Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

Elle66 19/11/2021 ore 15.06.15 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)Friuli Venezia Giulia.

Covid, Fedriga: “Dai prossimi giorni in Friuli zona gialla inevitabile”

Il presidente della Regione: «Abbiamo chiesto il controllo dei Green Pass ai confini con Slovenia e Austria, applicare misure da zona bianca a chi è vaccinato»

«La settimana prossima saremo in zona gialla a meno che non ci sia una riduzione drastica delle ospedalizzazione, ma non credo proprio. La settimana successiva sarà inevitabile». Così Massimiliano Fedriga, presidente della Conferenza delle Regioni e del Friuli Venezia Giulia, intervenendo a 'Un giorno da pecora'. «Sono preoccupato in entrambi i ruoli purtroppo in questo momento, da presidente del Friuli Venezia Giulia e da presidente delle Regioni», ha aggiunto. «Oggi abbiamo 533 positivi, speriamo ci sia una stabilizzazione della curva, ma quello che mi preoccupa sono le ospedalizzazioni. Noi confiniamo con Slovenia e Austria, se noi avessimo gli stessi vaccinati della Slovenia, avremmo gli stessi numeri. Stiamo tenendo grazie ai vaccini». «Confiniamo con la Slovenia, che ha anche pochi vaccinati, e l'Austria, zona dell'Europa dove il contagio purtroppo ora sta dilagando», ha spiegato il governatore. «Abbiamo chiesto di fare il controllo del Green pass ai confini"

Poi, la proposta: «L’idea che io e altri Governatori abbiamo avanzato non è di maggiori restrizioni, ma il contrario», ha dichiarato Fedriga. «Se lasciamo le cose come sono in zona arancione le restrizioni valgono per chiunque, non per nessuno. Noi diciamo: quest'anno abbiamo un'arma in più che è il vaccino, diamola a alberghi, bar, ristorante, palestre, cinema. Possono essere non applicate le misure delle zone arancione a chi è vaccinato o ha superato la malattia, come se fosse in zona bianca».
8618282
Chttps://www.lastampa.it/cronaca/2021/11/19/news/covid_fedriga_da_lunedi_il_friuli_passera_sicuramente_in_giallo_-458469/?ref=LSHS...
Discussione
19/11/2021 15.06.15
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
Elle66 Elle66 19/11/2021 ore 15.13.00 Ultimi messaggi
Skrekka Skrekka 19/11/2021 ore 15.16.51 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@vanil.i :

sicuro. Gibilterra invece è la terra dei vaccinati.
Skrekka Skrekka 19/11/2021 ore 15.18.25 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@vanil.i :

dovresti farteli amiche le banderuole leghiste, ormai tra una zecca come te e loro non c'è nessuna differenza.
Elle66 Elle66 19/11/2021 ore 15.25.03 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka :
Gibilterra ha vaccinato tutti a quanto pare.
Almeno quelli vaccinabili.

Pare ci sia stato un incremento di casi covid a giugno del 2500 %.
Ma va detto che in numeri assoluti si è passati da un caso a 25 casi.

Elle66 Elle66 19/11/2021 ore 15.36.50 Ultimi messaggi
Skrekka Skrekka 19/11/2021 ore 17.08.53 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 :

ancora che stai dietro a questi numeri...i numeri ve li sventolano in faccia come vogliono, per gli obiettivi che si prefiggono..

guarda la sostanza...nuove restrizioni anche lì. Chiediti: perché in Osterreich sono passati, dopo sole poche ore, dalla prigionia dei non vaccinati alla prigionia per tutti... evidentemente una prigionia prolungata per i non vaccinati avrebbe fatto emergere in modo ancora più netto che il problema non sono solo loro..meglio rinchidere in casa tutti senza differenza, intorbidire le acque, confondere e poi ripartire con la solita solfa...

avrebbero avuto una occasione golosissima: dimostrare che i non vaccinati sono i responsabili del perdurare del vairus...
20473401
@Elle66 : ancora che stai dietro a questi numeri...i numeri ve li sventolano in faccia come vogliono, per gli obiettivi che si...
Risposta
19/11/2021 17.08.53
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
paolowill paolowill 20/11/2021 ore 09.25.37 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

Io vado spesso in friuli il problema di fedriga che deve costruire un muro sul confine come ha gia fatto il pd dove amministra oppure chiede l intervento dell esercito per la sorveglianza come si faceva una volta durante il servio militare obbligatorio ...i miei amici commilitoni pattugliavano di notte i confini per dare un italia piu sicura .. Il friuli e' la porta d'entrata degli sbandati dei paesi dell est e guardando i dati sono tutti non vaccinati quindi una potenzialita di comtagio altissima poi ha i sloveni pochissimi vaccinati e gli austriaci anche loro poco vaccinati .....fedriga deve lasciare fuori dalla regione i non vaccinati e di annullare il tampone per ottenere il green pass dato che il 30% e' falso negativo....

Fedriga ha un altro problema delle minacce di morte ....deve essere data subito la scorta
20473573
Io vado spesso in friuli il problema di fedriga che deve costruire un muro sul confine come ha gia fatto il pd dove amministra...
Risposta
20/11/2021 9.25.37
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Elle66 Elle66 20/11/2021 ore 10.11.41 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.


Un tempo c'erano i romani che, da abili ingegneri quali erano costruivano le infrastrutture, ponti, acquedotti, strade etc.

poi sono arrivati i Longobardi, un popolo barbaro, incapace di costruire alcunché, non c'è traccia di un loro edificio, di qualsiasi tipo in nessun posto, prima del arrivo nella penisola italica.
E nemmeno sapevano scrivere.
Poi, con il tempo qualcosa hanno imparato e fatto

Poi sono arrivati i Galli e i Longobardi sono stati sconfitti.

Insiste, però, una piccola minoranza, discendente dei longobardi.
Gente ancora rozza e ignorante, incapace di imitare i romani nella costruzione di infrastrutture.
Al massimo, dando sfoggio di tutta la loro tecnologia riescono a costruire un muro
Si chiamano leghisti oggi.

Sto a scherzà però ve la siete tirata

Elle66 Elle66 20/11/2021 ore 10.14.49 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

Cosa sogna un leghista
Un muro
Cosa sa fare un leghista
Un muro
Cosa pensa di dover fare un leghista
Un muro
Cosa insegna un leghista ai propri figli
Costruire muri

Questo è il problema
Elle66 Elle66 20/11/2021 ore 11.06.43 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Tessdrum.o scrive:
i longobardi non sono mai stati sconfitti dai galli, ma casomai il contrario: sono i longobardi che hanno conquistato i territori della Gallia cisalpina, per poi venire successivamente sopraffatti dai franchi.... quanta ignoranza madò


Ah si?
Dici che ho sbagliato ed erano franchi?

In pratica Carlo magno

hanno messo i longobardi sotto.

Non sono riusciti a correggerli tutti però
So rimasti i legobardi a rappresentare i vecchi popoli barbari.
Sanno fare solo muri



c.ioccolatino111 20/11/2021 ore 11.24.10 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 scrive:
Ah si?
Dici che ho sbagliato ed erano franchi?

In pratica Carlo magno


Esatto. eeeeeeeee tanto pe' scherzà :-)))

@Elle66 scrive:
poi sono arrivati i Longobardi, un popolo barbaro, incapace di costruire alcunché, non c'è traccia di un loro edificio, di qualsiasi tipo in nessun posto,


FALSO.
Ti risponde ... un'altra cultura, altre usanze, altre tradizioni, un'arte che se anche la schifate, tutto ciò è esistito, l'abbiamo sotto gli occhi da secoli e si può visitare in alcuni musei del nord tra cui il Santa Giulia a BS.
Quando hai un po' voglia de acculturarti...

http://www.longobardinitalia.net/articolo/i-territori-longobardi

http://www.longobardinitalia.net/articolo/lespansione-longobarda

http://www.longobardinitalia.net/articolo/le-necropoli

https://it.wikipedia.org/wiki/Arte_longobarda

I violenti "barbari rozzi", eccelsero nell'arte dell'oreficeria, in cui si lega una raffinata lavorazione dell'oro e dell'argento all'uso di pietre dure di pasta vitrea vivacemente colorata. Abili artigiani, i Longobardi eccelsero anche nell'intaglio dell'avorio, nella tessitura e nella lavorazione di armi, arricchite con decori.
Probabilmente non hai mai visto le scene raffigurate sull'altare di Ratchis... mica le ha fatte Barbero eh?
Ti ricordo che il regnum langobardorum durò parecchio. E anche se come dice qualche losco individuo non hanno lasciato un cactus ai posteri, non è vero.
Come non è assolutamente vero che sono capitombolati grazie ai romani, (come il solito individuo tira fuori alla bisogna non accorgendosi che lo stavo prendendo per le braghe) ma all'entrata dei franchi di Carlo Magno.

20473597
@Elle66 scrive: Ah si? Dici che ho sbagliato ed erano franchi? In pratica Carlo magno Esatto. eeeeeeeee tanto pe' scherzà :-)))...
Risposta
20/11/2021 11.24.10
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
c.ioccolatino111 20/11/2021 ore 11.24.52 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 scrive:
Cosa sogna un leghista


A Ceuta e a Melilla un muro :-)))
c.ioccolatino111 20/11/2021 ore 11.25.08 Ultimi messaggi
Elle66 Elle66 20/11/2021 ore 11.42.38 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@c.ioccolatino111 :
Io ho detto, che i longobardi quando sono arrivati qui, non erano capaci di fare nulla.
Infatti la civiltà l'hanno trovata qui
E poi hanno imparato, si sono anche mescolati con i rimani indigeni.

Ma prima di arrivare qui non hanno fatto nulla di nulla, zero.

Per dire che sbaglio devi trovare un edificio una infrastruttura longobarda che sia stata realizzata prima del loro arrivo nelle penisola italica.

Non ti sforzare non c'è
Erano incapaci di fare qualsiasi cosa

Esattamente come i legobardi oggi
Solo, questi ultimi sanno fare i muri, i longo no
c.ioccolatino111 20/11/2021 ore 11.52.57 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 scrive:
Io ho detto, che i longobardi quando sono arrivati qui, non erano capaci di fare nulla.


FALSO.
I Longobardi erano abilissimi nella costruzione di armi affilate e robuste.
I migliori fabbri erano longobardi, mica bizantini o romani.
c.ioccolatino111 20/11/2021 ore 11.58.56 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 :

se a livello planetario il miglior acciaio è... era, sic... quello bresciano, probabile sia dovuto ai discendenti dei longobardi :many
c.ioccolatino111 20/11/2021 ore 12.01.11 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 :

lavorare l'acciaio con macchinari anni 70 mica è facile :haha
Noi, infatti, siamo famosissimi x il tondino, per la metallurgia. Vendite stratosferiche le nostre, prima che la UE ci misurasse l'acciaio.
Skrekka Skrekka 20/11/2021 ore 13.26.29 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 :

esattamente perché, come i vichinghi, i longobardi, che erano poi vichinghi, non avevano necessità, nelle loro terre d'origine, di adibir edifici che fossero più elaborati di una semplice langhus. Ma ciò non significa che i vichinghi non fossero grandissimi ingegneri, dal momento che le snekkar e i drakkar sono una testimonianza appunto della grande abilità ingegneristica (da ingegno) dei miei avi.

abilità a cui non si avvicinano neanche lontanamente i negri che arrivano in Europa sui gommoni 1200 anni dopo che i valorosi e temuti uomini del Nord abbandonarono per la prima volta la Scandinavia.
Skrekka Skrekka 20/11/2021 ore 13.30.30 Ultimi messaggi
Skrekka Skrekka 20/11/2021 ore 13.32.07 Ultimi messaggi
Elle66 Elle66 20/11/2021 ore 16.11.09 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@c.ioccolatino111 :
Siamo sempre li, bisogna trovare dei resti della civiltà longobarda in giro per l'Europa.
E in questi resti avere testimonianza delle loro opere in campo metallurgico.
C'è poca roba che io sappia e niente di così evidente circa quella tecnologia.

I Longo non erano capaci di lavorare la pietra, non ci sono resti di loro insediamenti da nessuna parte.
Al massimo qualche traccia di abitazioni in legno.

Per quanto riguarda Brescia, ha si una tradizione circa la lavorazione dei metalli.
Questo è vero
Ma indicare quello bresciano come il miglior acciaio a livello mondiale è una leggenda.

Intanto concentriamoci sulla parola migliore, cosa significa?
Per dirtela meglio in cosa era migliore?

L'acciaio è acciaio e ha degli usi.
Infatti ci sono molti acciai, mica solo uno.
Dipende dalle prestazioni che gli chiedi.
Nei ventilatori, dico quelli industriali e standard, ci sono almeno tre tipi di acciaio.
Quello per la cassa o coclea o, meglio ancora, volvente e per la girante.
Quello per il mozzo e quello per l'albero.
Hanno delle sigle
La cassa FE 42 (mi sembra, vado a memoria)
Il mozzo non mi ricordo
L'albero se non è soggetto a particolari sforzi C40.
Se il fluido trasportato dal ventilatore era inquinato con qualcosa di abrasivo, tipo la sabbia, almeno le palette si costruiscono in creusabro, una lega di acciaio e qualche altro metallo e con trattamenti particolari per renderlo resistente all'abrasione.
Spesso anche la fascia della volvente viene fatta in creusabro

Poi c'è l'INOX e anche li ce ne sono un botto, dipende da cosa devi fare.
Io so che l'AISI 304 e 316 vanno bene per le casse e i mozzi.
Per l'albero pare sia meglio il 431.
Se devi fare una pentola, nessuno di questi va bene

Quindi capisci che dire il migliore non significa nulla.
L'acciaio ha una composizione e un trattamento e quello è, tanto a Brescia che in Cina.
Probabile che nel bresciano, ci fossero aziende specializzate nella lavorazione di particolari acciai, probabilmente delle trafilerie

Lavorare con dei macchinari vecchi presenta dei problemi.
Di sicuro sono meno precisi di quelli moderni e, allo stesso tempo, più lenti.
A gioco lungo finisci per perdere competitività.
L'innovazione è fondamentale
Elle66 Elle66 20/11/2021 ore 16.18.28 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka :
I Longo sono arrivati prima che i vichinghi si manifestassero.
Quelli non possono essere tuoi avi, al massimo, ma è tutto da dimostrare, possono essere tuoi lontani parenti, in pratica cugini alla lontana

Tuttavia essere bravi a costruire imbarcazioni, vuole dire avere dei maestri d'ascia.
Avere degli ingegneri, capaci di costruire un ponte in pietra, è un'altra cosa.
Skrekka Skrekka 20/11/2021 ore 16.22.42 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

no, al solito stai sparando un mucchio di cazzate frutto della tua bislacca ignoranza. I longobardi conoscevano la pietra ma non la usavano per edificare costruzioni. Conoscevano la pietra, così come qualsiasi popolo della Scandinavia che la usava come bussola per navigare. Cercati qualcosa sui prismi di cordierite vah...
Elle66 Elle66 20/11/2021 ore 16.43.13 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka scrive:
no, al solito stai sparando un mucchio di cazzate frutto della tua bislacca ignoranza. I longobardi conoscevano la pietra ma non la usavano per edificare costruzioni. Conoscevano la pietra, così come qualsiasi popolo della Scandinavia che la usava come bussola per navigare. Cercati qualcosa sui prismi di cordierite vah...


Non c'entra nulla.
Avevano delle pietre che, a quanto leggo, gli indicavano la posizione del sole, con quello si orientavano.
In pratica hanno scoperto una pietra un minerale, non lo so, che gli permetteva di conoscere la posizione del sole anche in presenza di nuvole che lo coprivano
Non ancora ben chiara la precisione di queste pietre.
La migliore pare la calcite, almeno secondo lo studio ungherese.

Ma ribadisco non costruivano con la pietra.
E non erano certo capaci di costruzioni complicate come un ponte che necessità disegni e calcoli ingegneristici.

Cosa invece presente nella civiltà romana da secoli, ancora prima di cristo
Ci sono ancora oggi
Elle66 Elle66 20/11/2021 ore 16.46.58 Ultimi messaggi
Skrekka Skrekka 20/11/2021 ore 16.50.19 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 :

non costruivano con la pietra per le condizioni climatiche avverse. Usavano legno e torba perché garantivano un isolamento migliore rispetto alla sola pietra, che poi veniva usata anche per il basamento delle langhus. Sei di una ignoranza spaventosa.

Elle66 Elle66 20/11/2021 ore 17.00.08 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka scrive:
non costruivano con la pietra per le condizioni climatiche avverse. Usavano legno e torba perché garantivano un isolamento migliore rispetto alla sola pietra, che poi veniva usata anche per il basamento delle langhus. Sei di una ignoranza spaventosa.


Ho qualche dubbio che la paglia che usavano per il tetto sia più efficace della pietra in termini di isolamento.
Sicuramente la paglia resiste meglio alle nevicate e alle piogge.
Non è che ci credo tanto

Tuttavia, e le infrastrutture?

Dei romani abbiamo di tutto dei vichinghi?



Skrekka Skrekka 20/11/2021 ore 17.17.34 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 :

non usavano "paglia", usavano torba. La torba viene utilizzata anche oggi come isolante.

https://it.kompass.com/a/pannelli-di-torba-per-isolamento/6192019/

che infrastrutture complesse avrebbero potuto costruire questi in un ambiente così ostile così scarso di risorse? poco o niente.

resta il fatto che le navi degli uomini del Nord erano la miglior espressione della ignegneria navale dell'epoca.
Elle66 Elle66 20/11/2021 ore 17.42.57 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka :
beh, è tutto da discutere
Intanto tra villaggio e villaggio strade lastricate non ne hanno prodotte, che io sappia non c'è nulla.
E nulla c'è per i longobardi.
Che hanno girato l'Europa.
Fino a quando sono arrivati nella ns. penisola

Sulle navi neanche i romani erano stupidi.
I loro maestri d'ascia li avevano eccome.

Ci vorrebbe qualche esperto per dire quale è meglio


Skrekka Skrekka 20/11/2021 ore 17.56.49 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 :

no, non è tutto da discutere. Nell'epoca in questione i migliori marinai erano i vichinghi, esperti navigatori e costruttori d'imbarcazioni innovative. I romani neanche sapevano cosme utilizzare il catrame per impermeabilizzare gli scafi delle loro navi. Che ti piaccia o meno, zecca, se ancora oggi si usa la tecnica del calafataggio lo si deve agli uomini del Nord, non ai romani.
Elle66 Elle66 20/11/2021 ore 18.44.06 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka :
L'epoca sono secoli dopo.
Nonostante tutto, l'impero pur in tempi più antichi era avanti in tutto.
Case infrastrutture, politica, cultura e quello che metti metti.

Anche come marina, dove vuoi andare?
I romani avevano le flotte, impermeabilizzavano con quello che avevano, non è che potevano andare per mare con due assi inchiodate, avranno usato qualche forma di bitume.

Non erano contemporanei e ai vichinghi è andata bene

Andare a rompere le scatole all'impero era come pestare la coda di una belva

E poi il tempo l'impero quanto è durato?

I vichinghi quanto sono durati?
2 o trecento anni
Poi si sono organizzati e li hanno respinti.

Gli impulsi culturali non sono partiti da nord verso sud ma, al contrario da sud verso nord.
A riprova che erano solo dei barbari.
E che la loro storia è durata fino a che qualcuno, mi sembra i normanni, non li hanno ribaltati.

C'è una cosa che non capisco:
Sull'isola di Selja c'è un monastero dei Banedettini, o meglio, le sue rovine.
Quel monastero è stato costruito alla fine del periodo vichingo.
Ha una particolarità, è fatto di pietra, difatti qualcosa c'è ancora, in particolare quella che sembra una torre.
Quei monaci la pietra la sapevano lavorare e lo hanno dimostrato.
Se usare il legno fosse stato un vantaggio lo avrebbero fatto di legno.
Evidentemente non lo era, lo hanno costruito in pietra.

Quindi, se era un vantaggio per i monaci, anche per le case degli indigeni
Ma serviva la capacità di lavorarla.
La pietra è dura







Skrekka Skrekka 20/11/2021 ore 20.43.46 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

ahhh quante banalizzazioni. I vichinghi erano contemporanei ai romani. I Goti secondo te da dove provenivano? dalla Scandinavia.

Goti=Gotland (Svezia).

come sono arrivati qui per poi scontrarsi coi romani nella guerra gotica? non volando di sicuro.

la soriografia ufficiale fa una distinzione per comodità tra le varie tribù nordiche (i goti erano Geati) prendendo come punto di riferimento l'espansione vichinga in Europa, dal 793 in poi.

e comunque gli storici dell'epoca definivano barbari tutti quei popoli che non parlavano la loro lingua, ciò non significa che i vichinghi fossero effettivamente delle capre incivili.

c.ioccolatino111 20/11/2021 ore 21.32.20 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 scrive:
Siamo sempre li, bisogna trovare dei resti della civiltà longobarda in giro per l'Europa.


Il prof. barbero è piuttosto superficiale ad insegnare la storia che riassume inserendo manicaretti e alici.

https://www.arcipelagoadriatico.it/attivita/i-longobardi-e-le-radici-deuropa/

http://www.storiain.net/storia/i-longobardi-un-grande-capitolo-della-storia-ditalia-e-deuropa/

Ti suggerisco di leggere questo libro: "La civiltà dei Longobardi in Europa", e ti si apre un mondo a te sconosciuto.

c.ioccolatino111 20/11/2021 ore 21.38.18 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 scrive:
Per quanto riguarda Brescia, ha si una tradizione circa la lavorazione dei metalli.
Questo è vero
Ma indicare quello bresciano come il miglior acciaio a livello mondiale è una leggenda.


Le leggende te le insegna barbero? :-)))

Nonostante una perdita a causa della pandemia...
Una provincia d'acciaio: Brescia prima in Italia nell'export siderurgico.
Nonostante la crisi generata dalla pandemia la provincia di Brescia è ancora prima in Italia nell'export di prodotti siderurgici.

https://www.bresciatoday.it/social/brescia-acciaio.html

E sai perchè è prima?
Frank.Castle63 Frank.Castle63 20/11/2021 ore 22.38.18 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 scrive:
L'epoca sono secoli dopo.
Nonostante tutto, l'impero pur in tempi più antichi era avanti in tutto.
Case infrastrutture, politica, cultura e quello che metti metti.

Anche come marina, dove vuoi andare?
I romani avevano le flotte, impermeabilizzavano con quello che avevano, non è che potevano andare per mare con due assi inchiodate, avranno usato qualche forma di bitume.

Non erano contemporanei e ai vichinghi è andata bene

Andare a rompere le scatole all'impero era come pestare la coda di una belva

E poi il tempo l'impero quanto è durato?

I vichinghi quanto sono durati?
2 o trecento anni
Poi si sono organizzati e li hanno respinti.

Gli impulsi culturali non sono partiti da nord verso sud ma, al contrario da sud verso nord.
A riprova che erano solo dei barbari.
E che la loro storia è durata fino a che qualcuno, mi sembra i normanni, non li hanno ribaltati.

C'è una cosa che non capisco:
Sull'isola di Selja c'è un monastero dei Banedettini, o meglio, le sue rovine.
Quel monastero è stato costruito alla fine del periodo vichingo.
Ha una particolarità, è fatto di pietra, difatti qualcosa c'è ancora, in particolare quella che sembra una torre.
Quei monaci la pietra la sapevano lavorare e lo hanno dimostrato.
Se usare il legno fosse stato un vantaggio lo avrebbero fatto di legno.
Evidentemente non lo era, lo hanno costruito in pietra.

Quindi, se era un vantaggio per i monaci, anche per le case degli indigeni
Ma serviva la capacità di lavorarla.
La pietra è dura


Quanto sopra esposto rinnova una costante storica che non ha mai visto eccezioni:
Quando un popolo arretrato incontra un popolo evoluto con l'andare del tempo la cultura di quest'ultimo assimilerà quella del primo sostituendosi ad essa.
Questo anche se il popolo arretrato si dimostra militarmente superiore.
Gli Hyksos erano militarmente superiori agli egizi, e li sconfissero invadendo il loro regno durante il regno medio, ma con gli anni abbandonarono i loro costumi, le loro tradizioni e persino la loro cucina o abbigliamento adottando i superiori costumi egizi.
I mongoli erano la superpotenza mondiale durante il medio evo, ma la conquista della Cina vide la decadenza della loro cultura nomade originale, semplicemente si cinesizzarono adottando gli usi ed i costumi dei popoli conquistati.
Lo stesso accadde con i Moghul in India o con Tamerlano in Asia centrale.
I Vikinghi invasero la Francia settentrionale, la Britannia, l'Irlanda, spingendosi fino all'Islanda, la Groenlandia e terranova.
Ma non vi fu una conversione dei popoli Franchi ai costumi Vikinghi, accadde esattamente il contrario.
Lo stesso in Britannia ed in Irlanda.
In Islanda trovarono il terreno ideale perché non trovarono altri popoli con i quali confrontarsi.
In Groenlandia sparirono dopo il XV secolo perché incapaci di adattarsi alle condizioni climatiche proibitive e privi delle capacità logistiche, zoologiche ed agrarie atte all'utilizzo di quei territori.
A Terranova vennero scacciati dai nativi.
A Costantinopoli vennero sconfitti dall'uso del fuoco greco, una forma di napalm primitivo, subendo una disfatta tanto cocente da spingerli a sedare ogni intento bellico nei confronti dell'impero bizantino.
Pochi di loro si fermarono nei decenni successivi in tali luoghi formando quella che venne in seguito denominata come guardia Varega.
Gli ottomani che conquistarono Costantinopoli adottarono in seguito molti usi ed abitudini di chiara matrice ellenica, dai bagni pubblici all'alimentazione, dalla legislazione all'ingegneria civile e militare.
Insomma dopo nemmeno un secolo dalla caduta dell'ultimo imperatore bizantino la barbara eredità della cultura nomade turcomanna era perduta per sempre.

Questo dice la storia.
Se qualche lettore di fumetti dice altrimenti basta non prenderlo sul serio.
Elle66 Elle66 21/11/2021 ore 10.56.38 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka :
Stai facendo confusione.
I Goti se sono parenti, lo sono con i norreni, vere e proprie prove, in questo senso, pare che non esistano.
Qual è la differenza tra norreni e vichinghi?
I norreni erano un gruppo di popoli, del nord Europa, insomma la Scandinavia, con una lingua o dei dialetti e una cultura similari.
I vichinghi erano una parte di questi norreni che erano soliti aggredire le coste delle isole britanniche e del nord della Francia.
Tra l'altro bisogna sfatare un mito:
Non erano dei guerrieri forti e coraggiosi, alti, biondi e con un copricapo cornuto.
Niente di tutto questo.
Erano degli schifosi e vigliacchi predoni, dei pirati niente di più.
Le loro gesta lo testimoniano.
Vittime delle loro incursioni erano monasteri e piccoli centri indifesi, che razziavano e devastavano uccidendo vigliaccamente chiunque gli capitasse a tiro, uomini, donne e bambini.
Più schifosi di così.

Per quanto riguarda la loro cultura, quella norrena, va detto che avevano una scrittura e qualcosa è arrivato fino a noi: le rune.
Amanti della poesia per il resto erano dei primitivi.

Per farla breve, bisogna ricordare che ad un certo punto hanno rivolto le loro attenzioni verso il regno dei franchi.
ma in un primo tempo questo regno o impero che dir si voglia, aveva come imperatore un certo Carlo Magno, (che già aveva fatto polpette dei longobardi, nel nord Italia) il quale aveva organizzato un sistema difensivo a nord.
Beh, quelle difese, complice qualche tentativo di aggressione finito in disastro, hanno scoraggiato i vichinghi a riattaccare.
E per anni nel nord dell'attuale Francia i "valorosi" vichinghi non si sono più visti.
In seguito con i franchi impegnati in guerre interne tra fratelli, i nipoti di Carlo Magno, le difese sono venute meno e sono ricominciate le incursioni.
Per tre volte i vichinghi so arrivati, attraverso la Senna, a Parigi assediandola.
E per tre volte sono riusciti ad ottenere un riscatto.
E qui va fatto notare un particolare.
Dopo l'ultimo assedio hanno ottenuto oltre al solito riscatto anche delle terre.
Hanno fatto un ottimo lavoro nel tempo, riuscendo anche ad ingrandirsi.
Ma la domanda è: tutta la loro cultura, i loro usi e costumi e la loro lingua dove sono finiti?
Semplicemente sparite.
Qualche anno dopo, quei vichinghi, si sono fusi con la popolazione dei franchi.
Una integrazione totale, hanno adottato lingua, religione, usi e costumi degli indigeni.
Infatti, quelle terre concesse dal re dei franchi, altro non sono che l'attuale Normandia.
In Normandia, oggi, cosa c'è di norreno?
Qualche cognome, nulla di più.


Elle66 Elle66 21/11/2021 ore 11.09.16 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Tessdrum.o :
Io non ho cancellato nulla, parla con la moderazione.
Una cosa è certa anche se ho sbagliato, non sei autorizzato ad essere maleducato.
E, se sei maleducato, non puoi neanche prendertela con i moderatori, i quali in questo senso, fanno il loro dovere.

Ho scritto paginate in questo 3D, trovi una sola parola fuori dalle righe?
Elle66 Elle66 21/11/2021 ore 11.29.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@c.ioccolatino111 :
Ma tu, vuoi farmi perdere la pazienza o cosa?

Io ti ho detto, per dimostrare che i longobardi avevano delle capacità ingegneristiche e una cultura non primitiva, devi trovare dei siti dove queste cose sono dimostrate.
Ma questi siti devono essere precedenti al loro arrivo nella ns. penisola.
Non ci sono, ci sono al massimo delle necropoli.
Da qui si capisce che avevano delle capacità a lavorare i metalli, niente di più.
Tu continui ad indicarmi opere che hanno fatto qui da noi.
Grazie al cavolo, hanno imparato dai romani.

Lo so che Barbero ti da fastidio, non discuto il tuo giudizio che mi sa di rancoroso, perché ha raccontato la verità storica che è diversa da quella che ti piacerebbe.
Purtroppo quella che ti piacerebbe non esiste
Ma il guaio è che mi avete indicato un libro, io l'ho letto e scopro che Barbero, in modo molto più sintetico, ha detto le stesse identiche cose.

Sulle fonderie ho parlato di qualità non di quantità
Delle macchine vecchie hai raccontato tu


Elle66 Elle66 21/11/2021 ore 11.31.29 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Frank.Castle63 scrive:
Quanto sopra esposto rinnova una costante storica che non ha mai visto eccezioni:
Quando un popolo arretrato incontra un popolo evoluto con l'andare del tempo la cultura di quest'ultimo assimilerà quella del primo sostituendosi ad essa.
Questo anche se il popolo arretrato si dimostra militarmente superiore.
Gli Hyksos erano militarmente superiori agli egizi, e li sconfissero invadendo il loro regno durante il regno medio, ma con gli anni abbandonarono i loro costumi, le loro tradizioni e persino la loro cucina o abbigliamento adottando i superiori costumi egizi.
I mongoli erano la superpotenza mondiale durante il medio evo, ma la conquista della Cina vide la decadenza della loro cultura nomade originale, semplicemente si cinesizzarono adottando gli usi ed i costumi dei popoli conquistati.
Lo stesso accadde con i Moghul in India o con Tamerlano in Asia centrale.
I Vikinghi invasero la Francia settentrionale, la Britannia, l'Irlanda, spingendosi fino all'Islanda, la Groenlandia e terranova.
Ma non vi fu una conversione dei popoli Franchi ai costumi Vikinghi, accadde esattamente il contrario.
Lo stesso in Britannia ed in Irlanda.
In Islanda trovarono il terreno ideale perché non trovarono altri popoli con i quali confrontarsi.
In Groenlandia sparirono dopo il XV secolo perché incapaci di adattarsi alle condizioni climatiche proibitive e privi delle capacità logistiche, zoologiche ed agrarie atte all'utilizzo di quei territori.
A Terranova vennero scacciati dai nativi.
A Costantinopoli vennero sconfitti dall'uso del fuoco greco, una forma di napalm primitivo, subendo una disfatta tanto cocente da spingerli a sedare ogni intento bellico nei confronti dell'impero bizantino.
Pochi di loro si fermarono nei decenni successivi in tali luoghi formando quella che venne in seguito denominata come guardia Varega.
Gli ottomani che conquistarono Costantinopoli adottarono in seguito molti usi ed abitudini di chiara matrice ellenica, dai bagni pubblici all'alimentazione, dalla legislazione all'ingegneria civile e militare.
Insomma dopo nemmeno un secolo dalla caduta dell'ultimo imperatore bizantino la barbara eredità della cultura nomade turcomanna era perduta per sempre.

Questo dice la storia.
Se qualche lettore di fumetti dice altrimenti basta non prenderlo sul serio.


Ma certo che è così.
Solo che se è diverso da quanto ti piacerebbe che fosse
Allora inizi a dare i numeri
Questo stanno facendo
Frank.Castle63 Frank.Castle63 21/11/2021 ore 13.03.32 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 scrive:
Ma certo che è così.
Solo che se è diverso da quanto ti piacerebbe che fosse
Allora inizi a dare i numeri
Questo stanno facendo


Anche i Franchi si romanizzarono.
Ed ancor prima di Carlo Magno.
Quest'ultimo venne poi incoronato imperatore del Sacro Romano Impero, non dei Franchi o degli altri popoli che avevano subito la sua collera, dai longobardi ai sassoni ai bavaresi.
Dell'eredità dei popoli gotici, dai visigoti agli ostrogoti agli alani ai vandali, a quel punto non rimaneva più nulla.
Ma c'è chi è tanto ignorante da confondere storia e ucronia.

P.S.: Non casualmente tali detentori di ignoranza militano tra le file destricole.
Elle66 Elle66 21/11/2021 ore 13.20.09 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Frank.Castle63 :
Si sono disegnati di essere discendenti di grandi popoli conquistatori.

Se gli fai notare che questi grandi popoli erano dei primitivi o poco dipiù danno di testa.

Rimane il fatto incontrovertibile che questi popoli conquistatori avevano una lingua, una religione, degli usi e dei costumi.
Essendo primitivi e arrivando presso dei popoli secoli più avanti, come civiltà, semplicemente si sono fusi, integrati abbandonando la arretratezza per abbracciare la civiltà che hanno incontrato.

Battisti diceva "capire tu non puoi..."
E loro non possono, cadrebbe un sogno.
20473888
@Frank.Castle63 : Si sono disegnati di essere discendenti di grandi popoli conquistatori. Se gli fai notare che questi grandi...
Risposta
21/11/2021 13.20.09
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Skrekka Skrekka 21/11/2021 ore 14.03.22 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 :

solo che i vichinghi (e quindi anche i longobardi) non erano arretrati quanto ti fa credere il livoroso mezzo negro siculo araboide cacciaballe. La predominanza della cultura vichinga su quella latina, nei paesi anglosassoni, la si evince anche solo guardando alla lingua. Un po' audace (e mendace) sentenziare che i popoli del nord non hanno lasciato nulla agli inglesi quando molte città di quelle terre finiscono col suffisso by o twaithe (by=villaggio, twaithe=terra). Perfino i giorni inglesi sono un evidente richiamo alla cultura germanico\vichinga, in particolare agli dei del Pantheon vichingo.

Sunday= Sunnon Dagaz
Tuesday= Tiu (Dio della guerra germanico)
Wednesday= Wodan, Wotan, Odino
Thursday= il giorno di Thor
Friday= Frije Dagaz\Frigg\Freya, dea della fertilità


discorso Groenlandia: è plausibile secondo te credere che un popolo che ha vissuto per 400 anni in un posto, appunto la Groenlandia, l'ha abbandonato perché incapace di adattarsi alle condizioni climatiche proibitive, come scrive il coglione siculo\araboide?

ti do una notizia: nell'arco di tempo in cui i vichinghi occuparono la Groenlandia il cliama non era proibitivo, era più caldo di quello attuale. Non è ancora chiaro il motivo per cui hanno abbandonato il posto se non al millantatore siculo\arabo, che non è esattamente un docente di fisica dell'atmosfera, ma è, perlopiù, uno che ha la necessità di sbandierare ogni minuto competenze e conoscenze che non ha.



non sto facendo alcuna confusione, sei tu che oltre ad avere una scarsa conoscenza dell'argomento non riesci neanche a comprendere quello che scrivo. I goti e i longobardi erano tribù vichinghe, contemporanee ai vichinghi, che lasciarono la Scandinavia secoli prima rispetto a quella che la storiografia ufficiale conosce come espansione vichinga, che si fa coincidere alla prima razzia nel Dorset e poi all'attacco al monastero di Lindisfarne.
Elle66 Elle66 21/11/2021 ore 14.28.23 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka :
La storia vuole che alcuni vulcani abbiano eruttato insieme.
Una esplosione di lapilli e cenere che ha impiegato anni a posarsi.
Da li sono partite le migrazioni.
Ma naturalmente la cenere in sospensione ha indebolito i raggi solari, producendo climi freddi, inverni quando doveva esserci l'estate.
Con conseguente perdita di raccolti agricoli e quindi carestie.
I popoli norreni e non vichinghi, contavano una milionata di persone.
Quando la normalità si è ripristinata almeno 400k persone tra migrazioni e morti non c'erano più
Questo raccontano gli storici.
Che hanno potuto dimostrare questa teoria anche attraverso dei carotaggi sotto il ghiaccio

Di seguito sono iniziate le scorrerie e l'epoca vichinga.
Ribadisco i vichinghi non erano dei fieri e valorosi soldati, ma una schifosa marmaglia di predoni dediti al saccheggio e al massacro.
Lo testimoniano i loro bersagli.

Goti e Longobardi, se lo erano erano norreni e non vichinghi.
Ma non ci sono prove provate.

Normandia deriva da normanni, uomini dl nord.
Ma, in Normandia, appunto, dove hanno vissuto, tracce della loro civiltà non ci sono.

Oltre a essere schifosi pirati i vichinghi erano ottimi commercianti e molti si sono stabiliti anche nelle isole britanniche ma, come in Francia, della loro cultura, religione e civiltà non c'è più nulla, tutto sparito.
Ci sarebbe un discorso sugli accampamenti invernali, che li vedeva ospiti ma stranieri in terra di Albione, ma diventa lunga.
L'avere lasciato qualche termine non significa nulla.

C'è anche poco della loro società nella terra di origine
Mentre della civiltà latine e romana abbiamo importanti testimonianze



Skrekka Skrekka 21/11/2021 ore 14.46.43 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 :

col termine norreni generalmente si indicano quelle tribù della Scandinavia che lasciarono la penisola prima della espansione vichinga. Ad esempio i goti, che abitando in Svezia nello stesso periodo in cui l'abitavano i vichinghi, erano vichinghi.

il resto è come al solito incommentabile.
Frank.Castle63 Frank.Castle63 21/11/2021 ore 15.13.46 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka scrive:
i goti, che abitando in Svezia nello stesso periodo in cui l'abitavano i vichinghi, erano vichinghi.


Questa è bellissima.
Ne consegue che i magrebini, che abitavano il Nord Africa durante il regno dei Vandali, erano anch'essi Vandali.
Ne consegue che i Merkiti, che abitavano la Mongolia durante l'ascesa di Temujin, erano anch'essi mongoli.
Ne consegue che gli Etruschi, che abitavano l'Italia durante l'espansione romana, erano anch'essi romani.
Ne consegue che i Franchi, che occuparono le Gallie dopo la decadenza dell'impero romano d'occidente, erano anch'essi celti.
Ed i Vareghi in Ucraina erano anch'essi slavi.
Ed i Visigoti in Spagna erano anch'essi iberici, poi diventarono mori e dopo divennero spagnoli.

I libri di storia padani li ha scritti Giorgio Faletti.
:many :many :many :many :many :many :many :many :many :many :many :many :many :many :many :many :many :many :many :many :many :many
Skrekka Skrekka 21/11/2021 ore 15.51.13 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Frank.Castle63 :

puoi buttarla in cacaira quanto vuoi, d'altronde tutti hanno capito che questo è il tuo metodo quando non hai argomenti efficaci per controbattere, cioé, praticamente sempre. Quindi vomita pure i tuoi ragionamenti surreali.

quando riuscirai a spiegarmi perché i Goti avevano una struttura sociale identica a quella dei cosiddetti vichinghi ed adoravano pure gli stessi Dei ne riparleremo. La risposta è semplice. Perché abitavano le stesse regioni dei "vichinghi" ed erano contemporanei ai "vichinghi", nome che la storiografia ufficiale utilizza per raggruppare i clan\le tribù\le famiglie della Scandinavia tra cui c'erano appunto i Goti, i Sueoni e i longobardi.
Frank.Castle63 Frank.Castle63 21/11/2021 ore 16.05.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka scrive:
puoi buttarla in cacaira quanto vuoi, d'altronde tutti hanno capito che questo è il tuo metodo quando non hai argomenti efficaci per controbattere, cioé, praticamente sempre. Quindi vomita pure i tuoi ragionamenti surreali.

quando riuscirai a spiegarmi perché i Goti avevano una struttura sociale identica a quella dei cosiddetti vichinghi ed adoravano pure gli stessi Dei ne riparleremo. La risposta è semplice. Perché abitavano le stesse regioni dei "vichinghi" ed erano contemporanei ai "vichinghi", nome che la storiografia ufficiale utilizza per indicare i clan della Scandinavia tra cui c'erano appunto i Goti, i Sueoni e i longobardi.


Gli antenati dei pellerossa americani e dei Tungusi abitavano le stesse regioni asiatiche prima della grande migrazione dei primi che originò i diversi popoli amerindi.
Basandosi sulle tue affermazioni ne deriva che Apaches Mescaleros, Eukei, Tlingit, Jukagiri e Irochesi sono tutti siberiani visto che i loro antenati abitavano insieme tale regione russa.
In realtà sono popoli che differiscono per storia, tratti somatici, lingua, costumi, alimentazione, artigianato e struttura sociale, ma, come già esposto, i loro antenati abitavano gli stessi luoghi nello stesso periodo.
Lo stesso elleni e romani.
Lo stesso Jurgen e Manciù.
Lo stesso Celti e Sassoni.
Lo stesso Scoti e Pitti.

Tranquillo, mi rendo conto di quanto sia difficile approfondire le cognizioni per un destricolo.
Meglio coltivare la superficialità propria a tale forma di vita sperando che tutti siano altrettanto superficiali da prenderla sul serio.

N.B.: Etiopi e padani sono entrambi cristiani.
Ne consegue che i primi sono anch'essi discendenti di germano-teuto-padan-vikinghi?
Oppure che anche i padani sono in realtà africani?
Si, si, lo so, troppo complicato.
Skrekka Skrekka 21/11/2021 ore 16.13.16 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Frank.Castle63 :

guarda coglione, ti consiglio una visita guidata in Scandinavia. Li, ci sono guide turistiche che la storia la conoscono più di te, non che ci voglia molto in verità. Di più non posso fare.

Gotland – sulle tracce dei Vichinghi

Prenota il tour di Gotland, sulle tracce dei Vichinghi, in italiano, contattando tramite il sito una guida turistica, e organizza la tua visita guidata di Gotland per scoprire insieme la vera storia dei vichinghi su questa isola.

I Vichinghi di Gotland erano marinai esperti, violenti pirati, capaci artigiani e commercianti astuti.
In questo tour di circa 5 ore scoprirete alcune delle tracce lasciate da questi antichi abitanti di Gotland.


https://www.trovaguidaturistica.it/tour/gotland-tour-vichinghi/


300 euro se ti porti dietro anche la bambola gonfiabile.

ora mi fai la cortesia di levarti dai marroni?
Elle66 Elle66 21/11/2021 ore 16.26.14 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka : La storia non te la puoi disegnare come ti piace.
I Goti pare provengano si dalla Svezia ma, almeno quelli che sono giunti a contatto con i romani, lo hanno fatto secoli prima che le scorrerie dei pirati vichinghi iniziassero.

Vichingo non è un termine di origine nordica, i nordici o norreni non si sono mai definiti in questo modo. Lo hanno fatto le fonti storiche che ce li hanno raccontati

Tu sei affezionato ad una storia in cui per vichinghi si intendono varie popolazioni, tra cui i longobardi.
E nel contempo ti piace pensare che i vichinghi siano stati un popolo nobile, fiero ed eroico

NON È COSÌ!

L'epoca vichinga, su qualsiasi testo di storia, che sia scritto da Barbero o da uno storico Danese è sempre la stessa.

L'Epoca vichinga è iniziata (fine VIII secolo )con le prime scorrerie che di eroico non hanno nulla (anche questo è su qualsiasi libro di storia).
Erano dei predoni assassini e vigliacchi, dei pirati, nulla di più.
Finisce a metà dell'undicesimo secolo con la sconfitta subita ad opera di altri norreni, altri vichinghi, i normanni, i vichinghi si ritirano definitivamente.
Dopo, non ci sono più state le condizioni, a livello culturale e inforza di matrimoni e incroci di famiglie.
Ed'è finita la storia dei vichinghi che, cmq, in un modo o nell'altro hanno inciso pesantemente sul volgere della storia.
Skrekka Skrekka 21/11/2021 ore 16.32.35 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 :

infatti non disegno la storia come mi piace, la disegno per quello che è stata e per come non la conoscete tu e il tuo collega siculo araboide, il quale è convinto che i lombardi non hanno progenitori nordici poiché in Lombardia a suo dire non vi sono persone bionde.

questo accade quando si ha una conoscenza scolastica degli argomenti, come nel tuo caso e nel caso del tuo collega siculo araboide. Non conoscete quello di cui parlate se non per qualche veloce consultazione sul web.

DNA di più di 400 scheletri di vichinghi mostrano che molti erano castani e non biondi

https://notiziescientifiche.it/dna-di-piu-di-400-scheletri-di-vichinghi-mostrano-che-molti-erano-castani-e-non-biondi/


dettaglio che io conoscevo anche senza che me lo confermasse questo studio.


Frank.Castle63 Frank.Castle63 21/11/2021 ore 16.35.25 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka scrive:
guarda coglione, ti consiglio una visita guidata in Scandinavia. Li, ci sono guide turistiche che la storia la conoscono più di te, non che ci voglia molto in verità. Di più non posso fare.

Gotland – sulle tracce dei Vichinghi

Prenota il tour di Gotland, sulle tracce dei Vichinghi, in italiano, contattando tramite il sito una guida turistica, e organizza la tua visita guidata di Gotland per scoprire insieme la vera storia dei vichinghi su questa isola.

I Vichinghi di Gotland erano marinai esperti, violenti pirati, capaci artigiani e commercianti astuti.
In questo tour di circa 5 ore scoprirete alcune delle tracce lasciate da questi antichi abitanti di Gotland.


https://www.trovaguidaturistica.it/tour/gotland-tour-vichinghi/


330 euro se ti porti dietro anche la bambola gonfiabile.


Guarda che l'insulto gratuito è portatore di ragioni solo negli ambienti che ti sono soliti.
Dove trovano posto cultura, educazione e civiltà vigono regole diverse.
In Scandinavia trovi leggende che parlano di re Olaf Trygvesson, il primo monarca vikingo cristiano, di Sigrid l'altera, grande sacerdotessa della dea Freya, di altri combattenti come Erik Asciadisangue o Arald dente blu.
Puoi trovare anche copie della famosa carta del Vinland, ipotetica mappa delle Americhe precolombiana (la sua autenticità non ha ancora trovato riscontro ufficiale) e ricostruzioni dei diversi tipi di natante utilizzati intorno all'anno mille.
Troverai raccolte dei versi dei vari scaldi al servizio degli Jarl locali e disegni della nave che portò Bjarni Herjolfsson alla volta di Helluland, quindi Markland ed infine Vinland.
Gli annali dicono che lo stesso natante venne usano anni dopo dal figlio di Erik Eriksson, Leif, per tentare la colonizzazione di tali luoghi.
Ma vennero cacciati dagli indigeni dopo qualche anno, così come i loro compatrioti provenienti dall'Islanda si arresero al clima in Groenlandia.
Di questi ultimi non abbiamo tracce o testimonianze di migrazioni per sfuggire all'abbassarsi delle temperature, i due stanziamenti semplicemente si spensero ed i suoi abitanti scomparvero dalla storia.
Rimangono solo tracce di costruzioni in legno e di una piccola chiesa fatta edificare dalla sposa di Erik Eriksson, devota cristiana.
Quale filo possa unire tali popoli (i vikinghi si dividevano in diverse comunità differenziandosi per usi, cultura, storia ed a tratti persino per lingua e religione (Il conte Hakon di Norvegia non seguiva la stessa fede della svedese Sigrid o della terribile Freydis, figlia di Erik il rosso e sorella di Leif il fortunato) ai longobardi (precedenti gli stessi di quasi mezzo millennio) lo sa solo la tua fantasia.
Skrekka Skrekka 21/11/2021 ore 16.45.52 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

bravo, ora che hai fatto la ricerchina in rete corredata da nozioni completamente inutili cosa mi staresti contestando di preciso?

no, tutti i clan vichinghi seguivano la stessa fede, quella pagana. Poi, vi fu una progressiva conversione al cristianesimo. Conversione di comodo tra l'altro, che avvenne anche tra molte tribù\clan stanziali, non solo tra i guerrieri che lasciarono la Scandinavia durante la "espansione vichinga".
Skrekka Skrekka 21/11/2021 ore 16.50.01 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

così come i loro compatrioti provenienti dall'Islanda si arresero al clima in Groenlandia.

firmato: il siculo\araboide

Non fu il freddo a scacciare i Vichinghi dalla Groenlandia

https://www.lescienze.it/news/2015/12/04/news/vichinghi_clima_groenlandia_spopolamento_coloni-2880794/
Elle66 Elle66 21/11/2021 ore 16.51.04 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka scrive:
infatti non disegno la storia come mi piace, la disegno per quello che è stata e per come non la conoscete tu e il tuo collega siculo araboide, il quale è convinto che i lombardi non hanno progenitori nordici poiché in Lombardia a suo dire non vi sono persone bionde.

questo accade quando si ha una conoscenza scolastica degli argomenti, come nel tuo caso e nel caso del tuo collega siculo araboide. Non conoscete quello di cui parlate se non per qualche veloce consultazione sul web.

DNA di più di 400 scheletri di vichinghi mostrano che molti erano castani e non biondi

https://notiziescientifiche.it/dna-di-piu-di-400-scheletri-di-vichinghi-mostrano-che-molti-erano-castani-e-non-biondi/


dettaglio che io conoscevo anche senza che me lo confermasse questo studio.


I longobardi qui ci sono stati eccome e parte di noi ne sono discendenti.
Può essere per parte padre ma anche di madre, dipende.

Ma dopo i longobardi ce ne sono stati di conquistatori, più in Lombardia che in Piemonte
Il ns. sangue è una mistura

Quello che va detto è che la civiltà longobarda ha offerto pochissimo ai romani in confronto a quello che ha avuto.

I romani erano organizzati, in città attrezzate con infrastrutture, teatri, luoghi di culto.
C'era la scrittura, c'erano delle leggi scritte.
Tutte cose che né i longobardi né i vichinghi conoscevano

È tutta qua la storia




Skrekka Skrekka 21/11/2021 ore 16.51.12 Ultimi messaggi
Skrekka Skrekka 21/11/2021 ore 16.55.57 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 :

certo certo...i longobardi e i vichinghi non conoscevano il diritto. Mai sentito parlare di þing di sicuro.
Elle66 Elle66 21/11/2021 ore 16.58.40 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka :
Porta pazienza, ma li ci sarebbe leggi scritte.
E scritte non le avevano
Skrekka Skrekka 21/11/2021 ore 17.21.46 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 :

quindi che non avessero leggi scritte cosa dimostrerebbe? Gli scandinavi utilizzavano il Futhark, le rune, anche per scopi medici. Sul perché non utilizzassero un sistema di scrittura diffuso si elaborano mille ipotesi ancora oggi. Di sicuro non erano dei caproni come cerchi di dipingerli tu, ma neanche i "barbari" erano capre, Tacito, diversamente da altri storici di parte dell'epoca non li ha mai descritti come persone incivili, piuttosto, come guerrieri feroci. Ma essere feroci in battaglia non significa essere incivili.
Elle66 Elle66 21/11/2021 ore 18.03.37 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka :
Quello che sappiamo degli scandinavi lo sappiamo da altre fonti.
Di loro hanno lasciato poco o nulla.
Difficile che avessero qualcosa di simile alla carta, scrivevano sulle pietre

I romani avevano dei fogli, dei papiri o qualcosa di simile.
Hanno visto gli egizi.
Ed'è un'altra prova che le cose utili le porti a casa.

I codici longob. scritti, sono stati scritti in Italia.
In che lingua?
In latino.
Chi conosceva il linguaggio runico?
Poi la lingua dei LB è sparita.
Frank.Castle63 Frank.Castle63 21/11/2021 ore 18.30.39 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 scrive:
Quello che sappiamo degli scandinavi lo sappiamo da altre fonti.
Di loro hanno lasciato poco o nulla.
Difficile che avessero qualcosa di simile alla carta, scrivevano sulle pietre

I romani avevano dei fogli, dei papiri o qualcosa di simile.
Hanno visto gli egizi.
Ed'è un'altra prova che le cose utili le porti a casa.

I codici longob. scritti, sono stati scritti in Italia.
In che lingua?
In latino.
Chi conosceva il linguaggio runico?
Poi la lingua dei LB è sparita.


Un particolare da prendere in grande considerazione è l'esistenza di un alfabeto longobardo.
Non abbiamo però alcuna traccia di una letteratura longobarda.
Non saghe, non inni, non poemi o racconti in prosa.
Nemmeno una ninna nanna.
Tale alfabeto longobardo non aveva nulla a che fare con quello runico.
Poggiava su simboli e regole grammaticali del tutto diverse.
A dimostrazione che longobardi e vikinghi possono rivendicare la stessa parentela che esiste tra destricoli ed onestà.
Frank.Castle63 Frank.Castle63 21/11/2021 ore 18.53.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka scrive:
tutti i clan vichinghi seguivano la stessa fede, quella pagana. Poi, vi fu una progressiva conversione al cristianesimo. Conversione di comodo tra l'altro, che avvenne anche tra molte tribù\clan stanziali, non solo tra i guerrieri che lasciarono la Scandinavia durante la "espansione vichinga".


Olaf Trygvesson divenne re di Norvegia dopo l'esecuzione del conte Hakon.
Ed introdusse il cristianesimo anche in Islanda.
Prima per mezzo di delegati ecclesiastici, in seguito grazie all'opera di mediazione di Thorgeir, il proclamatore della Legge.
Per la mentalità dell'epoca un uomo poteva credere in Cristo come in Balder.
E chiamare in suo aiuto gli angeli cristiani o i corvi di Odino, indifferentemente.
La Groenlandia era già cristiana, almeno nominalmente, quando Harald il groenlandese invitò la sacerdotessa di Freya Sigrid ad unirsi a lui in matrimonio.
La regina vikinga rifiutò l'offerta non per motivi religiosi ma politici.
Il suo spasimante non poteva infatti vantare una autorità pari alla sua.
Il matrimonio le fu prospettato anche da re Olaf di Norvegia, ma a condizione che la sacerdotessa rinnegasse la sua condizione pagana abbracciando il cristianesimo.
Non finì molto bene.
Ma è da rilevare che un certo numero di Jarl cristiani si unirono alle schiere di Sigrid e del suo sposo Sven Barbaforcuta, altri, a loro volta pagani, preferirono schierarsi a fianco di Olaf Trygvesson.
Naturalmente mi rendo conto che per un destricolo il Pantheon norreno e quello germanico sono la stessa cosa.
Come assoluzione e prescrizione.
Chiaramente non intendo sprecare i prossimi venti o trent'anni della mia vita nel tentativo di spiegargli le differenze.
c.ioccolatino111 21/11/2021 ore 19.24.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 scrive:
Ma tu, vuoi farmi perdere la pazienza o cosa?


Non girare la frittata.
Sei stata tu non io a tirare in ballo i longobardi e dire che NON erano capaci di fare nulla.
Al che io ti ho postato alcuni riferimenti da leggere e da studiare, tra cui, un libro che non è una favola come voi sinistri amate credere quando vi fa comodo.
Non so perchè poi sei andata a finire sulla pietra e l'ingegneristica dei romani che sono nati qui, altresì arrivati secoli prima dei longobardi i quali, con la caduta dell'impero romano, al loro ingresso ebbero già trovata la pappa pronta.

Ecco ciò che ci hanno lasciato i longobardi, oltre i migliaia di termini ancora in uso e che non sono solo faida, (come dice barbero) sguattera, russare, schermire, zuffa, parti del corpo, ecc.
http://www.culturaitalia.it/opencms/it/contenuti/focus/focus_1016.html

Poco o tanto rimane dai longo ma tant'è... !
Certo... i Longobardi riutilizzarono le strutture che trovarono già belle e pronte, cosa mai avrebbero dovuto costruire? Lo avrebbero fatto tutti i barbari che fossero entrati in Italy. E tuttavia, modificarono alcune fortificazioni e strutture in modo innovativo, come nel caso dell'utilizzo delle antiche lastre marmoree del Tempietto di Cividale del Friuli, poste a pavimentazione del presbiterio. Altresì... fu un popolo che si era convertito al cristianesimo e che attuò quindi un processo di integrazione sul territorio unito all'inserimento di una serie di novità di matrice germanica... è ovvio che con il tempo si venisse ad eliminare una buona parte di usi e tradizioni, tra cui il paganesimo, il culto a Odino e altri dei.

Nuove civiltà assorbiscono quelle antiche non lo sai? Fino a farle scomparire. Tutto ciò che rimane, rimane sui libri quando non ci sono abitazioni, strade, ponti, ecc., che permangono. E tutto ciò che hanno appreso i romani agli inizi, l'hanno appreso dagli arabi? (il che è abbastanza vero... anche l'arte e la cultura ellenica è stata fondamentale per "modernizzare" Roma antica)
Vi sono civiltà andate perdute nonostante fossero più avanti di comprendonio dei romani... ad es. la civiltà Minoica, quella Nabatea, oppure l'impero Khmer... figurati un regno che è durato solo poco più di 200 anni e fu poi spazzato via dai franchi e da tutti coloro giunti anni dopo.

c.ioccolatino111 21/11/2021 ore 19.28.54 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 scrive:
I vichinghi quanto sono durati?
2 o trecento anni


I romani erano razzisti e sovranisti, oltre che dei barbari. ;-)
A quei tempi, la violenza, la ferocia in guerra, mica aveva la targa vichinga e/o longobarda.
E come tutti i popoli conquistatori che depredavano, stupravano, mettevano a ferro e a fuoco ogni cosa che veniva loro sotto tiro... pure l'Impero Romano quando voleva conquistare e vincere, di certo non lo faceva con carezze, baci e petali di rosa sparsi al suo passaggio.

I Romani definivano barbari qualsiasi popolazione al di fuori della propria con eccezione della cultura greca che consideravano superiore. Il barbaro per i romani proveniva dall'Europa settentrionale fino a quella occidentale, ossia... Galli, Germani, Persiani e tutte le altre popolazioni con accezioni sempre più ristrette fino ad arrivare a definire barbaro chi non fosse italiano. Ti ricordo la famosa frase attribuita a papa Giulio II: "fuori i Barbari dall'Italia" rivolta agli invasori francesi.
Carlo Magno pose fine al regno longobardo in modo barbarico. Oggi è considerato come il primo unificatore d'Europa sebbene decapitò più di 4000 prigionieri sassoni in un solo giorno.
I Longobardi non raggiunsero mai un livello tale di brutalità.
E' ovvio che, mano a mano che i secoli si sono susseguiti, tutto ciò che venne costruito dai longobardi, ci pensarono poi altri popoli, quelli giunti dopo a fare reset della loro cultura, tradizioni, ecc. Loro stessi, mi ripeto, sposando la religione cattolica, abbandonarono dei e riti mistici.

Non puoi confrontare il periodo storico dei longobardi con quello romano. I primi sono giunti in Italia molti, molti, anni dopo.
E il fatto che non rasero al suolo tutto ciò che trovarono sulla propria strada, tutto ciò che venne costruito (chiese, altari, ponti e quant'altro) la dice più lunga di un barbero qualsiasi.

c.ioccolatino111 21/11/2021 ore 19.36.16 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 :

Seguo il tuo metro di giudizio e prendo ad es. i nativi americani.
I nativi americani sapevano usare la pietra? E quali e quante case, ponti, strade, acquedotti, ecc., hanno costruito?
I pellerossa avevano altre qualità tra cui il rispetto dell'ambiente che li circondava. Erano chiamati barbari a causa di tradizioni non molto radical chic. Al comando vi era sempre un capo che distribuiva i compiti ad ogni membro della tribù il quale o la quale doveva rispettare ed eseguire.
Le donne e i bambini erano inclusi nelle attività... alle donne spettava il compito di allestire il tepee, la tipica abitazione a tenda, (non case di pietra) e di cucinare e prendersi cura della famiglia.
Gli uomini andavano a caccia di cibo mentre agli anziani era demandato il compito di trasmettere i valori e l'educazione ai più giovani... incluso un bagaglio di conoscenze che attraversava simboli e musica propria degli indiani d'America e che ancora oggi abbiamo la fortuna di poter ascoltare e conoscere. E quindi non sapevano fare proprio nulla? E gli africani allora? in mille e più mille anni, cosa hanno costruito? Se ti fermi soltanto sugli acquedotti, archi, ponti, strade, o la cloaca dei romani che, per carità, tanto di cappello... pecchi di superficialità e pressapochismo.
Elle66 Elle66 21/11/2021 ore 20.18.52 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@c.ioccolatino111 : Mettiamola così
Due popoli si sono incontrati
1 popolo romano.
2 i longob.

i romani avevano leggi scritte e fogli su cui scrivere.
I longob prima di arrivare in Italia?

I romani erano esperti costruttori.
I longob prima di arrivare in Italia?

I romani sapevano andare per mare.
I longob prima di arrivare in Italia?

I avevano una produzione artistica
I longob prima di arrivare in Italia?

I romani teatri per gli spettacoli
I longob prima di arrivare in Italia?

Rispondi alle domande di cui sopra.
I romani hanno costruito un impero, ma lo hanno anche servito dotandolo di infrastrutture e teatri.
Usando tecnologie che possedevano e non imparate dai locali.

Certo che hanno considerato la civiltà greca e quella egizia era più avanti di loro.

Gli altri erano barbari, erano dei primitivi.
Skrekka Skrekka 21/11/2021 ore 21.07.28 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Frank.Castle63 :

hai sparato una cagata dietro l'altra fino ad ora, perché fondamentalmente sull'argomento hai conoscenze scolastiche, probabilmente acquisite alla bisogna sul web...è inutile che scopiazzi di qui o di là per allungare la brodaglia infarcendo i tuoi pipponi con elementi che non servono a una mazza, nemmeno a confutare i miei.

quanto alla scrittura Longobarda, a prescindere dal fatto che neanche in Scandinavia è semplice trovare iscrizione runiche, queste sono le incisioni trovate a S.Arcangelo, roccaforte longobarda.

hai sparato l'ennesima cazzata, quindi.


tsunami1998 tsunami1998 21/11/2021 ore 21.08.22 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka scrive:
Gibilterra invece è la terra dei vaccinati.


Infatti non si capisce più niente.
100% di vaccinati

In genere si fa reclami alla ditta produttrice ... aò che mi hai venduto?

Invece
Cosa non si fa in nome della corona eh?
Skrekka Skrekka 21/11/2021 ore 21.34.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 :

i longobardi arrivarono volando in Italia, poi una volta giunti in Italia impararono dai romani a costruire navi.

molto probabilmente se non giunsero qui sui drakkar -le migliori navi dell'epoca, testimonanzia di una notevole abilità ingegneristica- usarono dei knarr. Quale tipo d'imbrcazione avessero adoperato probabilmente non lo scopriremo mai. Anche lassù nella terra dei miei avi di drakkar ne sono rimasti pochissimi, scoperti solo di recente poi, roba di 20 anni fa, tipo la nave di Roskilde.

Frank.Castle63 Frank.Castle63 21/11/2021 ore 21.36.46 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka scrive:
hai sparato una cagata dietro l'altra fino ad ora, perché fondamentalmente sull'argomento hai conoscenze scolastiche, probabilmente acquisite alla bisogna sul web...è inutile che scopiazzi di qui o di là per allungare la brodaglia infarcendo i tuoi pipponi con elementi che non servono a una mazza, nemmeno a confutare i miei.

quanto alla scrittura Longobarda, a prescindere dal fatto che neanche in Scandinavia non è semplice trovare iscrizione runiche, queste sono le incisioni trovate a S.Arcangelo, roccaforte longobarda.

hai sparato l'ennesima cazzata, quindi.


Andiamo per ordine:

1° Come al solito non sei in grado di esporre le cazzate che mi additi insieme ai riferimenti che le dimostrano tali.
Non è la prima volta che mi capita e non sarà l'ultima.
I destricoli amano dar libero spazio alla fantasia, ma quando si tratta di esporre elementi concreti atti a dimostrare qualcosa hanno sempre un impegno che li trattiene altrove.

2° L'argomento è l'equivalenza longobardi = vikinghi da te introdotto. A parte la tua parola di destricolo, e l'affidabilità della stessa è proverbiale, non esistono riferimenti storici, documentali o archeologici propri a dimostrarne la veridicità.

3° Tu non hai argomenti. Nulla di quanto affermi è supportato da riferimenti riconosciuti dalla storiografia ufficiale.
Non conosci i culti che differenziavano i vari popoli nordici, non conosci i clan che praticavano l'uno o l'altro, inserisci i seguaci di Freya accanto a quelli di Thor, di Fafnir, del lupo Fenrir (o Fenris) destinato a divorare il sole all'avvento del Ragnarok ...
Insomma il solito minestrone destricolo dove accanto ai ravanelli ed ai sedani trovano posto il miele e la nutella.

4° A seguito un esempio dell'alfabeto longobardo:



Per considerarlo uguale a quello runico ci vuole una fantasia da esaltati o una totale mala fede.
Personalmente punto su quest'ultima.

5° L'incisione che hai esposto si trova nel Santuario di Monte Sant'Angelo, ed è denominata come Iscrizione di Hereberehct. Non ho personalmente idea di dove si trovi la roccaforte longobarda denominata Sant'Arcangelo che hai citato, ma l'iscrizione di cui sopra non si trova certo in tale sito ma presso i musei reali di Torino.
L'imprecisione della grafia usata dimostra il livello culturale e di civiltà di chi l'ha scalpellinata.
Skrekka Skrekka 21/11/2021 ore 21.37.03 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@tsunami1998 :

seguano l'esempio della terra di Adolf Hitler (Austria) anche qui. Siero sperimentale obbligatorio e assunzione di responsabilità da parte dello stato se qualcosa va male.
20474107
@tsunami1998 : seguano l'esempio della terra di Adolf Hitler (Austria) anche qui. Siero sperimentale obbligatorio e assunzione di...
Risposta
21/11/2021 21.37.03
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Frank.Castle63 Frank.Castle63 21/11/2021 ore 21.45.44 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka scrive:
drakkar


I drakkar erano navi da battaglia.
Non da trasporto o da spostamento migratorio.
Ma per un destricolo tutto fa brodo.
Skrekka Skrekka 21/11/2021 ore 21.47.38 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Frank.Castle63 :

http://www.longobardinitalia.net/articolo/le-iscrizioni-di-san-michele-arcangelo

Il culto, tanto al sud che al nord della penisola italica, promosso dai duchi e dai principi della dinastia longobarda, favorì le visite dei pellegrini al santuario, la cui presenza tra la fine del VI e la metà del IX secolo è attestata da circa duecento iscrizioni. Incise o tracciate a sgraffio sulle strutture all’interno della grotta, tra le iscrizioni, caso unico ed eccezionale, sono presenti diversi nomi di donne longobarde.
Tre in particolare sono le iscrizioni monumentali di apparato longobarde: la più importante è quella attribuita al duca Romualdo I che, dopo l’ascesa al trono di Pavia del padre Grimoaldo I, resse il ducato beneventano fino al 687. Essa reca: “Spinto dalla devozione, per ringraziamento a Dio e al santo Arcangelo, il duca Romualdo volle che si realizzasse (la costruzione del santuario) e ne fornì i mezzi. Gaidemari fece”.
Nel ricco corpus epigrafico altomedievale hanno una posizione di assoluto risalto almeno cinque iscrizioni in alfabeto runico (una è frammentaria), le prime rinvenute in Italia.


inserisci i seguaci di Freya accanto a quelli di Thor che significherebbe, mentitore seriale e incallito manipolatore?

Veramente c'era il culto di Fenrir? questa mi è nuova...


cazzo, sei una comica. Se scopiazzi, re del mendacio ed abile manipolatore, cerca di capire almeno quello che scopiazzi e non imputare a me cose che esistono solo in quella testa bacata che hai.
Skrekka Skrekka 21/11/2021 ore 21.50.35 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Frank.Castle63 :

e venivano usate anche per altri scopi, scopiazzatore compulsivo. Ma poi mi par d'avere scritto anche knarr.

tu a me non mi freghi. Lo capisco lontano da un miglio che tu non sai neanche di cosa stai parlando.
Frank.Castle63 Frank.Castle63 21/11/2021 ore 21.51.30 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

Percorso migratorio dei longobardi:



Niente traversate marittime.
Niente navi.
Niente comunione culturale con i pirati scandinavi che sarebbero venuti due o tre secoli dopo.
Skrekka Skrekka 21/11/2021 ore 22.00.02 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

adesso che tra le altre cose hai scoperto che i miei avi conoscevano l'alfabeto runico te ne stai buono o insisti a cacciare balle?
Frank.Castle63 Frank.Castle63 21/11/2021 ore 22.00.10 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka scrive:
Veramente c'era il culto di Fenrir?


E' precedente alla conversione forzata al cristianesimo avvenuta in Islanda.
Era vicina a tale culto Freydis.
Almeno secondo le ricerche di F. Donald Logan.
Ma mi rendo conto trattarsi di temi e approfondimenti eccessivamente complessi per una mente destricola.
Ad ogni modo il tema presentato dall'utente "ELLE" è stato confermato.
Un popolo barbaro ed incivile non lascia nulla dietro di se dopo la sua scomparsa.
Tranne poche tracce atte solo a dimostrare che i suoi componenti sono esistiti.
E' accaduto con gli unni, con i vandali, con i mongoli di Temujin e di Tamerlano, con i longobardi, i vikinghi e gli Hyksos.
La civiltà non deve nulla a costoro.
Skrekka Skrekka 21/11/2021 ore 22.06.45 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Frank.Castle63 :

errata corrige: quel tratto di mare che separa la Scandinavia dal resto del mondo non lo affrontarono volando ma nuotando.

era vicina chi? Fenrir il Lupo? stai dicendo che il lupo era una delle divinità del Pantheon nordico? Fenrir ha altri nomi, uno di questi e Hrodvitnir. Nemico degli umani, del popolo.

quindi i vichinghi veneravano un loro nemico? tu sei ubriaco.
Frank.Castle63 Frank.Castle63 21/11/2021 ore 22.18.11 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka scrive:
adesso che tra le altre cose hai scoperto che i miei avi conoscevano l'alfabeto runico te ne stai buono o insisti a cacciare balle?


Andiamo per ordine:

1° Che siano tuoi avi lo devi dimostrare. Mostrami un albero genealogico riconosciuto come autentico in ambito accademico e ci crederò. Fino a quel momento ho solo la parola di un destricolo, ed una banconota da 1,75 Euro vale molto di più.

2° Conoscere l'alfabeto runico, tra l'altro rozzo, primitivo e di difficile utilizzo pratico, non significa utilizzarlo abitualmente.
Così fosse non avrebbe avuto senso l'esistenza di un alfabeto longobardo, simile a quello latino, con il quale tali barbari redigevano le nozioni apprese dai popoli più civili con i quali entrarono in contatto al loro ingresso in Italia.

3° Sono ancora in attesa di conoscere le balle che mi additi ed i riferimenti che le dimostrano tali.
Mi metto mooooooolto comodo nell'attesa perché come facilmente immaginabile sarà estremamente lunga.
Frank.Castle63 Frank.Castle63 21/11/2021 ore 22.37.07 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka scrive:
quindi i vichinghi veneravano un loro nemico? tu sei ubriaco.


A Poughkeepsie sorge la sede centrale della Chiesa di Satana, fondata nel 1966 a San Francisco da Anton LaVey.
In Italia abbiamo Efrem Del Gatto (vero nome Sergio Gatti), fondatore nel 1980 della CEDG, circolo esoterico dedito al culto luciferiano.
Poi ci sono varie sette nichiliste o, alla fine degli anni novanta, i millenaristi che predicavano una fine del mondo materiale come preludio ad una elevazione spirituale dell'umanità.
Spesse volte gli adepti di tali sette, come la Chiesa del Popolo del reverendo Jones (quella del suicidio collettivo del 1978 a Jonestown) o la famigerata "THE FAMILY" di Charles Manson facevano largo uso di droghe.
Lo stesso facevano i seguaci del lupo di cui sopra tramite l'uso di funghi allucinogeni.

Dovresti imparare a leggere anche Turville-Petre oltre ai messaggi del selfini su Facebook.
Elle66 Elle66 22/11/2021 ore 10.21.16 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Frank.Castle63 scrive:
2° Conoscere l'alfabeto runico, tra l'altro rozzo, primitivo e di difficile utilizzo pratico, non significa utilizzarlo abitualmente.
Così fosse non avrebbe avuto senso l'esistenza di un alfabeto longobardo, simile a quello latino, con il quale tali barbari redigevano le nozioni apprese dai popoli più civili con i quali entrarono in contatto al loro ingresso in Italia.


Infatti, bisogna stabilire cosa fossero esattamente le rune, quanti vocaboli erano in grado di rappresentare.
Chi era in grado di scriverle
E quante iscrizioni runiche abbiamo trovato, in pratica quanta "letteratura" ci sia.

I romani avevano le biblioteche, per dire...

Frank.Castle63 Frank.Castle63 22/11/2021 ore 11.14.28 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 scrive:
Infatti, bisogna stabilire cosa fossero esattamente le rune, quanti vocaboli erano in grado di rappresentare.
Chi era in grado di scriverle
E quante iscrizioni runiche abbiamo trovato, in pratica quanta "letteratura" ci sia.

I romani avevano le biblioteche, per dire...


La cosa divertente dei destricoli è la convinzione di riuscire a nascondere l'ignoranza e la superficialità che manifestano dietro gli insulti.
Gente che non ha mai letto un saggio, che non ha mai partecipato ad una conferenza, che non ha mai confrontato diverse fonti storiche ma pretende egualmente di salire in cattedra a pontificare su ciò che non conosce.
Come un non vedente dalla nascita che decide di dettare un testo inerente le regole dell'arte figurativa, della prospettiva e del contrasto cromatico.
c.ioccolatino111 22/11/2021 ore 11.39.35 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 scrive:
Mettiamola così


Mettiamola che hai girato la frittata. E mettiamo che hai cancellata la frase:

@Elle66 scrive:
Io ho detto, che i longobardi quando sono arrivati qui, non erano capaci di fare nulla.

Che per fortuna io ho quotata (rileggi più su) e alla quale ho risposto cosssì:

c.ioccolatino @scrive: "FALSO.
I Longobardi erano abilissimi nella costruzione di armi affilate e robuste.
I migliori fabbri erano longobardi, mica bizantini o romani."


Io ho risposto ad una tua affermazione, ossia, "i longobardi non erano capaci di fare nulla"... punto.
Se tu intendevi non erano capaci di costruire ponti, strade, acquedotti, case, ville, ecc. avresti dovuto specificarlo meglio.
Ogni popolo, nell'antichità, cercava, tentava, di sopravvivere in base al luogo in cui nasceva.
E quindi, nel profondo nord... mica era facile sopravvivere a temperature glaciali e nello stesso tempo costruire di tutto un tot.
Mica abitavano nel Paés del sol dove nei scoli e secoli viene raccontata e tramandata un'altra antichissima storia.

i romani avevano leggi scritte e fogli su cui scrivere.
I longob prima di arrivare in Italia?


I longobardi sono stati sempre visti come un corpo estraneo rispetto all'identità nazionale... arretrato rispetto ad una civiltà superiore.
I romani erano esperti costruttori grazie all'ingegneria greca ed egizia, i numeri li hanno invece appresi dagli arabi.

I longob prima di arrivare in Italia?
Facevano all'uncinetto e scaldavano le calze a righe di flanella sulla stufa inventata dai romani. :-)))

Mo' adess so' seria!
A parte l'artigianato, documentato dai numerosi reperti tombali e che primeggiava soprattutto nella lavorazione dei metalli... in particolare nella produzione delle armi e delle oreficerie, erano
incapaci di costruire (a parte le lunghe e affusolate navi per potersi postare e guerreggiare) strade, acquedotti ed enormi edifici sontuosi i cui proprietari erano la Chiesa, re o imperatori vari.
Penso che gli era impossibile costruire roba ingegneristica nei luoghi in cui vivevano poiché sotterrati da metri e metri di neve e ghiaccio, e dove i venti non erano una fresca brezza.

Ma l'altra domanda è: sarebbero stati lo stesso incapaci se fossero nati e vissuti in Italia o in Spagna?
Essi erano anche un popolo nomade... si spostavano quando non riuscivano a sopravvivere nel luogo dove avevano costruite dimore rurali come le curtes, (mica vivevano nelle caverne come pensi tu o barbero) che certamente non avevano grandi archi e sontuose suppellettili.
Dunque, non avevano alcun remore ad abbandonare i propri villaggi per cercare altri lidi dove vivere meglio e magari anche al caldo.
Purtroppo, e mi ripeto... negli anni sono sempre stati visti come un corpo estraneo rispetto all'identità nazionale, arretrato rispetto ad una civiltà superiore... ossia, quella romana.
E all'inizio del loro ingresso, è ovvio che fossero strenui oppositori delle ingerenze temporali della Chiesa... non Dio veneravano ma Odino e svariate divinità femminili. (esattamente come i romani prima di "cattolizzarsi"!)
La tradizione politica longobarda autonoma continuò nell'Italia meridionale fino all'XI secolo, nel principato di Benevento... le istituzioni e la cultura dell'Italia longobarda non ebbero carattere distintivo ma misto... e con il tempo, fu contaminato dal patrimonio culturale indigeno di ascendenza romana.
Se da noi dovessero giungerci la cultura e tradizione alla sharia, al posto della Basilica di San Pietro ti ritroveresti una bella moschea la cui piazza verrebbe riempita da culi in alto!

I romani sapevano andare per mare.
I longob prima di arrivare in Italia?

Questa domanda fa ridere ed è meglio che non risponda per non farti fare una figura barbina.

I avevano una produzione artistica
I longob prima di arrivare in Italia?

No, ma avevano molte altre produzioni, come le armi, i gioielli e addirittura la scultura....
elencata qui:
https://it.wikipedia.org/wiki/Scultura_longobarda

I romani i teatri per gli spettacoli
I longob prima di arrivare in Italia?

Il teatro, i romani lo importarono e copiarono dai greci. La commedia greca di Aristofane divenne la commedia napoletana di Totò. ;-)

I longobardi non avevano i teatri, neppure ne conoscevano il significato. Tuttavia, possedevano pure loro giochi di divertimento come la "bala", (parola longobarda trasformatasi poi in palla) e ci giocavano adulti e bambini. Un po' come il calcio di oggi.
In società venivano praticati giochi più tranquilli come quelli da tavolo, con pedine o altro. Il gioco del tavoliere, lo hanno inventato i longobardi.
Or dunque, non solo barbari simili ad altri popoli, non solo guerrieri, non solo fondatori del regno d'Italia... ma anche calciatori, o cmq inventori della parola palla nel senso di sfera, pallone, "cosa che rimbalza", pure giocatori di dama.
Tuttavia, tra gli svaghi di questo popolo è sempre prevalsa la caccia. (un hobby amato anche in England, Scozia, ecc. da secoli) Il ruolo fondamentale della caccia è attestato anche nell'Editto di Rotari dove è menzionata ben 42 volte.

Rispondi alle domande di cui sopra.
I romani hanno costruito un impero, ma lo hanno anche servito dotandolo di infrastrutture e teatri.
Usando tecnologie che possedevano e non imparate dai locali.


Mentre i longobardi hanno costruito un regno.
Ciò nonostante, i romani mica hanno imparato tutto da soli. Hanno preso spunti e copiato da altre testoline... assai superiori alla loro.
Tu non hai letto una virgola di ciò che ti ho postato ieri, ma spero che leggerai questo.

http://www.longobardinitalia.it/index.php/la-vita-quotidiana

e questo...
i motivi per i quali poco rimane della vita e infrastrutture longobarde nonostante tu abbia imparato e scriva in maiuscolo il loro alfabeto da anni:

L'attività architettonica sviluppata in Langobardia Maior è andata in gran parte perduta, per lo più a causa di successive ricostruzioni degli edifici sacri e profani eretti tra VII e VIII secolo.
A parte il Tempietto longobardo di Cividale del Friuli, rimasto in gran parte intatto, gli edifici civili e religiosi di Pavia, Monza o altre località sono stati ampiamente rimaneggiati nei secoli seguenti.
Ancora integre rimangono così soltanto poche architetture, o perché inglobate negli ampliamenti successivi - come la chiesa di San Salvatore a Brescia) -, o perché periferiche e di modeste dimensioni - come la chiesa di Santa Maria foris portas a Castelseprio.


https://it.wikipedia.org/wiki/Architettura_longobarda

Che sia chiaro... non ho mai scritto che i longobardi fossero un popolo ingegneristico, tecnologico, buono e altruista.
Esattamente era come tutti gli altri popoli conquistatori: primitivi, selvaggi e feroci in guerra... ma anche gentili e difensori della propria famiglia, protettori della propria prole.
Ed è molto probabile che tu non conosca nulla della Roma primitiva... prima che l'ingegno ellenico, entrasse nella loro testa ed essi lo copiassero.
Frank.Castle63 Frank.Castle63 22/11/2021 ore 11.52.11 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@c.ioccolatino111 scrive:
all'inizio del loro ingresso, è ovvio che fossero strenui oppositori delle ingerenze temporali della Chiesa... non Dio veneravano ma Odino e svariate divinità femminili.


Al loro ingresso in territorio bizantino i longobardi erano già cristiani, dediti al culto denominato arianesimo, successivamente bollato come eretico.
Tale eresia rimase attiva fino alla fine del VI secolo Dopo Cristo, quando iniziò, ad opera della regina Teodolinda, una svolta verso il cattolicesimo romano.
Tale conversione trovò completamento verso la fine del VII secolo.
Analoga conversione subirono altri popoli di origine gotica, come i Visigoti o i Vandali, nello stesso periodo.
La costante di tali popoli, i longobardi in Italia, i Visigoti in Spagna ed i Vandali in Africa settentrionale, fu di non lasciare nulla degno di venire ricordato.
Se non ci fossero stati non se ne sarebbe accorto nessuno.
c.ioccolatino111 22/11/2021 ore 12.04.02 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Frank.Castle63 scrive:
Al loro ingresso in territorio bizantino i longobardi erano già cristiani, dediti al culto denominato arianesimo, successivamente bollato come eretico.


E da dove l'hai letta sta notizia?
dediti al culto denominato arianesimo non erano forse gli ostrogoti?
E l' ostrogoto è sinonimo di longobardo?
Frank.Castle63 Frank.Castle63 22/11/2021 ore 12.14.43 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@c.ioccolatino111 scrive:
E da dove l'hai letta sta notizia?
dediti al culto denominato arianesimo non erano forse gli ostrogoti?
E l' ostrogoto è sinonimo di longobardo?


Coltivavano l'arianesimo anche i Vandali di Genserico ed i Visigoti di Alarico e Turrismondo.
Tale eresia trovò ampio consenso anche tra gli Alani ed i Gepidi.
Ma naturalmente il tuo livello cognitivo e la tua onestà intellettuale ti indurranno a rispondere "Gepido a te e a tua sorella!".

Figliola, cerca di accettarti per quello che sei.
Priva di bagaglio culturale.
Priva di onestà intellettuale.
Priva di reali cognizioni.
Priva di una reale identità personale e abbisognante di ascendenti che diano lustro alla tua persona.
Dedita al mendacio ed alla superficialità.

Per quale motivo quindi considerare le tue parolacce, i tuoi voli di fantasia e le tue chiacchiere da zitella inacidita?
Un soggetto del tuo livello non esiste in ambito accademico, non esiste in ambito sociale, non esiste in ambito culturale.
Ed anche se esistesse non se ne accorgerebbe nessuno.

N.B.: Nulla di personale, sia ben chiaro, mi costa già uno sforzo ingiustificato ricordare chi o cosa sei.
20474190
@c.ioccolatino111 scrive: E da dove l'hai letta sta notizia? dediti al culto denominato arianesimo non erano forse gli ostrogoti?...
Risposta
22/11/2021 12.14.43
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
c.ioccolatino111 22/11/2021 ore 12.25.29 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Frank.Castle63 scrive:
Coltivavano l'arianesimo anche i Vandali di Genserico ed i Visigoti di Alarico e Turrismondo.
Tale eresia trovò ampio consenso anche tra gli Alani ed i Gepidi.


Ma naturalmente il tuo livello cognitivo e la tua onestà intellettuale ti indurranno a rispondere "Gepido a te e a tua sorella!".



ahahahahahaha in verità, quella è una tua cretinata che ripeti in continuazione qui ... epperò modificata tipo: "negro comunista te e tua sorella" (o fratello)
Dimentichi spesso le tue farneticazioni. :haha

Prima che i vandali confluissero tra i longobardi, vi fu lo scontro con essi. Vincitori furono i secondi, grazie anche all'aiuto del dio Odino, (come scrisse il diacono) e il nome "Winnili" venne mutato in Longobardi
E prima che i Longo venissero sconfitti da Carlo Magno, Autari sconfisse sia i Franchi sia i Bizantini e ne spezzò la coalizione tra l'uno contro gli altri.
c.ioccolatino111 22/11/2021 ore 12.41.46 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Frank.Castle63 scrive:
Nulla di personale, sia ben chiaro,


Ovverosia: non ce l'ho con te ma...

e via con insulti diretti o velati come ogni vigliacco sa esporre o nascondere.
Sei privo di ogni logica e dignità.
Frank.Castle63 Frank.Castle63 22/11/2021 ore 12.45.32 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@c.ioccolatino111 scrive:
Prima che i vandali confluissero tra i longobardi


Ti prego, dammi il nome del tuo insegnante di storia.
Voglio denunciarlo personalmente per truffa aggravata e manipolazione di soggetti instabili.

A seguito quanto redatto da Paolo Diacono:

«Usciti dunque dalla Scandinavia, i Winili, sotto la guida di Ibore e Aione, giunti in una regione chiamata Scoringa, vi si fermarono per alcuni anni. In quel tempo Ambri ed Assi, condottieri dei Vandali, incalzavano con la guerra tutte le province vicine. Imbaldanziti dalle molte vittorie, mandano ai Winili messaggeri: che paghino i tributi ai Vandali o si preparino a combattere.»

L'esito dello scontro costrinse i vandali ad abbandonare i territori danubiani iniziando una lunga migrazione che li portò lungo i decenni fino alle Gallie, nella penisola iberica e da lì fino al nord Africa, dove fondarono il loro regno.
Da qualche romanzetto rosa tu abbia tratto le cognizioni inerenti la confluenza dei vandali tra i longobardi non è cosa di mio interesse.
I Vandali erano già una spina nel fianco del decadente impero romano d'occidente (tanto è vero che il loro re Genserico occupò e devastò la stessa Roma) quando i longobardi erano ben lungi dal mettere piede in Italia.
Skrekka Skrekka 22/11/2021 ore 12.48.52 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Frank.Castle63 :

infarcire i tuoi sproloqui di nozioni completamente inutili ai fini della discussione potrà anche servirti per far credere a qualche ingenuo che sei colto, questo tuo schematico modo di fare non frega me, abile manipolatore. Tu non sai un cazzo di mitologia norrena se non quello che scopiazzi sul web.

non è mai esistito un culto di Fenrir.
20474205
@Frank.Castle63 : infarcire i tuoi sproloqui di nozioni completamente inutili ai fini della discussione potrà anche servirti per...
Risposta
22/11/2021 12.48.52
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    2
Frank.Castle63 Frank.Castle63 22/11/2021 ore 12.53.11 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@c.ioccolatino111 scrive:
via con insulti diretti o velati


Se do del cornuto ad un cervo non lo insulto.
Il cervo ha le corna.
Se do del suino ad un facocero non lo insulto.
Il facocero è un suino.
Se rilevo che un soggetto qualsiasi pone in essere atti propri ad una zitella isterica non posso insultarlo paragonando il soggetto stesso a quest'ultima.
Ad originare il mio paragone non è la volontà di offendere ma gli atti posti in essere dal soggetto stesso.
Se tali atti non fossero propri a quelli consoni ad una zitella isterica non potrei paragonare il soggetto a quest'ultima.
Naturalmente se il soggetto non accetta la responsabilità derivante dalle sue azioni dimostra anche altre caratteristiche.
Positive quanto le precedenti.
Frank.Castle63 Frank.Castle63 22/11/2021 ore 12.57.09 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka scrive:
non è mai esistito un culto di Fenrir.


Non sul web, naturalmente.
Dalla stessa fonte non troverai nemmeno i retroscena dei dietro le quinte durante la lavorazione del film "BARRY LYNDON" o i percorsi didattici seguiti dai pargoli della casata dei Bessarab.
Si tratta di nozioni che abbisognano di fonti molto più approfondite.
Messicano11 Messicano11 22/11/2021 ore 13.02.29
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka :

Guarda che roba di musica te la mando apposta.


c.ioccolatino111 22/11/2021 ore 13.14.49 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Frank.Castle63 scrive:
Se do del cornuto ad un cervo non lo insulto.
Il cervo ha le corna.
Se do del suino ad un facocero non lo insulto.
Il facocero è un suino.
Se rilevo che un soggetto qualsiasi pone in essere atti propri ad una zitella isterica non posso insultarlo paragonando il soggetto stesso a quest'ultima.


Ma mochela mulo ossessivo compulsivo.
Quando non sai rispondere a modo, inizi con i tuoi insulti seguiti dalle tue solite stronzate.
Tutti quanti leggono chi ha iniziato ad insultare... se tu o io... pirlòn da strapazzo.

Milla volte meglio essere ignorante e una zitella anziché una supponente, impotente nullità quale tu sei.

Skrekka Skrekka 22/11/2021 ore 13.15.49 Ultimi messaggi
c.ioccolatino111 22/11/2021 ore 13.29.12 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Frank.Castle63 scrive:
Ti prego, dammi il nome del tuo insegnante di storia.
Voglio denunciarlo personalmente per truffa aggravata e manipolazione di soggetti instabili.


La mia prof. di storia calabrese è deceduta nel 2008.


c.ioccolatino111 22/11/2021 ore 13.30.38 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Frank.Castle63 :

Di instabile c'è il tuo cervello.
Una pessima decisione è stata quella di chiudere i manicomi... quella sarebbe stata la tua dimora fino alla tua dipartita.
c.ioccolatino111 22/11/2021 ore 13.35.19 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka :

I longobardi, a fianco dei Cherusci, combatterono contro i Marcomanni fino alla vittoria.
Combatterono anche contro i Bulgari... avanguardia degli Unni, uccidendo re Agelmund.
Dopo venne subito eletto re suo figlio adottivo Laiamicho che guidò i Longo contro i Bulgari.
Nel 548 iniziarono le guerre contro i Gepidi. Alboino, nella battaglia sul campo d’Asfeld, uccise Turisindo figlio del re dei Gepidi, Turismondo.
Anni dopo, i Gepidi appoggiati da Bisanzio, dichiararono guerra ai Longo che si allearono con gli Avari.

I Langobardi guidati da re Alboino abbandonarono la Pannonia, cedendola agli Avari per valicare le Alpi... nel tragitto, con loro si erano affiancati sassoni, turingi, alamanni, gepidi, bulgari, sarmati, pannoni, norici ed altre tribù minori tra cui appunto una tribù dei Vandali. Le stime sul numero delle persone in marciarono verso l'Italia oscillano tra i 200.000 ed i 400.000 guerrieri, nobili, donne, vecchi, bambini e servi.
Molti sono convinti che i vandali fossero i longobardi... ma se così fosse, nel 534 il loro regno fu conquistato dai Bizantini, e da allora dei Vandali non si seppe più nulla... mentre il regno longobardo fu sconfitto e preso dai franchi guidati da Carlo Magno.
Skrekka Skrekka 22/11/2021 ore 15.09.41 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@c.ioccolatino111 :

i Vandali erano comunque originari della Scandinavia, da lì scesero verso il 400 a.c. per espandersi in Europa. La storiografia ufficiale col termine fa riferimento all'espansione dei vichinghi, ma l'archeologia sta rivalutando la datazione dell'era vichinga facendola addirittura risalire al 3000 a.c.
20474303
@c.ioccolatino111 : i Vandali erano comunque originari della Scandinavia, da lì scesero verso il 400 a.c. per espandersi in...
Risposta
22/11/2021 15.09.41
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Skrekka Skrekka 22/11/2021 ore 15.19.16 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Frank.Castle63 :

sempre a far cancellare messaggi eh, manipolatore?

bene, se non troverò sul web quello che voglio indicami una fonte che testimonia che esisteva il culto di Fenrir,

non esiste, cialtrone, perché Fenrir non è un Dio. Sei schifosamente disonesto. Se non fossi quello che sei non faresti cancellare sempre messaggi che ti mettono in ridicolo.

è da una decina d'anni che giri per il web a sparare cazzate e a millantare ricchezze e titoli accademici che non hai. Non ne hai piene le palle? non sei più un ragazzino.
Elle66 Elle66 22/11/2021 ore 15.20.31 Ultimi messaggi
Elle66 Elle66 22/11/2021 ore 15.27.00 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@c.ioccolatino111 :
I longob, pare che fossero già cristiani all'ingresso in Italia.
Hanno attraversato la pannonia da nord a sud.
Senza costruire alcunché nonostante i secoli impiegati.
Non gli mancava né il tempo né il posto, non erano capaci, punto.
Infatti i benedettini appena arrivati in Scandinavia si sono costruiti un monastero, in pietra.
Dunque c'erano i luoghi dove costruire e i materiali.

Le armi sono una bella cosa, tralasciamo che l'impero aveva le miniere di ferro, sparse per suoi territori e che, oltre alle armi sapevano costruire anche le armature.

Ma oltre alle armi la guerra bisogna saperla fare.
Servono eserciti di soldati addestrati e disciplinati, avere una strategia, dei comandanti e tutta una serie di attrezzature, come le macchine da guerra.
Tutta roba sconosciuta per i barbari
Per quanto riguarda le barche l'impero si estendeva su tutte le coste del mediterraneo.
Annibale lo hanno fritto con l'aiuto della marina.
Perché esisteva una Roman's Navi, mai usata tanto, ma c'era e sulle navi da guerra, c'erano macchine da guerra.
Sinceramente, non credo esistesse una marina militare longobarda.
Ammesso che avessero delle navi e non solo delle barche.

Per avere una produzione artistica forse è necessario sapere scrivere.
I romani ne erano capaci i longob, no.

Vedi che c'era un motivo se erano barbari

Frank.Castle63 Frank.Castle63 22/11/2021 ore 15.33.51 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@c.ioccolatino111 scrive:
La mia prof. di storia calabrese è deceduta nel 2008.


Avrà avuto i suoi motivi per suicidarsi.
Non ultimo il rimorso. x:-)
Frank.Castle63 Frank.Castle63 22/11/2021 ore 15.40.16 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 scrive:
I longob, pare che fossero già cristiani all'ingresso in Italia.
Hanno attraversato la pannonia da nord a sud.
Senza costruire alcunché nonostante i secoli impiegati.
Non gli mancava né il tempo né il posto, non erano capaci, punto.
Infatti i benedettini appena arrivati in Scandinavia si sono costruiti un monastero, in pietra.
Dunque c'erano i luoghi dove costruire e i materiali.

Le armi sono una bella cosa, tralasciamo che l'impero aveva le miniere di ferro, sparse per suoi territori e che, oltre alle armi sapevano costruire anche le armature.

Ma oltre alle armi la guerra bisogna saperla fare.
Servono eserciti di soldati addestrati e disciplinati, avere una strategia, dei comandanti e tutta una serie di attrezzature, come le macchine da guerra.
Tutta roba sconosciuta per i barbari
Per quanto riguarda le barche l'impero si estendeva su tutte le coste del mediterraneo.
Annibale lo hanno fritto con l'aiuto della marina.
Perché esisteva una Roman's Navi, mai usata tanto, ma c'era e sulle navi da guerra, c'erano macchine da guerra.
Sinceramente, non credo esistesse una marina militare longobarda.
Ammesso che avessero delle navi e non solo delle barche.

Per avere una produzione artistica forse è necessario sapere scrivere.
I romani ne erano capaci i longob, no.

Vedi che c'era un motivo se erano barbari


Il tutto si riduce a qualche domanda, scomoda ma fondamentale:

I longobardi hanno lasciato una eredità degna di considerazione?
Hanno introdotto innovazioni in campo artistico, ingegneristico, militare, stradale, abitativo, alimentare, medico, sanitario, letterario, filosofico o altro?
La civiltà avrebbe perso qualcosa se non fossero mai esistiti?
Quel poco che facevano tali barbari prima di loro non lo faceva nessun altro?

Tutte domande che i destricoli, abbisognanti di una identità da rivendicare o da inventare, non si sono mai posti.
Perché le risposte sarebbero eccessivamente scomode.
Skrekka Skrekka 22/11/2021 ore 15.47.46 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Frank.Castle63 :

ti è già stato risposto ampiamente.

ora però una domanda te la faccio io: i negri hanno lasciato a qualcuno una eredità degna di considerazione? no. Nel 2021 non sono neanche in grado d'inchiodare 4 assi assieme per costruire una barca rudimentale.


all'altra tua compare invece farei questa domanda:




perché, molti abitanti del nord, soprattutto quelli che abitano nelle zone rurali, nell'anno domini 2021 evitano di usare la pietra come i monaci benedettini, ma utilizzano legno e torba come facevano i miei valorosi, ingegnosi e temuti avi?


ti si è accesa una lucina?
Elle66 Elle66 22/11/2021 ore 15.48.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Frank.Castle63 :
Beh, è incontrovertibile che non avessero una cultura degna di questo nome, erano barbari.
Sono rimasti qui per qualche secolo.
Si sono integrati e hanno imparato a vivere come i romani.
Poi hanno lasciato delle opere.
Ma mica è farina del loro sacco
Hanno imparato qua.
Frank.Castle63 Frank.Castle63 22/11/2021 ore 15.55.02 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 scrive:
Beh, è incontrovertibile che non avessero una cultura degna di questo nome, erano barbari.
Sono rimasti qui per qualche secolo.
Si sono integrati e hanno imparato a vivere come i romani.
Poi hanno lasciato delle opere.
Ma mica è farina del loro sacco
Hanno imparato qua.


Hai trascurato la domanda fondamentale:
Cosa avrebbe perso la civiltà se non fossero mai esistiti?

Senza le polis elleniche la civiltà avrebbe perso la filosofia aristotelica e l'embrione della ricerca scientifica tramite osservazione.
Senza le città stato sumere avrebbe perso i primordi delle osservazioni astronomiche.
Senza l'impero romano avrebbe perso la viabilità ed opere colossali come gli acquedotti.
Senza i Carolingi avrebbe perso il senso di romanità comune che andava dalla cultura alla religione.
Senza l'impero macedone avrebbe perso l'estensione mondiale del pensiero ellenistico e dei suoi principi morali e filosofici.
E senza i longobardi?

P.S.: Si, ti capisco, è venuto da ridere anche a me.
Skrekka Skrekka 22/11/2021 ore 15.55.12 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

L'Eredità Longobarda.

https://www.viella.it/libro/9788867283187

Collana: Studi storici pistoiesi, 5
Pubblicazione: Settembre 2014
20474329
L'Eredità Longobarda. https://www.viella.it/libro/9788867283187 Collana: Studi storici pistoiesi, 5 Pubblicazione: Settembre 2014
Risposta
22/11/2021 15.55.12
none
  • mi piace
    iLikeIt
    PublicVote
    1
Skrekka Skrekka 22/11/2021 ore 15.56.48 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

Non trovo un libro intitolato l'Eredità senegalese, ahimé.

forse ce n'è uno intitolato: l'Eredità dei nigeriani, ma non riesco a trovare neanche quello.
Frank.Castle63 Frank.Castle63 22/11/2021 ore 15.57.36 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka scrive:
L'Eredità Longobarda.

https://www.viella.it/libro/9788867283187

Collana: Studi storici pistoiesi, 5
Pubblicazione: Settembre 2014


Interessante.
Adesso rispondi tu:
In cosa la civiltà occidentale come oggi la conosciamo è debitrice ai longobardi?
Ed a cosa avrebbe dovuto rinunciare se non fossero mai esistiti?
Elle66 Elle66 22/11/2021 ore 16.03.18 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Frank.Castle63 :
Da loro non è arrivato nulla
Gli Egizi erano più avanti



Frank.Castle63 Frank.Castle63 22/11/2021 ore 16.08.19 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka scrive:
sicuramente


Interessante.
E la sicurezza che ostenti nasce da ... ?
Skrekka Skrekka 22/11/2021 ore 16.10.37 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 :

neanche per sogno. Tu ti citassi Tuatha de Dannan cadresti dalle nuvole. Conosci la Collina di Tara? Bru na Boinne?

ahhh questi barbari...
Skrekka Skrekka 22/11/2021 ore 16.12.26 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

sapessi quanto ingegno barbarico ci sta dietro a quella costruzione...ma tu che vuoi sapere...
Skrekka Skrekka 22/11/2021 ore 16.13.11 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

Skrekka albeno con la sua oratoria da manipolatore riesce a fottere qualche credulone, tu proprio no...
Frank.Castle63 Frank.Castle63 22/11/2021 ore 16.15.22 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka scrive:
noi longobardi


Voi assiri.
Essi Hurriti.

Io Jurgen.
Tu Chibca.
Egli Irochese.

Indubbiamente quelli ai quali ti ispiri sono avvenimenti recentissimi.
Lecito quindi che ricordi tuo nonno che andava in giro con lo spadone al fianco e tuo padre che ti insegnava da bambino a brandire la lancia e ad issarti a cavallo tramite le staffe longobarde.

Ah, no, quelle le hanno introdotte gli Unni e gli Avari.
Vabbuò, allora solo la lancia.

P.S.: Buona caccia. x:-)
Skrekka Skrekka 22/11/2021 ore 20.29.35 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Frank.Castle63 :

non mi sorprende che le staffe le avessero introdotte Unni e Avari, quelli vivevano in mezzo alle steppe.

i miei avi invece conoscevano il segreto del metallo, come Dio.

I maestri del metallo: l'IntellIgenza nelle mani - La produzione ageminata italo-longobarda in Lombardia: alcuni esempi.

https://www.academia.edu/33898445/I_maestrI_del_metallo_lIntellIgenza_nelle_manI_La_produzione_ageminata_italo_longobarda_in_Lombardia_alcuni_esempi

Skrekka Skrekka 22/11/2021 ore 20.32.25 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

se vuoi ti passo anche un altro pdf:

"i maestri del rame: la cleptomania nelle mani. La produzione ageminata italo-zingara in Lombardia: alcuni esempi.
c.ioccolatino111 23/11/2021 ore 11.47.47 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 scrive:
I longob, pare che fossero già cristiani all'ingresso in Italia.


Mi e ti ripeto: in origine i Longobardi praticavano il paganesimo e veneravano divinità femminili legate alla fertilità e alla terra.
Quando sono entrati in contatto con altre popolazioni germaniche adottarono il culto di dei maschili di ispirazione guerriera come "Wodan". (ossia, Odino)
Soltanto in seguito... durante lo stanziamento tra Norico e Pannonia, si avviò il processo di conversione al cristianesimo. E tuttavia, l'adesione alla nuova religione all'inizio fu superficiale e strumentale... perchè imposta da una alleanza con i bizantini ma tra la popolazione, continuava a sopravvivere la religione pagana. La scelta stessa di Alboino dimostrò che le esigenze dei Longo fossero più politiche che spirituali... infatti, una esigenza fu quella di invadere l'Italia.

@Elle66 scrive:
Hanno attraversato la pannonia da nord a sud.
Senza costruire alcunché nonostante i secoli impiegati.


Ah... se tu decidessi di spostarti da un luogo all'altro con un camper, ugualmente vorresti costruire? Cosa lasci ai posteri?
Eppure l'ho già scritto ma non hai letto. I Longobardi era un popolo nomade o semi-nomade. Cosa vuoi che costruissero se continuavano a trasferirsi di qua e di là, su e giù?

@Elle66 scrive:
Non gli mancava né il tempo né il posto, non erano capaci, punto.
Infatti i benedettini appena arrivati in Scandinavia si sono costruiti un monastero, in pietra.
Dunque c'erano i luoghi dove costruire e i materiali.


Mi sa che il siculo ti invia nozioni di storia... meglio dire, storielle dei Longo. :haha
Ti ha imboccata... cosa scrivere e non scrivere.
I benedettini se si sono trasferiti, lì sono rimasti con il loro monastero per anni e anni. Lunghi faticosi viaggi facevano per giungere nei luoghi più remoti cercando di spargere la buona novella ovunque. Altra mentalità dunque, e diverso il culto al quale si inginocchiavano e veneravano.

@Elle66 scrive:
Le armi sono una bella cosa, tralasciamo che l'impero aveva le miniere di ferro, sparse per suoi territori e che, oltre alle armi sapevano costruire anche le armature.
Ma oltre alle armi la guerra bisogna saperla fare.


Tu hai una visione sovranista. :-)))
Confronti gli anni dell'Impero Romano con quelli del Regno Longobardo. 220 anni di regno in Italy e in Europa, mica sono bazzeccole. I Longobardi erano guerrieri ed erano abilissimi nel forgiare armi e tutto ciò che gli serviva in guerra.
Erano altresì eccezionali nella creazione di gioielli, collane, e... pannelli d'altare, fonti battesimali e soprattutto splendide lapidi dai bassorilievi fitomorfi.
Or dunque, qualcosa sapevano pur fare. :ok

@Elle66 scrive:
Per avere una produzione artistica forse è necessario sapere scrivere.
I romani ne erano capaci i longob, no.

Vedi che c'era un motivo se erano barbari.


e poi giunse l'editto o codice Rotari. Ma prima ancora, un diritto longobardo cominciò a sorgere dopo l'ascesa al trono di Autari nel 584.
Erano barbari tanto quanto i romani, i franchi, i bizantini, i vandali, gli eruli sconfitti dai Longo, ecc.
So che non vuoi ingoiare il rospo ma... leggi un po' qui, è un riassunto di ciò che erano e fecero, ciò nonostante, ti fai cmq una cultura. ;-)

http://files.iccriscuoli-eu.webnode.it/200012365-da4a6db43c/LONGOBARDI%20(CLASSE%20I%5E%20MEDIA%20TORELLA).pdf
c.ioccolatino111 23/11/2021 ore 12.29.48 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka scrive:
i Vandali erano comunque originari della Scandinavia, da lì scesero verso il 400 a.c. per espandersi in Europa.


Certamente.

@Skrekka scrive:
noi longobardi invece, della femmina abbiamo una opinione un po' più alta rispetto a quella che avevano ed hanno ancora i tuoi progenitori. Non dimenticarti che le nostre stesse origini sono legate a Gambara,


Questo libro fa crollare alcuni pregiudizi e vizi (fratelli dell'ignoranza) contro i Longobardi.

https://www.laterza.it/scheda-libro/?isbn=9788858125571

"verba volant, scripta manent".

La Femmina, detta sul piano umano e sul piano animale... è dunque, in traslato, il genere femminile.
Il termine è connesso con "fecundus" e "fetus"... ed è così evidente che allude alla femmina come riproduttrice.
Si dice "femmina" anche in modo spregiativo... e chi lo disse per primo? Quinto Curzio Rufo, il quale, nell'VIII libro delle storie di Alessandro Magno, racconta il violento diverbio tra il primo e l'amico Clito che poi uccise perchè lo aveva irriso con una frase tipo: "...io la penso così, come ha detto tuo zio in Italia. Lui aveva combattuto contro uomini, tu contro femmine, deboli donnette!" (qualcosa del genere)

Sto cercando una bella poesia dedicata alla "femmina" e che lessi anni fa... ma non la trovo più ;-(
c.ioccolatino111 23/11/2021 ore 12.34.32 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka :

Ci sono uomini che non sono umoncoli da strapazzo e pensano che...

"La femmina è un enigma della natura. È una babele, un labirinto. Se lascia il tempo di pensare, non hai più scampo."
"CARLOS RUIZ ZAFÓN)

"Il termine "femmina" è caduto in discredito, quantunque sia del tutto innocente; designa il sesso. "Donna" è invece la femmina sposata; chiamare donna una ragazza è una stonatura."
(ARTHUR SCHOPENHAUER)

Qui, al nord, il termine "femmina" ha un altro singificato e non si riferisce certo alla "malafemmina"!
Elle66 Elle66 23/11/2021 ore 13.50.10 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@c.ioccolatino111 :
1) mi devi spiegare perché vai sul personale.
2) questi hanno attraversato il continente senza lasciare neanche una casetta.
tra l'altro inizialmente anche qui costruivano in legno, la pietra, proprio, non la conoscevano.
Prima mi hai detto che non costruivano perché i luoghi erano inospitali, adesso perché avevano fretta o non volevano fermarsi
Mettiti d'accordo e poi dimmi qual è quella giusta
Intanto il risultato è zero e chissà come mai gente arrivata dal continente negli stessi luoghi ha usato la pietra, si vede che i Benedettini erano barbari evoluti
3) Cosa intendi per barbari?
Romani e Bizantini, avevano ingegneri, giuristi, politici, etc
4) I romani usavano il ferro per costruite armature, cosa sconosciuta ai barbari.
5) Gli stessi avevano degli eserciti i barbari dei guerrieri.
Infatti appena arrivati i Franchi che meglio conoscevano l'arte di fare la guerra, dei longo han fatto polpette.
Tutto quello che hanno lasciato qua, non è farina del loro sacco, non del tutto, la tecniche sono romane
c.ioccolatino111 23/11/2021 ore 14.53.47 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 :

E tu mi devi spiegare perchè rinunci a capire. (o non VUOI capire)
Io non sto dicendo che scrivi tutto falso, (in parte sì) sto soltanto descrivendoti i motivi per i quali i Longobardi non hanno costruito ciò che hanno costruito i romani, gli egizi o i greci.

Le tue domande e una tua affermazione: i Longobardi non erano capaci di fare nulla e quindi non erano capaci di costruire alcunché... lasciano quel che trovano.
Pure la tua frase: "Per avere una produzione artistica forse è necessario sapere scrivere" non è necessariamente vero. Una produzione è l'insieme di lavori prodotti... non si scrive su un quadro ma si dipinge sulla tela. E i lavori prodotti dai longobardi te li ho già citati ben 3 o 4 volte.

Le numerose necropoli ad urne scavate in Sassonia, databili tra la metà del I secolo a.C e il III d.C,, risultano associate a villaggi abitati da individui seminomadi, che vivevano in case di legno e praticavano l'allevamento allo stato brado, un'agricoltura di raccolta, la razzia e il saccheggio. Le tribù erano organizzate attorno a gruppi aristocratici, guidati da capi guerrieri eletti dall'esercito, sepolti con i propri armamenti; alla base della piramide sociale stavano i ceti inferiori, deposti senza corredo all'interno di cimiteri."

Ben presto i Longobardi abbandonarono queste terre per spostarsi in Germania settentrionale, dove, fra I e III secolo d.C., sono annoverati tra le stirpi germaniche.
E’ l’inizio di un lungo processo migratorio durato più di cinque secoli, alla costante ricerca di terre nuove e più ricche.

http://www.longobardinitalia.it/index.php/la-migrazione

Ed è ciò che ho cercato di spiegarti più su. A causa del loro continuo spostarsi (anche) per il clima rigido, non è che avessero la voglia e il tempo per costruire chissàcché!
Un po' come in certe zone in America dove vengono costruite case come se fossero di cartone... ogni uragano che arriva, i propetari hanno la possibilità di nascondersi nel seminterrato quando non fuggono, ma intanto la casa viene ogni volta rasa al suolo o quasi. E quindi gli americani, secondo il tuo ragionamento, cosa sono?

Poi, se vuoi chiamarli barbari fai pure, lo erano.
Ma per i romani, i barbari erano anche i franchi e tutti quei popoli non autoctoni.
I popoli germanici, tra cui i Longo, erano suddivisi in tribù come i romani dell'antica Roma.
Che poi questi ultimi si sono "civilizzati", (faccio per dire) con gli anni, nulla da aggiungere se non che, per me la civiltà non è sinonimo di cultura ed educazione.

@Elle66 scrive:
Prima mi hai detto che non costruivano perché i luoghi erano inospitali, adesso perché avevano fretta o non volevano fermarsi
Mettiti d'accordo e poi dimmi qual è quella giusta


Tutte e due. ;-)

Cmq, noi bresciani ringraziamo l'ultimo re dei Longobardi per averci lasciato questo...


Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.