresa Maria.Teresa 07/06/2018 ore 11.44.22 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@gio52b scrive:
oveva finire diversamente in quanto Renzi puntava anche agli elettori di FI e a polarizzare i moderati che non votano o che si sparpagliano a seconda dei casi con i 5 stelle per rabbia, o alla lega. Il magro 18% doveva essere quindi un più che decoroso 30 e passa%, anche qualcuno sovrastimava oltre il 40%.


Non è analisi corretta. Molta gente non ha votato il PD ma avrebbe votato renzi in altro contesto....

Non a caso il referendum, definito pro-contro renzi, del dicembre 2016, ha preso il 40%....
Momo.55 Momo.55 07/06/2018 ore 21.50.31 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@Maria.Teresa scrive:
Concordo... renzi ha avuto e ha contro sia l'opposizione che membri del suo partito.
E tutt'oggi lo criticano...


Alcune settimane fa mi è capitata una di queste trasmissioni e c'era l'allora ministro Orlando. Ha passato il 90% del tempo a criticare Renzi. Perchè ognuno ha i suoi nemici e lui li ha all'interno del suo partito. Come sempre per il PD.
Momo.55 Momo.55 07/06/2018 ore 21.51.50 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@Maria.Teresa scrive:
Non è analisi corretta. Molta gente non ha votato il PD ma avrebbe votato renzi in altro contesto....


Io giusto per fare un esempio. Ritengo il PD il maggior responsabile dei disastri italiani con quelli che erano i rottamati e con l'attuale minoranza. Attualmente invotabili per quello che mi riguarda.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.