Politica

Politica

di destra, di centro o di sinistra... non importa. Discutiamo "civilmente" dell'operato dei nostri politici.

Elle66 Elle66 20/11/2021 ore 17.42.57 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka :
beh, è tutto da discutere
Intanto tra villaggio e villaggio strade lastricate non ne hanno prodotte, che io sappia non c'è nulla.
E nulla c'è per i longobardi.
Che hanno girato l'Europa.
Fino a quando sono arrivati nella ns. penisola

Sulle navi neanche i romani erano stupidi.
I loro maestri d'ascia li avevano eccome.

Ci vorrebbe qualche esperto per dire quale è meglio


Skrekka Skrekka 20/11/2021 ore 17.56.49 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 :

no, non è tutto da discutere. Nell'epoca in questione i migliori marinai erano i vichinghi, esperti navigatori e costruttori d'imbarcazioni innovative. I romani neanche sapevano cosme utilizzare il catrame per impermeabilizzare gli scafi delle loro navi. Che ti piaccia o meno, zecca, se ancora oggi si usa la tecnica del calafataggio lo si deve agli uomini del Nord, non ai romani.
Elle66 Elle66 20/11/2021 ore 18.44.06 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka :
L'epoca sono secoli dopo.
Nonostante tutto, l'impero pur in tempi più antichi era avanti in tutto.
Case infrastrutture, politica, cultura e quello che metti metti.

Anche come marina, dove vuoi andare?
I romani avevano le flotte, impermeabilizzavano con quello che avevano, non è che potevano andare per mare con due assi inchiodate, avranno usato qualche forma di bitume.

Non erano contemporanei e ai vichinghi è andata bene

Andare a rompere le scatole all'impero era come pestare la coda di una belva

E poi il tempo l'impero quanto è durato?

I vichinghi quanto sono durati?
2 o trecento anni
Poi si sono organizzati e li hanno respinti.

Gli impulsi culturali non sono partiti da nord verso sud ma, al contrario da sud verso nord.
A riprova che erano solo dei barbari.
E che la loro storia è durata fino a che qualcuno, mi sembra i normanni, non li hanno ribaltati.

C'è una cosa che non capisco:
Sull'isola di Selja c'è un monastero dei Banedettini, o meglio, le sue rovine.
Quel monastero è stato costruito alla fine del periodo vichingo.
Ha una particolarità, è fatto di pietra, difatti qualcosa c'è ancora, in particolare quella che sembra una torre.
Quei monaci la pietra la sapevano lavorare e lo hanno dimostrato.
Se usare il legno fosse stato un vantaggio lo avrebbero fatto di legno.
Evidentemente non lo era, lo hanno costruito in pietra.

Quindi, se era un vantaggio per i monaci, anche per le case degli indigeni
Ma serviva la capacità di lavorarla.
La pietra è dura







Skrekka Skrekka 20/11/2021 ore 20.43.46 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

ahhh quante banalizzazioni. I vichinghi erano contemporanei ai romani. I Goti secondo te da dove provenivano? dalla Scandinavia.

Goti=Gotland (Svezia).

come sono arrivati qui per poi scontrarsi coi romani nella guerra gotica? non volando di sicuro.

la soriografia ufficiale fa una distinzione per comodità tra le varie tribù nordiche (i goti erano Geati) prendendo come punto di riferimento l'espansione vichinga in Europa, dal 793 in poi.

e comunque gli storici dell'epoca definivano barbari tutti quei popoli che non parlavano la loro lingua, ciò non significa che i vichinghi fossero effettivamente delle capre incivili.

c.ioccolatino111 c.ioccolatino111 20/11/2021 ore 21.32.20 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 scrive:
Siamo sempre li, bisogna trovare dei resti della civiltà longobarda in giro per l'Europa.


Il prof. barbero è piuttosto superficiale ad insegnare la storia che riassume inserendo manicaretti e alici.

https://www.arcipelagoadriatico.it/attivita/i-longobardi-e-le-radici-deuropa/

http://www.storiain.net/storia/i-longobardi-un-grande-capitolo-della-storia-ditalia-e-deuropa/

Ti suggerisco di leggere questo libro: "La civiltà dei Longobardi in Europa", e ti si apre un mondo a te sconosciuto.

c.ioccolatino111 c.ioccolatino111 20/11/2021 ore 21.38.18 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 scrive:
Per quanto riguarda Brescia, ha si una tradizione circa la lavorazione dei metalli.
Questo è vero
Ma indicare quello bresciano come il miglior acciaio a livello mondiale è una leggenda.


Le leggende te le insegna barbero? :-)))

Nonostante una perdita a causa della pandemia...
Una provincia d'acciaio: Brescia prima in Italia nell'export siderurgico.
Nonostante la crisi generata dalla pandemia la provincia di Brescia è ancora prima in Italia nell'export di prodotti siderurgici.

https://www.bresciatoday.it/social/brescia-acciaio.html

E sai perchè è prima?
Frank.Castle63 Frank.Castle63 20/11/2021 ore 22.38.18 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Elle66 scrive:
L'epoca sono secoli dopo.
Nonostante tutto, l'impero pur in tempi più antichi era avanti in tutto.
Case infrastrutture, politica, cultura e quello che metti metti.

Anche come marina, dove vuoi andare?
I romani avevano le flotte, impermeabilizzavano con quello che avevano, non è che potevano andare per mare con due assi inchiodate, avranno usato qualche forma di bitume.

Non erano contemporanei e ai vichinghi è andata bene

Andare a rompere le scatole all'impero era come pestare la coda di una belva

E poi il tempo l'impero quanto è durato?

I vichinghi quanto sono durati?
2 o trecento anni
Poi si sono organizzati e li hanno respinti.

Gli impulsi culturali non sono partiti da nord verso sud ma, al contrario da sud verso nord.
A riprova che erano solo dei barbari.
E che la loro storia è durata fino a che qualcuno, mi sembra i normanni, non li hanno ribaltati.

C'è una cosa che non capisco:
Sull'isola di Selja c'è un monastero dei Banedettini, o meglio, le sue rovine.
Quel monastero è stato costruito alla fine del periodo vichingo.
Ha una particolarità, è fatto di pietra, difatti qualcosa c'è ancora, in particolare quella che sembra una torre.
Quei monaci la pietra la sapevano lavorare e lo hanno dimostrato.
Se usare il legno fosse stato un vantaggio lo avrebbero fatto di legno.
Evidentemente non lo era, lo hanno costruito in pietra.

Quindi, se era un vantaggio per i monaci, anche per le case degli indigeni
Ma serviva la capacità di lavorarla.
La pietra è dura


Quanto sopra esposto rinnova una costante storica che non ha mai visto eccezioni:
Quando un popolo arretrato incontra un popolo evoluto con l'andare del tempo la cultura di quest'ultimo assimilerà quella del primo sostituendosi ad essa.
Questo anche se il popolo arretrato si dimostra militarmente superiore.
Gli Hyksos erano militarmente superiori agli egizi, e li sconfissero invadendo il loro regno durante il regno medio, ma con gli anni abbandonarono i loro costumi, le loro tradizioni e persino la loro cucina o abbigliamento adottando i superiori costumi egizi.
I mongoli erano la superpotenza mondiale durante il medio evo, ma la conquista della Cina vide la decadenza della loro cultura nomade originale, semplicemente si cinesizzarono adottando gli usi ed i costumi dei popoli conquistati.
Lo stesso accadde con i Moghul in India o con Tamerlano in Asia centrale.
I Vikinghi invasero la Francia settentrionale, la Britannia, l'Irlanda, spingendosi fino all'Islanda, la Groenlandia e terranova.
Ma non vi fu una conversione dei popoli Franchi ai costumi Vikinghi, accadde esattamente il contrario.
Lo stesso in Britannia ed in Irlanda.
In Islanda trovarono il terreno ideale perché non trovarono altri popoli con i quali confrontarsi.
In Groenlandia sparirono dopo il XV secolo perché incapaci di adattarsi alle condizioni climatiche proibitive e privi delle capacità logistiche, zoologiche ed agrarie atte all'utilizzo di quei territori.
A Terranova vennero scacciati dai nativi.
A Costantinopoli vennero sconfitti dall'uso del fuoco greco, una forma di napalm primitivo, subendo una disfatta tanto cocente da spingerli a sedare ogni intento bellico nei confronti dell'impero bizantino.
Pochi di loro si fermarono nei decenni successivi in tali luoghi formando quella che venne in seguito denominata come guardia Varega.
Gli ottomani che conquistarono Costantinopoli adottarono in seguito molti usi ed abitudini di chiara matrice ellenica, dai bagni pubblici all'alimentazione, dalla legislazione all'ingegneria civile e militare.
Insomma dopo nemmeno un secolo dalla caduta dell'ultimo imperatore bizantino la barbara eredità della cultura nomade turcomanna era perduta per sempre.

Questo dice la storia.
Se qualche lettore di fumetti dice altrimenti basta non prenderlo sul serio.
Elle66 Elle66 21/11/2021 ore 10.56.38 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Skrekka :
Stai facendo confusione.
I Goti se sono parenti, lo sono con i norreni, vere e proprie prove, in questo senso, pare che non esistano.
Qual è la differenza tra norreni e vichinghi?
I norreni erano un gruppo di popoli, del nord Europa, insomma la Scandinavia, con una lingua o dei dialetti e una cultura similari.
I vichinghi erano una parte di questi norreni che erano soliti aggredire le coste delle isole britanniche e del nord della Francia.
Tra l'altro bisogna sfatare un mito:
Non erano dei guerrieri forti e coraggiosi, alti, biondi e con un copricapo cornuto.
Niente di tutto questo.
Erano degli schifosi e vigliacchi predoni, dei pirati niente di più.
Le loro gesta lo testimoniano.
Vittime delle loro incursioni erano monasteri e piccoli centri indifesi, che razziavano e devastavano uccidendo vigliaccamente chiunque gli capitasse a tiro, uomini, donne e bambini.
Più schifosi di così.

Per quanto riguarda la loro cultura, quella norrena, va detto che avevano una scrittura e qualcosa è arrivato fino a noi: le rune.
Amanti della poesia per il resto erano dei primitivi.

Per farla breve, bisogna ricordare che ad un certo punto hanno rivolto le loro attenzioni verso il regno dei franchi.
ma in un primo tempo questo regno o impero che dir si voglia, aveva come imperatore un certo Carlo Magno, (che già aveva fatto polpette dei longobardi, nel nord Italia) il quale aveva organizzato un sistema difensivo a nord.
Beh, quelle difese, complice qualche tentativo di aggressione finito in disastro, hanno scoraggiato i vichinghi a riattaccare.
E per anni nel nord dell'attuale Francia i "valorosi" vichinghi non si sono più visti.
In seguito con i franchi impegnati in guerre interne tra fratelli, i nipoti di Carlo Magno, le difese sono venute meno e sono ricominciate le incursioni.
Per tre volte i vichinghi so arrivati, attraverso la Senna, a Parigi assediandola.
E per tre volte sono riusciti ad ottenere un riscatto.
E qui va fatto notare un particolare.
Dopo l'ultimo assedio hanno ottenuto oltre al solito riscatto anche delle terre.
Hanno fatto un ottimo lavoro nel tempo, riuscendo anche ad ingrandirsi.
Ma la domanda è: tutta la loro cultura, i loro usi e costumi e la loro lingua dove sono finiti?
Semplicemente sparite.
Qualche anno dopo, quei vichinghi, si sono fusi con la popolazione dei franchi.
Una integrazione totale, hanno adottato lingua, religione, usi e costumi degli indigeni.
Infatti, quelle terre concesse dal re dei franchi, altro non sono che l'attuale Normandia.
In Normandia, oggi, cosa c'è di norreno?
Qualche cognome, nulla di più.


Elle66 Elle66 21/11/2021 ore 11.09.16 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@Tessdrum.o :
Io non ho cancellato nulla, parla con la moderazione.
Una cosa è certa anche se ho sbagliato, non sei autorizzato ad essere maleducato.
E, se sei maleducato, non puoi neanche prendertela con i moderatori, i quali in questo senso, fanno il loro dovere.

Ho scritto paginate in questo 3D, trovi una sola parola fuori dalle righe?
Elle66 Elle66 21/11/2021 ore 11.29.24 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: Friuli Venezia Giulia.

@c.ioccolatino111 :
Ma tu, vuoi farmi perdere la pazienza o cosa?

Io ti ho detto, per dimostrare che i longobardi avevano delle capacità ingegneristiche e una cultura non primitiva, devi trovare dei siti dove queste cose sono dimostrate.
Ma questi siti devono essere precedenti al loro arrivo nella ns. penisola.
Non ci sono, ci sono al massimo delle necropoli.
Da qui si capisce che avevano delle capacità a lavorare i metalli, niente di più.
Tu continui ad indicarmi opere che hanno fatto qui da noi.
Grazie al cavolo, hanno imparato dai romani.

Lo so che Barbero ti da fastidio, non discuto il tuo giudizio che mi sa di rancoroso, perché ha raccontato la verità storica che è diversa da quella che ti piacerebbe.
Purtroppo quella che ti piacerebbe non esiste
Ma il guaio è che mi avete indicato un libro, io l'ho letto e scopro che Barbero, in modo molto più sintetico, ha detto le stesse identiche cose.

Sulle fonderie ho parlato di qualità non di quantità
Delle macchine vecchie hai raccontato tu



Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.