Torino

Torino

Forum città di Torino

StellinaTO89 StellinaTO89 02/10/2008 ore 11.03.53 Ultimi messaggi
DarthRevan DarthRevan 02/10/2008 ore 12.23.16 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: dicono che turin

E' più forte di me..sto per esplodere...FRANCESI DI MERDA!!!

Ho notato che, visitando più e più forum, sempre più gente si rende conto del problema della disinformazione. Ma ammettiamolo, la causa sta nella totale pigrizia dell'uomo medio che, sentendo dei disordini della Georgia, invece di andare ad informarsi (credetemi io lo faccio su Wikipedia) della storia di quei luoghi, si accontenta del parere di Studio Aperto o de La Stampa.
Non saprei proprio a chi dare la colpa dunque su questo fatto; la politica copre chiaramente un territorio più vasto di quel che immaginiamo e l'informazione "ri-corretta" è ovviamente importante per la classe dei rappresentanti di stato, d'altra parte, non vedo perchè colpevolizzare un padre di famiglia che, dopo un'intensa giornata lavorativa, si siede a tavola e magari pretende di sentire la verità dalla bocca di Mentana e company.

Io ho risolto non leggendo e non guardando. Tanto a rigor di logica, è la stessa cosa no? L'unico telegiornale di cui io mi fidi, sono i miei due occhi (ed ho pure l'astigmatismo -.-)
Stefek1973 Stefek1973 03/10/2008 ore 15.54.34
segnala

(Nessuno)RE: dicono che turin

A VoGlioLinTeRinB che il 15/09/2008 13.47.45 ha scritto:
sia una città vecchia e sporca voi che dite :-(

Rispondo:

Comunque io sono stato via per un bel po' di tempo e la mia Torino mi mancava...
Resonance Resonance 06/10/2008 ore 20.35.28 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: dicono che turin

A DarthRevan che il 02/10/2008 12.23.16 ha scritto:

Ho notato che.......
________
Rispondo: Beh non è che wikipedia sia una fonte pura di informazioni.. a dir la verità da qualsiasi parte tu legga, qualcosa di filtrato trovi. Non saprei dirti se noi del "popolo" avremo mai la possibilità di sapere cosa realmente succede nel mondo, basta pensare all'11 settembre e all'idea che girava sul fatto che il governo americano si fosse auto-attaccato.. niente testimonia che possa essere un'idea falsa, come niente prova l'attacco di eventuali terroristi afghani.. Questo è solo un esempio di come potrebbe essere cambiata l'informazione e di come sia stato usato quel fatto (l'11 settembre) per attaccare saddam. Adesso noi eravamo vivi l'11 settembre e sappiamo come sono andate le cose (o per lo meno come ce le hanno raccontate), qualcuno si è informato e la pensa in un certo modo, ma di certo i libri di storia racconteranno quello che han raccontato i tg e non proporranno verità "alternative". Questo significa che in passato (vedi le altre 2 guerre mondiali) potrebbero essere state confutate altre azioni che han poi segnato il presente e in un qualche modo se ne subiscono le conseguenze. Non so se mi son fatta capire. In ogni caso è sempre meglio non essere superficiali o banalizzare i problemi di cui si discute. E' sempre meglio andare nel profondo, cercare le cause reali e non accontentarsi di quello che si crede di aver capito: anche perchè ogni volta che si crede di aver capito qualcosa di un determinato fatto, in realtà non si sa assolutamente nulla di quel fatto. E soprattutto cosa + importante non accontentarsi della tv, dei giornali e di tutta l'informazione che giornalmente viene data, ma documentarsi di più (se si vuole sapere la verità ovviamente)..
DarthRevan DarthRevan 07/10/2008 ore 12.40.10 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: dicono che turin

Si ma Alefake, attraverso i mezzi di informazione che hai citato, otteniamo unicamente materiale corrotto e modificato. Il consiglio di Franceskino di consultare i quotidiani stranieri non lo ritengo molto più affidabile (non per fare un torto alla buonafede del chatter) poichè suppongo che anche all'estero la disinformazione sia una pratica piuttosto diffusa.
Cosa ci rimane?

L'opzione A) farsi una propria idea personale, leggere le notizie da più fonti (possibilmente di diverse ideologie) e trarre le conclusioni attraverso quel briciolo di cultura acquisito negli anni e grazie alle proprie (ove presenti) capacità di ragionamento.

L'opzione B) sentire notizie al tg e commentare con le solite frasi ormai collaudate del genere: "E' tutto un magna-magna" "Mah, il mondo va a scatafascio" "Tutta colpa del governo (sinistra-destra che sia)" "Cambia canale" "Passami il parmigiano"


FrAnCeSkiNo84 FrAnCeSkiNo84 07/10/2008 ore 12.46.06
segnala

(Nessuno)RE: dicono che turin

E' chiaro che l'informazione non manipolata non esiste tantomeno potremo mai usufruirne ma credo che tendenzialmente l'Italia raccontata da chi vive fuori sia un pochino più realistica che non l'Italia raccontata da dentro... Al di la del patriottismo spicciolo che porterebbe a pensare "il francese o l'inglese ci snobbano e raccontano di noi sempre in malo modo", credo che nelle parole dei giornalisti esteri si possa trovare un 2% in più di informazione utile rispetto a quella endogena che, personalmente parlando, ritengo interamente inaffidabile.
DarthRevan DarthRevan 07/10/2008 ore 13.16.34 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: dicono che turin

Sono d'accordo; potenzialmente più affidabili gli esteri rispetto a quelli autoctoni, tuttavia devo ammettere che Sky News mi sembra (ripeto mi sembra) abbastanza imparziale.
Resonance Resonance 07/10/2008 ore 16.36.59 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: dicono che turin

Mah.. a dir la verità credo che leggere di noi all'estero sia più o meno come leggere di noi su un "discreto" sito internet italiano che non sia a scopo lucrativo e che quindi non abbia bisogno di sponsorizzare determinati enti/aziende. Suppongo quindi che il metodo migliore sia la tipologia A: "leggere le notizie da più fonti (possibilmente di diverse ideologie) e trarre le conclusioni attraverso quel briciolo di cultura acquisito negli anni e grazie alle proprie (ove presenti) capacità di ragionamento." (ma quanti son disposti a farlo?) D'altra parte il problema più grande non è tanto l'informazione corrotta e data male, ma semplicemente alcuni fatti non vengono raccontati, non passano sui giornali o in tv o su internet e chiaramente non se ne sa nulla. E anche dovessi comprare il giornale per aggiornarmi su quello che sta succedendo nel mio paese, è probabile che io trovi 2-3 pagine di politica (che tra l'altro dicono poco o niente) e le altre 30 di cronaca nera-rosa, calcio, oroscopo, meteo, pubblicità e tante altre cose di cui non m'importa e che reputo tra l'altro inutili. Per l'uomo (o donna) comune che torna stanco da lavoro è senza dubbio più facile non porsi nemmeno questo tipo di problema: si fa prima ad accendere la tv e guardare zelig, che sicuramente è meno faticoso e permette di "spegnere il cervello".
DarthRevan DarthRevan 07/10/2008 ore 16.56.53 Ultimi messaggi
segnala

(Nessuno)RE: dicono che turin

E' esattamente quello che dicevo moltissime righe più sopra. La gente giustamente non ha troppa voglia di informarsi. Può essere definita ignoranza? Noncuranza? Luftansa? Non saprei, però ormai interessa più il nome dei tronisti di quelle vaccate che ci sono in tv, piuttosto dei motivi per cui forse fra due-tre anni scoppia il putiferio per la Russia.
FrAnCeSkiNo84 FrAnCeSkiNo84 07/10/2008 ore 17.22.55
segnala

(Nessuno)RE: dicono che turin

Io non credo proprio che un Parisien o un Times scrivano su di noi in termini qualitativi come un qualsiasi "discreto" sito internet italiano... e non lo dico per sentito dire ma per esperienza... giornalismo e comunicazione sono la mia materia di studio e nel ricercare l'informazione quanto piu "oggettiva" possibile ricorro a molte fonti, fra cui appunto quelle estere, che ti assicuro essere discretamente affidabili... voglio dire, in Italia si sentono sempre 2 tipologie di voci: quelli del "va tutto bene" (propaganda euristica) e quelli del "va tutto male" (ostruzionismo sterile). Sui giornali esteri (lungi dall'essere cmq portatori sani di verita XD) non dico sempre, ma qualche volta riesco a scorgere nell'articolo riguardante l'economia o la politica italiana, un punto di vista soggettivo sì, ma meno contaminato e con spunti a volte originali, che mettono in luce sfumature che da dentro noi non cogliamo ma che da fuori possono essere visibili.
Tutto qui. Che poi non si debba assurgere la parola di un quotidiano estero a verità divina, questo mi pare ovvio. D'altronde la verità è raggiungibile quanto il sacro graal... dico solo di non darsi confini "geografici" nella navigazione virtuale alla ricerca di informazioni, perchè a volte chi è fuori da una situazione può veder con più lucidità rispetto a chi è dentro.
Non sto qui ad annoiarvi con nozioni di storia del giornalismo cazzi e mazzi, ma posso assicurarvi che già solo un fatterello di provincia, per diventare notizia sul quotidiano locale, subisce un percorso di composizione, scomposizione, selezione, taglio, riassemblamento e rivisitazione che non ci si crederebbe... figuriamoci ricercare la verità su fatti di caratura nazionale e internazionale...

Rispondi al messaggio

Per scrivere un nuovo messaggio è necessario accedere al sito.