Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

c.ioccolatino111 c.ioccolatino111 17/11/2020 ore 09.27.45 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Gruber e i sondaggi

@Elle66 scrive:
Probabilmente non è un problema di poveri e ricchi, ma di + scolarizzati e meno scolarizzati


Stando al tuo e altrui ragionamento, (quello dei leghisti che hanno in mano lo straccetto della media inferiore) probabilmente avrebbe dovuto stravincere Trump e non Biden. ;-)
Obama espresse un desiderio tra i suoi discorsi: la volontà di arrivare al 2020 con un tasso del 60% di laureati, ovvero il 20% in più di quanto avveniva quando fu insediato alla Casa Bianca.
Attualmente circa 16,7 milioni di americani tra i 25 e i 34 anni sono laureati, ma l’Amministrazione ha calcolato che tornare ai primi posti della classifica mondiale significherebbe dare la possibilità a 11 milioni di giovani in più di entrare al college e di finire il proprio percorso entro 10 anni.

Cmq... leggiamo un po' di numeri, naturalmente "negazionisti", no, sovranisti, ennò, leghisti, ops, fassisti... n'zomma, fake news !!!

7-7-2020.

Abbandoni precoci e gap territoriali: l’Italia fra i paesi meno scolarizzati d’Europa.

L’Italia presenta livelli di scolarizzazione tra i più bassi dell’Unione europea. E’ quanto emerge dall’ultimo rapporto annuale Istat da cui emerge che nel 2019, nell’Ue 27 (senza il Regno Unito), il 78,4% degli adulti tra i 25 e i 64 anni possedeva almeno un diploma secondario superiore. In Italia, l’incidenza è del 62,1%, di oltre 16 punti inferiore.

Il problema è che in Italia hanno almeno un diploma quasi i tre quarti dei giovani tra i 30 e i 34 anni (+11 punti percentuali rispetto al 2009), ma nell’Ue 27 la media è dell’84%. Quindi a ben vedere esiste una situazione problematica dalla quale è necessario uscire.
20344487
@Elle66 scrive: Probabilmente non è un problema di poveri e ricchi, ma di + scolarizzati e meno scolarizzati Stando al tuo e...
Risposta
17/11/2020 9.27.45
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
c.ioccolatino111 c.ioccolatino111 17/11/2020 ore 09.30.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Gruber e i sondaggi

@Elle66 :

Abbandono scolastico: ancora numeri alti.
Si parte dall’abbandono scolastico: In Italia, le uscite (abbandoni) precoci dal sistema di istruzione e formazione – misurate come quota dei giovani tra 18 e 24 anni con al più la licenza media o una qualifica biennale e non impegnati in formazione – sono diminuite dal 35,1% nel 1994 al 13,5% nel 2019. Tra il 2002 e il 2019 il distacco con l’insieme dei Paesi dell’Unione si è ridotto da 7,3 a 3,3 punti percentuali, riporta anche l’agenzia AdnKronos.

Emerge però, come al solito, un fenomeno distribuito sul territorio in modo del tutto diverso: da un abbiamo nella provincia di Trento e in Veneto, Friuli e Marche, livelli simili a quelli dei Paesi più virtuosi dell’Unione. Così come in Piemonte, Lombardia e nella provincia di Bolzano/Bozen, che nel 2009 avevano un’incidenza pari o superiore al 20%.

Gli abbandoni sono rimasti stabili o addirittura cresciuti invece in regioni come Basilicata, Lazio e in Calabria, in compagnia di Campania, Puglia, Sicilia e Sardegna, che nonostante i progressi degli ultimi anni, non riescono ad uscire da certe cifre preoccupanti di abbandoni scolastici.


E comunque bisogna ricordare che la riduzione del fenomeno degli abbandoni in Italia è dovuto in gran parte all’innalzamento dell’obbligo scolastico e lo sviluppo della formazione professionale.

Il problema delle competenze...


https://www.tecnicadellascuola.it/abbandoni-precoci-e-gap-territoriali-litalia-fra-i-paesi-meno-scolarizzati-deuropa#:~:text=L'Italia%20presenta%20livelli%20di,pi%C3%B9%20bassi%20dell'Unione%20europea.&text=In%20Italia%2C%20l'incidenza%20%C3%A8,di%20oltre%2016%20punti%20inferiore.
c.ioccolatino111 c.ioccolatino111 17/11/2020 ore 09.39.30 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Gruber e i sondaggi

poi va di moda fes il numero chiuso alle università che, a mio dire, è come se un figlio scemo di un politico qualsiasi può accedere e quello dell'operario sacrificato alla produzione mica scemo no.

Corsi ad accesso programmato nazionale.
L’iscrizione ad alcuni corsi di laurea può avvenire solo dopo il superamento del relativo test di ingresso. I corsi universitari a numero chiuso a livello nazionale sono:

Medicina e chirurgia
Odontoiatria e protesi dentaria
Veterinaria
Architettura
Medicina in lingua inglese
i corsi delle professioni sanitarie (e poi ci lamentiamo che mancano i medici. nelle strutture osp. bresciane, vi sono più dirigenti e manager che dottori)
Scienze della formazione primaria.

Corsi ad accesso programmato locale.
A propria discrezione, le singole università possono decidere di introdurre il test di accesso a determinati corsi, al fine di garantire la qualità della didattica e dei servizi forniti allo studente. Vi conviene dunque informarvi presso ciascun ateneo se un determinato corso è a numero programmato oppure no. In linea di massima sono previsti test di ammissione per l’accesso ai corsi di:

Ingegneria
Biotecnologie, Farmacia, Biologia, Chimica, CTF
Psicologia
Scienze Motorie
Design
Economia e Giurisprudenza
Comunicazione
Lingue
Ci sono poi alcuni casi nell’ambito dei corsi di Lettere e filosofia in cui è previsto il test, ma non necessariamente di tipo selettivo. Diverso il discorso per quanto riguarda le università private come Bocconi, Luiss, Liuc, per l’area economica, o San Raffaele, Cattolica, Humanitas e altri per l’area sanitaria (e non solo). Tutte queste università dispongono in piena libertà su materie e modalità di svolgimento del test di accesso.

Per sapere con precisione quali sono le facoltà a numero chiuso (eccezion fatta per i corsi universitari a numero chiuso a livello nazionale) il consiglio è informarsi presso la specifica università. ecc. ecc.
c.ioccolatino111 c.ioccolatino111 17/11/2020 ore 09.44.17 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Gruber e i sondaggi

Anni fa, chi usciva dall'Itis, aveva due scelte sicurissime: proseguire gli studi, oppure scegliere di avere nella saccoccia i solc... e il lavoro lo trovava dopo due giorni, fuori dall'uscio di casa.
In questo modo egli o ella poteva formare la sua famigliola, mantenere la prole, scegliere il luogo di vacanza, (di solito non non facevamo mai il passo più lungo della gamba, se non potevi permetterti la Polinesia o Formentera, :-))) andava benissimo Cattolica o Ponte Caffaro e il divertimento era assicurato lo stéss) dicevo... cosa dicevo?

tel.
fiume.sandcreek fiume.sandcreek 17/11/2020 ore 11.30.23 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Gruber e i sondaggi

@Elle66 scrive:
Eh la madonna.
hai fatto tutto un discorso che nulla c'entra con il mio ragionamento.
In Italia bisognerebbe parlare di welfare e di sociale.
Sui giovani bisognerebbe investire, sono il ns. paese di domani.
Ma fino ad oggi invece di potenziare l'offerta scolastica abbiamo fatto tagli.
E le difficoltà della ministra, in questi tempi di covid, sono anche figlie di quei tagli dissennati.

Ma, tornando al mio post, è basato su una linea semplice semplice.
Maggior PIL, maggiore benessere.
Maggiore benessere più possibilità di frequentare scuole.
E, con quest'ultima, maggiore scolarizzazione.
Poi ho scritto probabilmente, non è detto che sia vero, certo è probabile


In Italia c'è tanta gente che sa già tutto e non ha bisogno di imparare altro.

P.S.: Tu chiamali, se vuoi, destricoli. ;-)
nerorosso nerorosso 17/11/2020 ore 11.34.32 Ultimi messaggi
nerorosso nerorosso 17/11/2020 ore 11.49.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Gruber e i sondaggi

@Elle66 : non mi sono mai fidato dei giornalisti
Ho l abitudine di sentire piu' campane per farmi un idea
nerorosso nerorosso 17/11/2020 ore 11.59.23 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Gruber e i sondaggi

@Elle66 : giusto cosi. Ho scritto un post "CORRADO FORMIGLI mi picerebbe avere un tuo parere
agos.62 agos.62 17/11/2020 ore 14.03.05 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Gruber e i sondaggi

@Elle66 scrive:
Quello che fa ridere è che il giornale pubblica uno studio e quel4lo è vero, non si discute.

Gli studi de "ilgiornale"... :hoho

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.