Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

socrate666 socrate666 09/10/2020 ore 12.38.32 Ultimi messaggi
socrate666 socrate666 09/10/2020 ore 12.54.42 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: CANCELLATO IL DECRETO SICUREZZA DI SALVINI

POTRO' SPACCARE IL MUSO AI PIDDINI E NESSUNO MI ROMPERA' I COGLIONI/big
c.ioccolatino111 c.ioccolatino111 09/10/2020 ore 13.01.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: CANCELLATO IL DECRETO SICUREZZA DI SALVINI

perchè non postate i sondaggi? (cit. agos)

e vabbè... ecco fatto, sono di 3 ore fa:

Venendo ai numeri del sondaggio, la compagine leghista capitanata da Matteo Salvini rimane saldamente la prima forza politica del Belpaese con il 24,2% (23,8% il 22 sett. per la7 tg Mentana) delle indicazioni di voto. Oltre tre punti percentuali più in basso ecco il Pd di Nicola Zingaretti & Co., che arriva a sfiorare il 21%, fermandosi al 20,8% dei consensi.

Alle spalle del piddì non ci sono più gli alleati pentastellati di governo, bensì Fratelli d'Italia, che continua a crescere. Il report settimanale di Index, infatti, registra la formazione guidata da Giorgia Meloni al 16,3% dei favori. La crescita di FdI è esponenziale se pensiamo che alle Europee del maggio 2019 il partito prese il 6,5% e alle Politiche del 4 marzo 2018 il 4,4% dei voti.

Dunque, eccoci al Movimento 5 Stelle, in crisi di consenso. Il sondaggio conferma il "momento no" dei grillini, ormai crollati sotto al 16% delle intenzioni di voto. Secondo l'analisi, oggi come oggi, i Cinque stelle non andrebbero oltre il 15,8% alle urne.
fiume.sandcreek fiume.sandcreek 09/10/2020 ore 13.34.09 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: CANCELLATO IL DECRETO SICUREZZA DI SALVINI

@c.ioccolatino111 scrive:
envedi che stavolta ti ho quotato perchè condivido l'opinione di cui sopra?
Quindi, metti da parte la tua solita certezza bislacca, ossia, che discendiamo tutti dagli africani.
Grazie.


Vedi, le opinioni o le congetture inerenti realtà alternative sono molteplici.
Dal creazionismo ai seguaci delle teorie teofisiche.
Ma le convinzoni personali non sono mai esempio di scienza ma solo di fede.
La scienza non possiede certezze, per questo vien rappresentata come un continuo divenire.
Ma una qualsiasi ipotesi, per venire classificata come scientifica, deve basarsi su dati concreti, non su altre ipotesi o congetture.
E tali dati concreti devono essere in numero e misura sufficiente da demolire presupposti precedenti.
Tanto per fare un esempio fino alla fine degli anni settanta era convinzione comune tra i paleontologi che il brachiosauro, un sauropode imparentato con il diplodoco o l'apatosauro, vivesse abitualmente immerso nell'acqua.
Questo perché si riteneva che la spinta idrica lo avrebbe aiutato a supportare la mole del suo peso (era uno dei sauri più pesanti, secondo solo all'ultrasauro ed al recente argentinosauro).
Ritrovamenti più recenti, risalenti all'inizio degli anni ottanta, hanno messo in dubbio tale convinzione, infatti i luoghi dove vennero trovati i nuovi fossili di tale specie (tra i quali la testa del sauro, mancante nei ritrovamenti precedenti, non vedevano nel giurassico, epoca in cui visse il sauro, la presenza di paludi o specchi d'acqua dove avrebbe potuto immergersi, inoltre le recenti tecnologie di animazione elettronica hanno dimostrato che la sua struttura ossea e muscolare era perfettamente in grado di supportare il suo peso.
Rimane ancora il mistero su come potesse il cuore di un rettile pompare il sangue ad una testa che si trovava mediamente sei o sette metri al di sopra dell'apparato cardiaco, ma su questo non possediamo ancora riferimenti atti a dipanare i dubbi (i rettili attuali hanno la testa alla stessa altezza del cuore).
Ma per giungere a tale conclusione sono stati necessari una miriade di ritrovamenti fossili, di confronti, di ricostruzioni, di modelli virtuali e molto altro.
Non sarebbe stato possibile giungere alle cognizioni attuali basandosi su un singolo riferimento.
Spostiamoci adesso all'altro estremo: quando i riferimenti sono insufficienti.
Alla fine degli anni novanta vennero rinvenuti in California denti di Megalodonte datati intorno al 5000 avanti cristo.
Questo significa che il più grande predatore marino di tutti i tempi è sopravvissuto fino in epoca storica?
Basandosi esclusivamente sul riferimento di cui sopra la risposta sarebbe positiva, ma anche superficiale.
La datazione dei denti potrebbe essere erronea, gli strati dove è stato rinvenuto il reperto potrebbero essere stati spostati causa sconvolgimenti sismici o tettonici (non dimentichiamo che la California è area fortemente sismica).
I fossili infatti non portano il marchio con la data di fabbricazione, la loro età viene generalmente stabilita in base allo strato dove essi risiedevano prima del ritrovamento.
Ma tale strato potrebbe essere più antico o più moderno di quanto appare grazie a fossili guida oo stratificazioni sedimentarie.
Non esistono certezze nella paleontologia o nella geologia, uno strato può spostarsi o capovolgersi a seguito eventi sismici o vulcanici e confondere così i reperti fossili ivi contenuti.
Ma il bisogno di riferimenti in numero e qualità sufficiente non si limita alla paleontologia.
In Scozia esistono alcuni castelli, credo circa una dozzina secondo la nostra guida dell'epoca, le cui pareti esterne sono composte da blocchi di roccia fusi insieme fino alla loro vetrificazione.
Per giungere a tale risultato occorrono temperature elevatissime, ma la zona dove sorgono non ha mai visto la presenza di aree boscose tanto fitte da originare il legname sufficiente ad alimentare fuochi accesi per mesi e mesi consecutivi.
Questo basta a stabilire che gli scozzesi del medio evo possedevano una tecnologia atta a fondere e vetrificare la roccia a freddo senza uso di calore?
Oggi conosciamo abbastanza ampiamente le tecniche marittime di antichi popoli quali i greci o i fenici, conosciamo la struttura delle loro navi, le capacità di navigazione, le loro potenzialità (un ammiraglio fenicio, Annone, al soldo del faraone tentò il periplo dell'Africa) ed i loro limiti.
Ma il meccanismo di Antikythera, esposto ad Atene, farebbe pensare che fossero anche in grado di stabilire la posizione marittima in assenza di riferimenti visivi, con una tecnologia paragonabile ai moderni sestanti.
Possiamo affermare, in base ad un singolo reperto, che i greci erano in possesso di tecnologie marittime paragonabili a quelle europee del XVIII secolo?
Le carte di Pri Re'is, trovate in un baule al Topkapi di Istanbul, risalenti al XVI secolo mostrano terre all'epoca non ancora scoperte e tratti dell'Antartide privi di ghiaccio.
Cosa dovremmo pensare basandoci esclusivamente su tale fonte?

In conclusione la scienza si basa su miriadi di fonti tra loro compatibili, prendere a supporto una sola delle stesse sarebbe come dimostrare il creazionismo citando il libro della genesi della bibbia o la veridicità delle teorie di Helena Blavatsky citando le stanze di Dzyan.
Etilmologico Etilmologico 09/10/2020 ore 13.53.41
segnala

(Nessuno)RE: CANCELLATO IL DECRETO SICUREZZA DI SALVINI

Skrekka lo so che ti fa bagnare il perizomino in pizzo l'idea di avere qualcosa in comune coi negri, e sicuramente con loro condividi il qi, ma come ti e' già stato ripetuto tante volte anche altrove i piu' recenti studi che in teoria dovrebbero essere i piu' attendibili, hanno messo in dubbio la narrazione dell' out of Africa. Tu continui a sostenerla dandola per scontata solo per la tua nota mendacita'.

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.