Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

gio52b gio52b 07/06/2018 ore 09.27.31
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@stephan68 scrive:
ed alla fine gli è rimasto il partito liberale che voleva (18%)

Giusto ciò che affermi, ma quella non doveva essere la "fine" intesa come raggiungimento dell'obiettivo. Doveva finire diversamente in quanto Renzi puntava anche agli elettori di FI e a polarizzare i moderati che non votano o che si sparpagliano a seconda dei casi con i 5 stelle per rabbia, o alla lega. Il magro 18% doveva essere quindi un più che decoroso 30 e passa%, anche qualcuno sovrastimava oltre il 40%. Avrebbe quindi mantenuto la guida del PD con tutti i beni e l'elettorato più moderato di quest'ultimo, tenendo una linea liberal progressista, con occhio attento su un welfare sostenibile, temi tanto cari anche alle elite culturali di sinistra che lo appoggiavano. A quel punto avrebbe potuto spiccare il volo con Macron per fondare il nuovo partito Europeo, che avrebbe dato filo da torcere alle'egemonia della PPE.
Non male come progetto.... x:-) Finchè il diavolo non ci ha messo lo zampino... :-w w:-)
Maria.Teresa Maria.Teresa 07/06/2018 ore 11.41.54 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@Momo.55 scrive:
Più che il PD direi Renzi. Diciamolo, su. Il PD era un possibile alleato che Renzi e Boschi hanno impedito.
Ora il punto è che nonostante le chiacchiere tutti continuano ad attaccare solo Renzi. Al quale per soli 3 anni di governo vengono date colpe che oggettivamente non ha nè può avere. Dal MpS al debito pubblico certo la cosa non è colpa sua.
Ma tant'è, perchè di fatto riconoscono istintivamente che il vero leader a loro alternativo attualmente è sempre e solo Renzi. Per questo l'attacco si concentra lì e non su quelli che si potranno tranquillamente manipolare.
Se rinasce un partito moderato, liberale e riformatore è solo da quelle parti che può nascere. Ed è solo un partito simile che può essere pericoloso per i populisti. Non certo chi li rincorre.


Concordo... renzi ha avuto e ha contro sia l'opposizione che membri del suo partito.
E tutt'oggi lo criticano...
Renzi deve uscire dal PD... ormai è un partito finito.... non appena sarà costretto a riorganizzarsi per qualche nuova elezione i nodi arriveranno al pettine...

RENZI MOLLA IL PD E LA SINISTRA E FONDA UN PARTITO MODERATO NUOVO. :-))) :-)))
Maria.Teresa Maria.Teresa 07/06/2018 ore 11.44.22 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@gio52b scrive:
oveva finire diversamente in quanto Renzi puntava anche agli elettori di FI e a polarizzare i moderati che non votano o che si sparpagliano a seconda dei casi con i 5 stelle per rabbia, o alla lega. Il magro 18% doveva essere quindi un più che decoroso 30 e passa%, anche qualcuno sovrastimava oltre il 40%.


Non è analisi corretta. Molta gente non ha votato il PD ma avrebbe votato renzi in altro contesto....

Non a caso il referendum, definito pro-contro renzi, del dicembre 2016, ha preso il 40%....
Momo.55 Momo.55 07/06/2018 ore 21.50.31 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@Maria.Teresa scrive:
Concordo... renzi ha avuto e ha contro sia l'opposizione che membri del suo partito.
E tutt'oggi lo criticano...


Alcune settimane fa mi è capitata una di queste trasmissioni e c'era l'allora ministro Orlando. Ha passato il 90% del tempo a criticare Renzi. Perchè ognuno ha i suoi nemici e lui li ha all'interno del suo partito. Come sempre per il PD.
Momo.55 Momo.55 07/06/2018 ore 21.51.50 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: PD NEMICO DEL GOVERNO, FI NO

@Maria.Teresa scrive:
Non è analisi corretta. Molta gente non ha votato il PD ma avrebbe votato renzi in altro contesto....


Io giusto per fare un esempio. Ritengo il PD il maggior responsabile dei disastri italiani con quelli che erano i rottamati e con l'attuale minoranza. Attualmente invotabili per quello che mi riguarda.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.