Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

acidoagogo acidoagogo 24/11/2020 ore 15.07.43
segnala

(Nessuno)RE: Al moderatore di chatta

@nerorosso :


:mail :mail :mail
S.alviniMatteo S.alviniMatteo 24/11/2020 ore 15.13.02 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Al moderatore di chatta

si, e alla prossima sospensione diventerò Putin, tu invece potresti metterti Luxuria, in ossequio a chi combatte per i diritti civili e la non discriminazione.

comunque i tuoi interventi presumo li cancellino per imbarazzo. Si sa che i sinistricoli si autoconvincono della loro superiorità per darsi coraggio, tu appena apri bocca desti il sospetto che questa superiorità è solo una leggenda metropolitana.
20347070
si, e alla prossima sospensione diventerò Putin, tu invece potresti metterti Luxuria, in ossequio a chi combatti per i diritti...
Risposta
24/11/2020 15.13.02
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
S.alviniMatteo S.alviniMatteo 24/11/2020 ore 15.20.58 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Al moderatore di chatta

@JoBiden :

mi auguro ci si aspetti più di quanto ci si potrebbe aspettare da uno come te, anche se a dirla tutta non sarebbe una grande pretesa.
mery1981 mery1981 24/11/2020 ore 15.25.07 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Al moderatore di chatta

nerorosso da come chatti te ved che non sei mai sblafemo offenivocontro gli altri percio' rimettiil postchatta.iti anche se non la pensano come noi che siamo corretti non hai nesun torto visto che lasciano stare chi offende chi e0 volgare invece ddaje siamo tutti con te :ok :clap :clap :clap :clap forza le persone oneste azzo
20347087
nerorosso da come chatti te ved che non sei mai sblafemo offenivocontro gli altri percio' rimettiil postchatta.iti anche se non...
Risposta
24/11/2020 15.25.07
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
mery1981 mery1981 24/11/2020 ore 15.26.04 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Al moderatore di chatta

s.s :ok alvini m'associo :ok damme er cinque :many
S.alviniMatteo S.alviniMatteo 24/11/2020 ore 15.28.19 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Al moderatore di chatta

si ma...chi cazzo se ne frega a chi ti riferivi...

devi aver studiato psycho-logia sul manuale di Skrekka pure te. Mo ci manca pure l'altra zecca femmina a sganciar profili psychologici e il trio di strizzacervelli di Paperilandia è al completo ahahah.
20347091
si ma...chi cazzo se ne frega a chi ti riferivi... devi aver studiato psycho-logia sul manuale di Skrekka pure te. Mo ci manca...
Risposta
24/11/2020 15.28.19
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
nerorosso nerorosso 24/11/2020 ore 15.29.22 Ultimi messaggi
the.sdrumo the.sdrumo 24/11/2020 ore 15.41.35
segnala

(Nessuno)RE: Al moderatore di chatta

@S.alviniMatteo scrive:
un sito che non permette di parlare degli stupratori islamici di Rotherham .... ormai hanno in mano tutto loro, perfino gli spazi internet.

C’è un Paese dove l’informazione è controllata da poche persone. Nello stesso Paese il Governo ha istituito una task force per controllare l’informazione durante un periodo di emergenza. Sempre nello stesso Paese il Governo decide di riempire di soldi tutte quelle emittenti che useranno il loro palinsesto per far passare messaggi pre confezionati dallo stesso Governo. Penserete che stiamo parlando della Russia, dell’Ungheria o forse della Corea del Nord? No, siamo in Italia.

Il decreto passato nel silenzio dei media
Con un decreto legge del 12 ottobre scorso del Ministero dello Sviluppo Economico e pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 9 novembre, il Governo ha istituito il cosiddetto Fondo Emergenza emittenti locali. Detta così sembra si tratti di una generosa e lodevole iniziativa per aiutare imprese in difficoltà. In realtà a leggere bene il decreto, l’aiuto del Governo Conte non è disinteressato, anzi.

Il fondo infatti prevede un’erogazione totale di 50 milioni di euro da distribuire alle emittenti televisive e radiofoniche locali che ne faranno domanda, ma ad una condizione. E cioè quella di impegnarsi a trasmettere i messaggi di comunicazione istituzionali relativi all’emergenza sanitaria all’interno dei propri spazi informativi.

Messaggi ad arte confezionati dall’esecutivo e che quindi ne seguiranno la linea politica di fondo. Ci dobbiamo quindi aspettare un insieme raffazzonato di spot a metà tra il paternalismo e l’allarmismo ipocondriaco. Da “lavati le mani” e “ricordati di mettere la mascherina” fino a improbabili raccomandazioni su come bisogna stare distanziati a tavola in vista del cenone di Natale. Le emittenti locali si potranno così trasformare in un grande megafono governativo.

Un’offerta che non si può rifiutare
D’altronde l’offerta sul piatto è più che allettante e i tanti soldi messi a disposizione in un momento così delicato assumono i contorni di una strada senza via d’uscita. Per le televisioni commerciali si parla di un compenso che parte da una base di 750.000 euro in cambio del passaggio di almeno 20 spot giornalieri in fasce orarie ben specificate dalle indicazioni del Governo.

Il tariffario comprende così diverse opzioni con differenti compensi in base al numero di spot pubblicati. In sostanza più spazio offri per farti portavoce del Governo e più guadagni. Sono già numerosissime le emittenti che hanno fatto domanda e che a partire dal prossimo mese potranno passare all’incasso e alla pubblicazione dei contenuti. Più di 400 televisioni e quasi 500 radio sono nella graduatoria e alcune di loro possono ambire a ricevere addirittura oltre 1 milione di euro per il servizio.

Preoccupante è la celerità con cui sono stati trovati e stanziati questi fondi, in un momento in cui il Governo tentenna invece nell’erogazione dei ristori per le attività costrette alla chiusura. Questo decreto rappresenta l’ultimo atto di un Governo che sembra voler porre sempre più sotto il suo controllo il mondo dell’informazione, trasformando televisioni, giornali e radio in una grande Pravda o in un nuovo Istituto Luce.

Con una task force al proprio servizio, con l’aiuto di Youtube che sta chiudendo canali non allineati e con il martellante utilizzo di spot diffusi su tutto il territorio, il Governo Conte si è creato un’autostrada per silenziare ogni tipo di contraddittorio
the.sdrumo the.sdrumo 24/11/2020 ore 15.44.09
S.alviniMatteo S.alviniMatteo 24/11/2020 ore 15.51.34 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Al moderatore di chatta

@the.sdrumo :


giustissime le considerazioni della Perucchetti. Qualsiasi cosa ormai è ingegneria sociale, anche una stupida pubblicità..
20347102
@the.sdrumo : giustissime le considerazioni della Perucchetti. Qualsiasi cosa ormai è ingegneria sociale, anche una stupida...
Risposta
24/11/2020 15.51.34
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.